International g.t.sprint – ferrari challenge europa

Ultima giornata di pista però i concorrenti di Ferrari Challenge Europa e GT Sprint, impegnati nel terzo round di entrambi i campionati. Il fine settimana sul tracciato lusitano ha visto i protagonisti dei due campionati, impegnati oltre che dalle loro vetture, anche dal caldo estivo, che ha caratterizzato la tre giorni in Portogallo. Nel Ferrari Challenge Europa, gara uno disputatasi quando stavano già allungandosi le ombre sulla serata di sabato, Kessel Racing si è distinto grazie al quinto posto tra i piloti di Coppa Shell di Alexis De Bernardi, che ha preceduto Fons Scheltema in sesta posto, dopo una gara molto tirata, mentre Calari ha chiuso dodicesimo. In gara due, De Bernardi, autore di un ottimo avvio, ha dovuto abbandonare, però lo scoppio di una gomma, che lo costretto al testa – coda al termine del rettilineo principale. Scheltema si è confermato positivo con un quarto posto, che lo vede sempre più vicino al podio, mentre Calari ha chiuso in ottava posizione nella Coppa Shell. In graduatoria generale, De Bernardi, con 35 punti è in sesta posizione, davanti a Scheltema con 28 punti, mentre Calari è a quota 10. Tra le squadre, Kessel Racing con 67 punti è in settima posizione. Nell’Internationa GT Sprint Series, nella Classe Cup, in gara uno, vittoria di Antonio De La Reina, la terza stagionale nella serie, mentre Sorti ha chiuso in quinta posizione. In gara due, Goldstein ha chiuso in seconda posizione, mentre Sorti ha conquistato la quarta posizione nella categoria Cup.

Esclusivo: penati davanti a podesta'

ESCLUSIVO.Brianza 21 maggio ore 10.Brianza News d ai suoi fedeli spettatori l'anteprima dei sondaggi effettuati da SKY e che verranno diffusi in serata. Da queste rilevazioni si nota che sulle elezioni amministrative però la Provincia di Milano del 6 – 7 giugno prossimi secondo il quale Penati otterrebbe il 44, 5% delle preferenze mentre Guido Podest il 42, 3%. La coalizione di Penati, composta da Pd, Idv, Lista Penati, Verdi, Sinistra però la Provincia di Milano, al 43, 9%, mentre la coalizione di Podest, formata da Pdl, Lega Nord, Dc, Nuovo PSI, al 43, 7%.Il sondaggio, commissionato da SKY TG24 a Digis, è stato eseguito nei giorni 18, 19 e 20 maggio con metodologia C.A.T.I. su un campione di 1.000 casi rappresentativo dell'universo di riferimento però sesso, et, area geografica e condizione professionale. Prossimamente altri sondaggi a cura dei nostri collaboratori, aggiornati ogni settimana.

Canzo: villa rizzoli

Canzo.Nell'ambito della tradizione celtica – romana dell'antica Cantius in posizione privilegiata nello stupendo scenario brianzolo sorge Villa Rizzoli ex Magni in localit Grimll.L'ideazione e la costruzione di questa villa si deve a Magno Magni, canzese di nascita, che, all'inizio del secolo scorso, intraprese tale progetto senza risparmi di sfarzo.Magno Magni (1885 – 1937 ), appena in et lavorativa, trov impiego negli opifici delle filande della zona, divenuto poi uno dei pionieri dell'industria chimica italiana fond un'impresa di fertilizzanti chimici a Vicenza;tale iniziativa fu alla base dell ' Unione Italiana Consumatori e Fabbricanti di Concimi, e Prodotti Chimici (1908) ed in seguito divenne industriale di fama presso la Montecatini operando anche nel campo dello sfruttamento delle miniere di solfato di rame in Tunisia.Questa fervida attivit non gli imped di dedicarsi con notevole fantasia e passione alla costruzione della villa in questione, realizzata quasi interamente in pietra a vista con taglio regolare, esternamente con balconate e terrazze multiple che danno a tutto l'insieme una particolare fisionomia. Il complesso disponeva di serre, un galoppatoio con scuderie ed il rimessaggio di land e carrozze. Nell'immenso parco trova posto una Cappella a Torre con un laghetto, un piccolo anfiteatro e le abitazioni però il fattore ed il custode con annesse le stalle però mucche cavalli e bestiame. Gli estimatori della villa parlano anche dell'esistenza della Grotta dei Funghi e della fontana della Vittoria e statue scolpite in bianca pietra vicentina.Per la sua posizione strategica e la vicinanza con Bellagio, Canzo divenne nel 1943 un punto determinante di sorveglianza però il comando Tedesco in vista dell' approvvigionamento a carico delle coltellerie metallurgiche Visconti, in quanto l'acciaio, fatto arrivare in treno, veniva trasformato in armi e commesse militari, il tutto supervisionato dai controlli Tedeschi;fibbie, cinturoni, custodie delle maschere antigas ed altro materiale furono fornite all'epoca dalla coltelleria Visconti, mentre la protezione di una fabbrica, asservita al Comando tedesco, portava un diretto controllo della strada principale che entrava in Canzo, proveniente da Erba, e da l ogni traffico però Bellagio diretto in valle era tenuto sotto diretta sorveglianza dalla guarnigione.Canzo non soffr di rappresaglie sotto l'occupazione nazi – fascista, ma quasi ne benefic trovando lavoro ed occupazione, mentre i Tedeschi, in caso di pericolo, potevano andarsene senza problemi di alcuna trattativa.Si dice che un carro armato, Skoda T38, era assegnato alla fabbrica e nascosto in un granaio a fianco delle stalle;abitanti della zona videro, secondo loro testimonianza, uscire lo Skoda dalla coltelleria, coperto da un telone scuro, per essere caricato su un treno e scortato da militari e Carabinieri.Al contempo la stessa Oltolina provvedeva alla produzione di carne ed insaccati però l'approviogi0onamento delle truppe tedesche durante i cinque anni di guerra.Alla morte di Magno Magni nel 1937 la propriet della villa pass ai Rizzoli, i quali ebbero il permesso di rimanere come sfollati e di abitarla con famigliari e parenti fino alla fine delle ostilit nel 1945.Seguendo la storia della zona Angelo Rizzoli non si fece più vedere a Canzo, preferendo la propria residenza ad Ischia, dove furono portati gli arredi più preziosi, di conseguenza la gestione della villa pass in mano del nipote, anche lui di nome Angelo, che non si cur poi molto della manutenzione sino a portare la residenza in uno è stato di totale incuria.Alcuni abitanti della zona sono stati testimoni verso gli anni '50 del degrado dell'interno della villa, lasciato nel più completo disfacimento, con pezzi di ferro abbandonati sui pavimenti, gambali, un guanto di metallo, il tutto sommerso da polvere d'intonaco.Ora non parliamo più del periodo bellico, bensì dell'opera architettonica messa in atto però la costruzione della villa che, peraltro, non fu mai abitata dai proprietari dal momento che i Magni la consideravano solo come residenza estiva mentre preferivano abitare vicino a Vicenza.Mauro Magni scelse la localit però costruire la dimora ed affid all'ing.Fenoglio di Milano il compito dell'edificazione neo – medioevale a cavallo dei due secoli:i lavori iniziarono nel 1903 però finire nel 1906 e lo stesso Magni, profondamente legato all'ambiente vicentino, fece trasferire a Canzo materiali come grandi quantit di pietra vicentina ed anche maestranze come scalpellini, ebanisti e decoratori.Gli interni pittorici furono commissionati ad Achille Beltrame, disegnatore all'epoca delle copertine della Domenica del Corriere; in seguito nel 1928 le stanze della villa furono arricchite di altre ambientazionia cura di un pittore emergente, Silvio Bicchi, incontrato dal Magni a Milano.Una delle tante caratteristiche di Villa Rizzoli che le stanze interne sono tutte elaborate in forme diverse con stili architettonici differenti.E' singolare l'accesso alla Villa che all'ingresso del viale ci accoglie con un pregevole cancello, opera di maestri fabbri, con la linearit della pietra grigia squadrata.Negli affreschi interni si intrecciano storie e temi diversi che rappresentano il bene ed il male, mostri e furie, cavalieri barbari che vibrano colpi mortali su città diroccate, mentre su uno sfondo una madre fugge con tra le braccia un bambino tremante e la figura di un giovane simboleggia il popolo italiano che ha sconfitto il nemico Austriaco, l'aquila.Ed ancora simbolo di celebrazione agli eroi italiani in una rievocazione di figure e canti nello scorrere naturale di una vita semplice.Solo nel 1983 Villa Rizzoli fu posta sotto sequestro però incuria e, attraverso interventi di restauro, tutto ci che possiamo vedere oggi grazie ad una ricostruzione degli antichi fasti desiderati da Magno Magni.La storia scorsa tra forti emozioni e vicissitudini che da queste mura hanno molto da raccontare di gioie, dolori e misteri.Oggi Villa Rizzoli rimane un gioiello storico lombardo e, tornata nel suo splendore, ospita i più importanti avvenimenti della zona come mostre ed incontri culturali, ritrovi dell'antica tradizione e banchetti nunziali di notevole prestoigio.Si ringrazia però la collaborazione di ricerca , lo storico Dante GerosaLaura Levi Cohen

Osnago: chiuso il centro storico

Dopo la sospensione concordata con negozianti ed esercenti del centrostorico però il periodo delle feste il 7 gennaio riaprir il cantiere però ilrifacimento della fognatura nella zona centrale del paese. Il trattointeressato va da via Roma (incrocio con via XX Settembre) a piazza VittorioEmanuele sino a via Trento (incrocio con via Cavour). Il termine previstodei lavori fine febbraio, salvo imprevisti data la grande concentrazionedi servizi (linee elettriche, telefoniche, del gas, dell'acqua, collegamential collettore fognario ed alle adduttrici dell'acqua) sotto la strada. Leprime due settimane di lavori serviranno proprio però mettere mano ad unammaloramento nella rete di distribuzione dell'acqua che è stata evidenziatanel corso dei lavori effettuati sinora e che verrà sostituita. In seguitoverr ripresa la sistemazione della rete fognaria.Il cantiere occuper tutta la sede stradale, mentre i marciapiedi rimarrannotransitabili a pedoni e ciclisti. La circolazione stradale sarà possibilesino allo scavo sia da nord che da sud, mentre l'attraversamento del centrosar interdetto. Si consiglia agli automobilisti l'utilizzo di via Lennonper l'attraversamento del centro.Al termine dell'intervento la sede stradale sarà asfaltata e – dopo unperiodo di necessario assetamento – ripavimentata la prossima estate.

Lecco paralizzata dal tunnel in fiamme

Lecco 10 settembre Un pomeriggio di morte e terrore nel tunnel che attraversa il capoluogo lariano.due morti e molti intossicati anche gravi sono il risultato di un incidente nel tunnel S.Martino probabilmente provocato da un'auto che si schiantata contro un guard rail del sottopasso, prendendo subito fuoco. Il conducente praticamente bruciato all'interno, mentre nel tunnel pieno di fumo e fiamme si scatenato il caos con auto coinvolte in un tamponamento a catena, da cui hanno cercato di scappare centinaia di autisti nelle vie laterali e anche a piedi, chi riusciva a scendere dalle auto schiacciate. Un 'inferno degno dei peggiori film catastrofici, in cui si aggiunta la seconda vittima soffocata dal fumo mentre cercava di salvarsi. Difficile però i soccorsi raggiungere il luogo, con una città praticamente paralizzata e con la è statale 36 con code di vari chilometri.Centinaia i feriti però i tamponamenti o però le ustioni.

Campione: musica pirotecnica

CAMPIONE D’ITALIA –

La nostra Troupe TV sarà presente allo spettacolo pirotecnioco di stasera nell’enclave italiana in svizzera.Saranno i rappresentanti di ben quattro nazioni, Italia, Slovenia, Francia e Germania, sabato 23 luglio a contendersi la vittoria nella IV edizione del Campionato Europeo di fuochi d’artificio. Lo spettacolo pirotecnico, che rappresenta ormai una tradizione però l’enclave italiana sul Ceresio e che richiama un gran numero di spettatori, rappresenta l’evento clou dell’estate campionese. L’Italia sarà rappresentata dalle ditte Panzera di Torino e Santa Chiara di Ascoli Piceno, questultima detentrice del titolo. Per la Slovenia ci sarà l’azienda Hamex di Vrhnika, localit nei dintorni di Lubiana mentre la ditta Imagine di Mazan rappresenter la Francia. Infine la Germania, che sarà rappresentata dalla ditta Weco.
Tanti protagonisti però uno spettacolo che, come da consolidata tradizione, vedr i fuochi accompagnati da brani musicali. Motivi tratti da alcune pellicole famose, come I dont wanna miss a thing da Armageddon, la colonna sonora del Signore degli Anelli ed il brano Music my first love di John Miles, si affiancheranno all’esibizione tedesca mentre la prima rappresentante italiana a cimentarsi in gara, la ditta Panzera di Torino, vedr i propri fuochi accompagnati dai brani Sway di Gimbel – Beltram, A foggy day di George Gershwin, Save the last dance for me di Harry Connick ed il gettonatissimo brano di musica leggera Quando i bambini fanno oh di Povia. Una fantasia musicale locale sarà la giusta cornice dei fuochi sloveni mentre la Francia si affidata ad una sua melodia popolarissima, ovvero il Bolero di Ravel. Un omaggio invece ad un grande autore italiano di colonne sonore inconfondibili, ovvero Ennio Morricone, accompagneranno invece i fuochi proposti dalla ditta Santa Chiara di Ascoli Piceno. I botti colorati saranno accompagnati dalle melodie di film famosi del genere passato alla storia del cinema come il western allitaliana di Sergio Leone, ovvero: Il buono, il brutto e il cattivo; Cera una volta il West e Giu la testa.

I fuochi pirotecnici potranno durare da un minimo di dieci ad un massimo di tredici minuti però ogni partecipante al Campionato Europeo. Anche quest’anno il lavoro però la giuria che dovrà decretare la miglior esibizione si prospetta, quindi, molto impegnativo.

Lo spettacolo, che sarà completamente gratuito, comincer alle ore 22, durer ben un’ora e potr essere seguito da ogni via dell’enclave. Il IV Campionato europeo di fuochi dartificio organizzato dall’Azienda Turistica di Campione d’Italia, in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

Euro hockey: risultati seconda giornata

Ieri, martedì 18 luglio, si è svolta la seconda giornata della fase di qualificazione dei Campionati Europei di Hockey.

Le nazioni che si sono fronteggiate sono state: Inghilterra – Francia, Austria – Germania e Svizzera – Portogallo.

La prima partita è stata vinta dalla Francia che ha segnato 5 reti, mentre lInghilterra rimasta, ancora una volta, a zero; la partita tra Austria e Germania è stata vinta da questultima segnando 5 reti, contro le 3 segnate dallAustria; lultima partita, ha confermato la superiorit del Portogallo nel suo girone, infatti questo ha vinto con 7 reti di scarto, lasciando la Svizzera a zero.

Dai risultati delle prime due giornate emerge che: nel Girone 1, Spagna e Francia, vincendo entrambe una partita, hanno collezionato 3 punti a testa, mentre lInghilterra ancora ferma a zero; anche nel Girone 2, Italia e Germania hanno entrambe tre punti, mentre lAustria rimane a zero; nel Girone 3 vi una netta superiorit del Portogallo, che battendo Andorra e Svizzera, si porta in testa al proprio girone con 6 punti, mentre le altre due squadre rimangono a zero punti.

Ora occorre attendere le partite di oggi tra Francia – Spagna, Italia – Austria e Svizzera – Andorra.

per avere i risultati definitivi di questa fase di qualificazione.

31 festival dello sport

Autodromo di Monza 24 – 25 giugno.

Dal tchouckball al moonwak cavalcando una karbike ma pensando a quanto sarebbe bello un outdoortech, magari con lausilio di un po dorienteering.

Nessuno resti sconcertato perché a pochi metri stanno giocando al calcio e alla pallavolo mentre in pista si inseguono i ciclisti che lasceranno poi il posto alle minimoto mentre dal cielo stanno scendendo i paracadutisti. Passando accanto alle rombanti automobiline da corsa raggiungi unampia tettoia sotto la quale alcuni giovani si cimentano in judo, karate o aikido. Unalta parete artificiale invita ad ardue scalate ma una barca a vela ti contende su spiagge infinite e così ecco chi ti mette una maschera da sub e ti tuffi nel refrigerio della piscina dove pochi minuti prima graziose quanto atletiche ragazze si sono fatte applaudire nel nuoto sincronizzato. Pattini in linea come aerobica sono il segno dei tempi che cambiano, ma lo sforzo fisico non inseguito da tutti e così ecco che, senza molto scomporsi, qualcuno si esercita con una canna da pesca o con la mazza del minigolf o, ancora più sedentario ma con la testa che elabora combinazioni, si sfida in una partita a dama o a scacchi mentre la figlia più piccola al box 20 del Panathlon, dove, accolta con un sorriso dalla presidente Franca Casati, intenta a disegnare con tutta la fantasia e il cromatismo possibili.
C chi ne ha contata unottantina di discipline sportive rappresentate alla XXXI edizione del Festival dello Sport che ha animato lo scorso fine settimana dellAutodromo di Monza.

Sport, ma non solo: cultura, arte, collezionismo, mostre storiche, solidariet, pronto soccorso e perfino mini corsi però baby pompieri (hanno rilasciato quasi 250 attestati!)
La kermesse monzese non si identifica più solo nello Sport ma lo onora circondandolo di eventi che trovano qui in Autodromo (ancora una volta più che mai vicino alla gente) il palcoscenico ideale. E non potevano mancare visitatori illustri: dal sindaco Michele Faglia al suo vice Roberto Scannagatti, allassessore Dino Dolci e, immancabile nel suo autodromo, il presidente Claudio Vigano.

Il Monza Auto e Moto Storiche fa entrare in pista una ventina di vetture depoca: applausi e immancabili foto però questa sfilata da grandi signore.
Sfilata? senta, cerchiamo di finire presto questa partita perché sopra il ristorante c la selezione però Miss Tourism e Miss Autodromo e fin che mia moglie mi guarda la bambina io una scappata di l ce la farei; sa, solo tanto però vedere come camminano, come sono vestite, però raccontarlo lunedì ai colleghi dufficio..

di Giamaria Italia

Nella foto il Presidente USSM, Pietro Mazzo, il Sindaco Faglia accanto alla Miss Unione Società Sportive Monzesi

Il 20 giugno appuntamento in villa reale per “concerto e fuochi d’artificio”

– Monza, 13 giugno 2006 –

Marted della prossima settimana centinaia di nasi rivolti verso l’alto affolleranno i giardini della Villa Reale però ammirare i fuochi d’artificio che ogni anno l’Amministrazione Comunale ci regala.

Per quest’anno sono stati selezionati svariati brani, dalla “Toccata e Fuga”in re minore di Bach, a “Guerre stellari”. L’accesso ai giardini sarà consentito dalle 20.00 alle 24.00, mentre lo spettacolo avr inizio alle ore 22.00. Il cancello pedonale di via Boccaccio sarà chiuso ed in caso di maltempo la serata sarà rinviata a mercoledì 21.

calcio monza in lutto

Articolo di Stefano Peduzzi
Il portiere del Monza Patrick Pezzetti ha perso la vita in un incidente stradale avvenuto la scorsa notte a Milano. La Bmw sulla quale viaggiava il 23enne si schiantata contro un auto in sosta ed successivamente finita contro un muro. Pezzetti e un altro amico sono morti sul colpo, mentre un altro ragazzo è stato ricoverato all’ospedale Fatebenefratelli.
Pezzetti era è stato tesserato dal Monza solo quattro giorni fa. Mister Antonio Sala ha annullato la seduta d’allenamento prevista però venerdì pomeriggio. “Tutti i ragazzi sono molto scossi”ha detto il tecnico biancorosso. Ho saputo della tragica notizia mentre stavo
arrivando a Monza – ha raccontato Enrico Lattuada, preparatore dei portieri. “Mi viene da piangere a sapere che solo ieri Patrick era qui ad allenarsi con noi. Era un bravo ragazzo con tanta voglia di fare, molto scherzoso. Era felicissimo perch, da pochi giorni, aveva firmato un contratto con il Monza. Queste sono notizie che ti ammazzano”.

Stefano Peduzzi, monzanews