Neuroetica alla bicocca di monza

Monza.Organizzato dal Centro Studi sulla Storia del Pensiero Biomedico (CESPEB) di Monza e dalla Facolt di Filosofia dellUniversità Vita – Salute San Raffaele di Milano, che a sede Cesano Maderno, si svolger lunedì 15 giugno 2009 presso laula magna della Facolt di Medicina e Chirurgia dellUniversità degli studi di Milano Bicocca (via Cadore 48 a Monza) il convegno interdisciplinare internazionale Neuroetica. La nuova sfida delle neuroscienze. Il termine neuroetica, un neologismo creato nel 2002 dal giornalista William Safire e rilanciato in ambito scientifico in quello stesso anno dalla filosofa Adina Roskies (che sarà presente al concegno), ha due significati. Il primo riguarda letica delle neuroscienze, cioè la riflessione filosofica inerente il trattamento, il potenziamento e la manipolazione del cervello umano. Il secondo concerne le neuroscienze delletica, vale a dire la possibilit di analizzare come il cervello prende decisioni, qual la neurobiologia della credenza e in cosa consiste il substrato neuronale della rappresentazione dei valori e della fede stessa.La neuroetica appare quindi più un campo dindagine legato agli attuali progressi delle neuroscienze e al complesso delle loro implicazioni etiche, legali e sociali, piuttosto che una nuova disciplina cognitiva. Il convegno, presieduto da Vittorio A. Sironi, direttore del CESPEB, e da Michele Di Francesco, preside della Facolt di Filosofia dellUniversità Vita – Salute, con la partecipazione di Giancarlo Cesana, professore di Igiene generale e applicata dellUniversità degli studi di Milano Bicocca, sarà introdotto da due letture magistrali del Patriarca di Venezia, Cardinale Angelo Scola su Fede e neuroscienze e della filosofa statunitense Adina Roskies del Dartmount College di Hanover (New Hampshire) su Cosa la neuroetica? Seguiranno gli interventi di Massimo Reichlin su Etica delle neuroscienze e neuroscienze delletica, di Alberto Oliverio su Neurobiologia dellanima?, di Daniela Perani su Etica del neuroimaging?, di Raffaella Ruminati su Funzioni cognitive e scelte etiche, di Giorgio Vallortigara su Aristotele e la gallina: il riconoscimento delle entit animate e lorigine delle credenze e di Daniela Ovadia su Neuroetica e massa media. Concluder la giornata di studi una tavola rotonda tra filosofi, neuropsicologi e neuroscienziati (Stefano F. Cappa, Carlo Ferrarese, Roberto Mordaci, Giorgio Rezzonico e Carlo Umilt).