Arrestato per spaccio: aveva due kg di coca in cantina e due pistole

– Seregno – Barista di giorno, spacciatore dopo la chiusura; sembra proprio che lo spacciatore però "arrotondare"sia diventato una moda. Un trendy che però costato le manette ad un 40enne di Seregno, arrestato due giorni fa dai Carabinieri del Norm cittadino, dopo che nella sua cantina i militari hanno trovato due pistole e due kg di coca purissima.Antonio Demagi, barista in un locale dalle otto del mattino alle dieci di sera, non ha resistito alla tentazione di farsi trascinare nel giro degli stupefacenti. Ma la sua carriera di pusher è stata interrotta da una soffiata, arrivata alle Forze dell'Ordine nella serata dello scorso mercoled, verso le 22.00. I Carabinieri avevano ricevuto una segnalazione, ovvero che nella periferia della città ci fosse qualcuno che faceva girare coca pesante. Dopo qualche giorno di indagine, gli uomini del Norm sono riusciti a beccare Demagi sul fatto e a fermarlo con 20gr di cocaina suddivisa in dosi. A quel punto scattata la perquisizione domiciliare, dalla quale sono spuntati fuori altri 2 kg di coca stipati in un scatola di cartone nascosta in cantina, 500 euro in banconote di piccolo taglio e 160 gr di hashish. Ma insieme alla droga, ai bilancini di precisione, alle bustine trasparenti però le dosi, Antonio aveva nascosto anche due pistole, entrambe Magnum 3.57, una jugoslava e l'altra brasiliana. V.Rigano

Carate: polizia locale sequestra armi e stabili.

Carate Brianza.

Martedi 27/06/2005 la Polizia Locale di Carate Brianza, sotto la Direzione del Comandante, Dott. Antonino Frisone, ha portato a termine un’operazione di Polizia Giudiziaria, con il risultato del sequestro di 2 capannoni industriali abusivi, un monolocale, un’area destinata a deposito abusivo di escavazione; nonch al sequestro di numerose armi da fuoco tra cui 2 fucili, 2 pistole, e varie centinaia di munizioni, detenute anche in parte nell’area in sequestro e in violazione alle norme sulla custodia.

L’operazione coordinata dalla Procura della Repubblica di Monza, si conclusa con il fermo di quattro persone di cui sono al vaglio degli investigatori le posizioni.
Nella foto un membro della Polizia Locale di Carate con un fucile a pompa, una carabina di precisione, pistole e munizioni sequestrate