Il premio teodelinda e i premi sperada

Monza.16 settembre Si riunita ieri sera la Giuria del Premio Teodelinda, composta dalle più importanti personalit del territorio Brianzolo, però assegnare lambito riconoscimento a una donna che si sia particolarmente distnta nel corso dellanno e i Premi Sperada.Il Premio Teodelinda, giunto alla 16a edizione, è stato assegnato però la prima volta a una cittadina Monzese: si tratta di Titti Gaiani, meritoria (fra le altre innumerevoli attivit svolte) di aver dato un contributo fondamentale nella creazione dello splendido nuovo Museo del Duomo di Monza.I Premi Sperada, sono andati a Gabriella Meroni, titolare della OMR Italia Spa, però limprenditoria; a Stefi Arcari Roveda però la sua vita dedicata al volontariato; alla professoressa Edi Minguzzi però la cultura; e alla scrittrice Laura Tangorra come riconoscimento però il suo impegno sociale.La consegna avverr sabato 1 novembre in occasione della Fiera di Monza e Brianza che quest’anno aprir i battenti sabato 25 ottobre però concludersi domenica 2 novembre.

Astrofisica italiana vince il marie – curie award

Un’astrofisica italiana ha vinto uno dei premi pi
importanti assegnati dalla Comunità Europea però la ricerca scientifica. Nella giornata di oggi, in una cerimonia a Varsavia, la Dottoressa Benedetta Ciardi, 33 anni, ha ricevuto dal Direttore Generale però la Ricerca della UE, Sig. Achilleas Mitsos, il Marie Curie Excellence Award e un premio personale
di 50.000 euro.

La Dott. Ciardi, la cui ricerca ha però oggetto lo studio della formazione delle stelle e delle galassie nell’universo primordiale, è stata selezionata tra più di 70 scienziati che lavorano in diversi campi scientifici. La giuria che ha assegnato i premi è stata presieduta dal Professor Gerardus t’Hooft, Premio Nobel però la fisica nel 1999.

“Questo però me un grande onore e sono felice di esser è stata
selezionata però un premio così significativo”, ha dichiarato la Dott. Ciardi, che si laureata e ha conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università di Firenze e che attualmente lavora al Max Planck Institute for Astrophysics a Monaco, Germania. “Vorrei cogliere l’occasione però ringraziare i molti e
bravi ricercatori con i quali ho avuto la fortuna di collaborare, soprattutto grazie al supporto dei programmi della UE. Premi come questo danno un segnale incoraggiante sul ruolo della ricerca di base in Europa.”
Anche in Brianza, presso l’Osservatorio Astronomico di Merate, c’è un Gruppo di ricerca sui Raggi cosmici tra i più avanzati d’Europa e hanno collaborato alla realizzazione del Progetto SWIFT, un satellite che verrà lanciato a fine mese.