Oessg monza – pellegrinaggio in terra santa

Monza.Dal 16 al 23 aprile 2009 la Delegazione di Monza dellOrdine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, seguendo i dettami del proprio Statuto, ha effettuato un pellegrinaggio in Terra Santa.Litinerario ha seguito il percorso classico: Nazareth, i luoghi della predicazione di Ges intorno al Lago di Tiberiade, il fiume Giordano, Betlemme e ovviamente Gerusalemme.Il gruppo di venticinque partecipanti, abbastanza vario come composizione e comunque molto affiatato, comprendeva dieci Cavalieri che hanno avuto modo di indossare le proprie insegne durante alcuni momenti significativi. Cosi commenta il Cav. Gabriele Stefanoni, membro dell'Ordine: "Dobbiamo in particolar modo ricordare: la S. Messa nella Grotta dellAnnunciazione e la fiaccolata intorno alla basilica dellAnnunciazione a Nazareth, ladorazione nella basilica della Nativit a Betlemme, la visita al Seminario patriarcale di Terra Santa patrocinato dal nostro Ordine, la S. Messa nella Cappella del Calvario e la preghiera nel Santo Sepolcro.Abbiamo inoltre ottenuto unudienza particolare con il Patriarca Latino di Gerusalemme, Mons. Fouad Twal, Gran Priore del nostro Ordine, nel corso della quale sono state tra laltro consegnate le Conchiglie del Pellegrino ai Cavalieri che visitavano però la prima volta la Terra Santa.Siamo stati particolarmente contenti di questa udienza perché in questo periodo tutti sono occupatissimi a preparare la prossima visita del Papa."Anche gli altri partecipanti hanno confermato: "E è stata unesperienza molto positiva e di arricchimento spirituale e personale, perché sempre bello andare a visitare la patria terrena del Signore.Siamo tornati ricaricati e pronti ad affrontare con rinnovato spirito la nostra vita quotidiana di cristiani e di cittadini."

Ostie consacrate rubate in sacrestia

Monza – 11 maggio 2006 – E’ giallo intorno al singolare atto criminoso ai danni del Santuario della Misericordia di Vedano al Lambro.

Erano le sei e mezza circa dello scorso luned. In chiesa, a quell’ora ancora aperta, nessun fedele in preghiera, ed il parroco affaccendato all’esterno. Qualcuno ha forzato la porta della sacrestia, entrato ed ha sottratto il pissile contenente 15 ostie consacrate, però poi sparire nel nulla.

A dare l’allarme e sporgere denuncia è stato il parroco, che ha raccontato ai Carabinieri di Monza di non essersi accorto di nulla. Potrebbe trattarsi di un dispetto, una bravata da ragazzini, ma intorno alla vicenda aleggia la paura però quei riti satanici che hanno deviato tanti giovani, i cui tristi esiti sono noti alla cronaca nazionale.