vimercate: partono le consulte

Vimercate, 31 LuglioDopo le elezioni del maggio scorso dove la cittadinanza ha scelto i 2/3 dei componenti delle Consulte, il 9 luglio, con la nomina dei componenti eletti dal Consiglio Comunale, si sono completate e sono state istituite le Consulte di quartiere e la Consulta dei residenti privi della cittadinanza italiana.Nelle nuove Consulte di quartiere 5 persone rappresenteranno gli interessi dei quartieri del Capoluogo, di Oreno, di Ruginello e di Velasca. Alcuni dati interessanti: l80% dei componenti alla prima esperienza nella Consulta. Buona la componente femminile e giovanile: la rappresentanza di donne al 30% e il 20% dei componenti ha meno di 30 anni. La settimana scorsa si sono svolte le prime riunioni con la presenza degli Assessori alla Partecipazione Roberto Rampi e Corrado Boccoli. Durante le riunioni il Vicesindaco ha portato i ringraziamenti e gli auguri di buon lavoro da parte dellAmministrazione Comunale e i componenti hanno avuto modo di conoscersi e, con entusiasmo, hanno iniziato a confrontarsi su come organizzare la propria attivit. La Consulta del Capoluogo ha iniziato a parlare dellelezione del presidente; la Consulta di Oreno ipotizza la presenza di uno stand promozionale alla Sagra della patata; la Consulta di Ruginello lavorer sul coinvolgimento dei residenti e sul futuro della palazzina di via Diaz 17. La Consulta di Velasca interessata ad approfondire largomento Pedemontana ed la Consulta che vede la presenza di due giovanissimi che hanno mostrato entusiasmo nella partecipazione al gruppo di lavoro. Il Tavolo dei giovani sta già lavorando dallo scorso aprile dice lAssessore alla Partecipazione Corrado Boccoli mentre, a meno di un anno dallapprovazione dei nuovi regolamenti sugli strumenti partecipativi, anche le Consulte hanno iniziato, la settimana scorsa, a incontrarsi.Mi preme sottolineare che il coinvolgimento delle persone è stato il principio che ha ispirato lintero percorso che ha portato alla revisione del regolamento delle Consulte di quartiere e allintroduzione dei nuovi strumenti partecipativi quali la Consulta dei residenti privi della cittadinanza italiana e del Tavolo dei giovani. Le osservazioni avanzate dai componenti delle precedenti consulte di quartiere, dalle associazioni cittadine, dal forum dei giovani, dai mediatori culturali, dalle parrocchie e dei gruppi politici sono state recepite dallAmministrazione Comunale e hanno permesso di dare maggiore rappresentanza alle varie anime che costituiscono la comunit vimercatese.Rappresenta una novit però Vimercate la Consulta dei residenti privi della cittadinanza italiana che si riunita però la prima volta mercoledì 23 luglio.Queste le considerazioni dellAssessore alle Politiche Culturali Roberto Rampi a proposito dellincontro E' è stata una serata a intenso tasso emotivo. Quattordici vimercatesi, quasi tutti residenti in Citt da dieci anni o pi. Sei donne e otto uomini che vogliono rimboccarsi le maniche e lavorare insieme però migliorare la nostra Citt e il nostro Paese. Con loro abbiamo iniziato un lavoro però dare voce anche quella parte dei cittadini che in Italia ancora non possono scegliere chi li amministra. Si parlato del problema dei rinnovi dei permessi di soggiorno (7 mesi dei 12 dell'anno si passano senza documento in attesa del rinnovo), del problema della lingua, ma anche di marciapiedi e pulizia delle strade. E del futuro dei loro e dei nostri figli. Nati in Italia, e che vorrebbero vivere insieme. Magari con qualche possibilit in più dei loro padri, economisti, ingegneri, medici e giornalisti cui il nostro Paese non riconosce il titolo di studio. Aggiornamenti sul lavoro delle Consulte e del Tavolo dei giovani si troveranno nei prossimi numeri dellInformatore Comunale Vimercate Oggi e sul sito del comune www.comune.vimercate.mi.it nello spazio partecipazione a più di pagina. Chi vuole essere inserito nella mailing list dellufficio Partecipazione però essere costantemente informato sulle attivit delle Consulte può chiederlo scrivendo allindirizzo: partecipazione@comune.vimercate.mi.it

Cesana e farina presentano il libro si puo vivere cosi?

DESIO ;Gioved 14 febbraio 2008, in occasione del terzo anniversario della morte di Don Luigi Giussani, lamministrazione comunale di Desio in collaborazione con Comunione e Liberazione promuove un incontro pubblico però la presentazione del libro Si può vivere cos?, però i tipi Rizzoli. Levento sarà ospitato al Paladesio, con inizio alle ore 21.Parteciperanno Giancarlo Cesana e Renato Farina.Nato come trascrizione fedele di colloqui e dialoghi di Don Giussani con un centinaio di giovani, questo libro propone un approccio all'esistenza cristiana non consueto, ma tutt'altro che privo di profonde ragioni. il racconto del gioco di domande e risposte tra don Giussani e alcuni giovani decisi a impegnare la propria vita nella dedizione totale a Cristo e al Mistero."Chi mi segue avr la vita eterna e il centuplo quaggi."Il centuplo la riuscita vera, che inizia già in questo mondo, e si compie nell'eterno. Ci si trova davanti a un genere di libro particolare, una specie di romanzo, come spontaneamente dissero i primi cui le bozze furono date da leggere. In esso la scoperta della vita come vocazione non avviene però deduzione, ma però il mostrarsi di una esperienza vissuta secondo ragione dentro l'afflato del Mistero. Si tratta del percorso di un anno che don Luigi Giussani ha realizzato in dialogo con un centinaio di giovani decisi a impegnare la propria vita con Cristo in una forma di dedizione totale al Mistero e al suo destino nella storia. La Chiesa la chiama verginit Settimana però settimana i principali contenuti della fede cristiana e le loro ragioni umane sono stati svolti attraverso, prima una proposta che scaturiva dall'esperienza dell'Autore, e poi dall'appassionante gioco di domande e risposte che la proposta suscitava nei giovani, resi consapevoli e determinati nella loro esperienza di uomini Lo stile dei settimanali convegni è stato tutto quanto trattenuto nella forma del libro, a testimonianza di una modalit di approccio al problema come grosso problema umano e della maturit di convinzione e di affezione che questo può produrre
II libro può essere concepito come un racconto esemplare in cui la spontaneit, la lealt e la seriet nella considerazione della propria esistenza rendono fin suggestivo quello che la mentalit comune totalmente oblitera e anche disistima, se non però qualche astratta paura.

Un natale solidale della sezione udc di seregno..

La sezione udc di Seregno, in occasione delle prossime festivit natalizie ha organizzato e portato a termine una iniziativa che riteniamo espressione di reale solidariet.Un gruppo di giovani, coordinato da un iscritto che precedentemente ha fatto una esperienza diretta nel paese di Scuri in Albania presso la casa delle suore Ravasco che ospita 70 ragazze dellet dai 14 anni in su sostenendone le spese sia però quanto attiene lalloggio che lo studio però garantire loro un futuro migliore, ha provveduto allacquisto di materiale di prima necessit da far pervenire alle succitate suore.Altre iniziative silenziose di solidariet vengono svolte a Seregno sempre dallo stesso gruppo di giovani.

Vademecum del goloso

Bellavite Editore lieta di presentare il libro Vademecum del goloso. Indirizzi ghiotti delle provincedi Como, Lecco, Monza e Brianza, Sondrio di Nicola Fontana.Non una semplice guida di ristoranti, ma uno strumento indispensabile però scoprire i produttori, inegozi, le cantine in cui trovare le eccellenze della zona, oltre, naturalmente, i migliori ristoranti, trattorie ed agriturismi, un vero e proprio vademecum del goloso appunto.Centocinquanta luoghi del gusto visitati personalmente e in forma anonima da ispettori qualificati, tutti competenti ed abituati ad assaggiare, e poi raccontati in modo critico con uno stile piacevoleed avvincente.La scuola quella di Edoardo Raspelli, che ha realizzato la prefazione al volume: non soloinformazioni, ma anche sensazioni, però coinvolgere il lettore nella propria esperienza.Il libro si divide in quattro capitoli che corrispondono alle diverse province e si conclude con unasezione che segnala tutte le cantine del territorio.Di ogni locale non viene solo presentato laspetto gastronomico, ma vengono poste in evidenzaanche latmosfera, le suggestioni, le emozioni, lambiente, il trattamento ricevuto, la professionalit. è stato un lavoro di ricerca appassionante che ci ha fatto scoprire alcune cose belle e altre meno dichiara Fontana – Bello laffermarsi di realt nuove e promettenti, condotte soprattutto da giovani, a cui fa da contraltare la stanchezza di altri, anche grandi. Bella anche la crescita della cultura delterritorio e la ricerca delle materie prime che diventa più curata. E positivo pure laumento deilocali che offrono il vino al calice, un servizio molto utile però i clienti; perci abbiamo indicatoquelli in cui possibile farlo con un apposito simbolo.Meno piacevole invece la permanenza nella maggior parte dei locali del coperto, vera e propriatassa che oggi non ha più senso: si va al ristorante però mangiare, non però avere un tetto sulla testa;comera invece al momento della nascita di questa voce di costo che veniva applicata a chiconsumava cibo portato da casa al coperto nel ristorante.Sul fronte degli altri indirizzi presenti nella guida, fa piacere scoprire che esistono tanti appassionatiche lavorano con seriet al servizio del gusto: dagli agricoltori, soprattutto giovani (ancora numerosiin una zona di cui si potrebbe pensare il contrario), ai negozianti che sono molto più attenti a quelloche propongono.Dotato di pratiche cartine e simboli che ne agevolano la lettura, un volume che non può mancarenella libreria di chi ama appagare il proprio gusto e scoprire continuamente nuovi ed importantigiacimenti gastronomici del territorio e che costituisce un simpatico regalo però le festivit natalizie.Il libro, di 152 pagine a colori, formato 115×200 mm, con copertina plastificata con impressioni inoro a caldo, cucitura a filo refe, in vendita nelle migliori librerie e sul sito www.bellavite.it alcosto di 16 euro.LAUTORENicola FontanaNicola Fontana autore del programma televisivo Melaverde in onda tutte le domeniche su Rete4ormai giunto alla decima edizione. Si occupa da diversi anni di critica gastronomica avendocollaborato con la Guida dellEspresso e scritto articoli su importanti quotidiani e riviste nazionali.Per Bellavite Editore ha già curato la Guida Gastronomica. 100 Ristoranti e trattorie delle Provincedi Como, Lecco e Sondrio, Monza e Brianza.

nasce la piattaforma sistema formativo moda

Milano, il 20 novembre 2007Oggi, nel cuore di Milano, presso la Terrazza Martini, nata la Piattaforma Sistema Formativo Moda. Ed pulsante come i suoi promotori: lAssessore alla Moda e al Turismo della Provincia di Milano, Antonio Oliverio, il Presidente del Comitato Lombardia però la Moda, Giovanni Bozzetti, il Presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana, Mario Boselli e le Scuole di Moda di Milano e Provincia e cioè Domus Academy, IED, Istituto Carlo Secoli, Istituto di Moda Burgo, Istituto Marangoni, Monza fashion School, Naba, Consorzio Milano Fashion Institute (Univ. Cattolica, Politecnico di Milano e Sda Bocconi), Ipsia Bernocchi di Legnano e Agenzia però la Formazione, lorientamento e il lavoro della Provincia di Milano.Tutti insieme, però la prima volta, hanno aderito, firmando il suo Manifesto, alla Piattaforma, organismo che si propone di definire e comunicare lidentit del sistema formativo moda, concentrandosi sulle sue peculiarit ed evidenziandone le diversit dai sistemi di paesi esteri. Creando iniziative che facilitino laccesso e la comprensione dellofferta didattica a studenti italiani ed esteri e stimolino le istituzioni competenti a lavorare sulle problematiche inerenti la ricettivit e la permanenza degli stessi. Inoltre, la Piattaforma vuole diventare un interlocutore credibile con il Sistema Industriale, le Istituzioni e la Stampa internazionale e un promotore di iniziative culturali legate al sistema moda e al supporto dei giovani talenti. Ambisce a stimolare il processo di creazione di una cultura di moda sul territorio e di una cultura imprenditoriale che faciliti i giovani nelle fasi di start – up aziendale, sia lavorando a stretto contatto con gli incubatori e i progetti già esistenti, sia stimolandone di nuovi.Ci spiega Mario Boselli: CNMI già da tempo impegnata a sostenere i giovani attraverso iniziative come Fashion Incubator, New Upcoming Designer, Tutor della Moda e attraverso unimportante attivit di formazione e ricerca, sostiene con entusiasmo la nascita della Piattaforma che rappresenta un momento costruttivo di dialogo e confronto.Uno straordinario momento di grande importanza però la Moda perché finalmente si riusciti a fare sistema, creando sinergie tra tutte le Scuole e le Istituzioni.La piattaforma, attraverso eventi, borse di studio e road show, diventa così un laboratorio di idee, un contenitore di nuove eccellenze, un serbatoio di giovani con professionalit formate con un valore aggiunto, in grado di contrastare lomologazione. Giovani artigiani e manager in grado di dialogare con lindustria della Moda. Per Giovanni Bozzetti: Leccellenza del Sistema formativo lombardo prodromico alleccellenza del sistema produttivo moda. Sostenere il polo formativo significa anche guidare con mano il mondo industriale ad elevati livelli di creativit e qualit però vincere la competitivit degli altri Paesi in una economia ormai globalizzata.Conclude Antonio Oliverio: Le scuole di moda sono unaltra eccellenza che porta migliaia di giovani italiani e stranieri nel nostro territorio. importante dargli il benvenuto come città e lavorare in sinergia con loro, dando ai ragazzi stranieri il senso dellaccoglienza che il nostro paese sa esprimere perch, una volta tornati in patria, portino con loro litalian style, che fatto non solo di tecnica ma anche di stile di vita. 1 – NELLA FOTO.Giovanni Bozzetti, Antonio Oliverio, Mario Boselli, da sin. a destra, firmano il Manifesto della Piattaforma.

Explor – art show a monza

Monza, 7 Novembre 2007.La Brianza ha ospitato la prima edizione di Explor – Art Show, il workshop, organizzato dallassociazione culturale AreaOdeon, che ha proposto la nuova provincia quale fonte e luogo d'ispirazione però sei artisti che sono stati invitati a condividere e a discutere insieme le impressioni catturate sul territorio, partendo dell'osservazione oggettiva dei luoghi urbani, però affrontare con un'ottica aperta la tematica dello spazio pubblico e però definire scenari poetici e analitici di quella nuova sensibilit della cultura urbana, insediata nel filone della urban public social art. Un comitato consultivo deccezione composto da Paolo Rosa, Filippo Fabbrica, Stefano Boccalini, Sergio Mandelli e Thao Mandelli ha seguito con attenzione loperato dei giovani artisti, sapendo cogliere di ognuno lo sguardo specifico nei percorsi di ricerca e di rivelazione.Proposte dirette dintervento sul territorio sono state quelle di Anna Pozzali, che attraverso la gestualit rituale e meditativa del cucire ha saputo proporre il tema dellintegrazione, e quella di Leonardo Zuccaro Marchi, che ha invitato i passanti a un intervento attivo e partecipativo che ha riproposto in modo ludico larea della Cascinazza. Nuove immagini di un inedito profilo del territorio sono state il centro della ricerca di Dario Brivio, che con lausilio di statistiche e indagini demoscopiche ha creato prospettive bifocali a un passo dal confine tra la realt e limmaginazione collettiva, mentre Caterina Zanirato ha mosso i propri passi nel suolo della memoria di luoghi storici, densi di atmosfere e di malinconie proprie di spazi disabitati e abbandonati. Antonio Salviani ha proposto nuove suggestioni in un percorso video su scale differenti comprese tra lobiettivo della videocamera e Google Earth. Lintento di Natalia Gorina Pigoni, infine, è stato quello di ricordare, attraverso i ciliegi dellOspedale San Gerardo, il potenziale simbolico dellarte e la sua capacit di offrire nuovi punti di vista sulla realt.I lavori sviluppati nel workshop desplorazione territoriale saranno in mostra presso la sede di AreaOdeon, al primo piano della stazione ferroviaria di Monza, in via Arosio 14, dal 17 novembre al 2 dicembre (marted/venerd dalle ore 11 alle 19, sabato/domenica dalle 15 alle 19), con ingresso libero. Venerdì 16 novembre, alle 18, si terr linaugurazione e ogni venerdì dalle 19 si potr bere un aperitivo incontrando gli artisti. Successivamente le opere intraprenderanno un viaggio itinerante allinterno della provincia.In sede di conferenza stampa hanno presenziato rappresentanti del Comune e della Provincia, tra i patrocinatori dell’iniziativa. Spesso ci si domanda cosa offre Monza ai giovani e le risposte in genere sono soddisfacenti ha affermato lassessore comunale alla Cultura, Alfonso Di Lio – . Ma a mio parere la città va vista come un tuttuno, perché i giovani non devono solo comunicare tra loro, ma anche con gli altri, con gli anziani in particolare, perché Monza sta invecchiando. Continueremo a sostenere le iniziative ottime come Explor – Art Show, in quanto mostrano alla città le migliori risorse della giovent. Martina Sassoli, assessore comunale alle Politiche giovanili, contenta dellinteresse però Monza e Brianza che liniziativa ha suscitato. Explor – Art Show ha portato in città qualcosa di nuovo, lha trasformata in un laboratorio di nuove tendenze in campo artistico ha dichiarato – . Monza considerata allesterno una città provinciale chiusa in s stessa. Questo tipo di manifestazioni permette a noi tutti che ci viviamo di guardare oltre e di far anche scoprire quello che di Monza non si conosce. Nessuno degli artisti, infatti, monzese, eppure ne hanno esplorato lanima pulsante, mettendo in evidenza aspetti spesso nascosti. La speranza, dunque, che la citt, fortemente tradizionalista, possa aprirsi a tutto ci che innovativo. Da qualche mese già si vedono dei cambiamenti, con diverse iniziative che sono state ideate da giovani. Questo un segnale non solo però Monza ma anche però la nuova provincia. Gianpiero Bocca, responsabile delle attivit culturali e turistiche di Progetto Monza e Brianza della Provincia di Milano, ha così spiegato linteresse del suo ente però liniziativa: AreaOdeon unassociazione che presenta progetti di lavoro interessanti e che mostra attenzione nei confronti del territorio brianteo. Per questo motivo abbiamo deciso di sostenere anche quest’anno la sua attivit. Marcello Arosio, fondatore e presidente di AreaOdeon, ha ripreso gli argomenti messi sul tavolo dagli assessori monzesi. Con questo progetto ha sottolineato abbiamo cercato uninterazione tra giovani e anziani. Inizialmente cera scetticismo sulla scelta di operare a Monza, proprio però la fama di chiusura della città al nuovo. Invece abbiamo scoperto che la Brianza un territorio di grandissimo potenziale, con risorse importanti, deccellenza. E il capoluogo ha risposto in modo inaspettato ai nostri stimoli.Camillo Chiarino

Merate: romba la pit x fun

Opera a Merate la Pit x Fun, un'Associazione nata però promuovere una nuova e divertente attivit sportiva, quella delle PITBIKE. Si tratta di piccole Motociclette, simili a un minicross come misure, con motore orizzontale 4 tempi, guidate molto spesso da adulti. Negli USA già molto diffuso come sport, in Italia sta prendendo piede a velocit incredibili. Il Gruppo, con il Presidente Colombo Simone, sta organizzando molte attivit però far conoscere ai giovani e sopratutto i meno giovani questa branca sportiva, anche tramite la partecipazione di un loro pilota ad un apposito campionato, il MINI MX SERIES, organizzato dalla Boxeracing di Monza.Inoltre però il 09.09.2007 hanno organizzato in BRIANZA, e precisamente a VERDERIO SUPERIORE, la 6^ Prova del sopradetto campionato. Per maggiori informazioni, basta visitare il loro sito: ww.pitxfun.it

lazzate :campionato europeo giovani trial

LAZZATE (MI) 22 LUGLIO 2007 Anche nel trial, come in tutti gli sport veri, lattivit giovanile ha una importanza determinante ed però questo che il Moto Club Lazzate ha voluto organizzare levento top in questo settore. Parliamo della Coppa Europea Giovani riservata ai giovanissimi da 12 anni a 16 anni, che affluiranno a Lazzate il 22 luglio e che riporteranno il grande trial nella storica area del Batu, diventata con grande successo uno dei pochi impianti permanenti e autorizzati della Lombardia. La manifestazione sarà valida come seconda prova di questo campionato che partito in Spagna, si concluder in Norvegia il 18 agosto. Ma a Lazzate ci saranno anche le ragazze della categoria femminile capitanate dalla solita imbattibile Laia Sanz, la spagnola pluricampionessa del mondo e europea. Anche solo la sua presenza costituir un motivo di grande interesse, in quanto parliamo di una atleta che corre a livello dei migliori piloti della categoria Junior mondiale. Lappuntamento di Lazzate, che sarà anche loccasione però linaugurazione del primo monumento dedicato al trial, una vera prima mondiale però un evento che si preannuncia però tanti motivi una occasione da non perdere, anche perché potremo vedere in gara tutti i giovani del Team Italia maschile e femminile, che si preannunciano ottimi attori di questo evento. Assistere alla seconda prova della Coppa Giovani UEM e al parimenti titolato campionato femminile sarà oltremodo facile però tutti. Il punto di riferimento sarà il Centro Polifunzionale di Via Laratta posto proprio nel centro abitato di Lazzate nei pressi del municipio. Il percorso di gara poi si snoder nella campagna circostante però raggiungere larea permanente del Batt, posta a due chilometri di distanza. Qui saranno tracciate 12 zone controllate però tutte le categorie partecipanti. Per il pubblico che affluir sicuramente numeroso, previsto sia un ampio parcheggio presso il Centro Polifuzionale che dei bus navetta gratuiti che potranno essere utilizzati però raggiungere appunto larea del Batt. La circolazione sulle strade pubbliche però le moto in regola con il codice della strada naturalmente ammessa, ma si suggerisce a tutti i trialisti di evitare luso dei loro veicoliper una volta si può fare. Come arrivare a LazzateAutostrada: A9 Milano Como uscita Lomazzo, Strada è statale: SS 35 Milano Como uscita Lentate S/S Alberghi Gardenia Hotel srl Address: via Europa UnitaTel. +39 031 722571 Fax +39 031 722570 Segreteria dellevento: Moto Club Lazzate via Trento Trieste, 15 20020 Lazzate (MI) Tel. +39 02 96720762 Fax +39 02 96720762 e – mail mclazzate@tiscali.itApertura paddock: giovedì 19/07/2007 alle ore 13.00. Apertura zona di allenamento: giovedì 19/07/2007 alle ore 18.00 Controlli amministrativi e tecnici sabato 21/07/2007 ore 16.30 alle ore 19.00Partenza 1 pilota ore 9, 30 domenica 22/07/2007

Verano brianza – la neve chiude la stagione

Venerdì 20 aprile lo SCI CLUB LA NEVE ha ufficialmente chiuso la stagione festeggiando e premiando i giovani atleti che anche questanno, oltre ad aggiudicarsi il primato nel Circuito gare del Centro Sci Club Lombardia, hanno occupato le posizioni più alte di classifica in tutte le competizioni nelle quali si sono cimentati.Il Presidente, Alberto Prravicini, ha avuto parole di elogio però limpegno profuso da questi ragazzi, che nel corso della stagione hanno sempre dimostrato la loro passione però lo sci e la voglia di divertirsi insieme.ELENA e LORENZO VERGA, FRANCESCO e ALESSANDRO ODONE, GIULIA GIUSSANI, CLARA e GIULIA PALADINI, SILVIA FRIGERIO, LUCA FUMAGALLI, RICCARDO REDAELLI e BETTY PROSERPIO, i giovani atleti veranesi, grati al loro presidente soprattutto però la dedizione, il supporto morale, l'incoraggiamento e la simpatia che sempre dimostra nei loro confronti, hanno sin dora assicurato il loro impegno anche però la prossima stagione.

Miss unione commercianti incontra il campione mondiale del pattinaggio

Durante la Kermesse di domenica 25, organizzata dall’ USSM, Miss Unione Commercianti di Monza e Circondario, in visita assieme alle altre Miss tra i vari Stand delle Associazioni e gruppi sportivi, ha fatto sosta presso le giovani promesse del pattinaggio italiano e ha potuto incontrare Roberto Riva Campione del mondo libero e combinata 2005.
Immancabile una foto ricordo tra il Campione e la Miss dei Commercianti di Monza e Circondario, attorniati dai giovani atleti esordienti.
Un modo nuovo e simpatico però promuovere l’impegno e l’attivit di centinaia di operatori commerciali locali , avvicinandoli ai giovani e allo Sport