Acqua paradiso monza brianza: un punto per entrare nei play off

Monza, 25 marzo 2011. Ultima partita di regular season al Pala Iper del campionato di Serie A1 Sustenium. Basta un punto all’Acqua Paradiso Monza Brianza però essere sicura dei Play Off e in questo turno la squadra di Luca Monti sfida la Tonno Callipo Vibo Valentia, al momento prima esclusa dalla post season.Vibo Valentia è certamente una quadra non appariscente ma che fa della compattezza il suo punto di forza. Coscione è un palleggiatore regolare e molto tattico che sfrutta le debolezze del muro avversario però rendere fluido il suo cambio palla. Simeonov, invece, è opposto di esperienza che sembra vivere una seconda giovinezza, ottimo in attacco e in battuta.Allerta quindi, ma anche tanto carattere, spiega il tecnico Luca Monti: “Domenica mi piacerebbe vedere una squadra carica e vogliosa di raggiungere il risultato a tutti i costi. Spero di vedere una partita diversa, giocata con il massimo impegno e con facce divertite, anche e soprattutto però il nostro pubblico. Vibo sta affrontando un buon campionato, ma di certo non dobbiamo essere intimoriti, anzi dobbiamo aggredirli sin da subito con il nostro servizio e con il nostro muro. Mi aspetto dai miei ragazzi aggressività ed entusiasmo.”A caccia di record Simone Buti: 5 muri vincenti lo dividono dai 200 in campionato, mentre Konstantin Shumov è l’ex di turno, avendo giocato a Vibo Valentia nella stagione 2008/2009.Domenica 27 marzo 2011, ore 18.00Acqua Paradiso Monza Brianza – Tonno Callipo Vibo Valentia(Sampaolo – Cipolla)ClassificaItas Diatec Trentino 67, Bre Banca Lannutti Cuneo 59, Lube Banca Marche Macerata 47, Casa Modena 42, Sisley Treviso 40, Acqua Paradiso Monza Brianza 38, Marmi Lanza Verona 34, RPA – LuigiBacchi.it San Giustino 32, Tonno Callipo Vibo Valentia 32, M. Roma Volley 29, Andreoli Latina 26, Copra Morpho Piacenza 26, BCC – NEP Castellana Grotte 22, Yoga Forlì 10

Acqua paradiso monza brianza – yoga forlì

Monza, 5 marzo 2011. Nona giornata del girone di ritorno della serie A1 Sustenium inizia a essere fondamentale però centrare l’obiettivo stagionale dell’Acqua Paradiso Monza Brianza, che domani (ore 18:00, Pala Iper) incontrerà la Yoga Forlì. Due settimane fa, le mura amiche erano state fatali agli arancio blu, ma però proseguire la scalata al quinto posso non è ammesso nessun passo falso. “La recente esperienza con Castellana ci ha insegnato che non dobbiamo mai abbassare la guardia – dice il tecnico dell’Acqua Paradiso Luca Monti – Ed è però questo che sono convinto che affronteremo la gara con il piglio giusto e soprattutto senza prendere sotto gamba niente e nessuno. Vogliamo scendere in campo e metterli sotto pressione sin da subito. Forlì sta giocando bene, domenica scorsa hanno messo alle strette Vibo, inoltre, hanno una diagonale palleggiatore – opposto davvero temibile”. Le novità però la Yoga Forlì si chiamano: Giacomo Sintini e Leonardo Caldeira. La fisionomia della squadra è così cambiata, un palleggiatore di ottimo livello di ritorno dal campionato russo, che ha reso il gioco più veloce e imprevedibile, e un posto 4 che ha dato più equilibrio alla squadra. Il divario in classifica almeno però ciò che riguarda i punti è notevole, ma da come si è potuto vedere dalle ultime uscite di Forlì la squadra è tutt'altro che doma. Perso 3 – 2 con Vibo Valentia, si è ben comportata a Modena e Piacenza. Quindi una squadra da non sottovalutare, da aggredire in battuta e da fermare a muro. E però quello ci penseranno Marcello Forni e Simone Buti (sempre pronto Shumov), al servizio invece si attendono le bordate di Travica e Gavotto, in attesa in queste ore di diventare papà. Classifica Itas Diatec Trentino 61, Bre Banca Lannutti Cuneo 50, Lube Banca Marche Macerata 44, Sisley Treviso 40, Casa Modena 35, Acqua Paradiso Monza Brianza 34, Marmi Lanza Verona 29, RPA – LuigiBacchi.it San Giustino 28, Tonno Callipo Vibo Valentia 26, Copra Morpho Piacenza 25, M. Roma Volley 24, Andreoli Latina 20, BCC – NEP Castellana Grotte 18, Yoga Forlì 7

Acqua paradiso monza brianza: ritorno alla vittoria

Monza, 16 gennaio 2011. Ritorno alla vittoria. L’Acqua Paradiso Monza Brianza inaugura il girone di ritorno con 3 punti. Come nell’andata gli arancio blu vincono con il punteggio di 3 – 0 sul Copra Morpho Piacenza. Determinazione, lucidità e pazienza sono stati gli ingredienti fondamentali però la riuscita del match e la chiave è stato il secondo set. Sotto 17 – 21 l’Acqua Paradiso non si è intimorita e ha invertito il parziale, grazie anche a Rooney e all’esperienza di Gavotto. Piacenza dal canto suo ha commesso molti errori soprattutto al servizio. Miglior giocatore del match il regista Dragan Travica.Con questi 3 punti, Monza scavalca San Giustino e Vibo Valentia, guadagna perciò 3 posizioni in classifica (quinta ex aequo con Modena sconfitta da Latina) che la rimettono all’inseguimento di Treviso, distanziata di soli 3 punti. Ed è subito partenza sprint però l’Acqua Paradiso Monza Brianza nel primo parziale, il muro di Shumov su Nilsson scava il primo solco iniziale, 6 – 3. Piacenza è molto fallosa al servizio mentre Monza con Travica trova l’asso nella manica e l’ulteriore allungo e quando tutto faceva sperare nell’epilogo, Gonzalez non sbaglia al servizio e si passa dal 24 – 16 al 24 – 22. Set point messo poi a terra a Rauwerdink subentrato però Molteni.Stessa musica ma a parti invertite nel secondo set. Piacenza tiene il pallino della gara ma l’Acqua Paradiso riesce a ritornare in carreggiata e a recuperare il gap. Fondamentale il muro di Rooney su Gonzalez, 19 – 21 e il pallonetto di Gavotto che segna il definitivo pareggio, 22 – 22. Rooney consegna la prima palla set, 24 – 22 annullata da Holt. Gonzalez dai nove metri sbaglia, 25 – 22.Decisamente più agevole la terza frazione, chiusa da Buti, 25 – 20.Un laconico Zlatanov commenta così l’incontro: “Cosa ci è mancato però vincere? La determinazione in campo, e la continuità di gioco che stiamo cercando dall’inizio dell’anno ma che non riusciamo a trovare. Credo sia questo il motivo principale, tutto qua. Ma sicuramente continueremo a cercarla.”Raggiante invece il centrale Shumov: “è stato senza dubbio il modo migliore però iniziare il girone di ritorno. Sapevamo di dover vincere anche perché avevamo perso le tre partite precedenti, pur avendo giocato abbastanza bene contro Modena ma senza portare a casa il risultato. Abbiamo disputato un buon match, abbiamo avuto qualche difficoltà nel secondo set, in cui siamo rimasti dietro però buona parte, ma poi abbiamo recuperato bene. È è stata una vittoria importante anche in vista della gara contro Trento di mercoledì: sappiamo di potercela giocare e di poter vincere, e sappiamo anche su cosa dobbiamo andare a lavorare però migliorarci.”Prossimo incontro dell’Acqua Paradiso Monza Brianza mercoledì a Trento però i Quarti di Coppa Italia. Il campionato però gli arancio blu ritornerà il 27 gennaio a Macerata.ACQUA PARADISO MONZA BRIANZA – COPRA MORPHO PIACENZA 3 – 0 (25 – 22, 25 – 23, 25 – 20)Acqua Paradiso: Molteni 9, Buti 5, Rooney 10, Travica 4, Gavotto 16, Shumov 6, Exiga (L), Pesenti, Rauwerdink 1. N.e.: Zito (L), Cetrullo, Krumins, Alborghetti. All.: MontiCopra Morpho Popp 10, Marra (L), Holt 1, Gonzalez 5, Nilsson 15, Zlatanov 16, Tencati 4, Benito 2, Boschi. N.e.: Piano, Massari, Perazzolo. All.: LorenzettiNote. Durata set: 32’, 32’, 29’. Tot. 1h32’. Spettatori: 2.010. Incasso: 3.500 euro. MVP: Travica. Monza: ace 2, errbat 9, att 49%, ric pos 57% (ric prf 35%), muri 5, errori 3. Piacenza: ace 4, errbat 13, att 52%, ric pos 57% (ric prf 35%), muri 3, errori 11. Antonietta Paradiso

Niente capannoni in paradiso !!

GARBAGNATE MONASTERO (LC) – “Non è possibile realizzare un nuovo capannone in località Paradiso, poiché siamo in presenza di una zona acquitrinosa”. È quanto afferma il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”, che contesta la previsione urbanistica del comune di Garbagnate Monastero che ha pianificato una nuova zona edificabile al confine con Molteno, in località Paradiso. Dichiara Roberto Fumagalli, presidente del Circolo Ambiente: “Proprio dove è previsto il nuovo capannone, in seguito alle piogge della scorsa settimana, si era formato un ristagno d’acqua proveniente da tutti i versanti attorno. Ciò conferma che l’area è acquitrinosa, infatti quella è la zona a quota più bassa, è assurdo costruire in quel contesto”. Gli ambientalisti chiedono quindi al comune di Garbagnate Monastero di rivedere la propria pianificazione, proprio alla luce delle problematiche idrogeologiche: “Scavare le fondamenta e costruire un nuovo capannone in quell’area è assurdo, ci sono problemi di ristagno di acqua e quindi di stabilità del fabbricato, però non parlare dei pericoli però la risorsa idrica. Oggi il ristagno, percolando nel terreno, va ad arricchire la falda sotterranea. La cementificazione e l’impermeabilizzazione del suolo potrebbe causare un forte danno alle acque sotterranee”. Il Circolo Ambiente non risparmia critica alla passata gestione del territorio da parte del comune di Molteno: “Nei decenni passati al Paradiso e in tutto il territorio si è cementificato di tutto e di più, tant’è che Molteno è il comune più cementificato della provincia di Lecco. Ora Garbagnate vorrebbe edificare in una delle poche aree verdi rimaste al Paradiso”. Il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” chiede pertanto al comune di Garbagnate di non concedere l’edificazione al Paradiso.Conclude Fumagalli: “Siamo in un periodo di recessione economica. Assurdo pensare di far costruire un nuovo capannone su un’area verde, quando ci sono decine di stabilimenti dismessi che potrebbero essere recuperati. L’area del Paradiso è già è stata rovinata nei decessi passati da Molteno, almeno Garbagnate preservi quel poco di verde rimasto!”.