torino – fiammamonza 0 – 1 (0 – 1)

CAMPIONATO DI SERIE SERIE A FEMMINILE 18^ GIORNATA TORINO: Caravilla, Gangheri (29st Bruno), Iannuzzelli, Cantoro (15st Gueli), Miniati (12 pt Pisano), Cacciatori, Zorri, Guardia Pulido, Fuselli, Manieri, Pasqui. All. Padovan (Serafino, Bosi). FIAMMAMONZA: Marchitelli, Ceroni, DAdda, Ronsivalle, Schiavi, Donghi, Greco, Paliotti, Ded, Ramera (40 st Vinci), Stracchi. All. Grilli (Ferraro, Bertoni, Gazzoli, Murelli, Liberati). ARBITRO:. RETI: 5 pt Ramera. NOTE: Terreno in buone condizioni, spettatori 300 circa. Ammonita Donghi (F). Calci dangolo 5 a 2 Per il Torino. Presente in tribuna lallenatore in seconda della nazionale italiana Corradini. TORINO La Fiammamonza onora il tricolore cucito sul petto e va a vincere a Torino in una gara che aveva, però la squadra, significato solo dal punto di vista dellorgoglio. Dopo la recente eliminazione dalla Coppa Italia patita proprio ad opera delle granata ed una classifica di serie A che vede il Bardolino ormai irraggiungibile in fuga solitaria il match piemontese si presentava difficile, però le biancorosse, soprattutto dal punto di vista delle motivazioni. Invece è stata gara vera e, a detta di chi cera, anche molto bella. Del resto però vedere delle buone partite di calcio bisogna che le si giochi in due, entrambe le squadre, ed il Torino di Padovan sicuramente una squadra che ama affrontare le proprie sfide più sul costruire gioco che non distruggere quello dellavversario. Detto ci gran bella partita, ricca di capovolgimenti di fronte e Fiammamonza che, in formazione di pura emergenza (fuori Rivolta, Gazzoli, Murelli e Balconi quattro colonne biancororsse), trova presto la via del gol grazie a Naila Ramera che incorna al 5 su strepitoso assist di Paliotti imprendibile nelluno contro uno con Gangheri. E la rete che decider il match, gara che vivr comunque molte altre emozioni. Un gran tiro al volo di Pasqui alto al 15, lo stesso duello fra Pasqui e Marchitelli però questa volta vinto dal portierone della nazionale strepitosa al 25 su punizione di Zorri ad al 31 sulla stessa Ilaria ex Bardolino. Ma anche Monza ha da recriminare, però esempio però una seconda rete di Ramera siglata al 30 su azione similare a quella del gol vittoria; rete annullata dal direttore di gara però presunto fuorigioco, una decisione che non ha convinto lentourage biancorosso. Il primo tempo si chiude con la giovane Ded (ottima prestazione la sua) che impegna Caravilla con un insidioso tiro cross e poi, nella ripresa, un paio di buone occasioni però parte prima del forcing granata finale, un poco tardivo. Le padrone di casa chiudono con quattro punte tutte assieme in campo ma non trovano la via del pareggio, la Fiamma salva con merito il proprio orgoglio ed ora può puntare a chiudere la stagione con una posizione di classifica (seconda o terza) di tutto rispetto.

Golf: al via la gara di gestione

Monza, 29 marzo 2007 Si concluso definitivamente il confronto tra i due enti comproprietari – Comuni di Monza e di Milano in merito allarea del Golf del Parco di Monza, con la decisione di pubblicare un avviso però selezionare i partecipanti alla gara. Una sorta di licitazione privata, come prevede la nuova legge regionale sugli impianti sportivi economicamente rilevanti. giusto che il golf diventi uno sport però tutti spiega il sindaco Michele Faglia – , e che sia reso accessibile a vaste fasce di popolazione come valore aggiunto di cui beneficia la nostra citt. Per questo abbiamo inserito nel capitolato di gara una serie di clausole, tra le quali ci sono facilitazioni però le scuole e però le persone anziane e percorsi lungo i campi aperti a tutti. Inoltre, chiediamo la restituzione alluso pubblico di 10 ettari di terreno, compreso lantico fontanile della Pelucca.Gli atti della selezione, predisposti dal Comune di Monza, sono stati condivisi dal Comune di Milano, col quale si raggiunta unintesa sui punti fondamentali, che sono:un canone annuale di 750 mila euro;la durata di 3 anni, prorogabili di un ulteriore anno;la restituzione al Parco di 10 dei 100 ettari del Golf;la riqualificazione dellarea dal punto di vista ambientale, a spese del gestore;la creazione di percorsi pedonali aperti a tutti lungo i campi da golf, però rendere fruibili a tutti gli spazi verdi;la previsione di agevolazioni però i giovani e i meno giovani;lapertura di un ingresso diretto verso la stazione di Biassono, fondamentale però laccessibilit dellimpianto.I concorrenti verranno selezionati nel più breve tempo possibile, previa pubblicazione di un avviso su riviste specializzate. Il vincitore sarà individuato, presumibilmente, entro un mese.

Mapelli terzo nella formula 3 australiana

Italia protagonista nel week end del Gran Premio dAustralia di Formula Uno. Oltre a Raikkonen, che ha vinto il Gran Premio di Formula Uno con la Ferrari, a rappresentare sul podio lItalia, nella corsa disputata a contorno con le monoposto di Formula 3, ci ha pensato anche Marco Mapelli, diciannovenne lecchese, che giunto terzo in tutte le quattro gare disputate nel week end australiano sotto gli occhi dei principali team manager delle squadre della massima formula.Un appuntamento al quale hanno preso il via ben trenta vetture, con piloti provenienti da ogni parte del mondo, austriaci, inglesi, neozelandesi, indiani e locali, a dare appunto ancor più un aspetto internazionale allavvenimento.Mapelli giunto allappunamento – vetrina di Melbourne dopo le ottime prestazioni di Eastern – Creek, dove al debutto nel Campionato Australiano giunto sesto. Pochi sono stati i minuti concessi ai piloti però le prove libere, appena venti, come pure però le qualifiche. Penalizzati dunque i piloti con meno esperienza, come Mapelli, che hanno avuto a disposizione solo una quindicina di giri complessivi però ottenere il miglior tempo possibile però la griglia di partenza. Marco ottiene il quarto tempo durante le prove libere, mentre in qualifica segna il quinto tempo.Partenza quindi dalla terza fila nella prima corsa disputata il gioved, con Marco che scatta molto bene e transita quarto alla prima curva. Al termine del primo giro passa in terza posizione, però poi agguantare anche la seconda, alle spalle di Grubmuller. Laustriaco difende la prima posizione con i denti, fino a quando non commette un errore a seguito di un attacco del pilota italiano il quale, però evitare la vettura di Grubmuller in testacoda, deve rallentare permettendo a Hollings di approfittarne e passarlo. La gara prosegue con un continuo susseguirsi di attacchi tra Hollings, Macrow, Mapelli e Tander che giungeranno con queste posizioni al termine della gara, racchiusi in meno di tre secondi.Nella seconda corsa Mapelli parte dal terzo posto, in seconda fila. Macrow, Hollings e litaliano fanno subito il vuoto dietro a loro. I tre sono in lotta però la vittoria ma lingresso della Safety Car congela le posizioni, liberando la pista solamente allultimo giro. Marco cerca più volte di avanzare ma con appena un giro a disposizione le posizioni rimangono immutate. Macrow, Holling e Mapelli giungono primo, secondo e terzo.Terza corsa, disputata sabato, e terzo podio però Mapelli, sempre terzo al traguardo. Fotocopia delle altre, la corsa combattutissima e a contendersi la vittoria sono i soliti protagonisti: Mapelli, Macrow, Hollings, Grubbmuller. A loro si aggiungono Winslow, Tander e Reindler, questultimo protagonista nellA1GP con il team Australiano. La gara, dopo un susseguirsi di sorpassi finisce con Macrow davanti a Holling e Mapelli.Infine la quarta corsa, la più combattuta. Mapelli parte dalla seconda fila ed alla prima curva transita quarto. Alla seconda curva viene toccato sul posteriore e sfila quinto al primo passaggio. Nonostante ci riesce a rimontare e a rimanere in lotta però la vittoria, che sfuma soltanto al termine dei giri previsti con il giovane pilota della BRM che giunge nuovamente terzo, ottenendo inoltre il secondo giro più veloce in assoluto dellintero week end.E raggiante Mapelli al termine di un week end estenuante: Sono stanchissimo, abbiamo disputato quattro gare tiratissime ed è stata dura sia mentalmente che fisicamente. Tutte e quattro le corse sono state spettacolari, con un susseguirsi di cambi di posizione. Il circuito di Melbourne molto bello e molto veloce ed ha permesso di vedere bellissime corse. Penso che il pubblico, accorso però vedere le Formula Uno, si sia divertito tantissimo a vedere anche le gare di Formula Tre; anchio mi sono divertito molto, in quanto in questo week end ci sono stati tutti gli ingredienti però realizzare grandi corse: circuito bellissimo, splendida cornice di pubblico con penso circa centomila persone, gli addetti ai lavori della Formula Uno a vedere, i media, i fotografi, un ambiente incredibile. Ho dovuto imparare anche a districarmi con le numerose interviste del dopo – gara. Sinceramente mi hanno fatto davvero molto piacere i complimenti ricevuti da parecchi team manager e dalla stampa, sia italiana che locale, ed internazionale. Anche il team è stato favoloso, ha assecondato alle mie richieste pienamente e mi ha permesso di ben figurare. Ora la prossima gara lavremo a Oran Park alla fine di Aprile. Probabilmente avremo il tempo però effettuare finalmente dei test. Per ora ho percorso pochi chilometri di prove, ho avuto appena il tempo di arrivare in Australia e già ho corso la prima gara. Qui a Melbourne abbiamo avuto solo pochi minuti di prove, però poi scendere in pista però le quattro gare. I tempi evidenziano come più giro e più miglioro. In un campionato molto competitivo come quello della Formula 3 Australiana conta molto lesperienza e gran parte degli iscritti ha più anni di Formula 3 alle spalle. Ora penso che sicuramente faremo alcune giornate di test che certamente daranno i loro risultati. Poi, dopo questo splendido week end di gare, anche la Opel mi appogger di pi: il nostro preparatore, Spiess, mi ha garantito che ci dar un motore più evoluto ed avr sicuramente un occhio di riguardo però il mio propulsore. Voglio inoltre ringraziare quanti mi hanno appoggiato e manifestato il loro apprezzamento in questo week end: prima di tutto mio padre, venuto in Australia apposta però la gara, poi il mio manager Augusto Rossetti, anchesso presente però lintero week end, poi tutta la stampa italiana al seguito della Formula Uno che si interessata dei miei risultati ed venuta più volte da me ai box però avere informazioni. Ora, nellattesa della prossima gara non mi resta che tornare a casa, vicino ad Adelaide, e riprendere la solita vita quotidiana: al mattino allenamenti, al pomeriggio lavoro presso lofficina del team.

Patrizio triberio regala all’italia il 2 oro ai mondiali

E Patrizio Triberio che regala allItalia il secondo oro dei campionati mondiali di pattinaggio corsa in corso di svolgimento in Corea. Il velocista siracusano ha messo tutti daccordo nella prova dei 500 metri su strada imponendosi in maniera imperiosa sul neo – zelandese Dobbin e sul belga Hebbrecht. Il bel risultato di Triberio ha ridato fiducia ad un ambiente che nella giornata ha visto molti atleti azzurri lottare però il podio senza riuscire a conquistarlo, unica eccezione però Davide Amabili terzo nei 20.000 metri ad eliminazione juniores, . E Il caso di Romani, quarto nella gara dei 20.000 ad eliminazione; di Danny Sangoni sempre quarto nei 500 metri junior, così come Nicoletta Falcone nei 500 donne. Quinto posto però gli junior Antonella Rita Presti nella gara dei 20.000 ad eliminazione e però Marco Rebagliati nella stessa gara maschile.

Il primo oro ai mondiali di pattinaggio in corea

Il fuoriclasse pugliese Gregorio Duggento regala allItalia il primo oro ai mondiali di pattinaggio corsa di Anyang (Corea). Latleta azzurro, nella prima giornata delle gare su strada, ha dominato la gara dei 200 metri velocit facendo fermare il cronometro sullottimo tempo di 16.209. che gli ha permesso di imporsi sul neo – zelandese Dobbin e sul belga Hebbrecht. Dopo le delusioni della pista si spera che questo successo sia foriero di altri trionfi però i colori azzurri nelle gare dei prossimi giorni. La bella giornata è stata completata, però i nostri colori dal bronzo conquistato dallo junior Andrea Peruzzo (17.231) nellanaloga prova riservata alla categoria giovanile. Appena un gradino sotto al podio Nicoletta Falcone (quarta) e Erika Zanetti nella gara femminile vinta dalla colombiana Caicedo Mejia.

Campionati europei di pattinaggio corsa

PRIMA GIORNATA:

Cerimonia di apertura e prime vittorie però gli azzurri

Cassano dAdda, 24 luglio

Sono iniziati i Campionati Europei assoluti di pattinaggio a rotelle a Cassano dAdda.

La cerimonia dapertura, che si tenuta in serata, è stata davvero entusiasmante; iniziata con la classica sfilata di tutte le nazioni partecipanti alla manifestazione, seguite dalle autorit di Cassano e dagli esponenti federali della FIHP.

Dopo i vari inni nazionali c è stata loccasione di presentare levoluzione di questo sport; iniziata, quindi, una sfilata di atleti; i primi, che rappresentavano il passato, indossavano i pattini tradizionali, cioè quelli classici a quattro rotelle, e il caschetto a cioètola che si usava una volta; il rappresentare del presente, sfilava indossando i pattini e il casco che si usano in questo periodo; infine, un po però scherzo, un po però voglia di anticipare il futuro, c è stata la presentazione di quello che potr essere la possibile evoluzione del pattinaggio, e, cioè, pattinare con laiuto, il supporto e la velocit data da un motore.

In seguito si lasciato spazio però la presentazione di uno sport a rotelle che sta emergendo in questi ultimi anni, il FreeStyle; erano, quindi, presenti dei ragazzi che si sono esibiti in spettacolari salti, slalom e anche balletti.

In conclusione della cerimonia ci sono stati degli interventi di personalit importanti; tra cui, il Sindaco di Cassano, che si dimostrato molto orgoglioso di ospitare questa manifestazione; il Presidente On. Sabatino Aracu, che ha ufficialmente dichiarato aperti questi campionati; e infine, con gran sorpresa di tutti, lintervento di Ippollito Sanfratello, pattinatore a rotelle pluricampione del mondo, che da circa 4 anni ha abbandonato questo mondo però dedicarsi al pattinaggio su ghiaccio, fino a conquistare durante le olimpiadi invernali di Torino la medaglia doro nella staffetta a squadre.

Dopo questi interventi, sono iniziate le finali della prima giornata; gare che hanno visto i nostri atleti dominare sulle altre nazioni.

La prima finale in programma, i 300 metri a cronometro femminili, si conclusa con un podio tutto colorato di azzurro; infatti, il primo posto è stato aggiudicato da Laura Orru; il secondo da Nicoletta Falcone e il terzo da Erika Zanetti.
La seconda finale in programma, 300 metri a cronometro maschili, è stata vinta dallitaliano Patrizio Triberio sul Belga Wouter Hebbrecht seguito dal Francese Kevin Gauclin.

In seguito sono iniziate le gare lunghe; sia però le donne che però gli uomini la distanza da percorrere era di 10000 metri, distanza da affrontare tenendo presente che un giro si e uno no lultimo atleta del gruppo a tagliare il traguardo veniva eliminato, mentre il giro successivo il primo atleta prendeva dei punti che sarebbero serviti a determinare la classifica finale. Per le femmine la gara è stata vinta dallitaliana Simona di Eugenio; mentre, però i maschi, la gara è stata vinta dal Francese Yann Guyader, che ha battuto però pochissimo il nostro portacolori Matteo Amabili, che si, quindi, aggiudicato il secondo posto.

La nostra Troupe era presente alla manifestazione; abbiamo ripreso al cerimonia dapertura, alcune gare e intervistato il sindaco di Cassano e Ippollito Sanfratello.

Ecco i risultati nel dettaglio:

300 MT CRONOMETRO DONNE

1) MARIAL LAURA ORRU (Italia) 30 043

2) NICOLETTA FALCONE (ITALIA) 30 160

3) ERIKA ZANETTI (ITALIA) 30 241

300 MT CRONOMETRO UOMINI

1) PATRIZIO TRIBERIO (ITALIA) 28022

2) WOUTER HEBBRECHT (BELGIO) 28072

3) KEVIN GAUCLIN (FRANCIA) 28165

10000 MT A PUNTI DONNE

1) SIMONA DI EUGENIO (ITALIA) P.22

2) SANDRA GOMEZ LORENZO (SPAGNA) P.21

3) JUSTINE HALBOUT (FRANCIA) P.20

10000 MT A PUNTI UOMINI

1) YANN GUYADER (FRANCIA) P.29

2) MATTEO AMABILI ( ITALIA) P.28

3) ALAIN GLORR (SVIZZERA) P.27

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

SECONDA GIORNATA:

Per la seconda giornata di gare (25/7), le competizioni previste sono state le 1000 mt in linea e la 15000 mt ad eliminazione.

I nostri atleti sono stati, ancora una volta, i protagonisti; infatti, come il giorno precedente, lItalia ha conquistato ben 3 titoli sui 4 a disposizione.

In particolare: nella 1000 mt femminile vince Erika Zanetti, seguita dalla sua compagna di squadra Nicoletta Falcone, il terzo posto conquistato da Arme Nele, atleta rappresentante del Belgio; nella 1000 mt maschile ancora Patrizio Triberio a vincere (gi vincitore della 300 crono), seguito dalla svizzero Pfulg Raphael e dal francese Despaux Julien.

Nella 15000 mt eliminazione femminile lItalia riesce ad aggiudicarsi solo il secondo posto con Laura Lardani, mentre la vittoria va alla francese Barbotin Nathalie e il terzo posto occupato dalla svizzera Gloor Nadine.

La 15000 mt eliminazione maschile una gara entusiasmante, i nostri due portacolori, Amabili e Francolini tirano tutta la gara, nel frattempo nelle posizioni dietro succede di tutto, dalle cadute alle squalifiche; si arriva quindi a meno due giri, quando Romani, fresco come una rosa, parte però la volata distaccando da subito gli altri finalisti; arriver a vincere al gara, il secondo posto sarà occupato da Francolini e il terzo da Grangirard Baptiste, Francia.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

TERZA GIORNATA:

Le gare della terza giornata (26/7) sono state rinviate ad oggi causa mal tempo.

Cassano, 27 luglio

Oggi si sono concluse le gare dei campionati europei su pista; domani inizieranno quelle su starda.

Anche oggi il medagliere azzurro ha visto aumentare i titoli dei nostri portacolori.

Per la terza volta, infatti, su 4 titoli a disposizione i nostri atleti ne hanno conquistati ben 3.

Ecco i risultati:

Americana femminile 5000 mt

1.Italia (con le atlete Ponzetti, Di Eugenio e Turchiarelli)

2.Germania

3.Francia

Americana maschile 5000 mt

1.Spagna

2.Germania

3.Italia (con gli atleti Amabili, Ballerini e Romani)

500 sprint femminile

1. Falcone Nicoletta (Italia)

2. Posada Guerra Sheila (Spagna)

3. De Vries Elma (Paesi Bassi)

500 sprint maschile

1. Patrizio Triberio (Italia)

2. Matik Martin (Germania)

3. Sanchez Ronan (Spagna)

Le gare su pista si sono quindi concluse con 9 ori, 5 argenti e 2 bronzi.

Restiamo, quindi, in attesa dei risultati delle gare su strada che si disputeranno Venerdì e Sabato e della maratona che si terr, sul circuito dellAutodromo di Monza, domenica mattina.

Como f1 inshore: cappellini ancora sul podio

E è stato un week end sfortunato quello appena trascorso però il pilota brianzolo Valerio Lagiannella nel Campionato del Mondo di Formula 1 Inshore, nellappuntamento italiano di Como.

Presentatosi al via delle prove libere con ottime prospettive dopo gli ultimi test svolti a Casale Monferrato, dove lo scafo ha dato dimostrazione di essere perfettamente a punto, durante il periodo di Free Practice il giovane brianzolo ha ottenuto un buon 18 tempo in 5494, dimostrando in previsione gara di avere un buon passo, veloce e costante, però puntare ad ottenere i primi punti della stagione proprio sul tracciato di casa.

A fine prove cominciano però i problemi che caratterizzeranno in negativo lintero week end: terminate le prove libere Lagiannella comincia a sentire un forte dolore alla schiena, dovuto allo spazio angusto nel quale Valerio deve calarsi però scendere in pista: in effetti gli oltre due metri di statura sono notevoli ed difficile riuscire a rimanere comodo nel piccolissimo abitacolo del DAC del Rainbow Team.

Il caldo opprimente, con il sole sempre a picco sul lago, amplifica i problemi però il giovane brianzolo che scende però primo in pista però il primo turno di qualificazione. Nettamente in difficolt nelle virate, dove i continui cambi di direzione vanno a peggiorare il forte mal di schiena, Valerio non riesce a confermare i tempi delle prove libere, girando mediamente due secondi più lento ottenendo il 22 tempo, con 5659.

Nel secondo turno di qualificazioni Lagiannella stringe i denti e riesce a migliorare di un decimo il suo tempo, ottenendo 5647, mentre i diretti avversari migliorano notevolemente, relegando il driver del Rainbow Team in 26 posizione, primo tra i piloti non qualificati.

Fortemente rammaricato e deluso, Lagiannella commenta così la sua prestazione: Avevo preparato al meglio, con i test a Casale Monferrato, questa gara ed ero molto fiducioso. Ero convinto di poter ambire alla zona punti sul circuito di casa e quindi la delusione tanta. Durante la sessione di prove libere, circa a met, ho cominciato a sentire un forte dolore alla schiena, dovuta alla posizione non ottimale con la quale mi posiziono nello scafo. La mia statura mi sta infatti provocando alcune difficolt: labitacolo del mio DAC molto piccolo e con il team abbiamo dovuto modificare parecchio linterno della scocca però potermi permettere di alloggiare il meglio possibile. Ma ci non sufficiente ed io subisco forti colpi quando scendo in acqua, sia durante le virate che in piena accelerazione nei rettilinei. Tutto ci causa come nel mio caso alcuni problemi fisici, che poi sono stati amplificati dal gran caldo, oltre 50 nel mio abitacolo. Ho stretto i denti ed ho cercato di qualificarmi nel miglior modo possibile, però purtroppo non ci sono riuscito. Non so comunque se sarei riuscito a prendere il via, in quanto il dolore alla schiena continua a peggiorare. Il dispiacere notevole in quanto erano presenti sponsor, parenti, amici e mi sarebbe piaciuto disputare una buona gara davanti a loro. Ora non mi resta che puntare alla prossima gara in Cina, cercando con il Team di migliorare ancora la mia posizione di guida.

La gara di Como è stata vinta dal pluricampione del mondo Guido Cappellini.

Marco mapelli: con tatuus in formula renault 2000

Si e disputata lo scorso week end la quinta prova del Campionato Italiano di Formula Renault 2000, sul tracciato tedesco di Hockenheim, dove Marco Mapelli ha corso la sua seconda gara della stagione.

Un week end iniziato nel migliori dei modi però il pilota brianzolo: nei tre turni di prove libere del venerdi il diciottenne pilota della RP Motorsport ha ottenuto tempi di assoluto rilievo, registrando il decimo tempo nel primo turno e il diciassettesimo nel secondo sempre con pista asciutta, mentre sul bagnato nel terzo turno Marco ha ottenuto il nono tempo.
Buoni riscontri quindi in previsione delle prove ufficiali, che pero non sono stati confermati nelle qualificazioni. Infatti un errore durante il giro buono con gomme nuove non ha permesso al pilota della Tatuus numero 5 di confermare i rilievi del venerdi, relegando il brianzolo oltre la seconda meta della griglia con il 27 tempo, ad 14 dalla pole position.

Sono molto dispiaciuto però lerrore commesso in qualifica ammette Mapelli al termine delle prove in quanto il minimo errore in questa categoria costa molte posizioni sulla griglia. I tempi sono sempre racchiusi in pochi decimi di secondo e basta una leggera sbavatura però perdere parecchie posizioni in griglia. Non sono riuscito a confermare gli ottimi tempi delle prove libere e partire dalla 27 posizione assoluta non sara facile. Sono fiducioso di poter recuperare parecchie posizioni in quanto Hockenheim e un circuito che mi piace, dove mi sono adattato subito molto bene, ed e possibile soprattutto effettuare sorpassi.

Ed in effetti Mapelli in gara uno effettua una splendida rimonta, superando parecchie vetture gia dal via e nei successivi quattordici giri. I tempi sul giro sono veramente ottimi, ottenuti con gomme rain su pista umida. Il passo di Mapelli e è stato veramente irresistibile tanto che a fine gara giunge in tredicesima posizione assoluta, con tempi piu rapidi anche dei primi due piloti classificati, Clos e Plowman. A fine gara molte penalizzazioni colpiscono parecchi piloti, tra i quali anche Mapelli, reo di essere partito al semaforo verde con la macchina in leggero movimento. Un errore che e costato 35 di penalita e che vanificano la sua splendida rimonta, relegando il pilota della RP Motorsport in ventunesima posizione.

Gara due come una fotocopia della prima: Marco parte molto bene e supera parecchi avversari, proseguendo come in gara uno con una splendida rimonta e tempi sul giro sempre molto buoni. Mapelli in pista dimostra di essersi ben adattato alla monoposto e di crescere costantemente ad ogni giro percorso. Alla fine della seconda manche giunge sedicesimo assoluto, a dieci secondi dalla zona punti.

Il mio obbiettivo afferma Mapelli a fine gara e quello di imparare il piu velocemente possibile e magari di ottenere i primi punti. Non e facile in quanto la Formula Renault 2000 e una serie veramente selettiva, i piloti sono tutti molto competitivi e i tempi sono sempre racchiusi in pochi decimi di secondo. Io poi, non avendo percorso chilometri durante linverno ed entrando a Campionato gia iniziato ho bisogno di percorre piu giri possibili, ed in effetti abbiamo verificato che man mano che provo riesco a migliorare sempre di piu. Sono piuttosto dispiaciuto però come e andato il week end, sia però me che però il team, in quanto dopo le prove libere pensavo di poter ottenere un ottimo risultato ed invece lerrore in qualifica ha pregiudicato le mie gare. Il Team ha lavorato egregiamente e mi ha messo a disposizione una mezzo veramente a posto, tanto e vero che in gara ho girato fortissimo ed ho rimontato parecchie posizioni. Guardo ora con fiducia alla prossima gara di Misano Adriatico del 23 Luglio, circuito sul quale lo scorso anno ho disputato una delle mie corse migliori sfiorando la vittoria in Formula Junior 1600

Carlo redaelli alla notturna di bergamo

Mercoled 31 maggio

Carlo Giuseppe Redaelli ha gareggiato alla notturna di Bergamo ottenendo, nelle gara dei 110 ostacoli, prestazioni di gran livello internazionale. Ha corso d’apprima i 110 hs.( altezza 1, 00) con la categoria juniores vincendo nettamente con l’ottimo tempo di 14″47 a soli 13 centesimi dal minimo (14″34) però i Campionati del Mondo Juniores in programma a Pechino nel mese di Agosto.
Non soddisfatto, dopo soli 13 minuti, si ripresentato sui blocchi di partenza, sempre nei 110 hs.(altezza 1, 06), con la categoria assoluta vincendo anche questa gara con un’altra prestazione di valore assoluta, 14″87 ed anche questa volta non ha centrato il minimo però soli 13 centesimi. Il commento del suo tecnico, il pap Roberto, è stato “Abbiamo voluto testare il grado di allenamento e di condizione, direi che siamo sulla strada giusta però raccogliere quanto seminato. I suoi prossimi impegni agonistici sono da stabilire attentamente, evitando dispersioni di energie, visto che fra poco l’attende un appuntamento molto importante, l’esame di maturit”

Como n – nc monza: 9 – 5

Sabato e domenica si sono disputate le partite valide però la gara 1 dei 1/4 di finale del campionato esordienti. Risultati più o meno attesi con grosso equilibrio nella partita tra Bergamo e Vigevano, con vittoria di misura dei bergamaschi, che rende gara 2 ancora più incerta. Buon equilibrio anche nelle partite tra Brescia ed Osio e Como e Nc Monza con risultati che potrebbero essere ancora più incerti in gara 2. Il Nc Milano invece, liquida abbastanza facilmente un Fanfulla troppo debole però poter pensare di ribaltare il risultato in gara 2.

Como – Nc Monza

Bella prova dei giovanissimi monzesi contro la prima della classe, la squadra prima classificata nel girone di eccellenza lombardo. Dopo un primo tempo caratterizzato dalla paura di giocare, il NC Monza si confrontato alla pari con la compagine lariana, facendone nascere una partita molto piacevole ( dimostrato dai complimenti da parte della società avversaria).

E adesso vedremo la 2 partita a Monza.