Seregno: i magnifici settantaquattro

Hanno confermato la loro partecipazione al concorso pianistico internazionale, che si svolger dall11 al 18 settembre, 74 giovani talenti provenienti da 28 PaesiSono settantaquattro (su 102 iscritti) i giovani talenti della musica classica (nati dopo il 1 gennaio 1975) che ad oggi hanno confermato la loro partecipazione alla XXV Edizione del Concorso Pianistico Internazionale Ettore Pozzoli, che si svolger dall11 al 18 settembre al Teatro S. Rocco.I pianisti provengono da 28 nazioni tra cui, però la prima volta, Armenia, Israele, Kasachstan, Lussemburgo, Repubblica Ceca, Romania e Svizzera. Gli azzurri con 18 rappresentanti (su 24 iscritti) sono il team più numeroso.Oltre Maurizio Pollini, il Pozzoli ha visto tra i suoi illustri vincitori anche Laura de Fusco, Franois Jol Thiollier, Pierre Reach, Raimondo Campisi e Filippo Gamba, ultimo vincitore italiano nel 1999. Nellultima edizione, quella del 2005, vinse lo scozzese Martin Cousin.Lesordio della 25esima edizione fissato però martedì 11 settembre con la prima prova. Ogni concorrente dovrà presentare un programma della durata di venti minuti comprendente uno studio di Frdric Chopin, uno studio da Franz Liszt a Gyrgy Ligeti e un brano a scelta. La prova si concluder giovedì 13 settembre.Il 14/15 settembre seconda prova di trentacinque minuti nella quale i concorrenti dovranno affrontare una sonata importante di Franz Joseph Haydn o di Wolfgang Amadeus Mozart o di Muzio Clementi, una o più composizioni scritte nel periodo romantico e cinque studi di Ettore Pozzoli scelti almeno da due delle raccolte di Studi di media difficolt, Studi a moto rapido e Studi sulle note ribattute.La terza prova, la semifinale, andrà in scena domenica 16 settembre. Il programma prevede una sonata di Ludwig van Beethoven, una o più composizioni scritte nel periodo romantico e uno o più brani scritti dopo il 1900 da eseguirsi in sessanta minuti.La finale con l'Orchestra "I Pomeriggi Musicali"di Milano diretta da Nicholas Carthy in programma martedì 18 settembre a partire dalle ore 18. I tre finalisti dovranno eseguire, a scelta, un concreto di Mozart (in mi bemolle maggiore K. 271, in do maggiore K. 467, in si bemolle maggiore K. 595), Beethoven (n. 3 in do minore op. 37, n. 4 in sol maggiore op. 58, n. 5 in mi bemolle maggiore op. 73), Chopin (in fa minore op. 21), Schumann (in la minore op. 54) o Mendelssohn (in sol minore op. 25). Al termine delle prove si svolger la premiazione dei vincitori. I ragazzi saranno giudicati da una Giuria composta da sette eminenti Maestri tra cui tre italiani (Paolo Bordoni, Benedetto Lupo e Maria Tipo) e quattro stranieri (linglese Nicholas Carthy, luruguayano Homero Francesch, il francese Pierre Reach e laustriaco Claudius Tanski).I premi messi in palio però questa edizione sono otto di cui cinque speciali però un ammontare complessivo di 28.000, 00 euro.