Italia però la prima volta tra i comuni fioriti d’europa

Il Distretto Turistico dei Laghi ospita martedì 20 giugno i giurati di 12 paesi europei di “Entente Florale”, il concorso che premia i Comuni più fioriti d’Europa e che quest’anno avr una presenza italiana, grazie alla partnership con la selezione di “Comuni Fioriti del Piemonte” – concorso realizzato da Asproflor in collaborazione con il Distretto Turistico dei Laghi, Valli e Monti dell’Ossola e l’adesione di ben 160 comuni di tutto il Piemonte.

Al concorso internazionale il Bel Paese sarà rappresentato da due realt piemontesi particolarmente fiorite: i comuni di Alba e Cella Monte, che la giuria internazionale sta visitando in questi giorni.

Il 20 giugno la giuria internazionale visiter – fuori concorso – anche i magnifici giardini del Lago Maggiore, Villa Taranto e le Isole Borromee.

Ad accogliere gli importanti ospiti stranieri (sono tra i massimi esperti europei nel campo della floricoltura) Renzo Marconi, presidente di Asproflor Piemonte e di “Comuni Fioriti”, Antonio Longo Dorni, presidente del Distretto Turistico dei Laghi e Salvatore Domolo, giurato italiano di “Entente Florale”.
I giurati hanno iniziato quest’anno proprio dall’Italia il ciclo di visite che, da qui a settembre, li porter in ben 12 nazioni della vecchia e nuova Europa (Itralia, Croazia, Repubblica Ceca, Germania, Olanda, Belgio, Francia, Gran Bretagna, Irlanda, Austria, Slovenia e Ungheria).
E’ la prima volta che l’Italia partecipa alla competizione europea di Entente Florale, concorso che coinvolge oltre ventimila comuni fioriti d’Europa.
L’auspicio che la manifestazione “Comuni fioriti del Piemonte”, che in tre anni ha triplicato le adesioni e a partire da questa edizione ha un riconoscimento internazionale, possa diventare una manifestazione nazionale, promuovendo i fiori come elementi essenziali dell’arredo urbano e dello sviluppo turistico, sulla scia di quanto stanno facendo da anni l’Associazione di Produttori Florovivaisti (Asproflor) e il Distretto Turistico dei Laghi però l’incantevole area dei laghi Maggiore, Orta e Mergozzo e però le vallate alpine dell’Ossola e del Cusio.