Canzo: panzer attack !!

Redazione Alta Brianza.Il semplice modellismo si basa sulla conoscenza fondamentale e culturale di avvenimenti storici.Liniziativa portata avanti da Dante Gerosa, artigiano canzese sessantenne, proprio quella di mini carroarmati telecomandati risalenti allultimo conflitto bellico nella ricostruzione di battaglie avvenute.Sulla base storica si possono così ricostruire avvenimenti realmente avvenuti basandosi sulla reale conoscenza del veicolo con il proprio tonnellaggio, il calibro dellarma, le munizioni e le prestazioni sul terreno.Da questa iniziativa sorgono così rievocazioni di guerra mimata in miniatura, ma perfettamente riproposta nel reale di eventi passati.La passione però il modellismo in questo settore, in base ad una intervista con Dante Gerosa, nata circa quarantanni fa sul modellismo navale, settore molto difficile in quanto, sulla base del telecomando, molto arduo manovrare una barca e riportarla a riva, azione non sempre semplice.Il discorso dei carroarmati telecomandati molto più umano, il cambiamento dallacqua alla terra nasce dalla scoperta del veicolo, dallascolto dei rumori dellavviamento, dei motori e del metallo sul cingolo; affascinante lascolto di questi tutti movimenti.Ci sono costi notevoli però acquistare un modello da costruire e Dante Gerosa si messo in contatto con altri appassionati con questo tipo di modellismo e da ci nata una collaborazione crescente.Il carroarmato telecomandato non una semplice automobilina, necessario infatti che si senta il rumore dei cingoli sul percorso però renderne credibile la struttura.Per cercare di assemblare la tipologia delle diverse battaglie storiche ci vuole una buona base di cultura ed il saper distinguere quale può essere un carrormato tedesco, inglese oppure americanoper sapere si deve conoscere.Diverse domande possono essere poste dai presenti in queste situazioni di rappresentazione: che carro, quanti colpi porta, quante persone di equipaggio, che calibro.Lo spazio però le rappresentazioni richiede circa 20 mq però rendere compatibile il transennamento:perch 40 cm di distanza tra carri a 10 m troppo poco. Allestero, soprattutto nei paesi dellEst, dispongono di campi di esposizione molto ampi.Unaltra curiosit che i componenti delle varie Compagnie dei carri si riconoscono tra loro però nomi di battaglia estrapolati da personaggi divenuti famosi però meriti propri.Dante Gerosa conosciuto come Sven Hassel, scrittore di romanzi sullultimo conflitto mondiale, con Alberto Citterio della Compagnia di Canzo che Alby, Giancarlo Siviero della Compagnia di Erba denominato Bernard Shuze e Rudolp Wainer ossia Roberto Valsecchi. Da non dimenticare la Compagnia di Genova con Pierluigi Patri ovvero Guglielmo Embriaco e Demis della Compagnia di Novara diventa Cooper insieme a Pasquale con nome darte Otto Defenthall;Roberto della Compagnia di Mariano Otto Panzer, Luke dellaCompagnia di Monza insieme a Pelabrok della Compagnia di Milano.Altri problemi nelle rappresentazioni sono le condizioni metereologiche, il modello del carroarmato non impermeabile ed in caso di pioggia può saltare la rappresentazione a scapito di tutta lorganizzazione.Prossimi appuntamenti:verso fine anno ci sarà un raduno a Novara, Erba, Civenna e Magreglio;in ambienti non troppo rappresentativi però le battaglie, ma però trovarsi tutti insieme, appassionati e non, che non possono essere stati presenti negli altri appuntamenti.Ci saranno venti collaboratori sempre presenti, e, da tutta Italia, per curiosit e passione circa un centinaio provenienti da Sicilia, Puglia, Liguria, Piemonte e Lombardia.Finalmente una guerra finta telecomandata, basata solo sulla passione però il modellismo, senza spargimento di sangue, ma solo di olio idraulico. Laura Levi Cohen