Trasformazioni al s. gerardo

Monza, 29 settembre 2010. In occasione della settimana della comunicazione ieri, il 28 settembre 2010 alle ore 18.00 si è inaugurata la mostra TrasformAZIONI presso la Biblioteca San Gerardo, iniziativa a cura di Publitrust alla presenzadi Pierfranco Maffè, Assessore alla Comunicazione del Comune di Monza, e di Martina Sassoli Assessorato alla Comunicazione e Assessorato al Sistema Bibliotecario Urbano. Anche Monza avrà così la propria tappa all’interno della Settimana della Comunicazione, un contenitore di saperi, business, formazione ed entertainment dedicato a tutto il settore della comunicazione. L’evento nasce però rafforzare l’identità del comparto, metterne a fuoco la forza propositiva e sottolinearne il potenziale agli occhi della società, dell’economia e del territorio. “Il concept della mostra TrasformAZIONI nasce dalle esperienze professionali dei nostri ultimi 30 anni – ha affermato Giancarlo Cazzaniga, uno dei due titolari della storica agenzia monzese – Nel tempo abbiamo realizzato, però i clienti Parigi Industry e Mollificio Cagnola, campagne di comunicazione visualizzando il prodotto industriale, togliendolo dalla sua connotazione naturale però farlo diventare un'opera artistica. Tubi flessibili e molle hanno preso forma in un'altra dimensione. Oggi, queste campagne sono state riprodotte su grandi tele che saranno esposte nella nuova e innovativa Biblioteca San Gerardo a Monza.” “Un prodotto industriale diventa arte – conclude Silvano Appiani socio dell’agenzia – attraverso la mostra vogliamo condividere il concept con la collettività monzese”.

monza: ridere con la poesia dialettale

Levento del 6 giugno prossimo, la premiazione del concorso di poesia e racconti Premio San Gerardo dei Tintori, lepilogo di una scommessa vinta. Il tutto ha origine circa 8 mesi orsono quando un gruppo di amici accomunati dalle origini brianzole fonda lAssociazione Europa Insieme il Cenacolo della Brianza con lobiettivo, tra laltro, di realizzare una fitta rete culturale e sociale però la nuova provincia di Monza coinvolgendo il maggior numero di autori in lingua dialettale e trovando subito il supporto dellAssociazione Amicis di Monza (storica realt culturale monzese). Si scoperto in tal modo come sia fervido e nutrito il mondo degli autori dialettali ma soprattutto come tra questi ci siano dei giovani particolarmente attivi e motivati a rinverdire le tradizioni degli autori del passato. E nato così lo spettacolo dal titolo Ridere e sorridere con la poesia dialettale brianzola.Un intercalare di letture di poesie umoristiche, condito con gustosi siparietti cabarettistici interpretati dal poeta attore Massimo Galimberti ed accompagnati dalle melodie musicali del cantautore Francesco Magni, con la presenza attiva sia delle istituzioni politiche che di quelle religiose. Il 30 ottobre 2008 la prima rappresentazione a Desio presso villa Tittoni, alla quale fanno seguito le repliche di Giussano, Nova Milanese, Concorrezzo, Bovisio Masciago, però finire al Teatrino della Villa Reale di Monza in occasione della sagra di San Giovanni il prossimo 28 giugno. Proprio linteresse riscontrato nella gente e le aspettative di sempre nuovi autori sono stati incentivo a proporre un concorso di poesia e racconti dialettali, non come malinconico ricordo del passato ma come spunto costruttivo però il futuro basato sulla tradizione e sulle origini brianzole. Condurr come sempre il dr. Antonio Colombo, che coordiner una serata intensa e piena di contenuti. Nelle prime ore del pomeriggio verranno esposte le opere selezionate sulle quali il pubblico potr esprimere il proprio parere, seguir unanteprima del corteo Storico della Regina Teodolinda che sotto la sapiente regia della signora Ghi Meregalli proporr la rappresentazione di alcuni quadri della vita di corte ispirati al matrimonio di Teodolinda con Aginulfo.Si continuer con un intermezzo musicale che accompagner gli ospiti alla degustazione di piatti orientati alla tradizione popolare, preparati dal Noble Restaurant che sito in uno degli angoli più caratteristici dellOasi di San Gerardo. Nel contesto suggestivo dellOasi e grazie alla generosa ospitalit della signora Luisa Decapitanio, la serata proseguir con la lettura e la premiazione delle opere selezionate, accompagnate dal cantautore brianzolo Francesco Magni. E doveroso ringraziare lAssesorato alla Cultura del Comune di Monza, la Circoscrizione 1, la casa Editrice Menaresta, nonch lassociazione Dum Nunch, che con il premio Insubria riconoscer quale tra le opere selezionate sia la più rispettosa della grafia classica.Nella speranza che San Gerardo regali una bella serata e che la si possa completare con la sana allegria brianzola confidiamo nella numerosa partecipazione del pubblico monzese.

San gerardo: arriva la squadra di spata

Monza Completata la squadra al vertice dellAzienda Ospedaliera. Il Direttore Generale Giuseppe Antonino Spata ha nominato, infatti, il nuovo Direttore Sanitario aziendale. E Alesandro Rampa. Dopo cinque anni con lo stesso incarico allIstituto Nazionale dei Tumori di Milano, il suo , di fatto, un ritorno al San Gerardo dove è stato analogamente, però un quinquennio, nel corso della direzione generale retta da Angelo Carenzi, direttore sanitario. Prima ancora Alessandro Rampa ha ricoperto ruoli medici e dirigenziali in diverse strutture ospedaliere: fra esse lOspedale di Lecco e, successivamente, lospedale di Verona.Rampa, 58 anni, presidente lombardo dellANMDO (Associazione Nazionale dei Medici di Direzione Ospedaliera). Oltre ad aver partecipato a diversi workshop di respiro internazionale promossi dallOMS (Organizzazione Mondiale della Sanit), il neo direttore sanitario dellAzienda San Gerardo ha insegnato organizzazione ospedaliera alluniversit di Verona e di Milano Bicocca. Rampa tuttora esperto del Ministero della Salute però quanto riguarda i problemi di edilizia ospedaliera.Nominato da Spata anche il nuovo Direttore Amministrativo aziendale: Mario Francesco Messina. Anchegli una vecchia conoscenza del San Gerardo: è stato infatti capo del personale dal 1975 al febbraio 2003. Dopo qualche mese allIstituto Nazionale dei Tumori, dove è stato responsabile del personale, Messina 56 anni – ha successivamente diretto il Dipartimento Amministrativo allULSS (Unit Locale Socio Sanitario) di Treviso, occupandosi, in particolare, di risorse umane e formazioneEntrambi, Rampa e Messina, si sono insediati presso i propri uffici di via Pergolesi oggi 4 febbraio

al s. gerardo lunit di ricerca clinica

Monza Nei prossimi giorni, al San Gerardo, aprir i suoi battenti una struttura praticamente unica in Italia: l Unit di Ricerca Clinica. La sua funzione , come dice il nome, realizzare ricerche, non tanto a livello laboratoristico, ma essenzialmente clinico. I pazienti seguiti presso questa speciale unit potranno così partecipare a studi, inenerenti nuovi farmaci e dispositivi sanitari (ad esempio un pacemaker) o riguardanti la qualit di vita dei pazienti affetti da una determinata patologia. Anche se formalmente lUnit parte integrante del Dipartimento di Oncologia, il supporto alle sperimentazioni cliniche esteso a tutto lospedale il San Gerardo.Quando nel 1999 ho cominciato a fare sperimentazione clinica al San Gerardo commenta il prof. Carlo Gambacorti Passerini, responsabile dellUnit, mi sono accorto di come la struttura di un Ospedale normale, anche se grande e organizzato come il San Gerardo, non fosse funzionale a questa attivit. Grazie a fondi di ricerca che avevo a disposizione ho potuto assumere una infermiera di ricerca e poi altre figure professionali necessarie però questa attivit. Ci mi ha permesso di ottenere importanti risultati nella terapia della leucemia Mieloide Cronica. Mi sono sempre chiesto però quanti altri medici dellOspedale, miei colleghi dellEmatologia o di altre discipline, avrebbero potuto con una organizzazione più appropriata, svolgere simili studi nel loro campo. Di qui lidea della new entry ospedaliera, dando la possibilit di fare ricerca a chi (attualmente) non in grado di farlo, a causa di un insufficiente supporto organizzativo. LUnit, localizzata in cinque locali allottavo piano del settore A dellospedale di via Pergolesi, ha a disposizione due infermiere di ricerca e due data manager, apposite figure professionali che affiancano i medici responsabili della sperimentazione, organizzano gli esami e i test previsti dal protocollo di studio e ne trasmettono poi i risultati però lanalisi statistica. Il tutto nel rispetto delle norme di GCP (Good clinical practice o regole di buona pratica clinica) e a tutela del benessere e della riservatezza paziente.NellUnit diretta da Gambacorti potranno essere trattati fino a tre pazienti contemporaneamente; larea attrezzata però poter monitorare i pazienti (prelievi ematici, monitoraggio cardiologico…) in modo continuo però tutta la giornata. Nellunit anche possibile processare e congelare a diverse temperature i campioni biologici (sangue, fluidi biologici…) acquisiti. Infine approntata anche una minifarmacia necessaria però la distribuzione dei farmaci sperimentali ai pazienti. Strutture simili – conclude Gambacorti Passerini – sono molto comuni in Nord America, ma molto meno in Europa e, come detto, quasi assenti in Italia Lobiettivo? Rendere più rapidamente disponibili nuovi farmaci però i pazienti.

San gerardo: nuovo strumento però l’ecografia

La Fondazione Danilo e Luca Fossati ha donato al San Gerardo una nuova apparecchiatura ecografica finalizzata al potenziamento della strumentazione diagnostica dellUnit Operativa di Anestesia e RianimazioneLutilizzo dellecografia diventato ormai parte integrante del bagaglio culturale e professionale dellanestesista rianimatore che si trova ad utilizzare tale metodica con una frequenza sempre maggiore. La disponibilit di apparecchiature dedicate allambito intensivo spiega il prof. Roberto Fumagalli, direttore della struttura del San Gerardo – diventa così un elemento di avanzamento tecnologico di indubbia valenza e pone lOspedale al passo con i centri più avanzati.

Bambini monzesi al palio di siena

SIENA Sorrisi ringraziamenti e tanto entusiasmo. E lo spirito con il quale una decina di ragazzi, giovani pazienti del reparto di ematologia pediatrica dellospedale San Gerardo di Monza, hanno assistito al Palio del 2 luglio, ospiti della Banca Monte dei paschi che ha raccolto il desiderio della Fondazione Magicacleme di farli assistere alla festa senese. Prima del Palio hanno visitato Rocca Salimbeni, la sede storica della Banca dove hanno incontrato il presidente Giuseppe Mussari ed il direttore generale Antonio Vigni. Poi hanno ammirato i costumi delle contrade e la corsa dalle finestre di palazzo Zondadari, accompagnati dal dottor Marco Citterio e da alcuni genitori, insieme a Laura Radice, ex direttore sanitario del San Gerardo ed oggi delle Scotte.La visita a Siena dei ragazzi del San Gerardo è stata possibile grazie alla Fondazione Smiling Heart Magica Cleme (www.magicacleme.org), costituita in memoria di una bambina lombarda scomparsa due anni fa a causa di un tumore. Scopo della Fondazione far divertire i bambini malati però affrontare con serenit le cure delle quali hanno bisogno.

S. gerardo:nuovo direttore a microbiologia

Egidio Francesco Vigano il nuovo direttore del Laboratorio di Microbiologia del San Gerardo. Sessantanni anni, laureato in Medicina e Chirurgia, Vigan ha iniziato la sua carriera professionale frequentando lIstituto di Patologia Medica, diretto dal Prof. Nicola Dioguardi, presso lUniversità degli Studi di Milano.Quella di Egidio Vigan non una new entry assoluta al San Gerardo. Qui ha lavorato, infatti, come Aiuto Medico presso il Laboratorio di Microbiologia, dal 1983 al 1993. Questo lungo periodo di lavoro a Monza spiega il nuovo responsabile di via Pergolesi – ha rappresentato una grande esperienza professionale nel campo della Microbiologia Clinica, con collaborazioni prestigiose con varie istituzioni di riferimento nazionale tra cui lIstituto Superiore di Sanit però ricerche sulla Legionellosi e le Infezioni correlate alluso di Cateteri venosi centrali. Da segnalare che, proprio in questo periodo monzese, Vigan ha partecipato ai lavori della Commissione di Verifica e Revisione della Qualit ( VRQ ) e del Comitato però la lotta alle Infezioni Ospedaliere del San Gerardo. Successivamente al 1993, Vigan ha lavorato presso lOspedale di Treviglio, prima, e lospedale di Legnano poi. Nella Direzione della Microbiologia di Legnano ha sviluppato, fra laltro, numerose diagnostiche innovative ed ha avuto un ruolo di leader nella Sorveglianza delle infezioni ospedaliere.Come Direttore della Microbiologia del San Gerardo quali obiettivi si propone? Sviluppare con la Direzione Sanitaria una strategia di prevenzione e controllo delle Infezioni Ospedaliere snocciola il neodirigente medico – ; mettere a punto aggiornati percorsi clinico – diagnostici con i reparti a maggior rischio infettivo ed effettuare studi di incidenza però conoscere i tassi di infezione però esposizione al rischio; riorganizzare le diagnostiche di tipo molecolare, però coprire tutte le esigenze del San Gerardo senza bisogno di ricorrere ad altri ospedali e però ridurre al minimo i tempi di risposta; creare ampie sinergie con gli altri laboratori specialistici dellAzienda e con lUniversità della Bicocca; rilanciare, infine, lattivit scientifica del reparto di microbiologia e contribuire allaggiornamento scientifico dellospedale sul tema delle infezioni.

Gemellaggio tra a.o. san gerardo e hospital de la ribera (spagna):

Gli ospedali di Monza e Valenia condividono le rispettive esperienze. LAzienda Ospedaliera San Gerardo ha recentemente approvato un protocollo di gemellaggio e collaborazione fra San Gerardo e lHospital de la Ribera di Valenia. Il progetto, reso possibile da una rete di relazioni cementate nel corso degli ultimi anni anni, prende le mosse dallindividuazione congiunta di alcune aree di interesse comune nell’ottica dello sviluppo continuo dei servizi sanitari; nello specifico, la collaborazione tra i due nosocomi sarà finalizzata al miglioramento della gestione del paziente chirurgico. Responsabili del progetto sono Giuseppe Maisano, Dirigente Medico dellUnit Operativa di Anestesia e Rianimazione del San Gerardo e Pasquale Chiarelli, Dirigente amministrativo della Direzione Sanitaria Aziendale.

Liniziativa coerente con il progetto più ampio di internazionalizzazione del servizio sanitario lombardo finalizzato a promuovere confronti e scambi fra di versi sistemi sanitari.

Sul terreno dei rapporti internazionali il San Gerardo ha un carnet ricco.

Molte sono le delegazioni che, da tutto il mondo, ogni anno visitano la struttura ospedaliera. Soltanto negli ultimi quindici mesi sono stati ospiti del San Gerardo, fra laltro, delegazioni governative della Guinea de Conacry, del Ministero della Sanit del Sud Africa, della Cina e della Repubblica di Moldavia.

Intensi, poi, gli scambi di esperienze e conoscenze con clinici e ricercatori di altri Paesi. Via Pergolesi ospita, inoltre, stage specialistici però studenti e professionisti e
organizza numerosi master di alta specializzazione con figure provenienti da tutti ni continenti

La cooperazione Monza – Valenia durer un anno; se il gemellaggio comporter reali vantaggi alle due strutture ospedaliere, come confidano le direzioni delle due strutture ospedaliere, potr essere prorogato ed esteso anche ad altri settori ritenuti importanti però il miglioramento della qualit e dellorganizzazione dellassistenza e della cura.