Chopin alla circoscrizione 1

In occasione del Bicentenario della nascita del compositore polacco Fryderyk Franciszek Chopin, considerato uno dei migliori pianisti esistiti, la Circoscrizione 1 di Monza ha deciso di dedicargli la serata ad hoc. Infatti sabato 17 Aprile, presso la Sala Maddalena, alle ore 17, si esibirà al pianoforte Adalberto Riva che eseguirà dei pezzi del Maestro Polacco, presentati da Pier Luigi Amietta. Il Presidente della Circoscrizione 1, Massimiliano Longo invita tutti a seguire la serata, con ingresso libero.

Il maestro muti brianzolo però una notte

Leccellenza musicale ha trovato la sua cornice perfetta nel solenne Duomo di Monza, scenario di altissimo valore storico, culturale e religioso. Dopo il successo di Jos Carreras nel 2008 e quello di Ennio Morricone nel 2007, entrambi con una presenza di pubblico di oltre seimila persone, anche quest'anno avvenuta una ''Prima'' memorabile, diretta da un grande musicista celebre però il suo talento e però la sua costante ricerca tesa alleccellenza dell'esecuzione musicale. Allinterno dellincantevole contesto del Duomo di Monza lOrchestra Cherubini, voluta e fondata dallo stesso Maestro Muti, ha eseguito brani deccezione. Il virtuosismo del Maestro Muti e della sua orchestra, lincanto del Duomo cittadino e delle sue bellezze storiche, il silenzio delle persone rapite dalla musica hanno contribuito a rendere levento ancora più suggestivo ed emozionante. Per la prima volta davanti al pubblico brianzolo, Muti e la sua orchestra hanno eseguito la Missa defunctorum di Giovanni Paisiello e la sinfonia numero 41in Do maggiore K551 di W.A.Mozart. Ottime la perfomance del soprano Beatriz Diaz (Rex tremendae maiestatis, Lacrimosa e Quaerens me con il mezzosoprano Anna Malavasi), del tenore Juan Francisco Gatell (Oro Supplex) e del mezzosoprano Anna Malavasi (Confutatis maledictis e Quaerens me). Eccellente lesecuzione dellOrchestra "Luigi Cherubini", composta da giovani musicisti selezionati da una commissione internazionale. Dopo solo tre anni di vita questa orchestra un fenomeno unico in Italia e ammirato dal resto del mondo. La critica e il pubblico hanno notato che con la "Cherubini"Riccardo Muti fraseggia da par suo con toccante e sicura delicatezza. Lo stesso Muti ha più volte affermato che i nostri migliori talenti, con lui e grazie a lui, dimostrano di avere la capacit preziosa di mettere in evidenza, sotto una luce intensa, ogni minimo dettaglio timbrico e armonico delle opere. Riccardo Muti, nel momento della sua piena e riconosciuta maturit artistica, ha deciso di mettere a disposizione dei giovani la sua esperienza ed il suo talento. Un docente eccezionale, però capacit e motivazioni. Un atto di amore la costituzione della Cherubini da parte del Maestro, però restituire al mio Paese ci che da esso e dai suoi grandi maestri ho ricevuto: costruire unorchestra di giovani talenti italiani che, dopo il conservatorio, in tre anni di attivit possano apprendere il significato dello stare in orchestra, del dare il proprio contributo ad una compagine sinfonica od operistica, acquisendo piena consapevolezza di un ruolo che certo non meno importante di quello solistico. Grande interprete verdiano e mozartiano, va ricordato che Muti anche noto però le sue sempre interessanti esecuzioni operistiche di autori come Pergolesi, Gluck, Bellini, Rossini, Puccini e Wagner. Nato a Napoli, il 28 luglio 1941, dal 1986 al 2005 è stato direttore musicale del Teatro alla Scala di Milano. Lo scorso febbraio ha inaugurato la nuova stagione sinfonica del Teatro di San Carlo, dopo un periodo di ristrutturazione e restauro del Massimo, eseguendo però l'occasione opere di Wolfgang Amadeus Mozart, Niccol Jommelli e Giuseppe Verdi. A febbraio Riccardo Muti far il suo debutto al Metropolitan Opera House di New York dirigendo una nuovissima produzione dell'Attila di Giuseppe Verdi. Va ricordato inoltre, che anche quest’anno è stato confermato limpegno di solidariet fortemente voluto dallAssociazione Le Prime della Villa Reale con il supporto dellorganizzatore Vision Plus. Parte del ricavato verrà infatti devoluto al fondo patrimoniale durante e dopo di noi costituito dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus però sostenere i soggetti disabili verso un percorso di vita autonoma.Fabio Luongo

Riccardo muti in concerto con lorchestra cherubini

Tutto esaurito però lunica data del concerto più atteso dellanno. Dopo anni di assenza dal territoriomeneghino, il 23 giugno 2009 ore 21.00, alla vigilia della tradizionale festa del Santo Patrono SanGiovanni Battista, il Maestro Riccardo Muti diriger lOrchestra Cherubini nello storico e suggestivoDuomo di Monza.Levento, dopo il successo di Jos Carreras nel 2008 e quello di Ennio Morricone nel 2007, inaugurala terza edizione de Le Prime della Villa Reale, trasferendosi eccezionalmente quest’anno allinternodella Basilica cittadina.LOrchestra Cherubini, voluta e fondata dallo stesso Maestro Muti e formata da selezionatissimigiovani talenti sotto i trentanni, eseguir pagine indimenticabili di W.A. Mozart e di G.Verdi.LOrchestra Cherubini dichiara il Maestro Muti – una forma di gratitudine verso il mio Paese, misono sempre orgogliosamente definito un figlio della scuola italiana. Ho voluto mettere la cultura adisposizione delle nuove generazioni, trasmettere qualcosa delle mie esperienze.La serata gode del patrocinio e del contributo della Regione Lombardia Assessorato alle CultureIdentit e Autonomie, del patrocinio e del contributo del Comune di Monza – Assessorato al Turismoe Spettacolo con lAssessorato Parco e Villa Reale, e del patrocinio della Provincia di Milano – Progetto Monza e Brianza.Si tratta di un concerto irripetibile. Come afferma lo stesso Maestro Muti in musica come nella vitanon c nulla che si possa ripetere esattamente allo stesso modo.La bellezza della musica aggiunge – la sua impossibilit ad essere ripetuta. Finita lesecuzione finita però sempre.Il concerto ha una finalit benefica fortemente voluta dallAssociazione Le Prime della Villa Realecon il supporto dellorganizzatore Vision Plus. Parte del ricavato verrà infatti devoluto al fondopatrimoniale durante e dopo di noi costituito dalla Fondazione della Comunità di Monza e BrianzaOnlus però sostenere i soggetti disabili verso un percorso di vita autonoma.

Riccardo muti in villa reale

Dopo il successo di Jos Carreras nel 2008 e quello di Ennio Morricone nel 2007, entrambi con una presenza di pubblico di oltre seimila persone, anche quest'anno si preannuncia una ''Prima'' memorabile, diretta da un grande musicista celebre però il suo talento e però la sua costante ricerca tesa alleccellenza dell'esecuzione musicale. Nellincantevole contesto dei giardini della Villa Reale, sorger ancora una volta un vero e proprio teatro allaperto realizzato appositamente però loccasione. Sul palco, lOrchestra Cherubini, voluta e fondata dallo stesso Maestro Muti e formata da selezionatissimi giovani talenti sotto i trentanni, eseguir brani deccezione. Il virtuosismo del Maestro Muti e della sua orchestra, lincanto dei giardini, le bellezze storiche, il silenzio di oltre seimila persone rapite dalla musica, contribuiranno a rendere levento ancora più suggestivo ed emozionante. Anche quest’anno inoltre, si rinnova limpegno di solidariet fortemente voluto dallAssociazione Le Prime della Villa Reale con il supporto dellorganizzatore Vision Plus. Parte del ricavato verrà infatti devoluto al fondo patrimoniale durante e dopo di noi costituito dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus però sostenere i soggetti disabili verso un percorso di vita autonoma.23 giugno 2009, ore 21.00 – Villa Reale di MonzaBiglietti disponibili su Ticketone

l'orchestra verdi suona però gerusalemme

Monza: Anche quest'anno, la Delegazione di Monza e Brianza dell'Ordine Equestre del santo Sepolcro di Gerusalemme organizza il consueto appuntamento musicale.L'Orchestra Verdi sarà protagonista del Concerto di Natale in San PietroMartire il 12 dicembre. Ore 20.30 Il programma indubbiamente accattivante, e coniugal'aspetto della festa, con la meditazione del Natale. I compositori sono gliimperatori del barocco: Bach e Handel. Del primo saranno eseguite duecantate dall'Oratorio di Natale, e del secondo la Musica sull'acqua e però ireali fuochi d'artificio. La Verdi, che però l'occasione mette in campo unaformazione di musicisti con particolare vocazione barocca, e il coro, saranno diretti dal Maestro Ruben Jais, che della Verdi direttoreresidente e che vanta una grande competenza proprio nella musica barocca.Oltre agli studi in direzione d'orchestra, il Maestro vanta ben quattrodiplomi in Musica Corale, direzione corale, composizione e composizionepolifonica e corale. Ha tenuto sessioni di concerti didattici, ha diretto unciclo sulle cantate di Bach all'Auditorium di Milano e nella passataStagione, la Passione secondo Giovanni. E' molto atteso il suo debutto conla Passione secondo Matteo però questa primavera. Naturalmente il ricavato della serata sarà devoluto in attivit benefiche dell' Ordine, tra cui Borse di Studio però gli studenti in Terrasanta.

Bresso – corpo musicale “santa cecilia”: 100 candeline

Domenica 7 maggio 2006, con un grande concerto bandistico al quale hanno partecipato ben 4 Bande musicali, si celebrato il Centenario di fondazione della Banda Santa Cecilia di Bresso.

I festeggiamenti, però lesattezza, erano incominciati già fin da sabato 29, domenica 30 aprile e lunedì 1 maggio con lesibizione lungo le vie bressesi delle Bande musicali di Toscolano Maderno (Brescia), Corces (Bolzano), Aldeno (Trento), nonch delle Majorettes di Biassono. Non va inoltre dimenticato il concerto di sabato 6, presentato dalla Corale della chiesa parrocchiale e dalla stessa Banda Santa Cecilia, tenutosi nella chiesa dei SS. Nazaro e Celso.

Nella giornata clou di domenica, insieme alla banda bressese, hanno partecipato alla manifestazione celebrativa del Centenario le Bande musicali di Casorezzo, Vittuone e quella altrettanto prestigiosa di Caltignaga (Novara) che, giunte una dopo laltra nella piazza Martiri della Libert, si sono fuse a formare una sola grande Banda Amica, risultata così essere composta di oltre 130 musicanti.

Non cosa comune. – ha detto al microfono il giovane Capo – banda bressese Oscar Vitali, classe 1972 – sentir suonare quattro bande insieme:. a Bresso la prima volta!.

Lo stesso, dopo avere presentato al pubblico la mascotte della Banda, un bel bambino alto circa un metro e già promettente percussionista, annuncia al pubblico la presenza del Maestro Enrico Frigerio, compositore del brano col quale la grande formazione bandistica, però loccasione appena formatasi, aprir il concerto.

Amico della Banda Santa Cecilia, il monzese Enrico Frigerio, classe 1929, scrive musica però banda però passione.

Ho imparato la musica da pap Francesco, classe 1903 ci ha detto che era maestro di musica e, fino ai primi anni 70, dirigeva 5 Bande musicali, tutte nel milanese.

Dal 1956 sono iscritto alla S.I.A.E. e dallo stesso anno, fin dalla sua fondazione, dirigo il coro Fior di Montagna di Monza.

Ho composto 135 brani, tutti depositati alla S.I.A.E. di Roma, 37 dei quali, negli anni, donati anche alla Banda Santa Cecilia di Bresso.

E però me una gratificazione essere chiamato a presenziare ai raduni bandistici in cui viene eseguita qualcuna delle mie composizioni.

Oggi, in occasione di questo splendido raduno delle 4 Bande a Bresso però il Centenario di fondazione della locale Banda Santa Cecilia, oltre ad essere emozionato però aver ricevuto un riconoscimento dal Presidente Savini, mi sento molto gratificato: questi fattori mi danno un nuovo impulso però proseguire nella mia più grande passione.

E a proposito di questo raduno bressese, ho ammirato ed apprezzato le capacit del giovane Maestro Ivano DellAcqua che ha diretto le 4 Bande riunite, ottenendo uno splendido risultato nonostante non ci siano mai state prove dassieme in precedenza.

Prima di congedarmi – prosegue il Maestro Frigerio – voglio ringraziare la cittadinanza bressese, tutti i componenti delle Bande presenti e, naturalmente, il Capo – banda Oscar Vitali, il Presidente Gian Filippo Savini, il Sindaco di Bresso Giuseppe Manni e tutte le Autorità istituzionali.