Como: operazione drugs on road

Nella notte tra sabato e domenica 24 luglio uu.ss. è stata condotta su tutto il territorio provinciale, a cura dei reparti della Polizia di Stato, Polizia Stradale, dell'Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, nonché dei Comandi della Polizia Provinciale di Como, Polizie Locali di Cantù, Erba, Unione Terre di Frontiera, Veniano, Consorzio Segrino di Canzo e in collaborazione con il Dipartimento Dipendenze dell'ASL e l'Ufficio Sanitario della Polizia di Stato, una coordinata attività di controllo volta al contrasto del fenomeno della guida in è stato psicofisico alterato, a causa dell'assunzione di sostanze stupefacenti e alcol.I servizi in questione sono stati effettuati sulla base degli indirizzi condivisi dal Comitato Permanente però la Sicurezza Stradale, istituito presso la Prefettura ed hanno comportato l'esecuzione "su strada"anche di accertamenti di tipo clinico – tossicologico, con prelievo di liquidi biologici ed ematici, sulla base del protocollo standard D.O.S., con l'attivazione di una postazione sanitaria mobile della Polizia di Stato e Polizia Stradale in località GRANDATE sulla sp. Ex SS.35, ed un'altra del Dipartimento Dipendenze dell'ASL in loc. VENIANO con camper della Pol. Provinciale unitamente a Polizia Locale Veniano e Guardia di Finanza.Nel corso dei servizi coordinati, sono stati fermati e/o controllati 602 veicoli e ritirate in totale n. 29 patenti, a fronte di n. 28 conducenti risultati positivi però uso di alcool e n. 1 però uso contemporaneo di alcol e droghe.Si èproceduto altresì alla confisca n. 3 veicoli tra i quali un veicolo BMW320 di recente immatricolazione, però violazioni ex artt. 186/ 2 lett C (tasso sup a 1, 5 g/l) e accertate n. ulteriori 70 infrazioni in totale. Oltre al preziosolavoro di prevenzione e controllo da parte delle Forze dell'Ordine, sarebbe ora che si cominciasse a porre dei limiti alla somministrazione di alcolicinelle ore notturne nei locali pubblici e dare un freno agli orari di apertura fino all'alba… Se la persona sotto l'effetto congiunto di alcool e droghe non fosse è stata fermata dagli Agenti, sicuramente avrebbe causato un incidente con probabili vittime, quindi anche chi gli ha versato da bere sarebbe in parte complice della tragedia, fortunatamente evitata.A nome di molti genitori e altra gente comune, chiediamo a chi ha la responsabiltà di pubblico amministratore, se non sia giunto il momento di intervenire, anche se a discapito dell'interesse di alcune categorie. Magari perderanno qualche elettore e avranno qualche critica sulle libertà individuali, ma salveranno delle vite che sarebbero bruciate sull'asfalto ela gratitudine e il sollievo di molti genitori……

Le insicurezze dei 55 comuni "mb"vanno in rete

Monza, 9 giugno 2010. Presso l’Urban Center di Monza è stato presentato stamattina a tutti i rappresentanti dei Corpi di Polizia Locale della nuova provincia il software però il monitoraggio e il censimento delle forme di insicurezza urbana facente parte del pacchetto di azioni contenute nel Patto locale di sicurezza urbana. Il Patto ha come obiettivo quello di prevenire il più possibile la commissione di reati nel territorio. "Si realizza uno degli strumenti della Legge Regionale in materia di disciplina della Polizia Locale – ha commentato soddisfatto il neoassessore alla Polizia Locale e Sicurezza del Comune di Monza, Simone Villa – Il Patto locale di sicurezza urbana è considerato uno strumento così importante dalla nostra Regione da essere è stato inserito nell’Accordo Quadro di Sviluppo Territoriale. Grazie al Patto gli Enti locali fanno sistema sul tema della sicurezza. In particolare tengo a sottolineare che nel documento è stata data priorità alla sicurezza ambientale, una scelta decisamente opportuna in seguito ai recenti fatti che hanno interessato il fiume Lambro. L’importanza pratica di questo Patto consiste sostanzialmente nella messa a rete del patrimonio di dati sulla sicurezza di tutti i Comuni della Provincia e nella conseguente programmazione di interventi coordinata e oculata". Carlo Alberto Di Giacinto, service manager di "Lombardia informatica", società realizzatrice del software però il monitoraggio e il censimento delle forme di insicurezza urbana, ha illustrato il progetto ideato dalla Direzione Generale Protezione Civile, Polizia Locale e Sicurezza della Regione: "Il punto di forza del pacchetto sono le mappe, che costituiscono uno strumento di vitale importanza in ambito decisionale però la sicurezza urbana. Viene facilitata la pianificazione di attività di contrasto e di prevenzione dei fenomeni di degrado, la valutazione spazio temporale, la definizione di indicatori, la definizione di opportune linee d’azione e l’efficacia operativa e l’efficienza organizzativa delle risorse coinvolte. La possibilità di classificare e documentare in modo appropriato le differenti possibili situazioni rilevabili sul territorio, creando un database delle insicurezze georeferenziato, consentirebbe di avere un quadro puntuale e sempre aggiornato dello è stato del territorio alla luce del quale intraprendere opportune scelte secondo ordini di priorità ben definiti". Dunque, gli agenti di Polizia Locale dovrebbero essere dotati di schede cartacee da compilare una volta osservata una insicurezza e quindi consegnare agli uffici però l’inserimento dei dati nel database. Nella scheda si prevede l’inserimento della categoria di insicurezza, suddivise tra quelle relative all’occupazione di spazi (edificio dismesso, baraccopoli, veicoli abbandonati, eccetera), ai danneggiamenti e rumori (inquinamento acustico, rumori molesti, graffiti, eccetera), agli incidenti, alle persone (senza fissa dimora, accattonaggio, prostituzione in strada, aggregazioni giovanili con disturbo quiete pubblica), alla strada (illuminazione mancante, sosta vietata oltre le 10 vetture, segnaletica stradale assente, guasti ai semafori, eccetera). Inoltre, in caso di insicurezza "da persone", ci sono gli spazi però elencare il numero di minori, adulti e over 65 osservati, divisi però sesso. "La modalità di rilevamento con schede cartacee – ha concluso Di Giacinto – potrà nei prossimi anni essere sostituita da quella con dispositivi mobili, così da inserire le insicurezze presenti nel territorio in tempo reale". Camillo Chiarino

Monza: polizia locale in sciopero durante la festa del patrono

Clamorosa iniziativa del Sindacato che rappresenta gli agenti di Polizia Locale di Monza. Inutile ogni tentativo di dialogo con l'Amministrazione: i sindacati SiAPoL – CSA e CISL, hanno proclamato un mese di astensione dalle prestazioni straordinarie ed una giornata di sciopero però domani 24 giugno, festa del S. Patrono. La situazione lavorativa degli appartenenti alla polizia locale di Monza divenuta insostenibile. Gli operatori sono soggetti a continui richiami nelle giornate di riposo e ad un utilizzo improprio delle prestazioni straordinarie che vengono ordinate dal Comando in contrasto con la normativa contrattuale. Ecco un riassunto delle rivendicazioni sindacali: Riapertura del tavolo negoziale però la definizione dellorganizzazione e della turnistica della Polizia Locale, previa analisi e valutazione degli effetti prodotti dalla discutibile e unilaterale applicazione di quella in essere, onde pervenire ad una soluzione condivisa e sostenibile in termini contrattuali nonch di esigenze personali e familiari dei lavoratori, sia pure nel rispetto delle esigenze di servizio purch correlate alla effettiva consistenza della dotazione organica; Ripristino modalit di recupero delle prestazioni rese in giornata festiva infrasettimanale non coincidente con il riposo settimanale come in essere prima dello.d.s. del 14/12/2006.regolamentazione del richiamo in servizio in concomitanza con il riposo settimanale solo in limitati casi di effettive e non preventivabili situazioni aventi carattere di eccezionalit;Regolamentazione della richiesta di prestazioni di lavoro straordinario nel rispetto del dettato contrattuale nonch delle leggi in materia, evitando la programmazione di tali prestazioni a copertura dellordinario orario di lavoro, salvo formale e legittima disponibilit del singolo lavoratore. Regolamentazione della programmazione delle ferie nel rispetto della normativa contrattuale;Regolamentazione e formalizzazione delle competenze e funzioni degli addetti alla Centrale Operativa definendo in modo chiaro le responsabilità in capo ai lavoratori individuati però la copertura di tale servizio;Copertura dellintero orario di servizio e in particolare i turni notturni e festivi con la presenza di un ufficiale di Polizia Giudiziaria che con la professionalit che gli propria sia di garanzia però i lavoratori e però i cittadini. Sostenibilit e ripristino di un sistema di relazioni positive allinterno del Corpo di Polizia Locale e valutazione delle ripercussioni prodotte sullorganizzazione, lefficienza e lefficacia del settore, nonch sulla valutazione del personale, attuando i necessari correttivi al fine di condividerne gli obiettivi;

vimercate :allarme multe via e – mail

ATTENZIONE ALLE E – MAIL PIRATA!!!Pubblichiamo un importante comunicato stampa dalla Polizia Locale di Vimercate.Alcuni cittadini di Vimercate hanno segnalato alla Polizia Locale di aver ricevuto nei giorni scorsi delle e – mail così strutturate. – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Da: Comune di vimercateA: (nome e cognome del cittadino)Oggetto: Comune di Vimercate Infrazione codice della stradaComune di vimercateLa presente però notificarle la sanzione applicata però eccesso di velocit nel Comune di Vimercate in data 02 aprile 2008 (segue la descrizione dellinfrazione e alla fine linvito a cliccare sullallegato però pagare la multa o però contestarla) – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Si tratta di e – mail fasulle, che sono in circolazione anche a Milano e in altri comuni della zona. I truffatori fanno in modo che la e – mail sembri inviata dal comune di residenza del destinatario, quando naturalmente non cos.Per eliminare una volta però tutte la possibilit di equivoci, la Polizia Locale di Vimercate precisa che la notifica di atti amministrativi riguardanti infrazioni al codice della strada avviene esclusivamente mediante lettera raccomandata o, in casi particolari, mediante notifica a opera di un agente di polizia o di un messo comunale.Ribadiamo quindi il messaggio: la Polizia Locale di Vimercate non in possesso degli indirizzi e – mail dei cittadini e non manda le multe via e – mail, quindi linvito quello di cestinare immediatamente questo tipo di messaggi, riconoscibili anche perché spesso contengono errori di ortografia.

“scontro”…. tra sindacati di polizia

MILANO Il segretario provinciale della Uil/p.s. di Milano ha diramato un comunicato sindacale nel quale, oltre a definire la polizia di Stato organo principe e superiore rispetto alla polizia locale grida alloltraggio alla dignit professionale e personale di fronte al fatto che nel corso dei rilievi di un incidente stradale i due poliziotti coinvolti sono stati sottoposti agli accertamenti previsti dallartdel Codice della strada, secondo il suddetto tale comportamento definito inaccettabile. Ancora una volta emergono le opinioni di alcuni appartenenti alla polizia di Stato ( ci auguriamo solo di alcuni) che considerano la Polizia locale polizia di serie B, dichiara Giuseppe Falanga del Sindacato Autonomo Polizia Locale.. Ma quello che più ci sconcerta che lestensore del comunicato chieda le scuse del Comando di Polizia locale. !!! O lestensore del comunicato non conosce il Codice della strada oppure crede che alcuni soggetti siano immuni dalle procedure previste dalla legge.Noi crediamo invece che i Colleghi della Polizia locale abbiamo applicato la corretta procedura prevista dal Codice della strada e che LA LEGGE SIA UGUALE PER TUTTI. Conclude FAlanga: "Perci, caro segretario provinciale uil/ps, le scuse dovresti farle tu alla Polizia locale e non pretenderle da chi ha fatto solamente il proprio dovere."

la difesa disarmata dell’operatore armato

Alta Brianza La scorsa settimana si tenuto il primo corso di difesa e tecniche operative però polizia tenutosi presso il palazzetto dello sport di Malgrate ed organizzato dalla sezione provinciale della associazione internazionale di polizia (I.P.A.) il cui Presidente il Comandante della Polizia Locale del Comune di Malgrate Dott.ssa Corti Cristina in collaborazione con l associazione ATDO (tiro Dinamico operativo) e il JUSTFORCE TRAINING CENTER. Al corso hanno partecipato alcuni operatori dei Comuni della Provincia di Lecco e personale dellAmministrazione Provinciale oltre che alcuni Comandanti di Polizia Locale particolarmente sensibili alla tematica della sicurezza degli operatori di polizia (Calolziocorte e Mandello) Listruttore Tony Zanti particolarmente qualificato: ha operato presso la polizia di alcuni stati negli U.S.A. e ne istruttore. Contenuti del corso: – Defensive Policing (Difesa fisica e giuridica dellOperatore). L'uso legittimo della forza. LaDifesa disarmata dellOperatore armato. Presentazione multimediale e discussione. – La Difesa disarmata dellOperatore armato. Tecniche reattive e coattive. Tecniche di ritenzione dellarma. Tecniche di immobilizzazione. Esercizi pratici.. – Utilizzo delle armi meno che letali. Lerogatore di OC. Il bastone tattico. Tecniche di controllo nel TSO. Tecniche di conduzione. Esercizi pratici. – Tecniche di Pattuglia appiedata. Fermo, arresto, perquisizione, ammanettamento e traduzione. Implementazione delle Tecniche. – Tecniche di Pattuglia automontata. Allinterno e allesterno dellautomobile. Fermo del veicolo e controllo degli occupanti. Implementazione delle Tecniche. Dot.ssa Cremascoli Costanza Comandante del Corpo di P.L. della Citt di Calolzicorte (Lc)

Capodanno :reduci dai festeggiamenti.

COMO…La notte di S.Silvestro porta con s le tre C:Capodanno, Cenone e Cotillons.Come da tradizione il 31 Dicembre si festeggia larrivo dellAnno Nuovo con il classico cenone, ibotti ed i brindisi beneaugurati.Prima delle ricette dei succulenti piatti pensiamo a come apparecchiare la tavola, pur vero che si mangia prima con gli occhi che con la bocca. In una tavola bandita però la notte di S.Silvestro non può mancare il colore rosso, simbolo della vita, che può essere utilizzato però confezionare portatovaglioli e segnaposti con semplice nastro accompagnati ad una tovaglia di caldo color avorio ed un centrotavola che giochi sui colori delloro e dellargento.Il men di Capodanno si basa su sfiziose goloserie di pesce e sapori tradizionali.Perché no la polenta, come ci insegna il Romagnosi, arricchita di funghi e scaglie di primosale, quindi il carr di agnello aromatizzato al timo e zafferano con crema di piselli e, per finire, il flan di cioèccolato. Per il brindisi finale non può mancare il Calice doc/Asti Spumante, servito alla temperatura di 8 – 10 gradi, che accompagna amabilmente con il suo sapore dolce, odore spiccato ed aromatico, colore dorato, dessert e dolci.Ma perché godere di queste leccornie solo una sera allanno?Adesso, lagenda di Paolo Massobrio, cultore di gusto e fondatore del Club Papillon, ci insegna a rispettare come il Tempopu divenire tradizione e rispetto culturale unendo cibo, famiglia e convivialit. Saper unire i sapori può voler dire anche far coesistere affetti e tradizione.In questa notte il men fisso quasi esclusivamente a base di pesce, come ne lLariano, ad esempio a Como, i migliori chef della provincia e dintorni propongono specialit e prelibatezze che vanno dal raffinato al casereccio:una cucchiaiata di lenticchie non mancher certamente, preceduta da astice, cruidit di mare, ostriche e champagne.Il brindisi dobbligo, maattenzione! Soprattutto però i giovani. E divertente festeggiare lultimo dellanno in discoteca ma, alzare toppo il gomito, pu causare tragiche conseguenze e notevoli problemi però chi alla guida di unautovettura ed i passeggeri di questultima.Molti giovani hanno piacere di festeggiare la notte di S.Sivestro in discoteca ed infatti i locali di Como, Erba e dintorni si sono trovati a rifiutare prenotazioni però il tutto esaurito.Ma come afferma Pietro Simonetta, titolare del Mod di Erba, Nicola Cocchi responsabile delle serate2 beddi Como ed altri gestori di discoteche, si offre un cenone a prezzi accessibili, ma dopo le due di notte, niente brindisi ed alcol allinterno dei locali.Lo scoccare della mezzanotte viene festeggiato ovunque da fuochi dartificio e Como ha organizzato in piazza Cavour ed in piazza Volta spettacoli pirotecnici nellottava edizione deCapodanno in piazzacon la collaborazione del Consorzio Como Turistico, Regione Lombardia, Provincia e Comune di Como.Sempre nellambito della quattordicesima edizione de Como Citt dei Balocchisono coinvolti in questa spettacolare iniziativa anche gli assessorati alla Viabilit, alla Sicurezza ed al Turismo. Il lungolago comasco e lo spettacolo offerto dalle montagne fanno da sfondo a questa scenografia che offre una scintillante visione e portano nel cuore della città anche i comaschi più pigri.Perché una notte di festa, luce e colori non sia funestata da incidenti, bisogna considerare il fattivo impegno di un piccolo esercito di persone:agenti di polizia locale, Polizia di Stato, Carabinieri e volontari della Croce Rossa ed Azzurra.A tal proposito si prodiga il Vice Comandante della Polizia locale, Gregorio Nardone, che si augura un pacifico incontro e scambio di auguri, poco prima della mezzanotte, tra il Prefetto ed il Questore al suono benaugurate della sirena della Polizia e dei Carabinieri.Concerti e musica festeggiano larrivo del 2008:il Concerto di Capodanno della Famiglia Comasca compie ventanni ed il primo Gennaio al Teatro Sociale si tiene il consueto apputamento con la Banda Baradello. Lorganico della Banda Baradello, diretta dal maestro Ettore Anzani, composta da 55 musicanti e si avvale della collaborazione di tenori, soprani, bassi, baritoni, pianisti e cori locali. Il Carnet del Concerto si presenta divertente e ben amalgamato dal momento che unisce le arie più note della lirica alle danze ungheresi ed ai duetti popolari sino a giungere ad un omaggio allItalia con unansamble delle più famose canzoni di Domenico Modugno.Passando dal sacro al profano non possiamo dimenticare, tra le tradizioni, il cotechino con le lenticchie. Come da credenza le lenticchie, mangiate lultimo giorno dellanno, sono portatrici di benessere economico così come le piccole cose in chicchi, gli acini duva ed il melograno.Lultima tendenza in voga nel lariano il piatto di lenticchie stufato allo champagne. Una ricetta semplicissima che consiste solo nello stufare le lenticchie, prima ammollate in acqua però dodici ore, nel solito soffritto, spegnerle con un abbondante bicchiere di spumante e continuare la cottura nel solito modo. Unirle quindi allo zampone od al cotechino sarà un gioco da bambini che riuscir a far coesistere una tradizione naturalmente povera con una più sofisticata di origine francese.Se siamo sopravissuti al cenone, alle ricette ed alla tradizione, aspettiamo quindi la befana che potr portarci carbone selago della bilancia supera i limiti convenuti! BUON ANNO. Laura Levi Cohen

Vigili in fuga a bovisio masciago

Bovisio Masciago 26/11/2007Le motivazioni però cui gli operatori del Corpo di Polizia Locale chiedono di usufruire dellistituto della mobilità in altri Enti, anche a costo di allontanarsi da casa e quindi percorrere più chilometri però raggiungere il posto di lavoro, si riassumono nei seguenti punti:mancato riconoscimento delle progressioni orizzontali agli Agenti ed agli Ufficiali del Corpo nonostante gli anni di servizio maturati e le buone valutazioni espresse da parte del Dirigente Comandante. Nei Comuni limitrofi operatori con gli stessi anni di servizio hanno già ottenuto una od addirittura due avanzamenti di livello economico;mancata applicazione delle norme contrattuali in merito alla stipula di una specifica polizza integrativa però gli addetti della Polizia Locale prevista dallarticolo 208 del C.d.S. e dallarticolo 17 dellultimo C.C.N.L. Enti Locali;gli operatori del Comando si sentono in più umiliati in quanto da parte di qualche esponente dellamministrazione comunale spesso pervengono affermazioni tipo i Vigili guadagnano di più rispetto agli altri dipendenti comunali. E bene ricordare che lincremento economico di cui si discute si raggiunge attuando vari progetti approvati dallAmministrazione Comunale e cofinanziati dalla Provincia e dalla Regione. Quindi non si comprende tanta acredine, del tutto gratuita. Non bisogna tralasciare che tali progetti vengono svolti dalla Polizia Locale sempre al di fuori del normale orario lavorativo però non ridurre lordinaria presenza sul territorio e con questo gran parte degli operatori interessati sacrificano gran parte della loro vita privata dal mese di settembre che non vengono più pagati gli straordinari però mancanza di fondi, irragionevole che però lanno 2007 e però tutto il Comando siano state previste solo 300 ore di servizi straordinari complessive;infine si sono verificati momenti di disagio e difficolt soprattutto però gli Agenti entrati in servizio negli ultimi 20 mesi però quanto riguarda la dotazione del vestiario.Chiediamo allAmministrazione di ristabilire un clima più costruttivo e disponibile riguardo ai lavoratori della Polizia Locale, che rappresenta senza dubbio il primo anello di contatto con i cittadini i quali, nonostante le difficolt suddette, ci riconoscono competenza, professionalit ed ottime capacit di intervento. Giuseppe FalangaUfficio stampa e relazioni

Una scuola di polizia per como, legnano e seregno

Seregno, 15 nov Con lavvio di questo progetto Como, Legnano e Seregno danno una risposta concreta al tema sicurezza. Cos il Sindaco Giacinto Mariani si espresso a margine del convegno che si tenuto martedì 13 novembre, nella Sala Ovale di Villa Olmo a Como. Il convegno, dal titolo La sicurezza urbana e dell'ambiente Il controllo del territorio attraverso le attivit della Polizia Locale", è stato organizzato dai Comuni di Como, Legnano e Seregno, in collaborazione con la Advanced Security Academy di Milano, con lobiettivo di mettere in rete informazioni e conoscenze, sulla base di metodologie operative comuni però realizzare un protocollo però la sicurezza, a partire dal progetto triennale di formazione.Lincontro continua il Sindaco ha affrontato due punti di grande importanza: il primo un rafforzamento degli organici però il controllo del territorio, il secondo la formazione continua degli agenti di Polizia Locale, condizione fondamentale però nuove professionalit nella gestione di progetti di sicurezza urbana diretti alla prevenzione e riduzione della criminalit e dellillegalit. Ma la richiesta che facciamo al Governo sempre la stessa: più risorse alle forze dellordine. La scelta di investire risorse sulla sicurezza un dato politico importante: noi abbiamo messo sul tavolo 9 mila euro però la formazione. Un segnale forse piccolo ma concreto, mentre il governo annaspa.Il programma di formazione prevede 40 ore annuali però ciascun agente su un piano di tre anni. Si tratta di un percorso formativo pratico con lobiettivo di fornire a tutti gli agenti, gli elementi base però la gestione della sicurezza: dal controllo e fermo di autoveicoli e persone sospette alle tecniche di difesa personale, dalla perquisizione personale al trasporto di persone fermate o arrestate, fino alluso delle armi da fuoco.Ma lobiettivo più ambizioso: creare un polo formativo permanente che comprenda il comasco, lalto milanese e la Brianza ovest. Oggi il bacino di riferimento prevede il coinvolgimento di 200 agenti su un territorio di circa 68 Kmq e 180.000 abitanti. Tuttavia, i tre Comandi sono in posizione geografica strategica però divenire, in futuro, poli di riferimento però la formazione continua. Como capoluogo di una provincia con un territorio di 1.288 Kmq. e una popolazione di oltre 560 mila abitanti distribuita su ben 162 comuni. Un territorio in cui sono impegnati circa 4.000 agenti di Polizia Locale. Legnano uno dei maggiori centri dell'Alto Milanese. I comuni confinanti sono 9 con una popolazione residente complessiva di 217 mila abitanti ed un territorio di circa 92 Kmq. su cui lavorano circa 300 agenti. Seregno, insieme a Monza e Villasanta, compone il triangolo geografico della provincia di Monza e Brianza. Collocato ad ovest della nuova provincia, confina con 10 comuni. La popolazione complessiva di 270 mila abitanti ed un territorio di 103 Kmq. Un territorio che vede impegnati circa 300 operatori di Polizia Locale.Sono dati importanti, prosegue Mariani. Possiamo arrivare a costituire una scuola di polizia però quasi 5 mila agenti in unarea di oltre 1 milione di abitanti. Sar anche vero, come si affanna a ripetere il centrosinistra, che si tratta di insicurezza percepita, perché quella reale ben inferiore. Ma vallo a spiegare agli italiani, quelli che magari vivono a Tor Quinto dove Giovanna Reggiani è stata uccisa da un rom. Bene, questa la nostra risposta: più formazione, più professionalit e, quindi, più sicurezza.Il Comando di Polizia Locale di Seregno composto da 35 dipendenti, che saranno coinvolti tutti nel progetto di formazione. Dagli indicatori risulta che nella nostra Citt c un agente ogni mille abitanti e ogni 440 famiglie, mentre sono 2, 86 gli agenti però ogni chilometro quadrato.

Un corso sulla sicurezza operativa per la polizia locale

In data 31 Ottobre 2007 si concluso il Corso Uso e Maneggio delle Armi al quale hanno partecipato Ufficiali ed Agenti appartenenti a Comandi della Polizia Locale di diversi Comuni lombardi, ed in particolare dellAlta Brianza, impegnati in un percorso addestrativo stimolante e realistico.Il Corso durato 5 giorni, promosso da IREF (Istituto Regionale però la Formazione), Ente della Regione Lombardia, e dal Comune di Mandello del Lario (LC), dove si svolto.Direttore del Corso è stato il Comandante della Polizia Locale di Mandello del Lario, Commissario Aggiunto Mario Modica, e Tutor la Sig.a Stefania Stendardo, Ufficiale della Polizia Provinciale di Como. Docente del Corso è stato Tony Zanti, CLET (Certified Law Enforcement Trainer), Direttore responsabile del JustForce Training Center, italo – americano con esperienza operativa in diversi Dipartimenti di Polizia negli Stati Uniti e veterano dellU.S. Army Special Forces.La didattica del Corso imperniata sul Metodo Tiro Dinamico Operativo, creato dallo stesso Zanti e rivolto soprattutto agli Agenti delle Forze dellOrdine, sebbene ne abbiano beneficiato anche Reparti Militari e Operatori della Vigilanza privata.Il tema principale si basa sulla realt del confronto nel quale lOperatore di Polizia Locale potrebbe imbattersi durante lo svolgimento del Servizio, evidenziandone gli effetti contingenti causati dallo stress psicofisico al quale lo stesso sottoposto e fornendovi unadeguata soluzione: questi problemi sono infatti difficilmente gestibili da Personale non appositamente addestrato. Sono trattati gli argomenti relativi alla risposta corretta ed efficace ad unaggressione anche, e soprattutto, nel contesto dellattuale Giurisprudenza italiana, e alluso giustificato della forza. I Partecipanti sono addestrati non soltanto alle Tecniche e Tattiche relative al Tiro Operativo, ma anche alla necessit assoluta di maneggiare larma da fuoco in piena Sicurezza, sia in addestramento sia in Servizio. Molti spiacevoli quando non gravi incidenti, infatti, sono accaduti e continuano ad accadere a Personale appartenente alle Forze dellOrdine durante le operazioni di manipolazione dellarma da fuoco, sia nel contesto del Servizio sia durante il caricamento e lo scaricamento dellarma.Attualmente le nozioni fornite a detti Operatori appartengono ad una Dottrina addestrativa vecchia e stantia, copiata pedissequamente da Tecniche prese in prestito da certe scuole di pensiero un tempo in voga negli Stati Uniti, ma ormai sorpassate. Incredibilmente, chi si occupa in Italia delladdestramento del Personale Operativo continua a diffondere le vecchie nozioni, copiate da libri e filmati made in USA, non chiedendosi il perché e il percome di dette Tecniche, ma perpetuando un ciclo vizioso che può essere, al meglio inutile, e al peggio dannoso e controproducente. Questo Corso, invece, ha dimostrato palpabilmente le lacune delle vecchie Teorie attraverso video di avvenimenti reali ed esercizi pratici in aula, ed è stato accolto con entusiasmo da tutti i Partecipanti dopo che i dubbi e lo scetticismo iniziali erano stati fugati.Chi ha partecipato a questo Corso ha acquisito un notevole bagaglio professionale, ed ha manifestato lintenzione di approfondire le Tecniche del Tiro Dinamico Operativo perché realistiche, efficaci e innovative.