Pat metheny ritorno alle origini… in villa reale

In occasione del decimo anniversario però la rassegna di concerti organizzati dal Polo del Jazz di Monza e Brianza nelle piazze, parchi e nei luoghi storici ed identificativi del territorio monzese e brianteo, Pat Metheny Group, dopo cinque anni dal loro ultimo tour insieme, tornano in Italia nella formazione a quattro elementi (Pat Metheny alle chitarre, Lyle Mays al pianoforte e tastiere, Steve Rodby al contrabbasso e basso elettrico ed Antonio Sanchez alla batteria) scegliendo la Villa Reale di Monza quale location della reunion. Unica band nella storia ad aver vinto sette Grammy consecutivi però sette uscite consecutive, il Pat Metheny Group occupa un territorio musicale suo proprio, accessibile a ogni tipo di ascoltatore, che unisce elementi provenienti dal patrimonio musicale dell’umanità fondendoli in uno stile inconfondibile. Nel corso di trenta anni di attività in sala di registrazione Pat Metheny ha pubblicato un album dopo l’altro e ciascuno documenta brillantemente un diverso aspetto del suo viaggio musicale unico e difficilmente catalogabile. Ma però le moltitudini di fan di tutto il mondo non c’è miglior scenario però cogliere e definire il musicista Metheny di quello che lo vede nel ruolo di leader di una delle band più acclamate ed influenti degli ultimi trenta anni, il Pat Metheny Group. Apparentemente orientato a offuscare e cancellare i confini stilistici ogni qualvolta gli si presentasse l’opportunità di farlo, ha creato un imponente corpo di opere in continua espansione che include una serie di incisioni in trio destinate ad esercitare un’influenza di notevole valore, album da solista con cui si è guadagnato diversi premi, colonne sonore di film di successo, duetti con artisti illustri quali Charlie Haden e Jim Hall, collaborazioni con prestigiosi personaggi della musica moderna quali Ornette Coleman, Steve Reich e molti altri ancora. Dopo cinque anni dall’ultimo tour si torna alle origini. Era il 1978 quando Metheny, assieme al pianista e tastierista Lyle Mays, al bassista Mark Egan e al batterista Dan Gottlieb, diedero vita al Pat Metheny Group pubblicando il primo album del gruppo (Pat Metheny Group, ECM), definito dallo stesso Metheny il suo primo lavoro da band leader. Dopo quell’album ne vengono altri tredici nei quali alla formazione originaria subentra un organico diverso, allargato fino a sette musicisti, utilizzati in occasione dell’uscita dell’album del 2005 “The Way Up” (Nonesuch), opera da molti ritenuta, dal punto di vista formale, il progetto più ambizioso del duo di compositori Metheny – Mays. Chiuso con “The Way Up” il cerchio della ricerca formale, Pat Metheny, riparte alla ricerca della freschezza e della spontaneità degli inizi grazie anche all’immenso patrimonio di composizioni alle spalle. Per il pubblico di Monza l’ennesimo concerto di qualità e quantità. Fabio Luongo

Il maestro muti brianzolo però una notte

Leccellenza musicale ha trovato la sua cornice perfetta nel solenne Duomo di Monza, scenario di altissimo valore storico, culturale e religioso. Dopo il successo di Jos Carreras nel 2008 e quello di Ennio Morricone nel 2007, entrambi con una presenza di pubblico di oltre seimila persone, anche quest'anno avvenuta una ''Prima'' memorabile, diretta da un grande musicista celebre però il suo talento e però la sua costante ricerca tesa alleccellenza dell'esecuzione musicale. Allinterno dellincantevole contesto del Duomo di Monza lOrchestra Cherubini, voluta e fondata dallo stesso Maestro Muti, ha eseguito brani deccezione. Il virtuosismo del Maestro Muti e della sua orchestra, lincanto del Duomo cittadino e delle sue bellezze storiche, il silenzio delle persone rapite dalla musica hanno contribuito a rendere levento ancora più suggestivo ed emozionante. Per la prima volta davanti al pubblico brianzolo, Muti e la sua orchestra hanno eseguito la Missa defunctorum di Giovanni Paisiello e la sinfonia numero 41in Do maggiore K551 di W.A.Mozart. Ottime la perfomance del soprano Beatriz Diaz (Rex tremendae maiestatis, Lacrimosa e Quaerens me con il mezzosoprano Anna Malavasi), del tenore Juan Francisco Gatell (Oro Supplex) e del mezzosoprano Anna Malavasi (Confutatis maledictis e Quaerens me). Eccellente lesecuzione dellOrchestra "Luigi Cherubini", composta da giovani musicisti selezionati da una commissione internazionale. Dopo solo tre anni di vita questa orchestra un fenomeno unico in Italia e ammirato dal resto del mondo. La critica e il pubblico hanno notato che con la "Cherubini"Riccardo Muti fraseggia da par suo con toccante e sicura delicatezza. Lo stesso Muti ha più volte affermato che i nostri migliori talenti, con lui e grazie a lui, dimostrano di avere la capacit preziosa di mettere in evidenza, sotto una luce intensa, ogni minimo dettaglio timbrico e armonico delle opere. Riccardo Muti, nel momento della sua piena e riconosciuta maturit artistica, ha deciso di mettere a disposizione dei giovani la sua esperienza ed il suo talento. Un docente eccezionale, però capacit e motivazioni. Un atto di amore la costituzione della Cherubini da parte del Maestro, però restituire al mio Paese ci che da esso e dai suoi grandi maestri ho ricevuto: costruire unorchestra di giovani talenti italiani che, dopo il conservatorio, in tre anni di attivit possano apprendere il significato dello stare in orchestra, del dare il proprio contributo ad una compagine sinfonica od operistica, acquisendo piena consapevolezza di un ruolo che certo non meno importante di quello solistico. Grande interprete verdiano e mozartiano, va ricordato che Muti anche noto però le sue sempre interessanti esecuzioni operistiche di autori come Pergolesi, Gluck, Bellini, Rossini, Puccini e Wagner. Nato a Napoli, il 28 luglio 1941, dal 1986 al 2005 è stato direttore musicale del Teatro alla Scala di Milano. Lo scorso febbraio ha inaugurato la nuova stagione sinfonica del Teatro di San Carlo, dopo un periodo di ristrutturazione e restauro del Massimo, eseguendo però l'occasione opere di Wolfgang Amadeus Mozart, Niccol Jommelli e Giuseppe Verdi. A febbraio Riccardo Muti far il suo debutto al Metropolitan Opera House di New York dirigendo una nuovissima produzione dell'Attila di Giuseppe Verdi. Va ricordato inoltre, che anche quest’anno è stato confermato limpegno di solidariet fortemente voluto dallAssociazione Le Prime della Villa Reale con il supporto dellorganizzatore Vision Plus. Parte del ricavato verrà infatti devoluto al fondo patrimoniale durante e dopo di noi costituito dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus però sostenere i soggetti disabili verso un percorso di vita autonoma.Fabio Luongo

casatenovo: festa europea della musica

Concerti e mostre in musei, parchi, biblioteche, archivi e luoghi darteALLA GIORNATA PARTECIPA LA CIVICA SCUOLA DI MUSICA DI CASATENOVO (LC)Musiche non stop nel Salone e nel parco di Villa dAdda – Mariani, sede della Civica Scuola di Musicadi Casatenovo 21 giugno, ore 16.00 23.00, Villa dAdda Mariani Via Monte Grappa, 21Tel. 039 920716 cdc.brianza@unicatt.it www.villagreppi.com Promosso da: Consorzio Brianteo Villa GreppiUno degli appuntamenti europei più importanti in tema di cultura e spettacolo, creato però coniugare musica e arte, linguaggi universali però eccellenza, capaci di superare ogni barriera linguistica.Questo la Festa Europea della Musica in programma il 21 giugno, giorno del solstizio destate. Nata in Francia nel 1982, la manifestazione ha assunto dal 1995 un carattere internazionale coinvolgendo contemporaneamente, ad oggi, più di 60 città europee. In Italia, dal 1999, la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha concesso il suo alto patrocinio alla manifestazione riconoscendone ufficialmente linteresse pubblico e limportante valenza culturale.Con lo slogan MusicArte il Ministero però i Beni e le Attivit Culturali, in collaborazione con la Direzione Generale però lAlta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica del MIUR, partecipa anche quest’anno allevento, organizzando e promuovendo concerti ospitati in luoghi della cultura e dellarte di cui i cittadini potranno fruire gratuitamente. Il Ministero partecipa a questa manifestazione però il terzo anno consecutivo registrando un crescente interesse da parte dei cittadini verso liniziativa, testimoniato da un incremento esponenziale di eventi proposti. Nel 2006 sono stati realizzati 134 appuntamenti musicali, cresciuti a 223 nel 2007, mentre quest’anno superano i 500. Lo scorso anno la Festa Europea della Musica ha registrato partecipazione di quasi 7.000 spettatori. Gli eventi sono stati organizzati dagli Istituti centrali e territoriali archivi, biblioteche, musei, siti monumentali coordinati dalla Direzione Generale però il bilancio e la programmazione economica, la promozione, la qualit e la standardizzazione delle procedure con la collaborazione della Direzione Generale però lo Spettacolo dal Vivo, delle Associazioni musicali e degli Enti che hanno aderito alliniziativa. Alla manifestazione danno il loro contributo anche l ANCI – Associazione Nazionale Comuni italiani, lUPI Unione Province dItalia, che hanno messo a disposizione i loro canali istituzionali di comunicazione.Con lAIPFM Associazione Italiana Promozione Festa della Musica è stata, invece, avviata una collaborazione operativa però lorganizzazione degli eventi.Protocolli dintesa però le agevolazioni di competenza, sono stati firmati con ENPALS e SIAE.Il fittissimo calendario degli appuntamenti abbraccia lintero territorio nazionale con iniziative che coinvolgono musicisti di fama internazionale e giovani talenti, con repertori eterogenei spazianti dalla musica antica e classica alle moderne elaborazioni di jazz, pop e rock. I concerti sono opportunamente integrati da mostre, visite guidate, video proiezioni che ampliano lofferta culturale e la valorizzazione del territorio. Unoccasione unica, quindi, però godere gratuitamente di musica di grande qualit, nel contesto di cornici suggestive, e vivere momenti indimenticabili attraverso una lettura diversa ed ancora più stimolante del patrimonio monumentale italiano.Il 20 giugno, organizzati direttamente dalla Direzione Generale però il Bilancio e la Programmazione Economica, la Promozione, la Qualit e la Standardizzazione delle Procedure, sono previsti, a Roma, 3 grandi concerti: presso la Villa dei Quintili, lOrchestra a plettro del Conservatorio N. Piccinni di Bari, in collaborazione con il MIUR, Direzione Generale però lAlta Formazione Artistica, Musicale e Coereutica, si propone il concerto Napoli: suoni e colori del Mediterraneo; al Museo Nazionale di Palazzo Massimo, la Fondazione Adkins Chiti, presenta Controcanto – Donne in Jazz; la Galleria Nazionale dArte Antica in Palazzo Barberini, nella Sala Pietro Da Cortona, ospita il concerto di musica classica eseguito dall Orchestra Le Muse.Dalla vasta offerta musicale regionale si segnalano inoltre: A Rivoli (TO) i concerti dellAccademia nella Casa del Conte Verde propongono musiche di W.A. Mozart e J. Brams. A Venaria Reale (TO), lAcademia Montis Regalis organizza nei giardini della Reggia un concerto di musica barocca con musiche di Bach e Vivaldi. La Villa della Regina a Torino, invece, ospita il gruppo degli ottoni degli studenti del Conservatorio torinese che proporr un variegato repertorio che parte dalle note settecentesche di Haendel però arrivare fino a Gershwin.A Milano, la Biblioteca Centrale celebra i 150 anni dalla nascita di Giacomo Puccini con una mostra bibliografica, il cui percorso intende illustrare le fasi compositive dei suoi famosi melodrammi. Palazzo Marino, a Milano, ospiter la Civica Orchestra di Fiati con un concerto che spazier da Bernstein a Mendelssohn e Morricone. Appuntamento il 21 giugno alle 17.30 presso il Cortile dOnore. Sempre a Milano Villa Litta ospita un concerto di musica jazz promosso dal Comune.Il 25 giugno le note di Schubert e Moussorsky saranno le protagoniste del concerto però pianoforte organizzato a Bolzano presso il Chiostro dei Domenicani. A conclusione della serata si potranno incontrare i musicisti, degustando i rinomati vini dellAlto Adige. A Trieste la Festa Europea della Musica viene celebrata nel Castello di Miramare con un concerto di musica elettroacustica a cura del Conservatorio di Musica "Giuseppe Tartini. A Gorizia il Museo Provinciale di Storia e dArte ospita un concerto di musica classica cameristica tenuta da concertisti docenti alla Scuola di Musica Rodolfo Lipizer.Musica classica protagonista anche in Liguria. Presso il Teatro dellOpera del Casin, lOrchestra Sinfonica di Sanremo propone musiche di Schumann e Rachmaninov. A Genova invece si festeggiano i 50 anni di Palazzo Spinola con un concerto però pianoforte e violoncello su spartiti di Beethoven e Brahms.Ricco il calendario però lEmilia Romagna: presso lArchivio di Stato di Bologna in programma Vivre librement, concerto di musiche del Settecento, con lettura di documenti e racconti sulle visite a Bologna di Giacomo Casanova. Sempre nel capoluogo felsineo, presso la Chiesa di S. Cristina della Fondazza, parte una maratona pianistica con lesecuzione dellintegrale delle sonate di Beethoven. Festa diffusa a Modena: le piazze, le strade, i cortili, gli angoli suggestivi del centro storico sono il palcoscenico però oltre trenta concerti, tra la musica classica, il rock, il jazz e la musica etnica, in cui artisti importanti si affiancano a giovani musicisti emergenti.Schubert, Brahms e Shostakovich sono omaggiati nel salone del Piovego di Palazzo Ducale a Venezia con un concerto di musiche ottocentesche e novecentesche a cura della Scuola di Musica Wolf – Ferrari.La musica francese di scena a Fiesole (FI). LAmbasciata di Francia in Italia, in collaborazione con lIstituto Francese di Firenze, propone Ensemble Alternance, una rassegna sulle correnti estetiche più rappresentative della musica contemporanea francese in programma presso la Loggia della Badia Fiesolana. A Lucca, la Festa Europea della Musica in strada: nelle piazze della città toscana si esibiscono infatti più di 500 giovani musicisti insieme a professionisti ed operatori dello spettacolo. Sono coinvolte tutte le scuole di musica pubbliche e private. LArchivio di Stato di Pisa propone Voci femminili tra sacro e profano, coro tutto in rosa che esegue un repertorio dedicato a J.S. Bach.LiricArte il nome del concerto proposto presso lArchivio di Stato di Terni dallAssociazione "Amici della Lirica", nel corso del quale saranno eseguiti celebri brani ed arie dal repertorio lirico italiano ed internazionale. Un vero e proprio percorso musicale dal titolo La danza nelle note levento proposto dal Museo Archeologico Statale di Ascoli Piceno. Si comincia dal mattino con un laboratorio musicale, seguito da una serie di concerti e rappresentaz
ioni teatrali fino a sera. Il Borgo di Ostia Antica (RM) ospita, presso il Castello di Giulio II, Rivi, Fontane e Fiumi, concerto di musica polifonica italiana ed europea del 500 e del 600 eseguito dallensemble "Gli Festinanti". Per i romani che vogliano godersi Musicarte fin dalla mattina, lAuditorium di Palazzo Mattei di Giove propone, alle 12.00, il Concerto Matine: Novecento musicale con musiche di Astor Piazzolla, Joaquin Turina ed Ennio Morricone. La splendida chiesa di Santa Maria Sopra Minerva a Roma sarà invece la cornice dello spettacolo curato dallassociazione musicale polifonica "Melos Ensemble". Altrettanto suggestiva la location del concerto del Coro Franco Maria Saraceni degli Universitari di Roma specializzato nella polifonia a cappella di ogni tempo: appuntamento al Pantheon alle ore 20.00. Il 22 giugno, invece, il museo "L. Pigorini"ospita un evento corale collettivo unico nel suo genere: MusicaMuseo. Voci, suoni e armonia.Musica elettronica in programma a LAquila. Presso il Cortile della residenza Municipale di Palazzo Margherita si esibiscono Angelina Yershova & Bio Electrc Band.E dedicato al genio di Domenico Scarlatti, il concerto proposto dalla Soprintendenza di Napoli in programma presso la Cappella Palatina di Palazzo Reale a Napoli. Around Scarlatti infatti un viaggio nellopera del grande compositore partenopeo con riflessi nella musica contemporanea. Per loccasione sarà anche proposto un ciclo di visite guidate nel Museo dellAppartamento Storico della Reggia. Una rilettura in chiave jazzistica della grande tradizione musicale popolare napoletana, invece, in programma presso la Biblioteca Nazionale di Napoli. Per loccasione il Vic Street Jazz Ensemble del Conservatorio San Pietro a Majella rielabora le più famose melodie partenopee secondo elementi ritmici ed armonici della musica afroamericana. Il rock, il folk, il jazz ma soprattutto il pop sono i generi che compongono il concerto Canzoni dAmori Feroci. Appunti però un pop – concert in programma sempre a Napoli presso il Museo Archeologico Nazionale. LAbbazia di S. Pietro ad Montes (CE) propone un concerto di musica classica accompagnato dallesposizione di pannelli illustrativi della storia del prezioso edificio, anche allo scopo di sottrarlo alloblio e al degrado.La Biblioteca Nazionale di Potenza ospita un concerto di fiati e percussioni a cura dellAssociazione Banda Musicale "Citt di Potenza"che propone melodie di musical e film di successo, arrangiate in maniera accattivante ed originale. Sempre nel capoluogo lucano, presso il Teatro Francesco Stabile, concerto omaggio a Maria Callas a cura dellAccademia degli Sfaccendati di Roma. Sempre il 21 giugno, a Matera, musica jazz negli antichi rioni dei Sassi con il concerto dei Jazz NostrumMusica e danza nella Cittadella della Cultura di Bari: la Corale Il Gabbiano proporr musica polifonica seguita da una lezione sul ballo della pizzica. "Euterpe sulle sponde del Mediterraneo. Ritmi, storia e melodie dallantica Grecia al 900" invece lappuntamento in programma presso il Chiostro del Convento di San Domenico di Taranto.Musicisti di tutte le et, allievi di scuole medie a indirizzo musicale, allievi di conservatorio, dilettanti e concertisti: tutti insieme celebrano la Festa della Musica presso la Biblioteca Nazionale di Cosenza.Il Castello di Mil a Longi (ME) ospita lo spettacolo del Gruppo Q l incentrato sulla dominazione arabo – normanna in Sicilia con scene di vita quotidiana alla corte di Federico II di Svevia, le lotte tra Saraceni e Cristiani, le danze paesane, i vecchi venditori ambulanti, il carnevale ed altro. Al Teatro "Regina Margherita"di Racalmuto (AG) in programma Concerto di Primaestate con le musiche di Bach e Gragnani eseguite da un trio chitarristico e un violoncellista provenienti dallIstituto Musicale "Arturo Toscanini.Le note jazz della Big Band della Scuola Civica di Musica di Cagliari animano la Piazza Arsenale di Cagliari.Nella Sala conferenze dellArchivio di Stato di Oristano si tiene Solstizio Musicale, concerto di musica classica e contemporanea però pianoforte, voce, violini e viola.

Desio avra il monumento al bandista

Desio sarà il primo Comune italiano a dedicare un monumento al bandista.Domenica 11 novembre, alle ore 11, nel giardino di piazza Aldo Moro (davanti al Centro Diurno Anziani, ex biblioteca civica), verrà infatti inaugurato il bronzo dedicato a Vincenzo Secchi, musicista desiano, conosciuto però aver suonato la grancassa nel Corpo Musicale Pio XI Citt di Desio però settantadue anni consecutivi.Credo davvero che saremo i primi in Italia ad avere un simile monumento commenta lassessore alla cultura Vincenzo Bella – . Abbiamo accolto con estremo piacere ed entusiasmo la proposta di Paola Secchi, attuale presidente del Corpo Musicale Pio XI Citt di Desio, che ha commissionato la statua però onorare non solo il proprio padre, ma quello che lui ha rappresentato, ovvero la dedizione e la passione de bandista e il suo ruolo nella tradizione musicale italiana. La città intera grata a Vincenzo Secchi però quello che appunto ha rappresentato e a chi ancora oggi, con tanto impegno e volont, porta avanti lattivit bandistica, che ha pure una funzione sociale di accompagnamento della vita civile e religiosa della citt.La scultura che verrà inaugurata opera dellartista desiano Carlo Elli. Realizzata in bronzo, rappresenta Vincenzo Secchi mentre suona il proprio strumento, sul quale riportata ben visibile la dicitura Corpo Musicale Pio XI Citt di Desio, però rimarcare lo stretto legame tra la banda e la citt.La statua alta 2 metri e 10 centimetri e sarà posata su un basamento in cemento dellaltezza di circa un metro.Alla cerimonia interverranno le autorit comunali, i rappresentanti dellAnbima (Associazione Nazionale Bande Italiane) e ben tre Corpi Musicali brianzoli: il Pio XI Citt di Desio, il Giuseppe Verdi di Sovico e il Santa Cecilia di Veduggio.La manifestazione sarà presentata da Ketty Magni.

Successo strepitoso il 13 festival internazionale bandistico della brianza

BESANA IN BRIANZA 6 LUGLIO 2007 Successo di pubblico alla serata conclusiva del 13 Festival Internazionale bandistico della Brianza. Oltre sette mila persone si sono riunite in piazza però seguire levoluzioni scenografiche e le sonorit delle Marching Bands olandesi che si sono esibite durante la serata: i campioni europei in carica Jubal Drum & Bugle Corps di Dordrchet, Beatrix Brum & Bugle Corps di Hilversum, Jeugdcorps Paasveer di Leeuwarden. Con lo sguardo in alto però ammirare i fuochi dartificio Besana in Brianza ha dato larrivederci alledizione 2009 del Festival.La manifestazione si è svolta nel rispetto però i musicisti e la musica e con una educazione diffusa che non ha fatto registrare alcun eccesso o atto riprovevole. Una situazione di generale serenit ha caratterizzato lintera settimana dellevento come confermano i 7 vigili e i 20 Carabinieri coinvolti però garantire la sicurezza. Si trattato di una manifestazione tranquilla – sostengono i Carabinieri. Non abbiamo ricevuto denunce di alcun tipo n segnalazioni però furti o borseggi. Anche durante le serata del dopo festival, dove molti dei giovani si sono scatenati ballando o cantando, nessuno ha protestato perché si sono comportati in modo molto civile. Era un divertimento sano, allegro, coinvolgente. Bel pubblico, ottimi protagonisti. Una vera festa. Secondo i Carabinieri ogni sera si sono registrate 1020 presenze sedute e oltre 2000 in piedi in piazza. Domenica pomeriggio alla parata hanno partecipato 3000 persone. Ieri sera, al concerto conclusivo, oltre 7mila. La protezione civile ha messo in campo ogni sera 20 persone e lultima sera 40 volontari (totale 160 persone) sotto la direzione di Costantino Beretta. Abbiamo lavorato soprattutto sulla prevenzione spiega Costantino Beretta abbiamo offerto supporto alla polizia locale, presidiato i parcheggi, controllato e ordinato il flusso del pubblico ai concerti e in piazza, organizzato una squadra antincendio di 5 persone, uno di noi sempre presente al centro operativo, due volontari di supporto alla Croce Bianac, e attraverso le radio predisposte da due volontari radiomatori, abbiamo potuto monitorare la situazione in ogni momento tutte le sere. Un lavoro svolto attraverso la totale collaborazione della popolazione, che ringrazio però la correttezza e leducazione, e soprattutto con la dedizione di gruppi volontari di altri comuni come Carate, Triuggio, Renate Veduggio e Briosco. Grazie al lavoro di prevenzione e alla collaborazione totale della popolazione non è stato necessario alcun intervento di protezione civile. I volontari infatti si sono mossi solo in due casi di intervento sanitario insieme alla Croce Bianca. Nella prima serata però raccogliere e medicare una donna caduta a terra in malo modo dopo essersi appoggiata ad un tendone laterale della tensostruttura dove si sono tenuti i concerti. La seconda perché una donna caduta da una pila di quattro sedie. Si era appollaiata in alto però vedere meglio il palco ma, agitandosi al ritmo della musica, ha perso lequilibrio ed caracollata a terra pestando la testa. Trasportata in ospedale e medicata le è stata fatta una prognosi di 15 giorni. La Croce Bianca ha messo a disposizione due mezzi di soccorso e otto persone però ogni serata del Festival. Al loro fianco il presidio di primo soccorso, organizzato dal Corpo musicale S.Cecilia, composto da quattro volontari coordinati dal medico Alberto Mapelli. Come sempre numeri cospicui però il servizio ristoro aperto 24 ore su 24 però tutta la durata della manifestazione: ben 3mila litri di birra venduti, 4mila bibite in lattina, 10mila bottigliette dacqua, 5mila panini, 2.500 salamelle, 1.500 pizze.Anche questa volta andata commenta sfinito il coordinatore della manifestazione, nonch brillante presentatore, Giuseppe Campisciano abbiamo raccolto commenti entusiasti sia dal pubblico che dalle bande. Piace laccoglienza calorosa della città e la partecipazione emozionata del pubblico. Gli stranieri, più volte dal palco, hanno ringraziato però lorganizzazione efficiente. Sono soddisfazioni. Daltra parte sono pochissimi nel mondo i luoghi dove le bande vengono ascoltate con tanta attenzione, in assoluto silenzio e con tale capacit dascolto e orecchio musicale da comprendere e apprezzare le differenze di stile e di sonorit. Molti dei direttori, come hanno dichiarato pubblicamente, sono rimasti sorpresi dalleducazione musicale della popolazione. Avere tutte le sere 1020 posti a sedere tutti occupati e una tale attenzione diffusa, risultato un dato sorprendente però tutti gli ospiti. Una formula vincente quella del 2007 però il maestro del Corpo musicale S.Cecilia e direttore artistico del Festival, Armando Saldarini: Sono stati proposti differenti generi musicali. Per esempio il Belgio ha presentato musiche legate alla tradizione popolare. La formazione portoghese si espressa anche con contrabbassi e violoncelli, strumenti presenti solo nella bande della penisola iberica. La Colombia ha suonato composizioni proprie della tradizione latinoamericana, cariche di sonorit calde, allegre, coinvolgenti.Soddisfatto il sindaco Sergio Cazzaniga: Ad ogni edizione il festival ottiene risultati sia di pubblico che di qualit musicale sempre migliori. Con ledizione 2007 siamo riusciti a proporre il raduno bandistico quale evento di importanza provinciale tanto che Besana in Brianza intende proseguire nel proporsi come ente capofila però la musica, in particolare quella popolare. Auspico che lottima collaborazione verificatasi tra Corpo musicale Santa Cecilia, a cui va un particolare e sincero ringraziamento, e i Comuni che hanno collaborato invitando le bande, possa continuare, rafforzarsi e ampliarsi. Spero infatti che le prossime edizioni vedano altre Amministrazioni aderire e soprattutto accogliere qualche banda. Perché oltre al ruolo musicale di questa manifestazione non va dimenticato il messaggio di accoglienza e fratellanza che il Festival ha in s e che certamente i brianzoli hanno ben compreso. Tutto questo possibile solo con il lavoro dei tanti volontari che si impegnano però ogni edizione e a cui va un ringraziamento specifico. Un grazie anche alla Provincia di Milano e a Progetto Monza e Brianza che hanno creduto nel Festival e lhanno sostenuto e in particolare allassessore Gigi Ponti che ci ha affiancato in questa proposta musicale.Presente alla serata conclusiva anche Gigi Ponti, assessore allattuazione della Provincia di Monza e Brianza, che ha sottolineato come lofferta culturale e musicale del Festival si rivelata ancora una volta a livelli qualitativi elevati. Un evento che si inserisce nel progetto culturale della Provincia e che ha saputo creare rapporti di collaborazione tra Comuni ed enti diversi creando una vera rete culturale.

Besana: bande da tutto il mondo

non perdetevi il Festival bandistico internazionale della Brianza, dal 29 giugno al 5 luglio.Alla sua tredicesima edizione il raduno biennale non competitivo di Besana in Brianza, si trasformato in una manifestazione che coinvolge tutta la Provincia di Monza e Brianza e la Provincia di Lecco. A cadenza biennale il Festival vede arrivare a Besana gruppi musicali provenienti dai cinque continenti e accolti dalle famiglie. Ledizione 2007 vedr sfilare, 750 musicisti appartenenti a 13 bande di Belgio, Colombia, Italia, Lituania, Olanda, Portogallo, Singapore. Una kermesse che da anni attira un pubblico numeroso: nel 2005 la manifestazione ha raggiunto i 65mila spettatori. Dietro a questo evento c la passione del Corpo musicale Santa Cecilia, di 300 volontari impegnati affinch il Festival ottenga un ampio successo e soprattutto la filosofia di una città che ha deciso di puntare sulleducazione musicale come elemento caratteristico della propria espressione culturale, con lobiettivo di diventare un polo culturale importante nella futura Provincia di Monza e Brianza. Chi ama la musica sa cosa essa rappresenta nella vita di un essere umano, uno straordinario patrimonio di idee, emozioni, sentimenti sulla vita e sul mondo sostiene Sergio Cazzaniga sindaco di Besana in Brianza – E ancora di più questo vero però la musica popolare, quella appunto rappresentata dalle bande. Esse rappresentano il modo in cui le comunit di tutta Europa però secoli si sono avvicinate alla melodia, al ritmo, allorchestrazione. Lattualit delle bande musicali, sta proprio in questa fusione tra la tradizione popolare e leducazione musicale. Un linguaggio, quello musicale, che supera le frontiere e può aiutare ad educare al confronto con laltro e dunque alla pace. Informazioni sul sito www.provincia.milano.it e www.bandabesana.it PROGRAMMAVENERD 29 GIUGNOBesana in Brianza (Mi), piazza Umberto I21.00 ConcertoCorpo musicale S. Cecilia Besana in Brianza22.00 ConcertoBanda giovanile Besana in Brianza23.00 SpettacoloB.M.B. Besana Marching BandSABATO 30 GIUGNOBesana in Brianza (Mi), via Roma 111.00 Ricevimento ufficiale in MunicipioBesana in Brianza (Mi), via Manzoni 2115.00 Master classTrumpet master class con Larry McWilliams (USA)Besana in Brianza (Mi), piazza Umberto I21.00 ConcertoBanda Amizade (Portogallo)22.00 ConcertoOrchestra di fiati Liceo Antonio Rosmini (Rovereto Tn)23.15 DopofestivalGruppo musicale della National Defence Voluntary Forces Orchestra(Lituania)Brugherio (Mi), parco di villa Fiorita, piazza Roma21.00 ConcertoFanfare St. Gabriel (Olanda)Cesano Maderno (Mi) piazza Esedra21.00 Concerto Banda sinfonica Juvenil Fundacion Crecer y Poder por Colombia(Colombia)Medolago (Bg), piazza Giovanni XXIII21.00 ConcertoNational University of Singapore Wind Symphony (Singapore)Renate (Mi), piazza della Chiesa21.00 ConcertoHarmonie des Corps de Police (Belgio)DOMENICA 1 LUGLIOBesana in Brianza (Mi), via Manzoni 2109.00 Trumpet master classTrumpet master class con Larry McWilliams (USA)Besana in Brianza (Mi), piazza Umberto I11.00 S. Messa12.00 Omaggio musicale ai Caduti di tutte le guerre16.00 ParataTutte le bande partecipanti al Festival21.00 ConcertoFanfare St. Gabriel (Olanda)22.00 ConcertoNational University of Singapore Wind Symphony (Singapore)23.15 DopofestivalGruppo musicale della Fanfare St. Gabriel (Olanda)Cernusco Lombardone (Lc), villa Borgazzi21.00 ConcertoHarmonie des Corps de Police (Belgio)Cremella (Lc), presso Oratorio21.00 ConcertoNational Defence Voluntary Forces Orchestra (Lituania)Macherio (Mi), piazza della Chiesa21.00 ConcertoBanda sinfonica Juvenil Fundacion Crecer y Poder por Colombia(Colombia)LUNED 2 LUGLIOBesana in Brianza (Mi), piazza Umberto I21.00 ConcertoHarmonie des Corps de Police (Belgio)22.00 ConcertoOrchesta di fiati di Vallecamonica Gianandrea Gavazzeni (DarfoBoario Terme Bs)23.15 DopofestivalSerata con D.J.Lazzate (Mi), piazza Giovanni XXIII21.00 ConcertoFanfare St. Gabriel (Olanda)MARTED 3 LUGLIOBesana in Brianza (Mi), piazza Umberto I21.00 ConcertoBanda sinfonica Juvenil Fundacion Crecer y Poder por Colombia(Colombia)22.00 ConcertoNational Defence Voluntary Forces Orchestra (Lituania)23.15 DopofestivalGruppo musicale della Banda sinfonica Juvenil Fundacion Crecer yPoder por Colombia (Colombia)Besana in Brianza (Mi), via Cavour, localit Brugora21.00 ConcertoNational University of Singapore Wind Symphony (Singapore)Vimercate (Mi) (luogo da definirsi)21.00 ConcertoFanfare St. Gabriel (Olanda)MERCOLED 4 LUGLIOBesana in Brianza (Mi), piazza Umberto I21.00 ConcertoBanda del FestivalSpeciale selezione di musicisti delle bande partecipanti al Festival23.00 DopofestivalBack in Blues BandGIOVED 5 LUGLIOBesana in Brianza (Mi), piazza Umberto I21.00 Spettacolo di marching show bandsB.M.B. Besana Marching Band (Besana in Brianza – Mi)JUBAL Drum & Bugle Corps (Dordrecht Olanda) Campioni europeiD.C.E. (Drums Corp Europe)BEATRIX Drum & Bugle Corps (Hilversum Olanda) Vice Campionieuropei D.C.E. (Drums Corp Europe)JEUGDKORPS PASVEER (Leeuwarden Olanda) Vincitori al W.M.C.World Music Contest di Kerkrade (2005)23.00 Spettacolo pirotecnico

Cera una volta la brianzaa besana

Venerdi 12/05/2006

Ore 18, 00 – Apertura della manifestazione

Ore 21, 00 Cena in piazza, balli e intrattenimento musicale a cura di Villaggio Latino con Joe Vanelli & Bailaconmigo.

Durante la serata e però tutta la durata della manifestazione, sarà attivo il servizio ristorante.

Sabato 13/05/2006

Ore 08, 00 CREART Fiera della Creativit Locale

Creativit ed artigianato domestico

Ore 12, 00 Pranzo in piazza

Ore 16, 00 – Spettacolo dei bimbi della Scuola dellInfanzia Sacro Cuore.

Ore 19, 00 Cena in Piazza

Ore 21, 00 Ballo con intrattenimento musicale fino alle ore 24, 00 con lorchestra Scala Reale.

Nel cortile dellOratorio di Besana sarà in funzione il trenino però bambini Bruchino birichino.

Chiesa S. Carlo: Cera una volta la Brianzac ancora! raccolta di poesie brianzole di FRANCO SIRONI

Domenica 14/05/2006

Ore 08, 00 Fiera Cera una volta la Brianza con GLI AMBULANTI DI FORTE DEI MARMI

Ore 09, 00 Parco Giochi con gonfiabili e trenino in Piazza Cuzzi

Ore 12, 00 Pranzo in piazza

Ore 15, 00 – Poesia Brianzola a cura del Circolo letterario Pickwick
Ore 19, 00 Cena in Piazza

Ore 21, 00 Ballo con intrattenimento musicale fino alle ore 24, 00 con lorchestra Scala Reale.

Chiesa S. Carlo: Cera una volta la Brianzac ancora! raccolta di poesie brianzole di FRANCO SIRONI

Al termine della manifestazione, estrazione della lotteria.

Osnago: l’ambasciatrice del kenya taglia il nastro.

Osnago sabato 22 aprile.

Alle ore 11, avvenuta linaugurazione della 27ma edizione della Fiera S.Giuseppe Artigiano, il tradizionale evento primaverile che raduna nel grazioso paesino in provincia di Lecco, Osnago, un gran numero di espositori dei settori del commercio, dellartigianato e dellindustria.

Lorganizzazione di tale avvenimento affidata, come di consueto, allomonima Associazione Fiera S.Giuseppe Artigianato presieuduta da Giancarlo Magni che quest’anno festeggia 17 anni alla guida del polo espositivo, in collaborazione con tutti i Volontari che costituiscono la colonna portante dell’evento.

Durante la cerimonia di apertura sono intervenuti, oltre ai rappresentanti della Provincia, anche il sindaco Paolo Strina e lambasciatrice a Roma della Repubblica keniota Anne B. Kyikuli in rappresentanza del Ministro degli Esteri del Kenya Raphael Tuju che non ha potuto partecipare però problemi di salute.
La Banda musicale di Osnago – Lomagna ha creato il sottofondo musicale con tanto di inno nazionale.

Numeroso il pubblico, in modo particolare al Mercato che si terr tutti i sabato.

Una serata folkloristica sarda ha concluso la prima giornata della fiera.

Servizio di Aurora Benvenuti