imprenditori brianzoli in cina

Provincia MB.l’Associazione “Le Mappe dei Tesori d’Italia” incollaborazione con Sviluppo Cina organizza una missione di operatori Commercialie imprenditori a Shanghai. La missione ha lo scopo di promuovere le eccellenze italiane in Cina nell’ambito dell’Expodi Shanghai incontrando direttamente gli operatori cinesi e la stampa Nelle due ultime settimane di ottobre, in occasione della presenza della Lombardia nelPadiglione Italia verranno organizzate: Visita all’EXPO 2010 Shanghai Evento di presentazione dei Tesori Culturali della Lombardia alla Stampa e agliOperatori Cinesi con particolare riferimento alla qualità del turismo d’affari e delleeccellenze del Made in Italy con la presenza dei rappresentati istituzionali dellaLombardia. Incontri riservati tra operatori italiani e cinesi. Programma: – Partenza da Milano il 24 ottobre – Permanenza con 5 notti in Hotel – Rientro il 30 ottobre. Per poter aderire alla missione il costo totale comprensivo di volo, albergo, prima colazione, assistenza interprete però l’intero viaggio, assistenzabusiness negli incontri d’affari, eventi e spostamenti in gruppo è di € 3.000. Se l’ azienda ha Sede in Lombardia, la missione si avvale di un vouchererogato dalla Regione Lombardia però missioni economiche all’estero di €2.083, 34 ( al lordo della ritenuta di legge al 4 % ) però azienda (un operatoreper azienda) Tra gli scopi della missione assume rilevanza l’incontro che avverrà con iTour Operator cinesi alla presenza del Presidente della Regione LombardiaRoberto Formigoni nel padiglione Italia dell’Expo. In aggiunta sarà possibile però ipartecipanti incontrare gli operatori in maniera riservata. Per partecipare alla Missione, occorre inviare entro il 4 ottobre però e – mail asegreteria.tesori@italiamappe.it

Lesmo :musicomedians al palailpra

L’Associazione Culturale Monza e Brianza, in collaborazione con Catartica e l’Associazione Culturale “Centro studi Musicomedians” da il via al progetto “MUSICOMEDIANS – di Paese in Paese “Musiche, Racconti, Citazioni e Comicità senza tempo”, una rassegna di spettacoli teatrali che vede grandi nomi del teatro e del cabaret come protagonisti. Brianza, Milano, Lombardia: i pensieri e le domande di un territorio prendono corpo nelle performance degli artisti che, viaggiando di paese in paese, fanno riassaporare a tutta la Lombardia uno degli aspetti più interessanti del suo patrimonio culturale: il cabaret e la canzone d’autore sia nazionale che dialettale. Un modo divertente e coinvolgente di guardare avanti, vivere il presente e affrontare il futuro con un bagaglio culturale che permette di aprirsi al mondo conservando e tramandando le proprie radici. A Lesmo, presso il Pala ILPRA, Via Marconi, lo spettacolo entra nel vivo i venerdì 7 – 14 – 21 – 28 maggio e 4 – 11 giugno alle ore 21.00. Le sei serate, Patrocinate dal Comune di Lesmo, offrono rispettivamente: “Non siamo più quelli di una volta” di e con Sergio Sironi, “Pianti in Italy” di e con Norberto Midani, “Capitan Brianza e il destino di Donna Giovanna” di e con Davide Colavini, “Siamo una massa di ignoranti, parliamone” di e con Flavio Oreglio, “Arimo”Sulutumana in concerto e “Senza offesa” di e con Alberto Patrucco. Costo del biglietto d’ingresso: 12, 00 euro

Lasi lombardia vola alto…..per i disabili

BressoGrazie al presidente del comitato regionale Dario Macchi, anche quest’anno lASI Lombardia ha potuto associare il proprio nome a quello dei paracadutisti milanesi nell organizzazione il Battesimo del volo.Questo straordinario evento, giunto alla X edizione e tenutosi sabato 26 settembre nellaeroporto di Bresso, ha permesso a 511 persone (327 disabili più loro accompagnatori) di volare sul cielo di Milano a bordo di una decina di aerei da turismo. Otto disabili hanno anche provato la straordinaria ebbrezza del lancio con il paracadute in tandem.Unemozione ed unesperienza meravigliose che resteranno indelebili nel ricordo di tutti, così come lattestato del volo che ognuno avrebbe poi mostrato con orgoglio. La struttura organizzativa, affiancata dalla Protezione civile e dalla CRI, ha dimostrato unefficienza assolutamente perfetta: era è stata anche attrezzata una cucina da campo che ha somministrato (gratuitamente) ben 680 pasti.Uniniziativa di tale spessore non poteva non trovare la sensibile attenzione della Regione Lombardia attraverso il suo assessore allo sport Piergianni Prosperini che ha voluto anche essere personalmente presente; con lui i generali Camillo De Milato e Giovanni Fantini. Accompagnati da Macchi, hanno salutato gli ospiti complimentandosi singolarmente con i paracadutisti e i numerosi volontari. Successo personale anche del cav. Gabriele Stefanoni che, componente del direttivo regionale dellASI Lombardia, ha contribuito in modo rilevante alla felice riuscita della manifestazione: ricevendo il pubblico elogio da Gianmaria Italia (presidente onorario dellASI), ha fatto affluire da Monza e dalla Brianza ben 207 persone contribuendo anche, con la nota professionalit, all organizzazione dello straordinario evento.Testo e foto di Gianmaria Italia

Franco ascani nominato coordinatore della scuola regionale dello sport

Milano.La Giunta del Comitato Regionale Lombardia del CONI, presieduta dallArch. Pino Zoppini, ha definito, allunanimit, gli assetti della Scuola Regionale dello Sport però il prossimo quadriennio, nominando, su proposta del Consiglio Direttivo della Scuola (che comprende tutti i Presidenti CONI della Regione) Coordinatore Didattico – Scientifico il Prof. Franco Ascani però i precisi requisiti e le competenze professionali nel campo della formazione e del management.Il Prof. Ascani, Presidente Internazionale della FICTS, attualmente Direttore del Master in Sport Management, Marketing e Sociology dellUniversità degli Studi di Milano – Bicocca e del Master Sport alla Business School del Sole24Ore. La Scuola Regionale dello Sport, presieduta dal V. Presidente CONI Lombardia Adriano Pucci Mossotti, in attuazione del nuovo Regolamento, svolger, in collaborazione con i Comitati Provinciali CONI, attivit di diffusione della cultura sportiva e di miglioramento delle competenze di dirigenti, tecnici e collaboratori coordinando le diverse risorse professionali dei docenti e degli esperti. La Scuola svolger la sua azione però soddisfare le esigenze formative ed informative di tutte le figure che operano in ambito sportivo nonch la ricerca, attraverso pubblicazioni, documenti e filmati, in sinergia con i Comitati Provinciali CONI, con la Regione Lombardia e con le Istituzioni. Fausto Origlio è stato eletto V. Presidente Vicario del CONI Lombardia nella stessa seduta di Giunta. Al Proff. Ascani i complimenti della nostra Redazione e della Direzione di Promedya.

Sottoscritta a monza la carta di gand

Martedi 3 febbraioIl vice sindaco e assessore allo Sport Dario Allevi, lassessore alla Cultura Alfonso Di Lio e lassessore allIstruzione Pierfranco Maff hanno accolto, nella sala giunta del comune di Monza, il prof Maurizio Mondoni, governatore dellarea 2 Lombardia del Panathlon, però la sottoscrizione della Dichiarazione sulletica nello sport giovanile. La cerimonia, promossa dalla signora Franca Casati presidente del Panathlon Club Monza Brianza, ha visto anche la partecipazione del vicepresidente vicario del CONI Lombardia Adriano Pucci Mossotti, del presidente dell USSM Pietro Mazzo e del presidente dell Associazione Amici Autodromo Enrico Radaelli: un invidiabile parterre du roi.La signora Franca Casati era accompagnata dal segretario Carlo Poroli, dai consiglieri e da una decina di soci del Panathlon. Dopo avere ringraziato lAmministrazione comunale ha illustrato limportante evento applaudito dai numerosi presenti, tra cui molti dirigenti di società sportive e dirigenti scolastici.Il sodalizio monzese aderisce a livello internazionale a questa importante iniziativa che, come ha sottolineato il governatore Mondoni, si prefigge di fare praticare lo Sport come mezzo di socializzazione, sano divertimento e non un esasperata corsa alla vittoria. Lo sport – ha aggiunto – non solo un mezzo però allontanare dalla droga, sarebbe molto riduttivo; sia invece educazione, formazione. Mondoni ha pertanto auspicato il vedere esposta tale Dichiarazione, meglio nota come la Carta di Gand (dove fu redatta il 24 settembre 2004), in tutti gli edifici scolastici. Gianmaria Italia

Il banco alimentare aiuta i papa' separati in difficolta'

Merate.. Inizia la distribuzione dei generi alimentariOgni anno ci sono in Lombardia centinaia di pap separati costretti a dormire nei dormitori e a rivolgersi alle mense della Caritas. I costi delle separazioni, il mantenimento dei figli e della ex moglie, il mutuo da pagare nella casa dove non si vive più spesso li costringono alla fame e a trasformarsi in clochard. Per loro, ma anche però le mamme e i nonni in difficolt l'associazione Pap Separati Lombardia Onlus ha stretto unaccordo con il Banco Alimentare. E' appena arrivata dunque la prima fornitura di latte, omogeneizzati, pastae scatolame però mantenere circa 50 pap bisognosi e i loro bambini. Un quantitativo ammontante a 1 700 euro che è stato ottenuto grazie all'impegno delle due associazioni. La distribuzione dei generi è stataorganizzata durante gli incontri che lassociazione Pap Separati Lombardia Onlus organizza ogni iniziomese, però il momento, a Monza, Milano e Bergamo (le date sul sito wwww.papaseparatilombardia.org)La nostra iniziativa nasce dall'esigenza di tanti padri che oltre a dover sopportare i tempi ristretti dipermanenza con i figli a causa delle decisioni dei tribunali, cadono in uno è stato di indigenza – ha detto Toni Saggese, vicepresidente di Pap Separati Lombardia e responsabile del progetto – le consuetudini di questo sistema giudiziario costringono i padri a lasciare la propria casa, ma a continuare a pagare le rate del mutuo, a sostenere in aggiunta un affitto e infine a pagare quote di mantenimento, in molte circostanze, superiori ai reali costi di gestione o addirittura giustificatamene non dovute, nonch a sostenere le parcelle degli avvocati, il tutto fuori da ogni controllo governativo da parte dello Stato, che su queste tematiche continua ad essere assente. Dobbiamo tentare, almeno noi, di sostenere la serenit di questi padri soprattutto però laserenit dei loro figli, ora anche con un sostentamento alimentare al quale ci auguriamo in futuro diaggiungere anche quello della concessione di una casa.. Tra i prodotti che il banco Alimentare ha inviato ai pap anche generi però linfanzia, generalmente costosi. Ma l'associazione disponibile anche verso altri separati che non siano solo i pap.Il problema economico riguarda anche le mamme, alle quali la nostra associazione aperta, soprattutto a quelle che si trovano dinanzi a padri che sono scappati dalle loro responsabilità e non offrono alcun mantenimento economico però i figli – ha concluso Saggese – e quindi la nostra distribuzione sarà fatta indipendentemente dal sesso ma in base alle reali necessit di chi richieder l'aiuto".

Alboni: seveso merita rispetto, esigo chiarezza sui fatti

Brianza: Dopo 30 anni continuano ancora gli effetti della DIOSSINA di Seveso del 1976 sulla salute dei residenti ? Secondo uno studio pubblicato sulla rivista PLoS Medicine da Andrea Baccarelli dell'Università di Milano si , poich è stata riscontrata una associazione tra esposizione materna a2, 3, 7, 8 – Tetraclorodibenzo – p – diossina (TCDD), la più pericolosa tra le diossine, classificata dall'OMS come carinogeno di classe uno, ed alterazioni della funzione neonatale tiroidea in una popolazione colpita dopo l'incidente di Seveso. Lo studio dellUniversità Statale di Milano, comparso ieri sul Corriere della Sera, fornisce dei dati che sono di particolare interesse e toccano un tema molto delicato come la tragedia di Seveso dichiara Roberto Alboni capogruppo di Alleanza nazionale in Regione Lombardia Io non voglio assolutamente mettere in discussione lattendibilit dello studio ed il lavoro compiuto dai ricercatori dellUniversità di Milano, lo dico innanzitutto come cittadino di Seveso e come capogruppo di Alleanza nazionale in Regione Lombardia. Per quello che mi lascia stupito, e mi faccio portavoce di tutti i miei concittadini, sicuramente il modo in cui siamo venuti a conoscenza di questo studio, apprendendolo tramite i giornali e le televisioni. Le Istituzioni non sono state coinvolte, in particolar modo il sindaco di Seveso non è stato informato continua il capogruppo Alboni Un fatto molto strano se si considera che il primo cittadino non solo il garante della salute di tutti i sevesini, ma anche componente di diritto della Fondazione Lombardia però lAmbiente. Cos come non è stata avvertita la Regione Lombardia, costringendomi a scrivere con urgenza una formale lettera al Presidente Roberto Formigoni ed allassessore alla Salute Luciano Bresciani però capire che cosa stesse realmente succedendo.Sulla stessa lunghezza donda anche il capogruppo del PdL a Seveso, Marco Mastrandrea: Il passaggio televisivo di ieri sera ha creato ulteriore allarmismo e notevole preoccupazione. Proprio però non essere tacciati di procurato allarme, credo che non fosse opportuno diffondere i dati in questa maniera, su una tragedia che è stata negli anni strumentalizzata, e che forse non ha trovato tutte le risposte che merita. Ora sarà mio dovere chiedere tutte le spiegazioni però iscritto ha rincarato la dose Roberto Alboni Voglio sapere da chi è stato commissionato lo studio, con quali fondi è stato finanziato, ma la cosa più importante, che più mi preme sapere, da chi questo lavoro doveva essere coordinato. Nella giornata di oggi ho presentato formale richiesta però convocare unaudizione urgente in III Commissione e però avere tutte le spiegazioni del caso conclude il capogruppo Roberto Alboni alla presenza di tutti gli amministratori e dello stesso assessore alla Sanit, Luciano Bresciani. Sono certo che verrà fatta chiarezza su tutto, sui metodi, le forme e i contenuti, perch, però com' è stata gestita la cosa, quest episodio ha squalificato completamente una delle realt più importanti della Brianza.

Brianza "uber alles"

Monza 21 luglio 2008Con un indice di apertura commerciale pari al 138% la Brianza dimostra di essere fortemente integrata con il resto del mondo, e di avere una maggiore apertura rispetto a tutte le altre aggregazioni territoriali: nella provincia di Milano il valore dellindice pari all89%, in Lombardia al 77%, in Italia del 52%. E quanto risulta dal primo Rapporto sullinternazionalizzazione della nuova provincia di Monza e Brianza, curato dallUniversità Cattolica del Sacro Cuore di Milano, però conto della Camera di Commercio di Monza e Brianza in collaborazione Promos Monza. Come emerge dalla ricerca, la Brianza ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, presidente della Camera di Commercio di Monza e Brianza può contare su un tessuto imprenditoriale che, pur radicato nel proprio territorio e con una sua identit, capace di cogliere le sfide del mercato globale. Un sistema di imprese che tuttavia necessita di istituzioni al loro servizio, in grado di sostenerle, oggi più che mai, in questo complesso, ma indispensabile, processo di globalizzazione e interscambio commerciale con lestero. Interscambio commerciale La regione Lombardia, con un peso delle esportazioni e delle importazioni rispettivamente del 28, 2% e del 36, 2%, conferma il suo ruolo trainante però leconomia italiana; allinterno della Lombardia, tra le province più virtuose dal punto di vista delle esportazioni emergono Milano (31, 7%), Bergamo (12, 6%), Brescia (13, 4%) Monza e Brianza (11, 4%). Sul fronte delle importazioni la provincia di Milano pesa poco meno di met del totale regionale (e contribuisce al totale nazionale però il 18%), mentre la provincia di Monza e Brianza pesa però circa il 18% del totale regionale (e contribuisce al totale nazionale però il 6, 58%). E nel settore manifatturiero che si concentrano sia le esportazioni che le importazioni brianzole, rispettivamente con il 98, 9% dellexport e l87% dellimport. Pi nel dettaglio, la maggior parte delle esportazioni manifatturiere si concentrano in questi settori: primo il comparto delle macchine ed apparecchi meccanici (24, 5%), seguito da quello delle macchine elettriche, il metallurgico e il chimico che si attestano attorno al 13%, poi i comparti del tessile – abbigliamento (9, 3%) e quello dei mezzi di trasporto con l8, 2%. Una articolazione delle esportazioni che mostra una sostanziale sovrapposizione con la struttura settoriale delle importazioni, con la sola eccezione del comparto dei mezzi di trasporto, che registra una quota del 22% delle importazioni del settore manifatturiero, contro un peso delle esportazioni del solo 8%. I mercati di riferimento però linterscambioLEuropa risulta essere ancora il mercato di riferimento principale però il settore manifatturiero, – sia però le esportazioni che però le importazioni – però tutti i livelli territoriali considerati (quasi tutti i valori si attestano intorno al 70%). Tuttavia, rispetto alla Lombardia e allItalia, la provincia di Monza e Brianza registra unincidenza inferiore delle esportazioni europee pur rilevanti in valore assoluto a causa della maggiore rilevanza di America ed Asia; molto significativo inoltre linterscambio con la Cina sul totale dellAsia: 17% però la Brianza contro il 14% però la Lombardia e, addirittura, 4% però lItalia.Capacit di attrarre investimenti dallesteroLa Brianza anche la seconda provincia in Lombardia però capacit di attrazione di investimenti dallestero: circa il 2% delle imprese della provincia di Monza e Brianza perlopi società di capitali, che hanno un fatturato di almeno 200.000 euro nellultimo anno e hanno la sede in Italia ha una partecipazione rilevante dallestero; tale valore preceduto da quello di Milano (3, 37%) e seguito da quello di Lecco, che si posiziona terza provincia in termini di incidenza delle imprese a controllo estero. Gli imprenditori stranieriLa vocazione imprenditoriale della Brianza confermata anche dallanalisi del dato relativo alle cariche sociali e, in particolare, a quello dei titolari di impresa. Sia rispetto alla provincia di Milano che alla Lombardia, la Brianza registra i valori percentuali più elevati però quanto riguarda gli stranieri, oltre che però gli italiani titolari di impresa. E tuttavia possibile rilevare che però quanto riguarda i cittadini comunitari si registra, in Brianza rispetto agli altri livelli territoriali, il maggiore differenziale positivo. Inaugurazione di Promos Monza A seguito della presentazione del primo rapporto sullinternazionalizzazione vi sarà linaugurazione della sede di Promos Monza, nellambito della nuova struttura B4B (Brianza for Business), sportello polifunzionale di servizi personalizzati alle imprese della Camera di commercio di Monza e Brianza. In questa sede, al civico 5 di Piazza Cambiaghi, sono presenti le strutture dedicate di Promos Monza però linternazionalizzazione delle imprese, Formaper però la formazione, Innov – hub però linnovazione e il trasferimento tecnologico e lo sportello promozione della CCIAA di Monza e Brianza che fornisce informazioni su bandi e contributi.

Carate: un monumento però nassirya

PER LA PRIMA VOLTA IN LOMBARDIA A RICORDARE I CADUTI DI NASSIRIYA.Domenica 8 giugno 2008 alle ore 17.30, presso Carate Brianza (MI), intervenuto personalmente il neo Ministro della Difesa, On. Ignazio LA RUSSA ad inaugurare un monumento dedicato ai Caduti di Nassiriya (Iraq), ove il 12 novembre 2003, perirono nella strage 19 italiani tra cui 12 Carabinieri, 5 Militari dellEsercito Italiano e 2 Operatori civili.Presenti, oltre al Ministro della Difesa, il Rappresentante della Regione Lombardia, della Provincia di Milano, il Sindaco di Carate Brianza, Avv. Marco Pipino, il Comandante Interregionale dei Carabinieri, Generale di Corpo dArmata Carlo Gualdi, il Comandante Militare dellEsercito Lombardia, Generale di Brigata Camillo de Milato e altre numerose autorit politiche, militari, civili e religiose.Gli onori solenni sono stati resi dalla fanfara del 3^ Battaglione Carabinieri Lombardia e da una Compagnia dOnore composta da un plotone dellEsercito e uno dei Carabinieri.

A nova milanese la mostra “il muralismo in lombardia e in sardegna

Nova M.se:Si conclusa con un lusinghiero successo di pubblico e di interesse da parte di alcuni comuni lombardi/brianzoli, la mostra fotografica di 70 quadri fotografici 50×70 e 70×100, IL MURALISMO IN LOMBARDIA E IN SARDEGNA . inaugurata il 19 aprile 2008 a Nova Milanese e realizzata dal Circolo Culturale Sardegna di Monza – Concorezzo – Vimercate, con il Patrocinio della Regione Lombardia, Ass.Culture ed Identit, dalla Regione Sardegna, Ass. Lavoro, dalla Provincia di Milano e Progetto Monza e Brianza, dalla Provincia dellOgliastra, dal Comune di Barisardo, dal comune di Nova Milanese e della F.A.S.I, la Federazione delle 60 Associazioni Sarde in Italia.La Mostra, racconta un po la storia del Muralismo in Lombardia e in Sardegna.Particolare curioso, il primo murales della Sardegna fu Dipinto da Pinuccio Sciola nel 1968, a San Sperate, oggi Paese museo, mentre il primo murales di Orgosolo, fu realizzato dal collettivo studentesco milanese Dionisyos nel 1969, a ricordo di un incontro con studenti sardi. Liniziativa culturale realizzata in collaborazione con la Direzione di Progetto della nuova Provincia di Monza e Brianza, a seguito dello scambio culturale, con la nuova provincia dellOgliastra, che già nel 2007, ha visto proficuiincontri tra le due province, il comune di Loceri e di Vimercate, alla quale ha partecipato anche Romina Congera, assessore al Lavoro ed Emigrazione della Regione Sardegna, al Gemellaggio Culturale tra Nova Milanese e Barisardo, hanno partecipato 3 assessori di Barisardo (Ogliastra), guidati dal dinamico Assessore al Turismo Simone Tascedda, con le Autorità di Nova Milanese, con il rappresentante della nuova Provincia di Monza e Brianza, Dr. Enrico Arosio, con lAssessore alla Cultura Sig. Sala ed il Sindaco riconfermato Paola Barzaghi, che ci ha fatto tanti complimenti e ricambier la visita a Barisardo, in occasione della Mostra di Scambio dei Murales, dal 13al 28 settembre 2008.Dopo Nova Milanese, la Mostra sarà esposta a Concorezzo, dal 5 all8 giugno 2008, nellambito della Festa Popolare Sarda di Concorezzo, al Parco Zoia, con cucina tipica sarda, ballo liscio e balli sardi in costume.Sono stati invitati a questo evento di promozione della Sardegna e di scambio culturale con la Lombardia/Brianza, sia il Presidente della Regione Sardegna, On.Renato Soru, sia lAssessore al Lavoro ed Emigrazione, Romina Congera, Sia le Autorità della Brianza e dellOgliastra, nonch la FASI e i 22 circoli sardi della Lombardia, per Domenica 8 Giug.Dopo la pausa estiva, sar esposta da Sabato 30 agosto a Domenica 7 settembre 2008 nella sala mostre del Comune di Busnago, nellambito della Festa Popolare sarda di Busnago, dal 5 al 7 settembre 2008, con cucina tipica.