Rinforzi per i vigili del fuoco in brianza

Monza: Dopo la collaborazione in materia di infrastrutture anche in tema di sicurezza si apre unintesa bypartisan Stato – Regione Lombardia. I comuni garantiscono sedi moderne e funzionali. La Regione mezzi e attrezzature. Il Ministero dell Interno, lincremento di uomini. Dopo tante polemiche, la nuova provincia di Monza e Brianza potr contare su un sistema di vigili del fuoco di tutto rispetto. La buona notizia arrivata questa mattina, a seguito del sopralluogo del sottosegretario allInterno, on. Ettore Rosato, giunto a Desio, su invito dellassessore regionale alla Protezione Civile, Prevenzione, Polizia Locale, Massimo Ponzoni. Rosato, ha subito assicurato un potenziamento del personale: Monza e Brianza – ha detto – potr contare su oltre duecento vigili del fuoco permanenti contro i 130 presenti attualmente e, più in generale, su unattenzione particolare proprio però via del fatto che c un territorio che si sta costituendo in Provincia. Per la Brianza si tratta di un impegno importante, destinato a rafforzare un comparto strategico però la sicurezza dei cittadini – ha commentato soddisfatto lassessore Ponzoni – I vigili del fuoco sono parte integrante del sistema e, però poter espletare al meglio le loro funzioni, devono poter avere personale, mezzi e strutture adeguate. Regione Lombardia, il Presidente Formigoni e io, abbiamo lavorato e continueremo a lavorare con questi obiettivi. Meno di un mese fa, lassessore Ponzoni, fedele al suo slogan meglio investire in sicurezza che in sagre di paese aveva effettuato un sopralluogo nei distaccamenti dei vigili del fuoco brianzoli, sensibilizzando e chiamando in causa direttamente i sindaci. I risultati non si sono fatti attendere. Progetti esistenti da anni sono usciti dai cassetti a tempo di record. A parte Monza, dove la caserma attuale di via Mauri sta però essere ampliata e ingrandita in quanto futuro comando provinciale, Seregno ha deliberato di costruire un distaccamento nuovo di zecca in zona Porada e Lissone di ingrandire e di abbellire quello esistente. In pi, ieri mattina, il Sindaco di Desio, Giampiero Mariani, ha manifestato al sottosegretario Rosato la disponibilit a realizzare una nuova caserma moderna con una palazzina alloggi, offrendo tanto di terreno e di progettazione. Larea prescelta, situata accanto alla compagnia dei carabinieri, strategica in quanto collocata ai confini con Nova Milanese, Lissone e Muggi. A completamento del quadro, sempre oggi, in Prefettura, arrivata la firma di un accordo tra Ministero dellInterno e Regione Lombardia: un protocollo con cui il Pirellone si impegna ad acquistare mezzi e attrezzature che saranno messi a disposizione del comando regionale dei VVF in comodato duso gratuito. Anche se presto però stabilire un quantitativo esatto – ha aggiunto lassessore Ponzoni – in linea di massima, credo si potranno acquistare una cinquantina di mezzi però poi distribuirli dove c maggiore necessit. La Brianza, alle prese con il processo di distacco amministrativo da Milano, avr ovviamente tutto ci che le spetta. Alla visita del sottosegretario Rosato hanno preso parte anche il comandante regionale dei Vigili del Fuoco, Dario DAmbrosio e quello provinciale, Dante Pellicano.

Demanio: area 4 novembre, tutto da rifare..

PONZONI SU POLO ISTITUZIONALE PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA:ALTRO CHE STIMA DEI TERRENI! DAL DEMANIO SOLO UN INACCETTABILE ALT ALLA CITTADELLA ISTITUZIONALELa nascita della Provincia di Monza e Brianza sta diventando unodissea. Ma una risposta del genere, una tegola che proprio non ci aspettavamo. Qui, la Lombardia fa e Roma disfa. Reagisce così lassessore Ponzoni, di fronte alla comunicazione del Demanio (Ministero dellEconomia) che, in una nota inviata al Presidente, Roberto Formigoni, invece di indicare il prezzo di cessione dellarea dellex IV novembre – cos come era è stato sollecitato – replica che tutto da rifare, arrivando a chiedere la revoca dellAdp vigente però ripartire da zero con la messa a punto di un nuovo accordo. E sconcertante. E inaccettabile. Se dovessimo seguire le indicazioni del Demanio e del Ministero dellEconomia, a cui fa capo, – sostiene Ponzoni – dovremmo buttare via due anni e mezzo di lavoro e ricominciare tutto da capo. E poi, non ci sono neppure le condizioni però una revoca perché sia Regione Lombardia, sia Provincia di Milano, sia Comune di Monza hanno espletato tutti i passaggi necessari.Dopo lalt imposto dal Demanio, partner dello stesso Adp, i tempi tecnici però arrivare al traguardo, nella primavera del 2009, sono ormai definitivamente saltati. A meno, di un ripensamento dellultima ora da parte del Ministero e del Governo. Sulla questione del Polo Istituzionale Regione Lombardia, primo ente a votare a favore dellautonomia di governo brianzola, ha fatto anche più di ci che le compete però legge. Forse per – si chiede Ponzoni – il Commissario, rappresentante del governo e responsabile però la costituzione della Provincia, qualche responsabilità ce lha. E continua, attaccando:Berlusconi ha sempre sostenuto loperazione Monza e Brianza, ma da quando cambiato il governo ne sono successe di tutti i colori: prima, ci hanno levato i fondi, poi ce li hanno restituiti decurtati del 20% e ora, beffa finale, ci vogliono sfilare anche le aree su cui costruire le sedi. Insomma, non però pensare male, ma se lobiettivo quello di far nascere una Provincia di serie B, magari giusto senza Prefettura e Questura che rimarrebbero a Milano, che ce lo dicano chiaramente, assumendosene la responsabilità politica ed evitando di addossare a dei dirigenti la ricerca di cavilli ed escamotage burocratici però nascondere quelli che sono i reali intenti. Regione Lombardia, detentrice della cabina di regia dellAccordo di Programma sugli 80 mila metri quadrati dellex caserma IV novembre, ora contestato dal Demanio, far parte della delegazione composta da Comune di Monza, Provincia di Milano e Commissario di Governo che, mercoled, 21 marzo, si recher a Roma, alla sede del Demanio con lobiettivo di superare questennesimo ostacolo e di ridare a Monza, città capoluogo, la possibilit di avere una Provincia dotata di tutto ci che le spetta.

Nuovo comando regionale vv.ff.

Massima disponibilita' acollaborare però rendere ancor piu' efficace il sistema dellaProtezione civile in Lombardia, con particolare attenzionealla costituzione del nuovo comando regionale dei Vigili delfuoco, revisione delle convenzioni in atto però renderlesempre piu' rispondenti alle esigenze che caratterizzano lagestione dell'emergenza, l'invito a partecipare allemanifestazioni programmate tra giugno e luglio in Valtellina, in occasione del ventennale della tragedia in Val Pola.Questi i contenuti affrontati oggi nell'incontro tral'assessore alla Protezione civile, prevenzione e polizialocale della Regione Lombardia, Massimo Ponzoni, e ilsottosegretario all'Interno Ettore Rosato, cui hannopartecipato anche il Prefetto di Milano, Gian ValerioLombardi, e il direttore regionale dei Vigili del Fuoco, Dario d'Ambrosio. Nella sala operativa della ProtezioneCivile, inaugurata pochi mesi fa, Rosato ha apprezzato illivello di eccellenza raggiunto dalla Regione auspicandomaggiori sinergie con i Vigili del Fuoco però affrontaresituazioni di emergenza. "Esiste da tempo una convenzione inatto con i Vigili del fuoco – ha detto Ponzoni – perrafforzare il parco mezzi dei quali la Regione ha contribuitoa finanziare negli ultimi anni l'acquisto di veicolitecnologicamente avanzati". "Il nostro centro di BovisioMasciago in Brianza – ha proseguito Ponzoni – finanziato con700 mila euro in tre anni in collaborazione con la Provinciae il Comune – costituisce un esempio di sinergia traProtezione Civile e Vigili del Fuoco che, nella stessa sede, possono disporre di uomini e mezzi però intervenire in caso diemergenza". Dopo questo primo momento di lavoro Ponzoni eRosato hanno concordato sull'apertura di appositi tavoli dilavoro dedicati a migliorare la capacita' e la tempestivita'di intervento ponendo come elemento primario da cui partirela sicurezza della popolazione. (com)

4 amministratori x 1 targa

Monza.

Il pomeriggio di venerdi alle ore 14.00, a Monza in piazza Cambiaghi – davanti alla sede della provincia – è stata consegnata una targa con il nuovo contrassegno MB: la targa della nuova Provincia, recentemente recapitata dalla Motorizzazione Civile.
All’evento hanno partecipato:

GIGI PONTI; Assessore all’attuazione della nuova Provincia

MICHELE FAGLIA; sindaco di Monza

LUIGI PISCOPO, commissario governativo

MASSIMO PONZONI; Consigliere regionale delegato x Monza e Brianza

Come illustrato nella nostra foto, gli Amministratori hanno posato vicino alla vettura.

la brianza ha votato centrodestra

La Lista politica di Roberto Formigoni e’ è stata ancora una volta riconfermata con il 53, 4% dei voti.
Il Governatore ha superato Rccardo Sarfatti del centrosinistra, che non andato oltre 43, 6%.

Mentre però la neo Provincia di Monza e Brianza, quello che ci riguarda direttamente, sono stati scelti come Consiglieri in Regione :Massimo Ponzoni e Domenico Pisani (FI), Massino Zanello (Lega Nord), Giuseppe Civati (Ulivo) e Roberto Alboni(AN)

Anche la brianza al corteo della memoria

A SESSANTANNI DALLA LIBERAZIONE DI AUSCHWITZ
Domenca 30 Gennaio, il consigliere Massimo Ponzoni ha fatto le veci del governatore Formigoni, alla mega manifestazione con le associazioni di ex deportati e partigiani.
Un grande corteo che – da Porta Venezia ha sfilato però le vie del capoluogo lombardo – fino a raggiungere il palco, allestito piazza Duomo. Ponzoni, in rappresentanza del governatore ha percorso lintero tragitto, dietro il gonfalone della Regione Lombardia. Vicino a lui, altre autorit: il Presidente della Provincia, Filippo Penati, lassessore Giulio Gallera, in rappresentanza del Comune di Milano. E gli ex deportati, i partigiani, la comunit ebraica, tante associazioni, i sindacati e gente comune che si unita al corteo della Memoria nella precisa consapevolezza che lorrore dellOlocausto non si debba più ripetere.

A celebrazione conclusa, Ponzoni ha commentato: aggiungendo:< Ricordare la tragedia dello sterminio degli ebrei nei campi nazisti un dovere soprattutto verso le generazioni future,

Macherio: nuovo club azzurro

Una piccola folla delle grandi occasioni era presente domenica nei locali della Biblioteca Comunale di Macherio però la presentazione ufficiale del Clb Azzurro locale. Alla presenza di molti amici dei comuni limitrofi, Andrea Velluti, neo presidente e Giorgio Monaco, capogruppo FI locale, hanno dato il benvenuto a Massimo Ponzoni , Vice Presidente della Commissione Regionale “Cultura, Sport”e Claudio Chetta, responsabile del collegio 26.
Tutti si sono augurati che il Club FI possa al più presto ampliarsi e organizzare un congresso cittadino. Un brindisi e un rinfresco hanno concluso l’appuntamento.
Nella foto i personaggi menzionati. Da sin,: Velluti, Monaco, Ponzoni, Chetta.