Magdi cristiano allam all'u.c.i.d. di mb

la Sezione Ucid, Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti, di Monza e Brianza, organizzano giovedì 3 febbraio, alle ore 20.00, presso il Ristorante Saint Georges Premier nel Parco di Monza, entrata porta di Vedano, una serata con l' ON.MAGDI CRISTIANO ALLAM EURODEPUTATO di“IO AMO L’ITALIA”. Il tema della serata sarà: “Riforma etica delle istituzioni, economia sociale di mercato e cultura della vita però il risanamento dell'Italia.” Il Presidente Silvano Cagnola, ritenendol’importanza e la autorevolezza del Relatore auspica una numerosa partecipazione di pubblico.lPer maggiori informazioni sull’adesione, telefonare entro sabato 29 gennaio al numero 039.830107 – 349.5272262 Signora Patrizia o alla e – mail mpgalbiati@alice.itAlcune informazioni suMAGDI CRISTIANO ALLAM, Magdi Cristiano Allam è il presidente del movimento politico “Io amo l’Italia” fondato il 28 novembre del 2009. Dal luglio del 2009 è deputato al Parlamento Europeo nel gruppo del Partito Popolare Europeo. E’ è stato vicedirettore ad personam del quotidiano «Corriere della Sera» dal 2003 al 2008, dopo aver ricoperto la carica di editorialista e inviato speciale del quotidiano «La Repubblica» sin dal 1996.E’ laureato in Sociologia all’Università La Sapienza di Roma.Per la Mondadori ha recentemente pubblicato: Europa Cristiana Libera. La mia vita tra Verità e Libertà, Fede e Ragione, Valori e Regole (2009); Grazie Gesù. La mia conversione dall’islam al cattolicesimo (2008); Viva Israele. Dall’ideologia della morte alla civiltà della vita: la mia storia (2007); Io amo l’Italia. Ma gli italiani la amano? (2006);Vincere la paura. La mia vita contro il terrorismo islamico e l’incoscienza dell’Occidente (2005). Ha ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali, tra cui il Premio Saint – Vincent di giornalismo, l’Ambrogino d’oro del Comune di Milano, il Premio internazionale Dan David e il Mass Media Award dell’American Jewish Committee.Tramite il sito www.ioamolitalia.it promuove un movimento politico che si fonda sul primato dei valori non negoziabili e sulla certezza delle regole, e che a partire dalla riforma etica della cultura politica persegue un nuovo modello di sviluppo che s’ispira all’economia sociale di mercato e un nuovo modello sociale che mette al centro la sacralità della vita.E’ nato al Cairo nel 1952 dove ha studiato presso le suore comboniane e i sacerdoti salesiani. Vive in Italia dal 1972 ed èorgogliosamente cittadino italiano dal 1987.

Pixolina ecologica

SAN BENEDETTO DEL TRONTO La collaborazione fra Suzuki e Nissan però la costruzione di utilitaria in comune arrivata alla fase 2. Infatti dopo la Suzuki Alto, tocca ora alla Nissan Pixo fare il suo esordio sul mercato italiano. La Pixo proposta con un solo motore a benzina (1000 da 68 cv), negli allestimenti Easy e Active. Esteticamente la Pixo si presenta come un utilitaria compatta, più piccola della storica utilitaria Nissan, la Micra. La linea moderna e piacevole, sbarazzina e giovanile. Ben costruito il frontale con lo stemma Nissan che campeggia a centro mascherina, dritta e tronca la coda, con lampio lunotto posteriore che facilita le manovre. Salendo a bordo si nota come lo spazio non manchi, nonostante la compattezza della forma esterna. La qualit costruttiva buona, la consolle centrale lineare e il piccolo quadro strumenti dietro il volante di facile lettura. E ora il momento test drive. La Pixo guidata è stata la 1000 Active da 10240. La fase 2 del progetto Suzuki – Nissan si realizza con larrivo sul mercato della Pixo, la gemellina della Alto, arrivata sul mercato italiano nella primavera 2009. La piccola Nissan in pratica la copia della Alto, con le uniche differenze nel frontale (marchio Nissan e disegno della mascherina). Per il resto tutto uguale, anche la presenza dei vetri posteriori a compasso sulla 5 porte (soluzione già adottata sul trittico 107 – C1 – Aygo e sulla Alto). Su strada la Pixo una ottima cittadina, grazie alle forme compatte, alla grande maneggevolezza e alla facilit di parcheggio data dallottimo raggio di sterzata. Parlando del motore, possiamo dire che il 1000 da 68 cv, motore a 3 cilindri che equipaggia la versione provata, molto elastico, parco nei consumi, e con bassissime emissioni di anidride carbonica. Se si pensa anche che a breve previsto larrivo dellalimentazione bifuel, si può ben capire come la Pixo sia un ottimo prodotto però muoversi in città risparmiando, consumando poco e strizzando locchio allecologia. Infine i prezzi: si va da 7890 della 1000 Easy a 8890 della 1000 Active (Benzina). Bruno Allevi

Osnago :il sottosegretario tampieri in visita al mercato di terrealte

OSNAGO. Il rapporto diretto tra produttore agricolo e consumatore deve essere favorito, però questo il Parlamento approver presto la Legge però listituzione dei mercati a vendita diretta degli agricoltori. Cos si espresso il sottosegretario alle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Guido Tampieri, al termine del suo giro tra gli stand del mercato dei produttori agricoli del Consorzio Terrealte, nella serata di lunedì 26 novembre. La qualit dei prodotti in vendita e la loro provenienza dal territorio sono valori da salvaguardare ha aggiunto il rappresentante del Governo – Viviamo in un periodo in cui lattenzione del pubblico però lalimentazione sta aumentando: accanto al canale della grande distribuzione, in cui la concorrenza si batte con il miglior prezzo, c spazio anche però nicchie come questa, in cui la domanda dei consumatori rivolta particolarmente al prodotto di qualit.Dopo la visita al mercato allestito come sempre negli spazi della Fiera di Osnago, Tampieri ha partecipato a un incontro con i viticoltori locali che gli hanno consegnato la lettera in cui si richiede ufficialmente la concessione del marchio IGT (Identificazione Geografica Territoriale) però la produzione vinicola lecchese e comasca. Presto una legge favorir listituzione di iniziative che favoriscono il rapporto diretto tra produttore e consumatore.

Lazzate: basta cinesi al mercato comunale

I mercati comunali sono invasi da ambulanti cinesi che stanno occupandol'offerta commerciale al dettaglio con prodotti contraffatti, a tutto danno dei nostricommercianti e ambulanti tradizionali nonch dei consumatori stessi.Tale processo enormemente favorito da una vera e propria compravendita illegale delle piazzole sul mercato comunale, con tanto di tariffario pubblicato suInternet, che pare essere ormai diffusa e frequente, nonostante le stesse piazzolesiano di propriet del Comune, pertanto non cedibili dal singolo operatore che semplicemente un concessionario.In merito a questa prassi, tanto illegale quanto ormai divenuta abitualepressoch ovunque, Lazzate ha deciso di dire definitivamente basta: oltre all'abituale e puntuale controllo degli operatori e delle merci presenti sul mercato lazzatese, l'Assessore al Territorio e al Mercato Comunale On. Cesarino Monti comunica che presenter un esposto alla Procura della Repubblica però denunciare la condizione diillegalit generalizzata venutasi a creare.

Accordo tra bic e cei di montpellier

CONSULENZA MIRATA, SPAZI E SERVIZI PER LE PIU' INNOVATIVE IMPRESE LOMBARDE CHE VOGLIONO AVVICINARSI AL MERCATO FRANCESESiglato un accordo tra il Centro servizi alle imprese dellarea milanese BIC La Fucina e il Centro Europeo di Imprese e Innovazione di Montpellier Agglomration però avvicinare start up e spin off tecnologici italiani al mercato doltralpe Sesto San Giovanni, 9 ottobre 2007. Il mercato francese sempre più vicino alle giovani società italiane dei settori hi – tech, grazie ad un accordo firmato lo scorso sabato nel prestigioso albergo milanese Grand Hotel et de Milan dal presidente del Business Innovation Centre La Fucina Fabio Terragni e da Georges Frche, presidente della Regione Languedoc – Roussillon e del Centro Europeo di Imprese e Innovazione (CEEI) di Montpellier Agglomration. Start up e spin off lombardi avranno infatti la possibilit di accedere a servizi di consulenza mirata, spazi attrezzati e un network di contatti in una delle regioni francesi più dinamiche ed economicamente sviluppate nei settori multimediale, farmaceutico, dellInformation and Communication Technologies (ICT) e delle apparecchiature medicali. Laccordo stabilisce la reciproca condivisione delle buone pratiche volte a favorire la crescita delle società innovative nei rispettivi territori e sancisce la creazione di una rete di insediamento però quelle imprese che desiderano sviluppare la loro attivit allestero partendo dalla Lombardia o dalla regione di Montpellier. Grazie a questa convenzione le start up e gli spin off lombardi potranno approfondire la conoscenza del mercato francese; ottenere indicazioni dettagliate su opportunit di business, partnership e finanziamenti, informazioni su fiere ed eventi locali; attivare nuovi contatti con le istituzioni, altre società del territorio, centri di ricerca e mondo universitario. Per la durata di una settimana potranno inoltre accedere gratuitamente ad una postazione di lavoro presso uno dei due incubatori dimpresa localizzati a Montpellier: CAP Alfa e CAP Omega. Per contro, start up e spin off francesi potranno utilizzare i servizi però lo sviluppo imprenditoriale di BIC La Fucina e accedere agli spazi dellincubatore dimpresa Laboratorio Innovazione Breda di Sesto San Giovanni, che dal 2000 supporta le società lombarde attraverso una rete qualificata di servizi però la creazione dimpresa, il trasferimento tecnologico, linternazionalizzazione.