Villa tittoni traversi

Image

La villa odierna è il frutto di rifacimenti e rimaneggiamenti stratificatisi nel corso dei secoli aventi come origine il nucleo creato con l’insediamento nel 1651 della famiglia dei marchesi Cusani, che venivano a passare qui il tempo libero, avendo la loro residenza ufficiale nel Palazzo Cusani a Milano. Fra il 1700 ed il 1800 grande importanza storica fu apportata alla villa, in quanto Ferdinando Cusani, amante di cose antiche, arricchì la proprietà di lapidi, statue e marmi preziosi, ora conservati presso i musei civici del Castello Sforzesco di Milano… La villa fu ingrandita nel 1776 da Giuseppe Piermarini con i canoni di equilibrio compositivo propri del periodo neoclassico ancora visibili, seppur occultati dai lavori successivi, nella disposizione simmetrica delle finestre. Per confermare la maestosa ricchezza del luogo, si ricorda che il marchese Cusani ricevette il 14 luglio 1785 la visita dei reali di Napoli, i quali si presentarono a Desio con un corteo di sette carrozze da un tiro a sei cavalli e sei tiri a quattro. Con il re e la regina di Napoli vi erano l’arciduca Ferdinando e consorte oltre a un nutrito seguito di nobili. http://it.wikipedia.org/wiki/Villa_Tittoni_Traversi

Rifiuti: monti (lega), basta e' l'ultima volta

ROMA, 9 LUG – ''Ormai l'emergenza rifiuti e' diventata una costante visto che sono ben 15 anni che a Napoli e nelle altre province campane sono incapaci a smaltire l'immondizia prodotta dai loro cittadini e che dal 1994 ad oggi e' è stata spesa la considerevole cifra di 2 miliardi di euro di contributi pubblici però affrontare una emergenza che e' diventata l'emergenza nazionale''. Cosi' il senatore Cesarino Monti, della Lega Nord, vicepresidente della commissione Ambiente del Senato nella dichiarazione di voto al Senato sul decreto rifiuti''. ''Basta con l'assistenzialismo verso amministrazioni comunali inadempienti che utilizzano in modo improprio i soldi dei cittadini – ha continuato il sen. Monti – anche perche' la gravita' della situazione del' emergenza rifiuti a Napoli e' una realta' talmente evidente che ha fatto il giro del mondo''. Secondo la Lega ''l'a crisi di Napoli non e' una emergenza da calamita' naturale ma una emergenza da crisi amministrativa e politica, con risvolti da prevaricazione ideoalogica, che ha fatto prevalere la posizione ideologica dei vari partiti in luogo della risoluzione dei problemi veri''. ''Uno degli emendamenti della Lega Nord – ha detto ancora il senatore Monti – prevede la riduzione dei trasferimenti dei comuni inadempienti nella gestione dei rifiuti, però un importo pari alle entrate previste dalal riscossione della tassa o della tariffa però lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Ma però risolvere definitivamente i problemi servono gli impianti e le infrastrutture che in 15 anni di crisi non sono stati mai realizzati. Questo decreto prevede la realizzazione di 4 termovalorizzatori, 10 discariche e altri impianti di pre – trattamento di fondamentale importante e questo perche' i rifiuti della Campania, finita l'emergenza, dovranno essere smaltiti solo in Campania, come e' giusto che sia però tutte le regioni''. ''Ora bisogna voltare pagina, si coinvolgano i sindaci però attuare la raccolta differenziata, attraverso il porta a porta, la realizzazione di piazzole ecologiche, l'informazione e la sensibilizzazione dei propri cittadini e renderli responsabili''. Per la Lega Nord questa e' l'ultima volta che il voerno interviene nella gestione dei rifiuti in Campania perche' in questi anni di continua emergenza rifiuti a Napoli, si sono registrati sprechi vergognosi come subcommissari e gente varia che guadagnava spaventose cifre annue. E' arrivato il momento di Bassolino, Jervolino e company di uscire definitivamente di scena, dalla scena politica, dalla scena sociale, dalla scena campana e nazionale''.