Nasce il gap di monza e brianza

A seguito dell’Assemblea Federale tenutasi a Cremona il 20 febbraio 2011, che ha visto la partecipazione di più di 500 giovani amministratori della Lega Nord, del presidente della Regione Piemonte Roberto Cota e del vice presidente della Regione Lombardia Andrea Gibelli, il Movimento Giovani Padani di Monza e Brianza ha deciso di far partire il proprio GAP (Giovani Amministratori Padani). “In vista delle prossime elezioni amministrative, la necessità di mettere in rete i tanti amministratori under 35 della Lega Nord di Monza e Brianza è divenuta impellente” ha dichiarato Andrea Villa, coordinatore provinciale MGP “perciò nel direttorio provinciale tenutosi il 23 marzo scorso abbiamo collegialmente deciso di affidare a Giulio Centemero la formazione e la strutturazione del GAP targato MB”. Giulio Centemero, 32 anni, dottore commercialista e collaboratore dell’europarlamentare Matteo Salvini in tema finanza agevolata, già capogruppo della Lega Nord presso il consiglio comunale di Arcore e coordinatore provinciale MGP, imposterà una struttura che “mettendo in rete tutti i giovani amministratori metterà a disposizione degli stessi le eccellenze del movimento al fine di rendere efficace e incisiva l’azione dei nostri amministratori”. A giorni vedrà la luce il sito del GAP MB che sarà una piattaforma di servizi offerti ai membri del GAP: non solo un’area però condividere la “good practice” attuata nei diversi comuni ma anche dei professionisti disponibili a rispondere ai quesiti dei giovani amministratori. Da aprile collaboreranno un esperto di comunicazione, un avvocato, un commercialista, un revisore e un esperto in materia di finanza agevolata comunitaria e interna. “Il GAP MB offrirà dei servizi, senza però dimenticarsi dei valori” ha continuato Centemero “in primis l’onestà nei confronti dei nostri concittadini e del nostro territorio”. Per tale ragione i Giovani Amministratori Padani hanno posato con dei fogli bianchi in mano a simboleggiare le loro fedine penali e casellari giudiziali: “intonsi, come la politica che intendiamo perseguire” ha concluso Centemero.