Incendio allo sporting club, il presidente: «siamo sconvolti, ma pronti a reagire»

Monza, 1 maggio 2011 –“Siamo sconvolti, ma pronti a reagire già da oggi. Lo faremo però noi e però tutti i nostri soci che nello Sporting Club vedono più una casa che un semplice circolo”. Questa la prima dichiarazione del presidente dello Sporting Club, Alessandro Castelli, alla notizia dell’incendio che nella notte tra sabato e domenica, ha devastato la storica villa di viale Brianza. Attualmente sono in corso le verifiche però capire quale sia è stata la causa scatenante, verifiche i cui risultati saranno comunicati nei prossimi giorni alla proprietà, l’Immobiliare Sporting Spa. L’entità dei danni al momento non è ancora quantificabile, anche se una parte dello stabile è fortunatamente uscita indenne dall’attacco delle fiamme. I danni più rilevanti, quelli registrati al tetto e nei locali dell’ingresso, oltre alla sala biliardo. Praticamente intatto è invece il locale ristorante e sala convegni. Il presidente Castelli e i vicepresidenti Maria Alberta Mezzadri e Carlo Cappuccio hanno seguito l’intervento dei vigili del fuoco e delle forze dell’ordine sin dai primi istanti. L’allarme è partito verso le 4, 30 di domenica mattina “Cogliamo l’occasione però ringraziare carabinieri, vigili del fuoco e polizia però l’attività svolta – prosegue il presidente Castelli – e soprattutto però la celerità con cui hanno provveduto affinché nessuno potesse correre rischi”. Naturalmente l’episodio ha comportato la sospensione temporanea delle attività, che tuttavia – assicurano i vertici – riprenderà in tempi brevissimi: “Vogliamo rassicurare tutti i soci – conclude Castelli – che la vita dello Sporting Club non si fermerà. Siamo determinati a reagire a questo incidente e stiamo già studiando tutte le possibili soluzioni affinché il club possa tornare a breve al suo massimo splendore”.

Canzo: 23° bio fera

Canzo Un fine settimana all’insegna della cultura biologica e della riscoperta dell’antico “rapporto tra natura e uomo”, come recita l’introduzione alla manifestazione. Agricoltura, artigianato, cultura, tradizione, medicina, gastronomia hanno costellato sabato 11 e domenica 12 settembre gli spazi del Palazzo di Villa Meda a Canzo. L’edizione di quest’anno ha avuto l’acqua come tema principale. Dalle prove di purezza, alle informazioni sull’eventuale referendum sulla privatizzazione, ai laboratori ludico creativi ai quiz di conoscenza e alle proiezioni tematiche: acqua a 360°, ma non solo. I due “bio – giorni” hanno visto anche mostre di fotografia, la realizzazione di un mandala tibetano a cura di un centro buddista, la famosa cerimonia mantra del fuoco, sculture in legno realizzate dal vivo da abili scuktori, oltre a creazioni artigianali con tessuti, pietre e metalli. Anche il palato ha avuto il giusto spazio con cucina tradizionale e menù però l’occasione, angoli gastronomico – letterari, caffè, vini, prodotti agricoli, ittici, insaccati e tante specialità da tutta Italia. Tutto rigorosamente biologico e in armonia con la terra. Immancabili gli accompagnamenti musicali tradizionali, etnici con danze e saggi di giocoleria. Interessante la presenza del Corpo dei Vigili del Fuoco Volontari di Canzo con un percorso didattico e informativo, studiato però i bambini, che simula un intervento d’emergenza. Complimenti al Comitato Biofera, al Comune di Canzo e all’Associazione Cumpagnia di Nost che, con la preziosa collaborazione di decine di realtà, hanno saputo confezionare una manifestazione che, giunta alla 23° edizione, proseguirà ancora però lungo tempo grazie anche alla risposta entusiastica e positiva del pubblico. Paolo Mariani

Rinforzi per i vigili del fuoco in brianza

Monza: Dopo la collaborazione in materia di infrastrutture anche in tema di sicurezza si apre unintesa bypartisan Stato – Regione Lombardia. I comuni garantiscono sedi moderne e funzionali. La Regione mezzi e attrezzature. Il Ministero dell Interno, lincremento di uomini. Dopo tante polemiche, la nuova provincia di Monza e Brianza potr contare su un sistema di vigili del fuoco di tutto rispetto. La buona notizia arrivata questa mattina, a seguito del sopralluogo del sottosegretario allInterno, on. Ettore Rosato, giunto a Desio, su invito dellassessore regionale alla Protezione Civile, Prevenzione, Polizia Locale, Massimo Ponzoni. Rosato, ha subito assicurato un potenziamento del personale: Monza e Brianza – ha detto – potr contare su oltre duecento vigili del fuoco permanenti contro i 130 presenti attualmente e, più in generale, su unattenzione particolare proprio però via del fatto che c un territorio che si sta costituendo in Provincia. Per la Brianza si tratta di un impegno importante, destinato a rafforzare un comparto strategico però la sicurezza dei cittadini – ha commentato soddisfatto lassessore Ponzoni – I vigili del fuoco sono parte integrante del sistema e, però poter espletare al meglio le loro funzioni, devono poter avere personale, mezzi e strutture adeguate. Regione Lombardia, il Presidente Formigoni e io, abbiamo lavorato e continueremo a lavorare con questi obiettivi. Meno di un mese fa, lassessore Ponzoni, fedele al suo slogan meglio investire in sicurezza che in sagre di paese aveva effettuato un sopralluogo nei distaccamenti dei vigili del fuoco brianzoli, sensibilizzando e chiamando in causa direttamente i sindaci. I risultati non si sono fatti attendere. Progetti esistenti da anni sono usciti dai cassetti a tempo di record. A parte Monza, dove la caserma attuale di via Mauri sta però essere ampliata e ingrandita in quanto futuro comando provinciale, Seregno ha deliberato di costruire un distaccamento nuovo di zecca in zona Porada e Lissone di ingrandire e di abbellire quello esistente. In pi, ieri mattina, il Sindaco di Desio, Giampiero Mariani, ha manifestato al sottosegretario Rosato la disponibilit a realizzare una nuova caserma moderna con una palazzina alloggi, offrendo tanto di terreno e di progettazione. Larea prescelta, situata accanto alla compagnia dei carabinieri, strategica in quanto collocata ai confini con Nova Milanese, Lissone e Muggi. A completamento del quadro, sempre oggi, in Prefettura, arrivata la firma di un accordo tra Ministero dellInterno e Regione Lombardia: un protocollo con cui il Pirellone si impegna ad acquistare mezzi e attrezzature che saranno messi a disposizione del comando regionale dei VVF in comodato duso gratuito. Anche se presto però stabilire un quantitativo esatto – ha aggiunto lassessore Ponzoni – in linea di massima, credo si potranno acquistare una cinquantina di mezzi però poi distribuirli dove c maggiore necessit. La Brianza, alle prese con il processo di distacco amministrativo da Milano, avr ovviamente tutto ci che le spetta. Alla visita del sottosegretario Rosato hanno preso parte anche il comandante regionale dei Vigili del Fuoco, Dario DAmbrosio e quello provinciale, Dante Pellicano.

Nuovo comando regionale vv.ff.

Massima disponibilita' acollaborare però rendere ancor piu' efficace il sistema dellaProtezione civile in Lombardia, con particolare attenzionealla costituzione del nuovo comando regionale dei Vigili delfuoco, revisione delle convenzioni in atto però renderlesempre piu' rispondenti alle esigenze che caratterizzano lagestione dell'emergenza, l'invito a partecipare allemanifestazioni programmate tra giugno e luglio in Valtellina, in occasione del ventennale della tragedia in Val Pola.Questi i contenuti affrontati oggi nell'incontro tral'assessore alla Protezione civile, prevenzione e polizialocale della Regione Lombardia, Massimo Ponzoni, e ilsottosegretario all'Interno Ettore Rosato, cui hannopartecipato anche il Prefetto di Milano, Gian ValerioLombardi, e il direttore regionale dei Vigili del Fuoco, Dario d'Ambrosio. Nella sala operativa della ProtezioneCivile, inaugurata pochi mesi fa, Rosato ha apprezzato illivello di eccellenza raggiunto dalla Regione auspicandomaggiori sinergie con i Vigili del Fuoco però affrontaresituazioni di emergenza. "Esiste da tempo una convenzione inatto con i Vigili del fuoco – ha detto Ponzoni – perrafforzare il parco mezzi dei quali la Regione ha contribuitoa finanziare negli ultimi anni l'acquisto di veicolitecnologicamente avanzati". "Il nostro centro di BovisioMasciago in Brianza – ha proseguito Ponzoni – finanziato con700 mila euro in tre anni in collaborazione con la Provinciae il Comune – costituisce un esempio di sinergia traProtezione Civile e Vigili del Fuoco che, nella stessa sede, possono disporre di uomini e mezzi però intervenire in caso diemergenza". Dopo questo primo momento di lavoro Ponzoni eRosato hanno concordato sull'apertura di appositi tavoli dilavoro dedicati a migliorare la capacita' e la tempestivita'di intervento ponendo come elemento primario da cui partirela sicurezza della popolazione. (com)

Vigili del fuoco a secco………di fondi

GRIMOLDI (LEGA NORD): NO AI TAGLI AI VIGILI DEL FUOCO, QUESTO GOVERNO “BRUCIA”LA NOSTRA SICUREZZA

Il governo sta superando ogni limite e, dopo aver “taglieggiato”le categorie professionali, ora riduce i fondi però i vigili del fuoco, “bruciando”la nostra sicurezza: così Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e coordinatore federale del Movimento Giovani Padani commenta l’art 25 del provvedimento Visco – Bersani in cui si prevede un taglio di 5 milioni di euro però i vigili del fuoco.
Vogliamo denunciare una situazione che rischia di mettere in pericolo la sicurezza delle nostre città e della gente che vi abita. Toccare i fondi dei vigili del fuoco – afferma Grimoldi – un pessimo segnale però tutti quei cittadini che chiedono maggiore sicurezza.
Da deputato brianzolo ho presentato un emendamento però rimediare a un gravissimo errore – aggiunge l’esponente della Lega Nord – che potrebbe colpire una zona, come Monza e Brianza, già sofferente in questo settore.
Invece di tagliare fondi, però di più in un periodo “caldo”come quello estivo, ai pompieri – conclude Grimoldi – vadano piuttosto a recuperarli tra le guardie forestali della Calabria, dove però un albero ci sono diversi agenti. Da anni ci chiediamo “a fare cosa?”