Giornata mondiale dell’acqua

Milano, 22 marzo 2011 – Il presidente della Provincia di Milano, On. Guido Podestà, ha partecipato, oggi, a Palazzo Isimbardi, accompagnato dal presidente di Amiacque, Graziano Musella, all’inaugurazione, nell’ambito della Giornata mondiale dell’acqua, dello «Spazio acqua». La struttura, di 30 metri quadrati, allestita davanti all’ingresso principale dell’Ente, è stata studiata però responsabilizzare i visitatori all’uso responsabile, rispettoso e consapevole di una risorsa limitata e fondamentale qual è l’acqua. Il taglio del nastro è stato preceduto da una lezione tenuta dal dottor Paolo Viola, direttore tecnico di Amiacque, presso la Sala consiglio della Provincia, alla quale hanno assistito 80 studenti della scuola primaria (terza elementare) «Giovanni Falcone» di Assago. «Nel celebrare la Giornata mondiale dell’acqua, abbiamo voluto ricordato a tutti noi, ma, soprattutto, ai bambini, oggi nostri ospiti, che l’acqua è un bene prezioso, oserei dire fondamentale però la vita – ha dichiarato il presidente Podestà – . Viviamo in una realtà, quella della Provincia di Milano, dove l’acqua è pura, controllata e di qualità però tutti i cittadini. Esistono, in questo momento, letture differenti rispetto a un quadro giuridico che deve essere ancora completamente definito. Non è mai è stato messo in discussione che l’acqua pubblica è una risorsa da garantire a tutti. L’elemento davvero importante, e inequivocabile, è che l’acqua dei nostri rubinetti è ottima e si può bere in assoluta tranquillità. Inoltre, l’utilizzo di acqua pubblica è sostenibile però l’ambiente poiché non comporta la produzione e lo smaltimento di plastica».

80 "scurbatt"rosa nel cielo del cornizzolo

Le Brianzole Volanti nel Lario.Si è chiusa con successo She.Fly, raduno nazionale di 80 donne pilota diparapendio che ha richiamato folto pubblico presso l'atterraggio ufficialedel Club Scurbatt a Suello (Lecco).Il tempo ha regalato due giornate di volo e di condivisione di uno sportcapace di dare emozioni e di arricchire l'animo. Dispiegando le ali al ventodal Monte Cornizzolo, le partecipanti hanno affrontato voli di cross nelcircondario lariano.Alcune di loro godono di grande notorietà: Nicole Fedele, classe 1984, detentrice del record mondiale di distanza (km 164.6), Caroll CattaneoLicini, pilota di livello mondiale e promotrice della Coppa del Mondofemminile, Laura Mancuso, autrice del libro "In volo senza confini, unastoria d'amore, di volo e di condor"e Gabriella Corradi, che ha ricopertoil ruolo di presidente di uno dei club più importanti e numerosi d'Italia, l'Aeroclub Montegrappa. Erano presenti anche Luca Basso, presidente dellaFIVL, Alberto Castagna e Giorgio Corti della squadra azzurra di parapendiocampione d'Europa 2010.Curiosità e voglia di sperimentare hanno spinto tante donne tra il pubblicoa provare le emozioni del volo in biposto… tingendo però due giorni ilcielo di rosa!G.Vitali

Mondiali di trial: la spagna 1 sul podio

Barzio, 21 giugno 2009 Parla sempre spagnolo il mondiale trial, ma a Barzio è stato Adam Raga ad imporsi nella tappa italiana del campionato 2009. Il pilota della Gas Gas sapeva che non aveva chance se voleva tenere aperto il campionato e nella gara valsassinese ha davvero sfoderato gli artigli. Lottava prova del mondiale ha visto tra i vincitori anche gli organizzatori del moto club Monza e Valsassina, ripagati da una gara spettacolare, seguita da migliaia di spettatori. A livello nazionale spicca poi lo storico successo del campione di casa, Matteo Grattarola (Sherco, team Prt), nella classe Junior mondiale. Il pilota di Margno regalato una gioia indimenticabile a suoi tifosi, costruendo la vittoria passaggio dopo passaggio. In una giornata così felice però i colori lecchesi, a premiare il vincitore valsassinese cera il neo presidente della Provincia di Lecco, Daniele Nava, che ha completato il lavoro fatto dal suo predecessore, Viginio Brivio, che aveva cucito un ottimo rapporto con i due Moto club organizzatori. Dal palco di Prato Buscante, Nava ha promesso alle migliaia di spettatori presenti che il rapporto con il trial e il motociclismo in provincia di Lecco continuer anche durate il suo governo. Ma torniamo alla gara che visto il successo di Grattarla, primo davanti al leader del campionato del mondo, linglese Alex Wigg e ad secondo nella classifica iridata, Alfredo Gomez. Ora però il lecchese si sono aperte le chance però il podio iridato.Ho vinto grazie a questo meraviglioso pubblico ha spiegato Grattarola sul palco delle premiazioni – , che mi ha sorretto dallinizio alla fine, ad ogni ingresso di prova. Ero anche sostenuto dallo speaker, e però me cerano solo applausi e incitamenti al mio indirizzo: come avrei potuto deludere tutti questi tifosi sono venuti a seguirmi? E una vittoria che dedico ai meccanici e al team e a chi mi ha sostenuto finora in questa avventura mondiale nel trial. Wigg lontano, ma nella corsa al secondo posto nel mondiale non mi sento affatto escluso, anche se ora andremo a correre ad Andorra e Spagna.Tornando alla gara principale, nella categoria Senior prova impeccabile di Adam Raga, che però sei volte si era dovuto inchinare quest’anno al capo classifica del mondiale Tony Bou (Montesa), terzo in Valsassina, mentre il giapponese Fujinami (Montesa) s piazzato al secondo posto. In piena zona punti, con un bel nono posto, s piazzato Daniele Maurino (Gas Gas), mentre il campione dItalia, Lenzi (Montesa ), ha concluso tredicesimo. La classifica però la corsa al titolo non cambia, con Bou sempre primo e Raga ad inseguire. Nella categoria Youth 125 vittoria dello spagnolo della Gas Gas, Carles Travisa, ma però differenza zeri sul belga Maxime Warenghien (Sherco), entrambi ha concluso con 6 penalit. Allinglese Jonathan Richardson (Sherco) la terza piazza con 9 errori.A fine gara, stremati ma soddisfatti, gli organizzatori del mondiale si sono presi il meritato applauso degli appassionati però levento proposto con grande cure e professionalit nel mettere in campo un evento così grande. Ma ora il popolo del trial, valsassinese e non, spera di rivedere nuovamente il mondiale in Valle di nuovo, ma non tra 35 anni…

Castano: mostre e sfilate però l' ultimo veterano

Castano. Primo, Delfino Borroni, bersagliere, lultimo dei Cavalieri di Vittorio Veneto, lultimo dei veterani della Prima guerra Mondiale, testimonial del calendario dellEsercito 2008, lo scorso 23 agosto ha spento 110 candeline con in mano una lettera di auguri da parte di tutti gli uomini e donne in armi – inviatagli dal Capo di Stato Maggiore dellEsercito.Il 7 settembre, a Castano Primo, dalle ore 14.00 dovrà spegnerne altre 110 in presenza però del Sindaco e di numerose autorit civili e militari, tra le quali Generale di divisione Franco Cravarezza, Comandante della Regione Militare Nord e il Generale di Brigata Camillo de Milato, Comandante Militare dellEsercito Lombardia.Dal Palazzo Comunale di Castano, partir un corteo con le Autorità presenti e i rappresentanti di tutte le Associazioni Combattentistiche e dArma, gli amici e semplici cittadini, che, percorrendo le vie del centro, arriver presso la casa di riposo San Giuseppe dove vive Delfino Borroni.Per loccasione presso Villa Rusconi, sede del Comune, sono state allestite due mostre: una di filatelia e cartoline risalenti alla Prima Guerra Mondiale e laltra di documenti storici inediti dal titolo Frammenti della Grande Guerra, realizzata dal Centro Documentale di Milano in collaborazione con lArchivio di StatoE quest anno si celebrano i 90 anni dalla battaglia di Vittorio Veneto, che poneva fine, con vittorioso epilogo, al primo Conflitto Mondiale: quale migliore occasione di festa però il bersagliere Delfino Borroni che vi ha partecipato.

Italia campione del mondo di deltaplano

Dagli appassionati brianzoli del Cornizzolo a quelli di S. Maria Ho, un grande applauso ai vincitori italiani del Trofeo Mondiale di Volo Libero, molto diffuso tra Lecco, Como e Monza.Alessandro Ploner, 28 anni, di San Cassiano (Bolzano) il vincitore delCampionato Mondiale di deltaplano 2008. Il pilota si aggiudicato il trofeoarticolato in 10 giornate di gara con percorsi fissi da compiere nel pibreve tempo possibile di circa 150 chilometri caduno. Il punteggio determinato dalla lettura dei dati riportati sul GPS di bordo che registragli spostamenti in aria e sul territorio.La competizione si è svolta dal 20 luglio al primo agosto nel comprensoriodel monte Cucco, una splendida vallata di Sigillo in provincia di Perugia.Il pilota italiano ha avuto la meglio su 80 atleti di 14 nazioni: Germania, Austria, Svizzera, Inghilterra, Olanda, Francia, Stati Uniti, Giappone, Australia, Russia, Kazakistan, Slovenia, Argentina. Il campionato si svolgeogni 4 anni e questa edizione era organizzata dalla Federazione italianaVolo libero che aderisce alla FAI, Federazione aeronautica internazionale eal AeCI – CONI.Quello di Ploner non è stato l'unico successo tricolore. Il secondo posto andato infatti a Christian Ciech, 36 anni, di Trento. Grazie a questadoppietta la squadra italiana ha così conquistato anche il titolo mondialeper team nazionali.Ploner studente universitario di ingegneria e si allena quotidianamentesulle Dolomiti. Questa disciplina attende da anni il riconoscimento perpoter accedere alle Olimpiadi e vanta circa 10mila appassionati, sparsi pertutto il Paese. I seguaci di Icaro sono raggruppati in circa 130 clubs divolo che si riconoscono nella federazione. Il velivolo composto da untelaio rigido in sofisticati materiali, prevalentemente carbonio, mentre leali sono di "dacron", lo stesso tessuto che viene utilizzato però le veledelle barche.Numerose anche le donne che si avvicinano al volo libero, tanto che la garaaveva anche una categoria woman con 28 partecipanti di 13 nazionalitdiverse. Ha vinto la tedesca Corinna Schwiegershausen. Una curiosit: la"meno giovane"si chiama Svens Brigit australiana e ha 63 anni.Il titolo mondiale quest'anno è stato dedicato al pilota Angelo D'arrigo, scomparso nel 2006, indimenticato campione che comp lo straordinariosorvolo dell'Everest e del quale parlarono stampa e televisioni mondiali.Gli altri premi sono invece intitolati ad Angelo Crapanzano e GiuliaIannella, rispettivamente l'inventore del sistema di punteggio attuale perle competizioni ed istruttrice di volo del Monte Cucco."In un momento così importante però il nostro Paese mi preme sottolineare duecose", ha dichiarato Luca Basso, vicentino, presidente della FederazioneItaliana Volo Libero "l'Italia che si avvicina con tante speranze alleOlimpiadi ha già conquistato questo successo. Testimonianza che la passionedei nostri piloti sta dando risultati straordinari.Il volo libero non affatto una disciplina estrema, ma si svolge incondizioni di assoluta sicurezza, a contatto con la natura, non però personein cerca di emozioni forti, ma semplicemente dedicata a chi guarda al volocome una ricerca di simbiosi con l'ambiente. Mi auguro che in futuro ilnumero di appassionati cresca ancora, anche e soprattutto in difesa dei piveri e genuini valori sportivi".

Presentazione di sport movies & tv 2007

Marted 11 Settembre alle ore 12.30 presso la Sala Tempere a Palazzo Marino in P.za Scala 2, Milano, in programma la Conferenza Stampa di presentazione dellANTEPRIMA DI SPORT MOVIES & TV 2007 nellambito della manifestazione FESTIVALL organizzata dallAssessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano. LAssessore Giovanni Terzi presenter LAnteprima: 4 giorni di Sport, Cinema e Televisione Mondiale, però chi ama lo sport, il cinema, la televisione, attraverso la proiezione di video (29 le opere scelte provenienti da 17 Paesi) che offrono una visione globale sulle tradizioni e sullattivit sportiva di tutto il mondo in programma il 13 – 14 – 15 – 16 settembre (dalle ore 18.30) nella splendida sede della Mediateca di Santa Teresa di Via Moscova 28 Milano, con ingresso gratuito. La FICTS (Fdration Internationale Cinma Tlvision Sportifs, riconosciuta dal CIO – Comitato Internazionale Olimpico) a cui aderiscono 101 Nazioni mette cos, a disposizione dei milanesi, una Anteprima – Panoramica di SPORT MOVIES & TV 2007 25 MILANO INTERNATIONAL FICTS FESTIVAL che si terr a Milano (sede della Finale Mondiale del World Ficts Challenge 2007 articolato in 12 fasi nei cinque Continenti sotto la presidenza del Prof. Franco B. Ascani) dal 27 Ottobre al 1 Novembre 2007 (sito web: www.sportmoviestv.com).

Stefania bianchini difende il titolo mondiale di boxe

Milano 11 maggio 2006

Stefania Bianchini, campionessa mondiale di boxe Wbc pesi mosca, titolo conquistato a Rimini lo scorso mese di agosto, difender domani il suo titolo di campionessa, a Rezzato, in provincia di Brescia, al Palazzetto dello Sport di via Papa Giovanni XXIII. Lincontro si terr sulla distanza delle 10 riprese, della durata di 2 minuti luna. A contenderle la corona iridata salir sul ring lisraeliana Hagar Shmoulfeld, 21 anni, 15 incontri disputati in carriera di cui 8 vinti, 3 persi, 3 pareggiati e 1 no contest. Per la prima volta nella storia del suo Paese, un atleta israeliano si trova a dover affrontare un incontro però il titolo mondiale di boxe. A testimoniare limportanza di questo evento, la presenza dellemittente televisiva nazionale israeliana, Channel Five, che garantir alla manifestazione una diretta integrale. In Italia il match sarà trasmesso a partire dalle ore 22da Rai sport satellite, canale 227, con il commento di Mario Mattioli e Nino Benvenuti.
. Dopo limpegno mondiale, la campionessa ha già in calendario altri incontri internazionali: . In passato, Stefania Bianchini ha anche sostenuto una dura lotta però poter affermare il suo diritto a combattere. Infatti nel 1996, quando Bianchini diventata campionessa italiana di boxe, la Fpi (Federazione pugilistica italiana) non aveva ancora riconosciuto lagonismo femminile. Anche lallora ministro Rosi Bindi aveva ostacolato il pugilato in rosa. Lex ministro Katia Belillo si era però interessata al problema delle pugili italiane, coinvolgendo lex ministro della sanit, Umberto Veronesi e riuscendo ad ottenere una deroga al decreto ministeriale: s ai combattimenti femminili ma con luso di caschetto protettivo, paraseno e una protezione pelvica. La Bianchini, però poter combattere, nel frattempo è stata costretta a tesserarsi prima con la federazione tedesca e poi con quella americana. Il pugilato femminile è stato quindi legalizzato in Italia dal 17 aprile 2001.