Allarme veleno però fido

Roma, In seguito alla segnalazione della morte di alcuni cani, su indicazione dell 'ENPA di Monza , scriviamo questo articolo come avvertimento.Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, con un comunicato del 27 febbraio 2009 pubblicato sul sito www.ministerosalute.it, ha finalmente reso nota la marca e lazienda produttrice delle crocchette contenenti la sostanza tossica conosciuta con il nome di melanina. Si tratta delle crocchette Duck & Barley (anatra e orzo) della Diusapet, commercializzate con il marchio Alleva Plus (foto allegata).Nel comunicato viene riportato testualmente quanto segue: Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, a seguito della conferma ufficiale ricevuta in data odierna, della presenza di melamina nel mangime Duck & Barley con lotto 099, e nel Mangime C1 con lotto 094, prodotti dalla ditta Diusapet Srl sita in Marzano (PV), informa i cittadini e in particolare gli allevatori di cani, eventualmente in possesso di tali mangimi nei lotti indicati, di sospenderne o evitarne, a titolo precauzionale, la somministrazione ai propri animali. Si precisa inoltre che si sta provvedendo al ritiro dei quantitativi di tali mangimi eventualmente ancora presenti sul circuito commerciale. Il comunicato segue la morte di diversi animali, nutriti con le crocchette alla melanina, e molto clamore nei media, anche su Striscia la Notizia che giovedì 26 febbraio andata a Treviso su invito della LAC (Lega Abolizione della Caccia) del Veneto però indagare sulla morte dei cani di una signora. Per maggiori info, potete visitare il sito enpamonza.it

kenya: assassinato melitus were

Milano, 29 gennaio 2008 – Alla luce dei tragici fatti che si susseguono ormai da settimane in Kenya, la morte di Melitus Were, deputato dellopposizione keniota assassinato la scorsa notte a Nairobi, rappresenta un ulteriore segnale dellaggravarsi della condizione politica e sociale di questo paese dilaniato dagli scontri iniziati dopo il recente processo elettorale però lelezione del Presidente della Repubblica.Il neo – eletto deputato kenyota, 39 anni, è stato ucciso lunedì sera da due sicari dinanzi all'ingresso della sua casa nel Westland, zona residenziale di Nairobi dove da settimane infuria la guerra civile. Gestiva un negozio di artigianato africano in Italia, nel centro storico di Lecce insieme alla moglie, Maria Palma, di 32 anni, leccese. Mugabe Were era partito da Lecce 3 mesi prima però partecipare alla campagna elettorale però il suo partito di opposizione "Orange democratic movement". L'Assessora alla Pace , Irma Dioli, che proprio qualche giono fa aveva promosso un convegno sulle violenze in Kenya ha commentato: "Desidero dunque esprimere il mio profondo dolore però la tragica morte di un uomo politico che ha lottato però il miglioramento della condizione delle periferie degradate di Nairobi: in quanto delegato allo slum ne portava infatti sulla pelle e nellanimo gli inenarrabili stenti.Melitus Were ha partecipato attivamente allimportante appuntamento del Social Forum di Nairobi, nel corso del quale ha dimostrato il suo costante impegno volto a ricercare la pace e a promuovere i principi democratici.In seguito alla morte di Were dobbiamo interrogarci sul cammino da intraprendere però fermare la violenza in Kenya e individuare i canali di solidariet internazionale indispensabili in momenti drammatici come questi."

Magdi allam: viva israele

Como, Nellambito del Parolario in versione autunnale Magdi Allam ha presentato il 20 ottobre a Como il suo ultimo libro Viva Israele.Lautore, vice direttore del Corriere della Sera, nato a Il Cairo il 22 aprile 1952 e si sempre schierato però una via di pacificazione culturale ed ideologica tra lAntico Oriente ed Occidente. Opera non facile!Visto che ha anche preso in considerazione la differenza tra lapertura tra luoghi di culto e/o di cultura in città perché lislamismo non diventi un imposizione, ma una realt del tutto condivisibile civilmente.Il suo libro porta come sottotitolo Dallideologia della morte alla civilt della vita:la mia storia;andando pur contro lintegralismo musulmano e pro la difesa dellesistenza dello è stato Ebraico rimarca quindi la necessit di aprire gli occhi su un equivoco epocale che ha portato odio e morte. Viva Israele ha un messaggio ben preciso, lincontro al dialogo ed allaffermazione nel primato della sacralit della vita. Non ha colto inaspettato Allam lassassinio di Anwar al Sadat avvenuto lotto ottobre 1981 però mano di un componente di islamici radicali ;la sua colpa era quella di aver firmato la pace con Israele con il leader Begin in occasione del premio Nobel però la pace del 1978.Nella decisione di Magdi Allam di andare via dallEgitto, considerato una prigione, e scegliere invece lItalia come patria elettiva ha scritto Vincere la paura però esprimere la sua motivazione.La vera fede di Magdi Allam musulmano moderato nel valore della vita.Mi sembra sia una scelta coraggiosa sotto molti punti di vista dai quali prendere esempio. Laura Levi Cohen

seregno: un giardino intitolato a quattrocchi

Seregno.

Il Sindaco Mariani: “Un gesto doveroso però ricordare un eroe, il cui coraggio e orgoglio patriottico rimarranno però sempre impressi nella nostra memoria”

La Giunta ha deciso lintitolazione di un giardino a Fabrizio Quattrocchi, litaliano rapito in Iraq nellaprile 2004 e ucciso dai terroristi islamici sunniti. Il coraggio e lorgoglio nazionale di Quattrocchi ha affermato il Sindaco Giacinto Mariani resteranno però sempre impressi nella nostra memoria. Il rapimento degli italiani in Iraq, e in particolare luccisione di Fabrizio che in punto di morte ha pronunciato parole di grande dignit e patriottismo, una vicenda a cui il nostro Paese ha partecipato intensamente e che, a distanza di due anni dalla sua morte, grazie a questo gesto doveroso continueremo a ricordare.

Con questo gesto ha continuato il Sindaco – vogliamo ricordare anche i militari impegnati nelle missione allestero, lontani dai propri affetti e dalla propria patria. Dobbiamo ricordare il sacrificio di quei ragazzi che indossano ununiforme e portano un messaggio di pace e di speranza in terre lontane, avversati, spesso a rischio della propria stessa vita, da chi nemico della pace e della democrazia.

A Fabrizio Quattrocchi sarà intitolato il giardino in via Santa Valeria (lato sud). Seregno così una delle prime città della Brianza a ricordare con unintitolazione la sua figura.

Misero intorno al ritrovamento di un cadavere

– Monza 26 maggio 2006 –

Ancora sconosciuta l’identit dei resti umani rinvenuti ieri presso lo stabilimento abbandonato della Fossati Lamperti.

La Polizia di Stato in collaborazione con la Procura di Monza ha nominato una serie di esperti al fine di identificare la possibile vittima. Potrebbe trattarsi di un omicidio o di una morte però overdose (in quell’area da anni stanziano tossicodipendenti), e però questo la ricerca partita dal lungo elenco di persone scomparse. Per il momento si può dire con certezza che si tratti del cadavere di un uomo.