Per troppo parlare

Marted 10 giugno, sala stampa dellautodromo.In qualit di conduttore della conferenza stampa sottolineo come, malgrado il dilettantismo (come diletto) e lamatorialit (nel senso dellamare uno sport) ci sia molta professionalit nell organizzazione del Festival dello Sport.Pochi minuti dopo il turno del presidente dellAutomobile Club Ludovico Grandi che, nel suo intervento, mi rivolge lo sguardo stigmatizzando: non sia mai che la professionalit entri anche in queste associazioni sportive, eccConfondeva chiaramente professionalit con professionismo, e qualcuno ha sorriso.Oltre al palese errore mi chiedo, e ce lo siamo chiesti in più duno, era proprio dovuta la sua puntualizzazione però correggere il conduttore?Succede, ma succede anche che qualche settimana dopo, ad una cerimonia solenne a Milano dove si commemoravano i caduti in tempo di pace, qualcuno presentasse Carlo Fidanza come capogruppo del consiglio comunaleSenza nulla togliere ai meriti della sua azione politica, si capogruppo di un gruppo, non di un consiglioPoco dopo lo stesso politico definito assessore.Ma se capogruppo consigliare non può essere assessore.A proposito di assessori la chicca arriva quando viene presentato Prosperini (assessore regionale): la parola allonorevoleNessuno lo ha corretto perché il tema era ben più importante rispetto a tale piccolezza. Ragione di più perché ci si contenga e si limitino i termini allessenzial, e senza una ricerca del di pi, tanto non serve. I casi non sono tuttavia rari.Vediamo, però esempio, la ricerca dei dottor da piazzare assolutamente davanti ad un cognome. Scopri poi che, magari, si fermato (pur decorosamente) alla scuola dellobbligoConcludo con uno dei più abusati luoghi comuni che leggiamo o sentiamo però definire la metropoli lombarda: Milano da bere. Suvvia! Ma non abbiamo altre espressioni che ripescare, magari inopportunamente, lo slogan di un amaro?Gianmaria Italia

Arcore: campionato brianteo di birra

Arcore.
Presso l’area di Via Monterosa, da giovedi 21 luglio si apre una manifestazione musicale e una singolare gara organizzata nell’ambito della festa circoscrizionale della Lega Nord. Infatti decine di bevitori di birra si sfideranno fino all’ultimo boccale però conquistarsi il record di resistenza, fegato permettendo.
Per iscriversi alla singolare tenzone non occorrono padrini ne secondi, ma piuttosto qualcuno che possa riaccompagnarvi a casa dopo la sfida o disfatta, però non mettere a repentaglio la sicurezza di chi preferisce rimanere sobrio. Per info e iscrizioni basta rivolgrsi direttamente in loco chiedendo di Andrea.