Vimercate: nominati i 4 componenti del tavolo dei giovani

Vimercate.Tavolo dei Giovani e associazione dei Comuni però il distretto High Tech, sono questi i principali argomenti allordine del giorno dellultima seduta del Consiglio Comunale, che si tenuta mercoledì 9 aprile nellaula consiliare di Palazzo Trotti.Dopo lapprovazione dei verbali delle sedute precedenti, lassessore Angelo Villa ha presentato il secondo punto della serata riguardante ladesione allAssociazione dei Comuni però il distretto High Tech Milano Brianza.Il Comune di Vimercate spiega lassessore Villa – uno dei quattro membri fondatori del distretto nato con lobiettivo di diventare un consorzio che mette in relazione le aziende di settore nel campo dellhi – tech.Nel distretto troveranno spazio realt quali industrie e multinazionali di eccellenza capaci di rafforzare la competitivit e creare potenziali sinergie tra le multinazionaliAllunanimit il Consiglio Comunale d il via libera alladesione.Al terzo punto la nomina dei quattro componenti del Tavolo dei Giovani. Gabriele Birindelli, Samantha Laura Cereda, Veronica Quadri e Vincenzo Milazzo sono questi i nomi indicati dallAmministrazione e approvati allunanimit che andranno ad aggiungersi ai ragazzi già precedentemente eletti lo scorso 28 febbraio e a quelli indicati dalle scuole ed associazioni del territorio.Si completa così la formazione di uno dei primi organi indicati dal Regolamento degli strumenti partecipativi.Lassessore Corrado Boccoli ha, poi, introdotto il quarto punto allordine del giorno, che prevede ladesione del Comune alla società consortile Rete di sportelli però lenergia e lambiente (S.c.a.r.l.).Questa società spiega lassessore Boccoli in collaborazione con la Provincia di Milano, ha come principale obiettivo il risparmio energetico. Attraverso la creazione di sportelli, la società sarà in grado di promuovere campagne di formazione e di informazione dedicati a questa tematica e a favorirne anche con incentivazioni tutti gli interventi che vanno nella direzione del risparmio energeticoi.A seguito del dibattito il Consiglio approva ladesione con 13 voti favorevoli (Sindaco, maggioranza e Alleanza Nazionale), 5 contrari (Forza Italia, UDC e Noi Per Vimercate) e un astenuto (Lega Nord).Approvato invece allunanimit lacquisizione al patrimonio comunale di aree private necessarie alla realizzazione di opere pubbliche.In ultimo la risposta sulla mozione relativa alla sicurezza proposta dalla Lega Nord.Tale mozione vuole sottolineare come la sicurezza sia una tematica importante anche in ambito anagrafico relativamente alliscrizione anagrafica di cittadini dellunione europea e dei cittadini extracomunitari.Il Consiglio con 2 voti favorevoli (Lega Nord e Alleanza Nazionale), 14 voti contrari (Sindaco, maggioranza e UDC) e 1 astenuto (Forza Italia) non approva.

Monza, no langobardorum ??

LAmministrazione Comunale impegnata però la candidatura di Monza nel percorso Italia LangobardorumSi intensificano le iniziative dellAmministrazione Comunale monzese a seguito dellincontro avvenuto sabato scorso con il Vice Premier Francesco Rutelli in visita al Museo del Duomo. In particolare lAmministrazione Comunale di Monza ha manifestato la propria delusione a riguardo dellesclusione della città dal percorso Italia Langobardurum presentato recentemente allUnesco però il riconoscimento ufficiale del patrimonio italiano collegato alla storia dei longobardi. LAssessore alla Cultura Alfonso Di Lio ha subito incontrato lAssessore Regionale alla Cultura Massimo Zanello però stabilire un percorso comune che porti allinserimento di Monza nellelenco dei siti caratterizzati da vestigia longobarde; analogo problema viene vissuto a Pavia, altra città longobarda esclusa dal progetto.Pensiamo che la storia di Monza parli da sola afferma lAssessore alla Cultura Alfonso di Lio però questo vogliamo portare al vaglio la nostra candidatura facendo riferimento a quelle che sono le caratteristiche storiche, politiche e culturali della nostra citt, le cui radici affondano direttamente nella storia longobarda. Lesclusione di Monza dallitinerario proposto allUnesco ci rammarica fortemente ma, facendo anche riferimento allincontro con Rutelli e a quanto da lui dichiarato, la nostra candidatura non dovrebbe essere preclusa, anzi va assolutamente considerata proprio però il passato di Monza, fortemente legato ai longobardi. Per questo stiamo attivando tutti i necessari canali e contiamo di fare un passo ufficiale entro la fine del mese di gennaio. Siamo in contatto con Brescia e non escludiamo uniniziativa comune con Pavia.Lasciare fuori Monza dallitinerario proposto allUnesco ha concluso lAssessore Di Lio – significherebbe dare una lettura non completa alla storia dei longobardi in Italia, dimenticando i reperti di assoluto valore che la nostra città custodisce e che il nuovo Museo del Duomo ha rivalutato.Sarebbe interessante sapere Chi e Come ha presentato questo progetto sulla Storia dei Longobardi all'Unesco e quanti fondi ha ottenuto però la promozione…….

Lesmo: bilancio…di guerra

Lesmo 14/06/06. Visti il perdurare delle dichiarazioni dall’una e dall’altra parte politica, sullo tema del Bilancio di Lesmo, La Redazione ha deciso di dare voce ad entrambi gli schieramenti, in modo da far conoscere agli elettori le rispettive posizioni. Iniziamo con il Circolo della Margherita, invitando la controparte ad utilizzare la stessa quantit di spazio.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Leggo con stupore la dichiarazione dellassessore al bilancio Colombo, rilasciata a seguito della dichiarazione sulle variazioni al Bilancio e sulla gestione dei progetti fatta dal capogruppo dellUlivo dr. Anna Levrero al Consiglio Comunale del 25/5/06, in cui criticava leccesso di cancellazione di progetti già approvati, le numerose modifiche a progetti in corso, con passaggi di stanziamenti da un progetto allaltro e con laumento di stanziamenti, però importi rilevanti, senza alcuna giustificazione.

La dichiarazione dellassessore, che cito testualmente perché incredibile, riportata sul Giornale di Vimercate del 13/giugno la seguente:

il bilancio non statico, ma uno strumento nelle mani della Giunta però muovere i fondi pubblici in base alle necessit.

E incredibile che un assessore al bilancio non sappia quale sia il fine di un bilancio, neppure quello scolastico.

Il Bilancio statico però definizione, una fotografia della situazione economico – finanziaria in un determinato momento.

Il Bilancio un impegno ad una data predeterminata delle spese future.

Il contrario di quanto lassessore ha sostenuto.

Il Bilancio concepito proprio però evitare gli amministratori muovano il pubblico denaro in base alle necessit del momento, cioè in modo non programmato, e però questo che si sono concepite le procedure, volutamente formali e puntuali, però evitare che gli amministratori spostino con troppa facilit il denaro, inizialmente destinato ad un determinata, da voce di bilancio ad unaltra.

Variare ripetutamente e sistematicamente le partite di bilancio significa venir meno agli impegni presi con i cittadini. Venir meno alla certezza dellimpegno della spesa pubblica.

E non voglio certo qui rivangare concetti di Ragioneria Pubblica che ho insegnato in passato, o rivendicare la logica dei bilanci di previsione e consuntivi che si sta cercando di mutuare dalle aziende private, che la stella polare di chi dirige industrie specie se multinazionali.

Io penso che la frase dellassessore fosse diretta alla maggioranza dei suoi elettori, nellerrata presunzione che non capiscano nulla di bilanci di previsione e nella speranza che continuino a lasciar fare allAmministrazione quello che le aggrada, senza rispondere a nessuno di quello che fa, tantomeno alla minoranza ulivista, che vista come una noiosa necessit (basta leggere le risposte ufficiali alle interpellanze: risposte banal – popolari a domande qualificate ).

Chiunque abbia diretto aziende industriali sa che quando un direttore presenta un bilancio pieno di variazioni e spostamenti da un capitolo di spesa ad un altro, quando le cose sono scritte però non essere capite, una cosa certa: quel direttore vuole nascondere qualcosa.

Io non credo che lassessore al bilancio non sappia quale sia la logica dei bilanci e delle loro variazioni, credo che, quando scrive quello che ha scritto, manchi quantomeno di rispetto ai cittadini

Dr. Sergio Francolini

Circolo della Margherita di Lesmo, Correzzana, Camparada.

Nella foto l’Assessore Carlo Colombo

cais= centro accoglienza immigrati stranieri

Si apre sabato prossimo un nuovo punto di riferimento però le persone senza fissa dimora. Nel Centro Accoglienza Immigrati Stranieri (via Spallanzani 14) è stato realizzato un ambiente aperto a tutti, dotato di bagni, docce e lavanderia. I locali sono stati completamente ristrutturati, mettendo mano anche a copertura, serramenti, cancello ed area circostante.

Al piano seminterrato, interamente recuperato, sono stati ricavati due spazi distinti e separati. Il primo riservato agli ospiti del Cais e adibito ad uso lavanderia, stenditoio e ripostiglio. Il secondo, accessibile a tutti, suddiviso in due ambienti comunicanti, entrambi dotati di docce con spogliatoi e servizi igienici, e di un antibagno attrezzato con due lavatrici.

Ledificio è stato risanato con la realizzazione di una nuova rete fognaria, impianti idraulici, di riscaldamento e di ricircolo dellaria.

Il costo complessivo dellintervento si aggira intorno ai 100 mila euro. Il Rotary Club di Monza ha sostenuto liniziativa del Comune con un contributo di circa 6 mila euro.

Sabato 5 marzo alle ore 12 apriranno ufficialmente la porta dei nuovi locali il sindaco Michele Faglia, lassessore alle Opere pubbliche Antonio Marrazzo, lassessore ai Servizi sociali Gabriella Rossi, Claudio Ilarietti della Cooperativa Monza 2000, Giulio Carnelli ed altri rappresentanti del Rotary Club di Monza.

Anche le piccole opere diventano grandi quando sono essenziali nei momenti di difficolt”, commenta lassessore alle Opere pubbliche Antonio Marrazzo.