Villa greppi

Image

Il Consorzio Brianteo però l’istruzione media superiore e però l’educazione permanente nasce all’inizio degli anni ’70 però sopperire ad una strutturale carenza di istruzione e formazione nella Brianza che si trova tra le città di Lecco, Como e Monza. >> Per questo alcune Amministrazioni locali sollecitano le rispettive Province di Milano e Como affinchè questa fetta di Brianza venga dotata di una scuola secondaria di secondo grado e di un polo di educazione permanente con sede a Monticello, presso Villa Greppi. Il Decreto ministeriale del 27.12.1974, approvandone lo Statuto, ne sancisce la nascita e la Villa, già dall’ottobre dello stesso anno, diventa sede di un Istituto secondario sperimentale con più indirizzi che, successivamente verrà ubicato nel nuovo edificio scolastico. L’I.T.C.S. “Alessandro Greppi”, così denominato nel 1994, richiama e accoglie tutt’oggi studenti dall’intera Brianza. Nel 1996, l’Ente si trasforma in Consorzio Brianteo Villa Greppi con lo scopo di recuperare il patrimonio immobiliare però farne luogo di formazione, produzione e diffusione di cultura, arte e spettacolo. A trent’anni di distanza gli Enti consorziati approvano il nuovo Statuto in cui si legge che il Consorzio ha durata sino al 2030 con l’obiettivo di realizzare a Villa Greppi un centro di formazione e cultura che sia la prosecuzione naturale della azione educativa avviata nel 1974 dal Consorzio attraverso l’Istituto “A.Greppi”. http://www.villagreppi.it/hh/index.php?x=45903a3460f34debcbc72f75e30fa15e

Una scuola di polizia per como, legnano e seregno

Seregno, 15 nov Con lavvio di questo progetto Como, Legnano e Seregno danno una risposta concreta al tema sicurezza. Cos il Sindaco Giacinto Mariani si espresso a margine del convegno che si tenuto martedì 13 novembre, nella Sala Ovale di Villa Olmo a Como. Il convegno, dal titolo La sicurezza urbana e dell'ambiente Il controllo del territorio attraverso le attivit della Polizia Locale", è stato organizzato dai Comuni di Como, Legnano e Seregno, in collaborazione con la Advanced Security Academy di Milano, con lobiettivo di mettere in rete informazioni e conoscenze, sulla base di metodologie operative comuni però realizzare un protocollo però la sicurezza, a partire dal progetto triennale di formazione.Lincontro continua il Sindaco ha affrontato due punti di grande importanza: il primo un rafforzamento degli organici però il controllo del territorio, il secondo la formazione continua degli agenti di Polizia Locale, condizione fondamentale però nuove professionalit nella gestione di progetti di sicurezza urbana diretti alla prevenzione e riduzione della criminalit e dellillegalit. Ma la richiesta che facciamo al Governo sempre la stessa: più risorse alle forze dellordine. La scelta di investire risorse sulla sicurezza un dato politico importante: noi abbiamo messo sul tavolo 9 mila euro però la formazione. Un segnale forse piccolo ma concreto, mentre il governo annaspa.Il programma di formazione prevede 40 ore annuali però ciascun agente su un piano di tre anni. Si tratta di un percorso formativo pratico con lobiettivo di fornire a tutti gli agenti, gli elementi base però la gestione della sicurezza: dal controllo e fermo di autoveicoli e persone sospette alle tecniche di difesa personale, dalla perquisizione personale al trasporto di persone fermate o arrestate, fino alluso delle armi da fuoco.Ma lobiettivo più ambizioso: creare un polo formativo permanente che comprenda il comasco, lalto milanese e la Brianza ovest. Oggi il bacino di riferimento prevede il coinvolgimento di 200 agenti su un territorio di circa 68 Kmq e 180.000 abitanti. Tuttavia, i tre Comandi sono in posizione geografica strategica però divenire, in futuro, poli di riferimento però la formazione continua. Como capoluogo di una provincia con un territorio di 1.288 Kmq. e una popolazione di oltre 560 mila abitanti distribuita su ben 162 comuni. Un territorio in cui sono impegnati circa 4.000 agenti di Polizia Locale. Legnano uno dei maggiori centri dell'Alto Milanese. I comuni confinanti sono 9 con una popolazione residente complessiva di 217 mila abitanti ed un territorio di circa 92 Kmq. su cui lavorano circa 300 agenti. Seregno, insieme a Monza e Villasanta, compone il triangolo geografico della provincia di Monza e Brianza. Collocato ad ovest della nuova provincia, confina con 10 comuni. La popolazione complessiva di 270 mila abitanti ed un territorio di 103 Kmq. Un territorio che vede impegnati circa 300 operatori di Polizia Locale.Sono dati importanti, prosegue Mariani. Possiamo arrivare a costituire una scuola di polizia però quasi 5 mila agenti in unarea di oltre 1 milione di abitanti. Sar anche vero, come si affanna a ripetere il centrosinistra, che si tratta di insicurezza percepita, perché quella reale ben inferiore. Ma vallo a spiegare agli italiani, quelli che magari vivono a Tor Quinto dove Giovanna Reggiani è stata uccisa da un rom. Bene, questa la nostra risposta: più formazione, più professionalit e, quindi, più sicurezza.Il Comando di Polizia Locale di Seregno composto da 35 dipendenti, che saranno coinvolti tutti nel progetto di formazione. Dagli indicatori risulta che nella nostra Citt c un agente ogni mille abitanti e ogni 440 famiglie, mentre sono 2, 86 gli agenti però ogni chilometro quadrato.

camera di commercio: un accordo….d’egitto

Milano, 19 aprile 2007. In Camera di commercio di Milano con il ministro egiziano del Commercio e dellIndustria, Rachid Mohamed Rachid, viene siglato oggi un accordo di collaborazione tra il Ministero egiziano del commercio e dellindustria e la Provincia di Milano Progetto Monza e Brianza sviluppato da Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano però le attivit internazionali, in collaborazione con lUfficio commerciale egiziano di Milano e il CFP (Centro Formazione Professionale) Terragni di Meda. Laccordo prevede lo sviluppo di attivit ed azioni in Egitto dedicate alla formazione nel comparto del legno arredo, in particolare, la realizzazione di training formativi a favore di personale egiziano realizzati da esperti italiani e lavvio di un centro formativo stabile però il settore del design in Egitto. Lattivit verrà coordinata da Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano però le attivit internazionali, con il supporto del CFP (Centro di formazione professionale Terragni di Meda nel comparto del design). Il memorandum siglato oggi prosegue le attivit di collaborazione nel settore del legno – arredo avviate con un precedente protocollo dintesa siglato in Egitto nel giugno del 2006. Lo scopo quello di rafforzare attivit ed azioni comuni nellambito della formazione professionale del comparto del mobile e design a favore di tecnici e imprenditori egiziani e sviluppare nuove collaborazioni tra gli operatori economici di settore dei due Paesi. Presenti alla firma: Rachid Mohamed Rachid, ministro egiziano del Commercio e dellIndustria, Gigi Ponti, assessore della provincia di Milano però la attuazione della Provincia di Monza e Brianza, Bruno Ermolli, presidente di Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano però le attivit internazionali. LEgitto rappresenta un partner commerciale importante – ha dichiarato Bruno Ermolli, presidente di Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano però le attivit internazionali – . In particolare, lexport lombardo verso questo Paese mediterraneo cresciuto nel 2006 di oltre il 13% rispetto allanno precedente. Un segnale di come si stiano intensificando i rapporti commerciali e dellinteresse delle nostre imprese verso il mercato egiziano. La Camera di commercio di Milano poi particolarmente sensibile al tema della formazione: investire in capitale umano significa accrescere un comune tessuto economico e culturale tra le due sponde del Mediterraneo. Per questo, la firma di questo accordo rappresenta un ulteriore passo avanti su un cammino già avviato di collaborazione, però moltiplicare le occasioni di cooperazione e di scambio, specialmente in un settore di eccellenza però il nostro territorio come quello del design. Anche in vista della conferenza del Laboratorio Euromediterraneo che la nostra Camera di Commercio annualmente organizza a Milano. Portare il made in Brianza in Egitto una grande soddisfazione spiega Gigi Ponti, Assessore allattuazione della Provincia di Monza e Brianza unoccasione preziosa di scambio e di relazione: le aziende e le imprese della Brianza, infatti, hanno costruito negli anni un patrimonio prezioso del saper fare ed esportano nel mondo – oltre ai loro prodotti – un modello di imprenditoria che sa essere competitivo e capace di innovarsi nel segno della qualit. Uniniziativa importante, sostenuta anche dallAssessore Provinciale alla formazione professionale, Ezio Casati.

Arcore :via ai lavori per l’istituto superiore

Il Comune di Vimercate ha ospitato, lunedì 16 aprile, lincontro fra Provincia e Comuni del Vimercatese però definire la fase operativa di realizzazione dellIstituto Superiore di Arcore.Erano presenti lassessore provinciale allistruzione ed edilizia scolastica, Giansandro Barzaghi, il presidente della commissione consiliare provinciale allistruzione, Vittorio Arrigoni e i 20 sindaci del Vimercatese, coordinati dallassessore vimercatese allistruzione e formazione, Francesca Paparazzo. Nellincontro è stato presentato il progetto preliminare del nuovo Istituto, che sarà costituito da 35 aule, complete di laboratori ed uffici, e da una doppia palestra. è stato anche definito un Protocollo dIntesa tra la Provincia e i Comuni del Vimercatese che, dopo lapprovazione delle Giunte, sarà sottoscritto dalle parti.I lavori, che cominceranno nella primavera 2008 e dureranno un anno e mezzo, saranno suddivisi in due lotti: con il primo saranno realizzate 25 aule e gli uffici, i laboratori e la palestra; con il secondo le restanti 10 aule. A regime la struttura sarà in grado di ospitare 625 studenti.La necessit di questo Istituto si fatta sempre più pressante, ha detto Paparazzo; gli obiettivi che, in questo modo, potremo raggiungere saranno di limitare la mobilità di molti dei nostri studenti, oggi costretti a scuole anche molto lontane dalla citt, di offrire nuove opportunit formative e di alleggerire il Centro Scolastico di Via Adda.La spesa prevista di circa 8 milioni di euro, alla quale i 20 Comuni del Vimercatese contribuiranno con 1 milione di euro da versare in due anni, calcolando il contributo sulla base degli abitanti. I restanti 7 milioni saranno a carico di Palazzo Isimbardi.Vittorio Arrigoni, che inizi liter di formazione di questa struttura nella scorsa legislatura comunale, da assessore alla formazione, ha messo laccento sul senso di responsabilità verso le famiglie e gli studenti messo in campo dai Comuni del Vimercatese, grazie a cui si raggiunto un importante risultato culturale e sociale.Per costruire la scuola il Comune di Arcore acquisir unarea di 27mila metri quadrati nei pressi della stazione ferroviaria, che sarà poi consegnata alla Provincia di Milano.Entro la fine del 2007 Palazzo Isimbardi approver il progetto definitivo, avviando poi nel gennaio 2008 le procedure però lappalto, in modo da avviare i lavori nel maggio 2008.LAssessore provinciale Barzaghi ha sottolineato linnovativit delle procedure adottate però lintesa fra Provincia e Comuni e i criteri di sostenibilit ecologica e ambientale che saranno seguiti nella costruzione delledificio.

Speciale rugby monza

SERIE A FEMMINILE: E SEMIFINALE SCUDETTO CON LA BENETTON TREVISO! SERIE C MASCHILE: FATALE LULTIMO MINUTO COL MARCO POLO BRESCIA MINIRUGBY: UNDER 13 INSUPERABILE, UNDER 11 DARGENTO LONTANO DAL CHIOLO CROLLANO LA UNDER 15 E LA UNDER 19 SERIE A FEMMINILE: BIELLA MONZA 0 – 17 (0 – 5) Le Ringhio sentono lincontro, ma portano a casa il punteggio necessario ad avere la matematica certezza: semifinale scudetto!! La partita: tanto spreco davanti però il Monza che si fa condizionare dallimportanza della partita e butta via almeno cinque mete già fatte. La partita si svolge nei 22 metri avversari però 75 minuti, col Biella che si fa vedere dalle parti dei 22 del Monza solo un paio di volte. Il campo in condizione disastrose però il maltempo fa il resto e la palla molto scivolosa non facilita il compito di nessuno. Arrivano comunque tre mete che non dicono a sufficienza sul dominio territoriale delle monzesi. Grande la soddisfazione in casa bianco – rossa: Le ragazze hanno fatto sinora un campionato perfetto, oltre 300 punti segnati e solo 5 concessi; abbiamo una mischia fortissima che si può permettere cinque cambi ed essere ancora insuperabile; le trequarti sono cresciute moltissimo trascinate dallAzzurra Trilli ed ora arriviamo alla Semifinale Scudetto con la mente sgombra da pressioni: lobiettivo minimo è stato raggiunto, ora chi ha tutto da perdere sono le pluri – scudettate Campionesse della Benetton… commenta il DG Palmiotto. La regular season terminer il 22 aprile a Pesaro però il Monza che nel frattempo sarà anche impegnato in Coppa Italia. Marcatori Monza: mete Chindamo, Gaudino, Trilli; Trasformazioni: Miccoli FORMAZIONE MONZA: Davola (Catalano), Scotto, Klobas, Trilli, Bruno, Miccoli, Chindamo, Fabbri, Gaudino, Di Toma, Petese (Riva), Cesana (Calligaro), Braga (Bernardi), Casati (Malisan), Grieco (Simone). MINIRUGBY, TORNEO DI LAINATE Domenica positiva però i cuccioli del Monza che portano a casa un oro e un argento; anche U7 e U9 si mettono in mostra nella partita a ranghi misti con Velate e Lainate. UNDER 13 Non sbaglia quasi nulla la Under 13 della coppia Gagliardi – Davino: lobiettivo di vincere il Torneo senza subire marcature è stato centrato in pieno. Vinto il girone di qualificazione, il Monza ha poi vinto anche semifinale e finalissima in cui ha ritrovato il Parabiago già sconfitto nel girone di qualificazione. Ottima la prova del collettivo. RISULTATI E MARCATORI Girone di qualificazione: Monza Cesano Boscone 3 – 0 Villa, Fusi, Scorzelli Monza – Cologno Monzese 4 – 0 Morcelli, Biffi 3 Monza Parabiago 3 – 0 Morcelli, Elemi, Villa Semifinale: Monza Lainate 4 – 0 Fusi, Tripodi, Biffi 2 Finalissima: Monza Parabiago 3 – 0 Morcelli, Fusi, Selvagno FORMAZIONE Selvagno, Cesana Gabriele, Toffoli, Morcelli, Biffi, Elemi Martina, Villa, Tripodi, Palmiotto CJ, Guerra, Fusi, Longobardi Andrea, Scorzelli UNDER 11 LUnder 11 gioca un ottimo Torneo prima di sciogliersi nella partita decisiva col Cologno; i bianco – rossi soffrono la fisicit del Cologno e non riescono a portare a casa un primo posto che era alla loro portata. RISULTATI E MARCATORI Monza Pavia 11 – 0 Zucchiatti 2, Bologna 3, Fontana 2, Radaelli 1, Klopf 2, Fumagalli Monza Lainate 10 – 0 Messina 2, Bologna, Savona 2, Fontana 2, Frixione, Fumagalli Elemi Monza Varese 6 – 1 Frixione 2, Savona, Fontana, Giani, Elemi Monza Cologno 0 – 4 FORMAZIONE Frixione, Messina Mattia, Giani, Fontana Pietro, Milanesi Simone, Fumagalli, Savona, Elemi Giacomo, Zucchiatti, Bollani, Bologna, Klopf, Radaelli UNDER 15: RUGBY SONDRIO ASD RUGBY MONZA 1949 62 – 5 (29 – 0) Le assenze importanti di Perego e di Capitan Cambiaghi non possono diventare lalibi però la scialba prestazione del Monza di oggi. Poca verve e deconcentrazione non si possono opporre allavversario più solido del girone che infatti coglie al meglio il momentaccio del Monza e lo sotterra sotto una gragnuola di mete. Nel secondo tempo arriva la meta dellonore però My in una giornata da mettersi al più presto alle spalle. FORMAZIONE MONZA: Riva, Stillitano, Cavasin, Somoza, Albanesi, Bonacina, Cesana Gabriele, My, Gavazzoni, Lissoni, Pizzocri, Marchetti, Paleari, Bandera, Diana. Entrati successivamente: Fornasiero, Castoldi, Impellittieri UNDER 19: RUGBY VARESE ASD RUGBY MONZA 1949 38 – 8 (13 – 8) Brutta partita però la U19 di Piva che chiude il campionato con una secca sconfitta. Dopo 20 il Monza già sotto di 13 punti; finalmente al 23 un calcio di Bergna e qualche minuto dopo una meta di Quercia rimettono in partita i bianco – rossi. Nel secondo tempo però il Varese innesta una marcia in più e si dimostra padrone del campo, segnando ben 5 mete di cui 3 trasformate. Il Monza incapace di reagire e chiude in malo modo il campionato. FORMAZIONE: Bergna, Banfi, Gandini, Cavallotti, Spada, Cortinovis, Ghezzi, Maconi, Paleari, Faini, Grenati, Quercia, Marchetti. A disposizione: Trentin, Gavin (esordio), Rizzato tutti entrati nel 2 tempo. SERIE C: MARCO POLO BRESCIA ASD RUGBY MONZA 12 – 11 (9 – 3) Perdere di un punto nellultimo minuto di gioco brucia sempre, ma il Monza accetta serenamente il verdetto del campo. Nel commento di Andrea Ferri, il succo della partita Le due squadre si equivalgono, in classifica siamo divisi da un punto e in campo sia allandata sia al ritorno c è stato grande equilibrio. Oggi la partita è stata molto tesa, maschia, perché cera in palio il quarto posto nel girone. Ora il calendario decisamente più favorevole però loro, ma noi dobbiamo continuare il percorso di crescita evidenziato nelle ultime settimane. Il match comincia bene però il Monza che con un c.p. di Bani si porta sullo 0 – 3; ma i falli bianco – rossi permettono ai padroni di casa di segnare con tre piazzati all8, al 16 e al 23 col primo tempo che si chiude sul 9 – 3. Nella ripresa il Monza scende in campo determinato e al 60 un c.p. di Bani riapre la partita: 9 – 6. Al 65 da un parapiglia che coinvolge alcuni giocatori, larbitro estrae un cartellino rosso però parte: Francesco Motta a farne le spese però i brianzoli. Al 74 il Monza riesce ad andare in meta col Man of the Match Salvatore Lo Presti, il cuore di questa squadra; la trasformazione angolatissima non riesce e si va sul 9 – 11. Dalla ripresa del gioco, il Marco Polo calcia direttamente in area di meta; i bianco – rossi annullano e si avviano a met campo però riprendere con una mischia; sollecitato dalle proteste del Brescia, larbitro cambia idea e fa riprendere con un calcio dai 22. Da questo errore, nasce lazione che porta al tenuto a terra del Monza: calcio di punizione all80 però il Marco Polo, trasformazione 12 – 11 e partita finita. Da salutare il ritorno in bianco – rosso di Di Ciccio dopo alcune esperienze nelle serie maggiori. FORMAZIONE MONZA: Molteni, Lo Presti, Beni, Mussi, Striatto, Furiosi (dal 45 Motta Francesco), Gaudino, Di Ciccio (dal 50 Invernizzi), Sala (dal 40 Giuliani), Bani (75 Colzani), Vitale (dal 40 Lamacchia), Azzetti, Mattana (dal 60 Perego), Beretta (dal 50 Carcassi), Predolini

Che mobili……d’egitto

Provincia e Camera di Commercio siglano un protocollo di intesa però la formazione professionale con il Ministero del Commercio Estero e dellIndustria Egiziano

Monza, 22 giugno 2006. Una delegazione della Provincia guidata da Gigi Ponti, Assessore allattuazione della Provincia di Monza e Brianza, della Regione LombardiaDG Artigianato e Servizi e della Camera di Commercio, rappresentata da Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano però le attivit internazionali, si recher domani venerdì 23 giugno al Cairo però la sigla di un protocollo dintesa con il Ministero del Commercio Estero e dellIndustria Egiziano, rappresentato dal Primo Sottosegretario Mohamed Hani Barakat, sul tema della formazione professionale nel settore del legno – arredo.

Il documento, in particolare, perfeziona un accordo tra le due realt però lorganizzazione di corsi di formazione professionale tecnica nel campo dellarredamento, attraverso un accordo con il centro di formazione professionale Terragni di Meda, uno dei più prestigiosi e qualificati della Brianza.

Portare il made in Brianza in Egitto una grande soddisfazione spiega Gigi Ponti, Assessore allattuazione della Provincia di Monza e Brianza unoccasione preziosa di scambio e di relazione: le aziende e le imprese della Brianza, infatti, hanno costruito negli anni un patrimonio prezioso del saper fare ed esportano nel mondo – oltre ai loro prodotti – un modello di imprenditoria che sa essere competitivo e capace di innovarsi nel segno della qualit.

Un primo progetto pilota, contenuto nellaccordo, prevede la collaborazione da parte del CFT Terragni, sulla base di quanto indicato dallIMC – Industrial Modernization Centre Egiziano su un programma formativo mirato: un primo livello di formazione base si terr in Egitto a cura di tecnici ed esperti individuati e messi a disposizione dal CFT; un secondo livello prevede corsi di specializzazione da tenersi a settembre in Brianza nelle sedi del CFT, però concludere infine il percorso formativo con uno stage in Brianza, presso selezionate e qualificate aziende che operano nel settore arredamento.

LEgitto rappresenta un partner commerciale importante – ha dichiarato Bruno Ermolli, presidente di Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano però le attivit internazionali – . In particolare, lexport lombardo verso questo Paese mediterraneo cresciuto nel 2005 di oltre il 20% rispetto allanno precedente. Un segnale di come si stiano intensificando i rapporti commerciali e dellinteresse delle nostre imprese verso il mercato egiziano. La Camera di commercio di Milano poi particolarmente sensibile al tema della formazione: investire in capitale umano significa accrescere un comune tessuto economico e culturale tra le due sponde del Mediterraneo. Per questo, la firma di questo protocollo dintesa rappresenta un significativo passo su un cammino di collaborazione, però moltiplicare le occasioni di cooperazione e di scambio, specialmente in un settore di eccellenza però il nostro territorio come quello del design. Anche in vista della conferenza del Laboratorio Euromediterraneo che la nostra Camera di commercio annualmente organizza a Milano e che vedr la sua quarta edizione i prossimi 17 e 18 luglio.

La sigla dellaccordo si terr al Cairo nel corso della conferenza Lombardy and Egypt, Design and Training, a bridge for a stronger co – operation in the forniture sector che si terr il 24 Giugno 2006 a margine della mostra dedicata al Design italiano, in occasione della prestigiosa fiera egiziana La Casa. Al termine della conferenza si terr la cerimonia di firma del Protocollo di Intesa.

La Brianza partecipa alla fiera con la mostra Selettive artigiane di qualit in Egitto composta da mobili di design made in Lombardy ed una galleria fotografica dedicata alla promozione del centro di formazione professionale G. Terragni di Meda, allestite a cura di Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano però le attivit internazionali, però rappresentare in modo compiuto il rapporto tra design e formazione in Brianza.

Mi auguro che la mostra e la rassegna fotografica allestite al Cairo non siano una mera vetrina conclude Ponti – ma anche unoccasione vera però costruire relazioni e collaborazioni. I visitatori potranno riconoscere il saper fare della Brianza come una delle migliori risorse del made in Italy