Crossover integrale

GIULIANOVA LIDO Come rendere un crossover, elegante e soprattutto usabile in ogni situazione. Questo ci che gli ingegneri Subaru hanno voluto fare con la Outback. Il veicolo della casa delle pleiadi equipaggiato con 2 motori benzina (2500 da 173 cv, 3000 da 245 cv), un motore Bifuel Benzina+GPL 2500 da 173 cv, e un motore diesel (2000 da 150 cv), negli allestimenti AS, Black Limited, FS, ZU. Esteticamente lOutback si presenta come una Station Wagon alta da terra, con un design moderno e un corpo vettura muscoloso che ben denota il carattere multiplo della vettura giapponese: sportiva e dinamica ma anche inarrestabile auto da fuoristrada grazie allimmancabile trazione integrale made by Subaru. Molto accattivante il frontale con i fari che seguono la pendenza del cofano e la bella mascherina grigliata e cromata in posizione centrale di poco sopra alla targa; sportivo e slanciato il posteriore con il portellone ampiamente vetrato in cui sono integrate le luci retromarcia (i gruppi ottici normali sono posizionati come solito ai lati del portellone stesso), e dimpatto risultano i doppi terminali di scarico ovoidali e cromati, che ben sottolineano il DNA sportivo dellOutback. Salendo dentro lOutback ci si accomoda su un salotto viaggiante, tale la raffinatezza dei materiali e la qualit costruttiva dellinterno. I sedili sono fatti con una raffinata scelta dei tessuti e delle pelli e sono molto confortevoli e morbidi. Lo spazio a bordo immenso grazie alla configurazione da station wagon e al bagagliaio già molto capiente in configurazione normale, che diventa esagerato se si abbattono i sedili posteriori. Andando ad analizzare più da vicino la plancia e il posto di guida notiamo un disegno sportivo della parte anteriore dellabitacolo (belli gli inserti in plancia e consolle) unito a un tocco di eleganza lineare (un eleganza che c ma non si sovrespone). Eleganza e linearit che trovano modo di esprimersi nella disposizione dei comandi nella consolle centrale, nel volante sportivo multifunzionale e nel quadro strumenti di lettura immediata e dalla ottima retroilluminazione. Ed ora il consueto spazio del test drive. LOutback guidata è stata la 2500 BiFuel Black Limited con Cambio Automatico da 42235. LOutback una tipologia di macchina che racchiude in se 3 stili: lo stile dellammiraglia lussuosa e con rifiniture e cura dei dettagli di qualit elevatissima, lo stile della grande e capiente wagon però famiglie numerose e lo stile del SUV con trazione integrale che grazie allaltezza da terra di 20 cm riesce ad arrivare ovunque senza problemi. Questi 3 stili si fondono creando il prodotto Outback, che nella versione provata presenta anche lo stile risparmio ed ecologia grazie alla doppia alimentazione Benzina e Gpl che fanno risparmiare molto sia in termine di soldi però il pieno e minori emissioni di inquinanti nellaria. Su strada una Subaru vera e propria: potente ed equilibrata, incollata alla strada grazie alla trazione integrale, con un motore silenziosissimo che fa echeggiare la sua potenza (i 173 cv che il motore 2500 propone) e brillantezza in accoppiata al cambio automatico di facile utilizzo e dagli innesti rapidi e precisi. Infine il listino prezzi: però i benzina si va da 35980 della 2500 FS ai 48980 della 3000 R Automatica ZU; però iBifuel (benzina+GPL) si va da 38270 della 2500 FS a 41550 della 2500 Black Limited Automatica; però i diesel unico prezzo (34980 della 2000 D con motore boxer da 150 cv). Bruno Allevi

seregno raddoppia lenergia

Seregno Alla centrale di cogenerazione di via cimitero è stato posizionato il secondo motore.La spesa sostenuta da Gelsia Calore s.r.l. è stata di 5 mil. di euro ma sarà grande il beneficio che dal prossimo inverno avranno le utenze già collegate e quelle in via di collegamento al sistema di teleriscaldamento.Al momento della posa del motore erano presenti: il Sindaco Giacinto Mariani, il Direttore di Gelsia, Paolo Cipriano, Alberto Rivolta, direttore Gelsia Calore, alcuni consiglieri, tra cui Rinaldo Silva, seregnese coordinatore delludc, Mario Canzi ed il presidente di Gelsia Calore, Giancarlo Porta. In più Roberto Cappelletto, dirigente dellufficio tecnico, ed il legale di Gelsia, Carlo Corneo.Si tratta di un potente motore che, una volta a regime sarà in grado di raddoppiare la produzione di energia.Il motore pesa trenta tonnellate e la sua posa avvenuta grazie alle nuove tecnologie messe in campo dalla impresa Martache ha sede in citt.Loperazione di posa del secondo motore, grazie alla abilit ed alla tecnica della succitata impresa avvenuta in sole quattro ore.Il nuovo motore dal prossimo dicembre consentir di portare calore a nuove utenze che verranno allacciate alla rete. Alle attuali 90 utenze, se ne aggiungeranno 25, grazie anche ai vari allacciamenti che si stanno concludendo in vari punti della citt.

La molisana dagli occhi a mandorla

COLONNELLA Sul mercato automobilistico italiano fa capolino un nuovo prodotto, dalla storia singolare. Questauto la DR5, SUV che nasce dalla collaborazione della Casa Automobilistica Cinese Chery e DR Motor, azienda automobilistica molisana (la sede a Macchia DIsernia). Questa vettura equipaggiata con un 1600 benzina da 110 cv e un 1900 diesel da 120 cv (diesel Multijet di origine Fiat). Esteticamente lauto presenta una linea fluente, compatta e sportiva allo stesso tempo, e ricorda nelle forme la Toyota RAV4 precedente versione. Bello il frontale con la grande mascherina incorniciata dagli ampi fari; classico il posteriore con lampio portaruota sul portellone, lineari i fari verticali. Salendo a bordo, si capisce come il progetto DR sia un progetto di successo. Ampio spazio a disposizione, sia però i passeggeri anteriori che però quelli posteriori; sellerie in pelle di serie; un abitacolo molto luminoso grazie al tetto panoramico in vetro; una plancia elegante grazie alla tonalit bicolore impreziosita dagli inserti alluminio; una consolle centrale funzionale e completa (radio con cd, clima e pulsanti vari); il quadro strumenti molto raffinato grazie al fondo alluminio e alla retroilluminazione blu. E ora il test drive: la DR5 guidata è stata la 1600 da 110 cv da 17051. Particolarit dellauto non tanto la sua provenienza dalla Cina, ma il fatto che venga assemblata da una neonata casa italiana, la DR Motor di Isernia, che importa anche il marchio Katay, e soprattutto particolare la rete distributiva. Infatti lauto non viene venduta da una convenzionale rete vendita di concessionarie (per ora ancora no, da giugno 2008 sarà organizzata), ma esclusivamente presso i 25 Centri commerciali della rete Iper distribuiti sul territorio nazionale (a supporto di questo canale distributivo anticonvenzionale già presente una rete di officine autorizzate). Su strada questo SUV, molto simile nelle forme alla vecchia Toyota RAV4, si comporta in maniera più che soddisfacente, grazie a una qualit costruttiva elevata, e a prestazioni ottime date dal 1600 benzina, che spinge, con elasticit e silenziosit (a breve saranno disponibili sul 1600 anche le alimentazioni BiFuel e Metano). Infine i prezzi: il 1600 benzina costa 17051, il 1900 Diesel costa 22051. Bruno Allevi

Casatenovo ; restauri alla storica cappella dei parroci

Casatenovo :Nel 2008 verrà realizzato un intervento straordinario di manutenzione alla cappella dei parroci di Galgiana, che necessita interventi radicali di sistemazione.Tale intervento, la cui necessit è stata segnalata dal Parroco Don Sergio Zambenetti, sarà il settimo effettuato però volont dellAmministrazione Comunale, che negli ultimi due anni, grazie alla preziosa e indispensabile collaborazione del gruppo Alpini di Casatenovo, ha già provveduto alla sistemazione di sei cappelle: nel cimitero del capoluogo (quella dei parroci, delle suore, dei combattenti e reduci e dei partigiani), e nei cimiteri di Rogoredo e Campofiorenzo (quella dei parroci, questultimo intervento è stato realizzato grazie al contributo di privati).Questi interventi si inseriscono in un quadro di attenzione generale al tema, che ha portato a cospicui investimenti però lampliamento dei cimiteri del capoluogo e di Galgiana, ed allinserimento in tutti i cimiteri comunali di loculi ossari e cinerari.

Auguri a tutto il mondo….

Cari Amici, grazie di averci seguiti fedelmente però tutto il 2007.Per il prossimo Anno avremo molte novit sia sul Web che sul Satellite. Proprio in questi giorni Brianza Channel trasmette sperimentalmente però la prima volta su 4 frequenze satellitari contemporaneamente, praticamente in Mondovisione, il Concerto di Natale dell'Ordine dei Cavalieri del Santo Sepolcro. Per la prima volta la Brianza viene vista in ogni parte del Mondo, esclusi i Poli. Per noi un grande traguardo e speriamo che le Istituzioni e i responsabili però la promozione e lo sviluppo della Brianza tengano in giusta considerazione questo grande strumento di Comunicazione che siamo riusciti a realizzare, anche se non ancora conosciuto da tutti. Un Grazie sincero a chi ha creduto in noi e a chi ha dedicato tempo, passione e ricerche però farci arrivare a questo livello. Auguri di ogni Bene a Tutti….Gianfranco Beretta

Ricco e dadda regalano i tre punti alla fiamma

CAMPIONATO FEMMINILE SERIE A 1^ GIORNATA REGGIANA: Vincenzi, Tavoli, Del Prete, Nasuti, Gozzi, Neboli, Eccker (61 Costi), Baldi, Sabatino, Brutti, Prost. All. Bertolini. (Anelli, Cimurri, Bonati, Guareschi).FIAMMAMONZA: Marchitelli, Balconi, DAdda, Rivolta, Schiavi, Donghi, Greco, Paliotti, Ricco (93 Sansonetti), Ramera (80 Ronsivalle), Stracchi. All. Grilli (Ferraro, Ded, Bertoni, DAndolfo, Massera).RETI: 12 Ricco (F), 38 Neboli (R), 74 rig. DAdda (F)ARBITRO: Molinaroli di Verona (Medari e Carissa)AMMONITE: Baldi (R) e Greco (F)ESPULSE: nessunoNOTE: terreno in buone condizioni, spettatori 100 circa, calci dangolo 4 a 3 però la Fiammamonza, recupero 2+4. Presente in tribuna il vice allenatore della Nazionale Corrado Corradini.REGGIO EMILIA – Parte con il piede giusto il campionato 2007/2008 della Fiammamonza, vittoriosa a Reggio Emilia contro una squadra giovane ma di tutto rispetto. Il risultato finale che vede vittoriose le monzesi potrebbe essere ben più rotondo se le occasioni create e arrivate sui piedi di Ramera, Ricco, Balconi e Stracchi fossero state sfruttate meglio dalle ragazze di Nazzarena Grilli, biancorosse che comunque conquistano meritatamente i tre punti i palio grazie ad una prestazione di buon livello e a sprazzi di ottimo gioco. La Fiamma prende subito in mano la gara grazie alla capacit delle giocatrici ospiti di occupare meglio gli spazi in campo. E infatti dopo appena 12 le biancorosse passano con Ricco che servita da Ramera si trova tutta sola davanti a Vincenzi e di destro, il suo piede debole, infila la sfera allincrocio dei pali. Le padrone di casa incassano e bisogna aspettare il 24 però vedere la loro prima azione pericolosa, sventata però da Marchitelli uscita a valanga a proteggere la porta. Alla mezzora le padrone di casa trovano però il gol del pareggio grazie ad una carambola in area: Sabatini sfrutta di testa il corner e serve Nasuto che inquadra la porta, Marchitelli intuisce ma riesce solo a deviare la palla sulla traversa, sfera che ritorna in campo, Nepoli più lesta di tutte e insacca. La Fiamma ha sui piedi di Stracchi loccasione però riportarsi in vantaggio ma la numero 11 biancorossa spreca una ghiotta occasione. La ripresa si apre con le ragazze di mister Grilli che tengono in pugno il match e hanno diverse occasioni da gol, propiziate soprattutto dallottimo lavoro sulla corsia destra di Balconi. Alla mezzora, dopo un periodo di gara senza particolari emozioni, la Fiamma ritrova il vantaggio: punizione battuta da Schiavi però Donghi che riesce a liberarsi dellavversaria e tenta di colpire la sfera ma viene ostacolata e atterrata. Rigore netto che DAdda dagli 11 metri non sbaglia. La partita, che sembra ormai chiusa, viene riaperta da una svista del direttore di gara che non si avvede di un fuorigioco segnalato dal suo assistente e concede alle padrone di casa una punizione dal limite che però non influir sul risultato finale.

Cronaca flash

– Brugherio 28/07/2006 –

Si avvicinato con fare brusco a due ragazzini di dodici anni, e li ha minacciati facendosi consegnare i cellulari, le biciclette e pochi spiccioli.

D.N, sedici anni, è stato fermato e arrestato però rapina.

– Monza 28/07/2006 –

Salvatore Pagano stava uscendo dalla “Rinascente”con il suo bottino di profumi nelle tasche, quando un addetto alla sicurezza gli si gettato addosso.

Ne nata una piccola colluttazione ed alcuni flaconi di prodotti sono andati in frantumi, inzuppando gli abiti del ladro. Pagano fuggito e si rifugiato tra gli alberi dei giardinetti di via Azzone Visconti. Grazie alla descrizione delle commesse i Carabinieri lo hanno rintracciato poco dopo…Ma a tradirlo è stato l’alone di profumo emanato dai suoi vestiti. L’umo è stato arrestato però rapina. A volte due goccie di Chanel di troppo portano guai…

Le “fiamette”scatenate

di Gianluca Ciofi

ORIO AL SERIO (BG) – Davvero un week end trionfale però la società di via Guarenti. Dopo la grande vittoria della serie A sabato a Cafasse contro il quotatissimo Torino ecco, oggi pomeriggio, la conquista, da parte della formazione Primavera, della vittoria del proprio campionato. Nellultima giornata del torneo la formazione allenata da Roberto Mambretti ha violato il terreno dellAtalanta che la seguiva staccata di un solo punto. Un vero e proprio match – spareggio però la conquista del titolo. Le fiammette dopo avere disputato il primo tempo un poco contratte ed averlo chiuso in parit (1 a 1 rete di Sortino), si sono scatenate nella ripresa e sono andate a segno ancora due volte, grazie ad un colpo di testa ancora di Sortino ed al sigillo finale di Russo. Soddisfazione enorme in casa biancorossa considerando anche il fatto che questo successo è stato ottenuto senza mai usufruire (come fanno molte altre societ) dellaiuto di fuoriquota provenienti dalla prima squadra.

Ora ci saranno tre settimane di stop, prima dellinizio della fase nazionale il cui accesso è stato conquistato proprio grazie a questo importantissimo risultato. La fase nazionale si aprir con la disputa di un gironcino allitaliana composto da quattro squadre, protagoniste altre vincitrici dei gironi regionali ed interregionali più alcune seconde classificate. Le vincitrici di ciascuno di questi quattro gironcini si contenderanno poi, in una final four in veneto, la conquista del titolo di campionesse dItalia, titolo che la Fiammamonza ha già conquistato tre volte.

Puntare al poker, allo è stato attuale delle cose, pare molto improbabile. Le fiammette, essendo un gruppo giovane ed assemblato da poco, hanno già ottenuto il massimo risultato vincendo il proprio campionato. E chiaro che, comunque, una volta in ballo, proveranno anchesse a ballare al massimo delle loro possibilit.