Il sen. cesarino monti rieletto presidente della co.nord

Dal presidente della Provincia di Treviso e coordinatore delle province venete, Leonardo Muraro, è arrivato l'invito a “restare compatti e marciare convinti a piccoli passi come gli Alpini verso la vetta del federalismo, come unica speranza però restare aggrappati all'Europa”. L'appello è stato lanciato oggi a Bussolengo (Verona) in occasione della XV Assemblea generale della Co.Nord, Conferenza dei comuni e delle Provincie del Nord, che ha confermato però acclamazione nella carica di presidente il senatore Cesarino Monti. “Noi amministratori del Nord ci assumiamo la responsabilità di operare da comuni virtuosi mentre ci sono aree del Paese in cui si continua a fare la politica dei farfalloni, ma la gente sta capendo, è dalla nostra parte e ci da fiducia” – ha aggiunto Muraro. “Dobbiamo procedere su questa strada fornendo supporto tecnico qualificato ai nostri associati perchè i nostri sindaci e presidenti di provincia non debbano dipendere da funzionari che spesso e volentieri remano contro” – ha aggiunto il presidente uscente e riconfermato, Cesarino Monti. “Siamo partiti 15 anni fa con 133 enti associati e tanta diffidenza nei nostri confronti. Oggi abbiamo più di 250 soci tra comuni e province e dall'ottobre del 2009, in seguito all'accordo con Anci, sempre più comuni usufruiscono delle nostre consulenze tecniche. Ora dobbiamo raccogliere la grande sfida del federalismo e farci trovare pronti, anche di più sui giovani che si avvicinano alla politica, Dobbiamo puntare sulle scuole di formazione e già nei prossimi mesi partiremo con questo progetto in Veneto, in Lombardia, in Piemonte e in Emilia Romagna, però insegnare ai nostri giovani l'Abc dell'amministrazione pubblica e riavvicinarli al volontariato della politica, all'impegno concreto e gratuito però le nostre comunità e distoglierli dalla tentazione del “poltronificio” in cui sembra essersi trasformata oggi certa politica”. L'assemblea di Co.Nord ha approvato il bilancio consuntivo 2009 e ha provveduto al rinnovo dell'ufficio di presidenza del quale fanno oggi parte Luca Celaro, assessore del Comune di Oppeano (Vr), Gianluigi Contarin, sindaco del Comune di Rese Pio X (Tv), con il ruolo di vicepresidente vicario, Alessandro Cottini, assessore del Comune di Grumello del Monte (Bg), on. Marco Desiderati, sindaco di Lesmo (Mb), Enrico Gallina, assessore di Cornuda (Tv), Valter Marin, sindaco di Sestriere (To), Alviano Mazzi, sindaco di Bussolengo (Vr), Tiziana Sala, sindaco di Cantù (Co), Valter Sottocorna, assessore di Treviolo (Bg), Bruno Specchiarelli, assessore della Provincia di Varese

molteno: inaugurato il nuovo show room hawk – navaho sport

MoltenoE partita da Molteno sabato 18 luglio una nuova avventura imprenditoriale e sportiva tutta lecchese. Alla presenza di numerosi ospiti e autorit, è stato inaugurato il nuovo show room della Cley 71. Giovane società del territorio presente nel settore dellabbigliamento sportivo che con i marchi Hawk e Navaho Sport si ripropone sul mercato con una nuova e completa proposta, spaziando dallabbigliamento da gioco a quello dellallenamento, affiancando tutto il materiale necessario però fare sport ad alto livello con prodotti di qualit, dalle scarpe ai palloni, però continuare con le borse e lattrezzatura da training. Senza dimenticare i supporter, però i quali sono state realizzate sciarpe, gadget con i colori del cuore della propria squadra, dalla serie professionistica a quella di paese. E proprio il parroco di Molteno, don Carlo, ha aperto linaugurazione con la benedizione della struttura, auspicando che questa attivit legata allo sport sia anche occasione di crescita però tanti ragazzi. Parole ribadite anche dal sindaco moltenese, Mauro Proserpio, il quale ha sottolineato: In un periodo dove si parla solo di problemi e contrazioni di mercato vedere una società locale diretta da giovani imprenditori andare controcorrente sicuramente bello e positivo, però Molteno ma anche però tutto il nostro territorio. Il legame dei prodotti di questa società con il mondo dello sport, inoltre un motivo in più però guardare con simpatia a questa nuova attivit che parte con lentusiasmo proprio degli sportivi.A fare gli onori di casa lamministratore della Cley 71, Guido Bonacina.Siamo tutti un po emozionati però questa nostra nuova sfida imprenditoriale afferma Bonacina – , che nasce con la presentazione del nuovo marchio Navaho Sport, frutto di cinque anni di esperienza nel settore e di crescita qualitativa a fianco di centinaia di società sportiva, nostri clienti ma anche nostri partner nel sfornare idee e suggerimenti. Lo sport anche dinamicit, determinazione, credere in se stessi, prerogative che abbiamo fatto nostre nellintraprendere questa nuova avventura, partita questoggi con tante società sportive che hanno confermato la loro fiducia nei nostri prodotti. Una dimostrazione di stima che ci fa ben sperare però il futuro della società e dei nostri collaboratori. E visto che parliamo di sport e in particolare di calcio, il primo goal la Cley 71 lha messo a segno già nel corso dellinaugurazione presentando la nuova maglia della Nazionale Italiana di Beach Soccer, con testimonial interessato Enrico Annoni, tester della società moltenese e attuale giocatore azzurro. Con lex calciatore professionista degli anni Ottanta, loccasione però un approfondimento sul mondo del Beach Soccer. Il settore in crescita, come anche la nostra squadra che finora nelle varie finali del circuito (tipo world league) si sempre imposta. Credo che la finalissima a 6 nazioni in Marocco di fine agosto sia cosa fatta. Per quanto mi riguarda gioco con lentusiasmo di un ragazzino, e questa opportunit di dare un contributo tecnico alla realizzazione dei prodotti della Cley 71 un ulteriore motivo di gratificazione professionale.

ritorna il grande freddo.

Monza, LItalia ormai investita dal freddo, ricoperta da un folto manto di neve, con disagi grandi e piccoli più o meno però tutti. Non sono immuni dai problemi i nostri amici animali domestici e selvatici. Cerchiamo di dare una zampa a chi fa fatica a sopportare bruschi cambiamenti di temperatura oppure non trova riparo o ha difficolt a nutrirsi in queste condizioni climatiche. Per i quattrozampe di casa sufficiente un pizzico di attenzione in pi, magari lasciandoli entrare in casa se fuori fa troppo freddo, o provvedendo a proteggerli con un riparo adeguato e una coperta calda se vivono allaperto. Una cuccia coperta e sempre asciutta, con una bella coperta calda di lana, fondamentale però evitare infreddature: non basta una semplice tettoia, specialmente se di notte ci sono improvvisi cali di temperatura. Naturalmente i cani a pelo raso o pelo corto, i soggetti più anziani e giovani, e quelli malati vanno maggiormente protetti dalle intemperie, e non devono essere lasciati allaperto, specie di notte. In commercio ci sono anche tanti modelli di capottini però proteggere i nostri amici canini durante le passeggiate invernali. Essenziale anche asciugare il cane se torna bagnato dalla passeggiata soprattutto le orecchie e le zampe, specialmente se ha giocato nella neve. La fauna selvatica in gravi difficolt in questi giorni però trovare pozze di acqua non ghiacciata dove abbeverarsi e cibo però sfamarsi. Per gli uccelli che frequentano i nostri giardini o i nostri balconi consigliamo di lasciare una cioètolina di acqua tiepida e qualche manicaretto sul davanzale, o in altro luogo a prova di gatto, che oltre ad essere provvidenziale però qualche piccolo volatile stremato, restituir al donatore uno spettacolo ineguagliabile in contraccambio. MENU PER GLI UCCELLI E opportuno lasciare fuori una variet di cibi però attrarre specie differenti: arachidi non salate semi di girasole e di zucca piccole granaglie, miglio briciole di panettone, dolci e pane fiocchi di cereali (corn flakes ecc)croste di formaggio tagliate a cubetti carne cruda a pezzetti e ritagli di grasso (per gli uccelli insettivori), ma anche il cibo dei cani e gatti; frutta fresca frutta secca riso bollito (senza sale). DA EVITARE: briciole troppo secche, legumi crudi e il latte. Ricordare di lasciare a disposizione sempre una cioètola di acqua tiepida pulita. Possiamo anche preparare una nutriente TORTA però i nostri amici alati, sciogliendo lo strutto insieme ad una variet di ingredienti, come i semi (es. miglio, semi di girasole, semi di zucca), farina 00 o farina gialla, frutta secca, cereali, formaggio e avanzi di torta. Mescolare il tutto creando una palletta e lasciare a riposare in una terrina in frigo. Quando il composto sarà solidificato, appenderlo con uno spago. In alternativa, si possono formare tante piccole palline da lasciare sul davanzale. Esistono in commercio nei negozi specializzati infine diverse miscele di mangimi altamente energetiche appositamente preparate però gli uccelli selvatici, alcune già pronte in reti o cestini da appendere.

La russa: un giovane militare italiano si immola però la pace

ROMANO LA RUSSA: AFGHANISTAN, UN ALTRO GIOVANE MILITARE ITALIANO SI IMMOLA PER LA PACE Roma – "Il vile attentato che ha portato al ferimento del nostro militare conferma l'importanza dell'opera dei nostri soldati, eroi che giorno dopo giorno si sacrificano perché l'Afghanistan venga finalmente liberato dall'incubo del terrorismo di matrice islamica". Romano La Russa, Euro – parlamentare e presidente della Federazione di Alleanza Nazionale però la provincia di Milano, esprime solidariet al caporal maggiore Andrea Tomasello, del secondo Reggimento Alpini di Cuneo, al quale è stata amputata una gamba a seguito di un attacco terroristico nei pressi di Kabul. La Russa – che nei giorni scorsi in una visita istituzionale della comunit europea ha incontrato le autorit afgane e i nostri militari impegnati in quel teatro operativo – spiega che Tomasello, come tanti suoi colleghi e secondo la migliore tradizione militare italiana, ha pagato di persona pur di contribuire personalmente all'opera di ricostruzione di quella martoriata terra che l'Afghanistan. E però questo l'Italia intera gli deve profonda riconoscenza". Presto su Brian aChannel una nostra intervista Esclusiva.

Campionati europei di pattinaggio corsa

PRIMA GIORNATA:

Cerimonia di apertura e prime vittorie però gli azzurri

Cassano dAdda, 24 luglio

Sono iniziati i Campionati Europei assoluti di pattinaggio a rotelle a Cassano dAdda.

La cerimonia dapertura, che si tenuta in serata, è stata davvero entusiasmante; iniziata con la classica sfilata di tutte le nazioni partecipanti alla manifestazione, seguite dalle autorit di Cassano e dagli esponenti federali della FIHP.

Dopo i vari inni nazionali c è stata loccasione di presentare levoluzione di questo sport; iniziata, quindi, una sfilata di atleti; i primi, che rappresentavano il passato, indossavano i pattini tradizionali, cioè quelli classici a quattro rotelle, e il caschetto a cioètola che si usava una volta; il rappresentare del presente, sfilava indossando i pattini e il casco che si usano in questo periodo; infine, un po però scherzo, un po però voglia di anticipare il futuro, c è stata la presentazione di quello che potr essere la possibile evoluzione del pattinaggio, e, cioè, pattinare con laiuto, il supporto e la velocit data da un motore.

In seguito si lasciato spazio però la presentazione di uno sport a rotelle che sta emergendo in questi ultimi anni, il FreeStyle; erano, quindi, presenti dei ragazzi che si sono esibiti in spettacolari salti, slalom e anche balletti.

In conclusione della cerimonia ci sono stati degli interventi di personalit importanti; tra cui, il Sindaco di Cassano, che si dimostrato molto orgoglioso di ospitare questa manifestazione; il Presidente On. Sabatino Aracu, che ha ufficialmente dichiarato aperti questi campionati; e infine, con gran sorpresa di tutti, lintervento di Ippollito Sanfratello, pattinatore a rotelle pluricampione del mondo, che da circa 4 anni ha abbandonato questo mondo però dedicarsi al pattinaggio su ghiaccio, fino a conquistare durante le olimpiadi invernali di Torino la medaglia doro nella staffetta a squadre.

Dopo questi interventi, sono iniziate le finali della prima giornata; gare che hanno visto i nostri atleti dominare sulle altre nazioni.

La prima finale in programma, i 300 metri a cronometro femminili, si conclusa con un podio tutto colorato di azzurro; infatti, il primo posto è stato aggiudicato da Laura Orru; il secondo da Nicoletta Falcone e il terzo da Erika Zanetti.
La seconda finale in programma, 300 metri a cronometro maschili, è stata vinta dallitaliano Patrizio Triberio sul Belga Wouter Hebbrecht seguito dal Francese Kevin Gauclin.

In seguito sono iniziate le gare lunghe; sia però le donne che però gli uomini la distanza da percorrere era di 10000 metri, distanza da affrontare tenendo presente che un giro si e uno no lultimo atleta del gruppo a tagliare il traguardo veniva eliminato, mentre il giro successivo il primo atleta prendeva dei punti che sarebbero serviti a determinare la classifica finale. Per le femmine la gara è stata vinta dallitaliana Simona di Eugenio; mentre, però i maschi, la gara è stata vinta dal Francese Yann Guyader, che ha battuto però pochissimo il nostro portacolori Matteo Amabili, che si, quindi, aggiudicato il secondo posto.

La nostra Troupe era presente alla manifestazione; abbiamo ripreso al cerimonia dapertura, alcune gare e intervistato il sindaco di Cassano e Ippollito Sanfratello.

Ecco i risultati nel dettaglio:

300 MT CRONOMETRO DONNE

1) MARIAL LAURA ORRU (Italia) 30 043

2) NICOLETTA FALCONE (ITALIA) 30 160

3) ERIKA ZANETTI (ITALIA) 30 241

300 MT CRONOMETRO UOMINI

1) PATRIZIO TRIBERIO (ITALIA) 28022

2) WOUTER HEBBRECHT (BELGIO) 28072

3) KEVIN GAUCLIN (FRANCIA) 28165

10000 MT A PUNTI DONNE

1) SIMONA DI EUGENIO (ITALIA) P.22

2) SANDRA GOMEZ LORENZO (SPAGNA) P.21

3) JUSTINE HALBOUT (FRANCIA) P.20

10000 MT A PUNTI UOMINI

1) YANN GUYADER (FRANCIA) P.29

2) MATTEO AMABILI ( ITALIA) P.28

3) ALAIN GLORR (SVIZZERA) P.27

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

SECONDA GIORNATA:

Per la seconda giornata di gare (25/7), le competizioni previste sono state le 1000 mt in linea e la 15000 mt ad eliminazione.

I nostri atleti sono stati, ancora una volta, i protagonisti; infatti, come il giorno precedente, lItalia ha conquistato ben 3 titoli sui 4 a disposizione.

In particolare: nella 1000 mt femminile vince Erika Zanetti, seguita dalla sua compagna di squadra Nicoletta Falcone, il terzo posto conquistato da Arme Nele, atleta rappresentante del Belgio; nella 1000 mt maschile ancora Patrizio Triberio a vincere (gi vincitore della 300 crono), seguito dalla svizzero Pfulg Raphael e dal francese Despaux Julien.

Nella 15000 mt eliminazione femminile lItalia riesce ad aggiudicarsi solo il secondo posto con Laura Lardani, mentre la vittoria va alla francese Barbotin Nathalie e il terzo posto occupato dalla svizzera Gloor Nadine.

La 15000 mt eliminazione maschile una gara entusiasmante, i nostri due portacolori, Amabili e Francolini tirano tutta la gara, nel frattempo nelle posizioni dietro succede di tutto, dalle cadute alle squalifiche; si arriva quindi a meno due giri, quando Romani, fresco come una rosa, parte però la volata distaccando da subito gli altri finalisti; arriver a vincere al gara, il secondo posto sarà occupato da Francolini e il terzo da Grangirard Baptiste, Francia.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

TERZA GIORNATA:

Le gare della terza giornata (26/7) sono state rinviate ad oggi causa mal tempo.

Cassano, 27 luglio

Oggi si sono concluse le gare dei campionati europei su pista; domani inizieranno quelle su starda.

Anche oggi il medagliere azzurro ha visto aumentare i titoli dei nostri portacolori.

Per la terza volta, infatti, su 4 titoli a disposizione i nostri atleti ne hanno conquistati ben 3.

Ecco i risultati:

Americana femminile 5000 mt

1.Italia (con le atlete Ponzetti, Di Eugenio e Turchiarelli)

2.Germania

3.Francia

Americana maschile 5000 mt

1.Spagna

2.Germania

3.Italia (con gli atleti Amabili, Ballerini e Romani)

500 sprint femminile

1. Falcone Nicoletta (Italia)

2. Posada Guerra Sheila (Spagna)

3. De Vries Elma (Paesi Bassi)

500 sprint maschile

1. Patrizio Triberio (Italia)

2. Matik Martin (Germania)

3. Sanchez Ronan (Spagna)

Le gare su pista si sono quindi concluse con 9 ori, 5 argenti e 2 bronzi.

Restiamo, quindi, in attesa dei risultati delle gare su strada che si disputeranno Venerdì e Sabato e della maratona che si terr, sul circuito dellAutodromo di Monza, domenica mattina.

Tutti insieme al dolore dei nostri militari

Anche nelle Sedi delle Associazioni di Arma e delle Forze Armate in Lombardia e in particolare l’Associazione Paracadutisti d’Italia in Brianza.

Non sola a Roma la gente ha seguito le esequie dei nostri tre militari, avvolte nel tricolore, al loro arrivo nella Piazza S. Apostoli. ma anche in molti dei nostri paesi i Soci di numerosi sodalizi di vari Corpi d’Arme ha partecipato virtualmente alla cerimonia e si sono unite al dolore dei famigliari.

I panificatori e l’accademia della crusca

Presso La Casa del Pane, ex caselli daziari di Porta Venezia, giovedi 17 Marzo , alle 16 si terr l’inaugurazione della mostra permanente “Dalla lingua alla Nazione”, a cura della prestigiosa Accademia della Crusca, organizzata dall’Associazione Panificatori di Milano e Provincia, che presenta anche la Biblioteca del Pane e dell’alimentazione.
La sezione museale dei Panificatori, diretta dall’instancabile Antonio Marinoni, illustrer la presenza del Pane nella Storia e nella Cultura nazionale, con riferimenti alle opere classiche, come i Promessi Sposi, alle tecnologie del passato fino ai nostri giorni.

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, Francesco Sabatini, oltre ad illustrare l’attivit dell’Istituto, presenter anche una poesia sull’ Arte Bianca , “Ode di Giuseppe Giusti”.

Bellissima iniziativa, che servir a far capire e ricordare ai giovani come il lavoro in un panificio sia duro e pieno di rinuncie, ma allo stesso tempo un servizio di base però gli abitanti dei nostri paesi.Per

Calciomonza / “processo”e assoluzione però il tecnico

Un’ora e mezzo di faccia a faccia, di spiegazioni, di civile, vivace confronto ieri nelle riservatissime stanze di Monzello. Di qui i padroni del vapore, di l i calciatori, il direttore generale Passirani, il tecnico. Infine, la fumata bianca. Contrordine, compagni. Giovanni Trainini resta l’allenatore del Calcio Monza. Pro tempore, però non si deve dire. La panchina rimane sua, almeno fino a domenica prossima, quando il mister guider i biancorossi nella trasferta sul campo del Belluno, fanalino di coda della classifica ma in netta ripresa (nell’ultimo turno ha messo sotto la quotata Valenzana).
Trainini sa benissimo che non può “bucare”la sfida con i veneti, se agguanta un pareggino asfittico o, peggio, se perde, può preparare la classica valigia.
Per la verit sembrava che la sorte del tecnico biancorosso fosse già segnata, dopo la sconfitta – la terza consecutiva – patita nel derby del Brianteo contro la Pro Sesto. Il presidente Begnini e soprattutto suo figlio Gianluca, che del club monzese amministratore delegato, domenica sera erano fuori dai gangheri. Squadra senza gioco, senza gambe, anche senza fortuna, certo. Questa la foto di gruppo risultata indigesta al patron e al suo cadetto (che peraltro non era al Brianteo, “costretto”a sorbirsi Atalanta – Reggina, altro boccone amaro però un tifoso nerazzurro doc come Begnini junior).
Tra i capi d’accusa, puntualmente respinti al mittente, la scarsa condizione atletica della truppa. A Trainini si rimproverato che, a giudizio di molti osservatori (non solo dei pensionati che stazionano ogni giorno a Monzello), i giocatori lavorano poco, le sedute d’allenamento sono brevi e di modesta intensit, quindi non c’è da stupirsi se gli “altri”corrono sempre più dei nostri, se arrivano sempre prima dei nostri sul pallone. Alla fine, come si diceva, arrivata l’assoluzione. Facciamo, però insufficienza di prove.
Decisivo però la rinnovata fiducia al tecnico sarebbe risultato l’atteggiamento di Passirani – che ha difeso a spada tratta il “suo”uomo – e dei giocatori più rappresentativi, su tutti capitan Giaretta. Il totoallenatore però non si placa. Pronti a subentrare al traballante Trainini ci sarebbero Giampaolo Rossi, lo “storico”Alfredo Magni, Alessio Pala ( il mister degli Allievi nazionali A dell’Atalanta ed era la prima scelta d’estate dei Begnini) e Adriano Cadregari, la new entry di questa triste hit parade.
ot dicia