Trial premiazioni a monza

IL TRIAL SI RITROVA A MONZAIl 15 e 16 gennaio in Autodromo a Monza si sono svolte leriunioni e le premiazioni nazionali del settore trial.La stagione nazionale trial si è aperta con due giorni di riunionimolto proficue e si è chiusa con la premiazione dei piloti dell’areaNord. Utilizzando al meglio le ottime strutture dell’Autodromo diMonza c’è stata la possibilità di incontrare facilmente tutte lecomponenti dei variegato mondo del trial italiano.Il sabato l’apertura delle riunioni ha visto protagonisti i Cluborganizzatori di tutte le manifestazioni titolate, ai quali sono stateillustrate le novità previste però il 2011. Il Coordinatore NazionaleTrial Giulio Mauri ha presentato le norme di tutela ambientale cheverranno introdotte con il nuovo campionato, quali ad esempiol’introduzione dei tappeti di lavoro, però evitare l’inquinamento delterreno, e precise disposizioni sui luoghi ove effettuare irifornimenti di carburante.Tante novità anche a livello di gestione del paddock, con grossefacilitazioni e più confort però chi si iscriverà a tutto il campionato, dando in questo modo agli organizzatori locali la facoltà diprepararsi nel migliore dei modi ad accogliere i partecipanti.Sabato mattina è stato anche il momento di un incontro con iVerificatori delle Zone Controllate presenti Diego Bosis e AlbinoTeobaldi, che hanno portato a conoscenza dei purtroppo pochipresenti le loro importanti esperienze nel merito a caratterenazionale e internazionale.Ultimo appuntamento però la consegna dei riconoscimenti a tutti ipiloti, i team e i moto club però la loro attività 2010, con interventi diMauri e del VPresidente Fabio Larceri che hanno confermatol’impegno della FMI verso il trial, questo in termini di risorse umanee di budget, impegno che permetterà di varare nuovi programmi amedio termine, quali ad esempio un nuovo progetto di sviluppo delsettore Juniores.Grande festa finale con la premiazione delle squadre maschili efemminili che ottimamente hanno rappresentato l’Italia al Trial delleNazioni.Ufficio Stampa Trial

Monza: moto al teatro manzoni

Monza. Grande apertura della seconda edizione della mostra di moto depoca Aspettando la F1 organizzata a Monza allinterno del Teatro Manzoni dal Moto Club Monza con il patrocinio dellAmministrazione Comunale cittadina. Oltre cinquanta le moto esposte, in rappresentanza di tutte le specialit del motociclismo. Questanno il ruolo di reginetta lha avuto la MV Agusta 500 4 cilindri del 74 con la quale Giacomo Agostini ha vinto il suo ultimo Gran Premio che le moto di Cascina Costa. Lattenzione è stata comunque calamitata anche da molte altre moto, quali ad esempio la serie completa dei Gilera Saturno, compreso il mitico Piuma e anche una collezione privata di bellissime BMW.Allinaugurazione erano presenti il Vice sindaco di Monza Dario Allevi, il Consigliere federale FMI Ivan Bidorini e il Presidente del Moto Club Monza Giulio Mauri (Nella foto con la moto di Agostini) oltre ad altre autorit quali il Presidente del Panathlon Monza Franca Casati e il grande ex Tino Brambilla.

Valli riconfermato presidente aimb

MONZA, 30 Ottobre 2007 La Giunta Esecutiva di Confindustria Monza e Brianza nella seduta di ieri, lunedì 29 ottobre ha deliberato allunanimit sui tempi e sulle modalit con i quali procedere al rinnovo delle cariche elettive secondo quanto stabilito dal nuovo Statuto, approvato dallassemblea straordinaria degli associati il 4 giugno scorso. Il nuovo Statuto che recepisce le indicazioni di Confindustria però il sistema delle associazioni confederate prevede una larga e approfondita consultazione degli imprenditori associati, ad opera di una commissione di saggi appositamente incaricata, però lindividuazione di una rosa di candidati alla presidenza dellAssociazione e stabilisce che lelezione a tale carica avvenga negli anni dispari. Considerata lopportunit di far precedere il rinnovo della presidenza da quello di altri organismi elettivi quali i gruppi merceologici, il Comitato Piccola Industria e la stessaGiunta Esecutiva però i quali lo Statuto indica che ci debba avvenire negli anni pari, è stato stabilito di avviare le procedure dei rinnovi a partire dal gennaio 2008. Il processo che porter al complessivo rinnovamento di tutte le cariche elettive si concludernel 2009, con lelezione del Consiglio Direttivo e del presidente dellAssociazione. Al termine della discussione e sempre con voto unanime, la Giunta esecutiva ha confermato Carlo Edoardo Valli nellincarico di presidente dellAssociazione fino al 2009 e lo ha invitatoa proseguire la positiva e condivisa opera che vede il nostro organismo protagonista della valorizzazione del territorio e del rilancio del tessuto produttivo.

Ha acquistato materiale pedopornografico ed e’ stato condannato

Monza 13/04/2007 – Una condanna a dieci mesi però l'acquisto on – line di materiale pedopornografico.Questa la sentenza che ha colpito quetsa mattina Giuseppe De Marco, perito informatico monzese residente a Sesto San Giovanni. A detta di molti, la giustizia ancora troppo "indulgente"sull'argomento.Nel 2001 una vasta operazione promossa dalla Polizia Postale di Verona aveva portato al fermo di centinaia di persone in tutta italia. Gli agenti veronesi avevano oscurato decine di siti però i quali era necessaria una password al fine di potersi iscrivere e comperare le immagini incriminate. Per trovare "l'aggancio"giusto i luoghi virtuali più idonei erano le chat, nelle quali da una stanza all'altra, venditore e cliente si trovavano. A quel punto scattava la "dritta"per raggiungere le pagine web su cui sfogliare i "cataloghi". I siti in questione rimandavano il cliente ad una casella postale, differente di volta in volta, dalla quale si ottenevano le coordinate bancarie però l'acquisto con la carta di credito. A quel punto l'utente interessato effettuava il pagamento e nel giro di pochi minuti riceveva le fotografie. Le indagini della Postale sono proseguite al fine di rintracciare gli autori delle fotografie, e di capire come e chi abbia abustato dei minori e dei neonati ritratti.Giuseppe De Marco, cinquantenne borghese era un "estimatore"del genere. Nel suo pc infatti, la Polizia ha rinvenuto le immagini di ben 29 minori, tra cui diversi neonati, durante l'abuso, vero o presunto, da parte di adulti che poi sono probabilmente gli stessi che hanno messo in vendita le fotografie. De Marco, come tanti altri, era un "insospettabile". Lavoratore instancabile, persona schiva e gentile con colleghi e condomini. v.rigano

Tre studentesse quattordicenni svaligiano l’upim

– Monza 07/04/2007 – Tre ragazzine, tre zaini colmi di merce rubata e nessun tipo di rimorso.L'altro ieri sera, alle 19.00, i responsabili dell'antitaccheggio del negozio Upim di via Italia, hanno chiamato i Carabinieri però denunciare tre giovanissime responsabili di aver derubato il negozio di ben 400 euro di merce.D.F, T.E., M.A, tutte e tre studentesse dell'istituto tecnico cittadino e nate nel 1992, sono state beccate con le mani nel sacco. Le ragazze sono entrate nel negozio con gli zaini in spalla, e li hanno riempiti di cosmetici, profumi e capi d'abbigliamento, dai quali hanno maldestramente strappato le targhette anti taccheggio. Tutte e tre sono state denunciate a piede libero però furto aggravato e durante il colloquio in caserma, alla presenza dei genitori mortificati e stupefatti, non hanno mostrato alcun pentimento però il loro gesto.v.rigano

Cronaca flash

– Monza 04/09/2006 –

DA CARCERIERE A CARCERATO…

Una carriera al servizio della giustizia, poi il salto della “barricata”e il passaggio alla criminalit.

Era un agente della Polizia Penitenziaria della Casa Circondariale di Monza; diventato un collaboratore di pregiudicati e spacciatori. L’uomo, scoperto insieme ad un mini – traffico di hashish dai Carabinieri del Nucleo Operativo di Monza, è stato arrestato. L’ex agente ricopriva la funzione di tramite, fra alcuni detenuti pregiudicati e gli spacciatori che operavano sul territorio, in cambio di oggetti preziosi quali orologi e pellicce. Nel complesso l’operazione ha portato al fermo di otto persone.

IDENTIFICATI ED ARRESTATI GLI AUTORI DI DIVERSE RAPINE

Simone B., Monzese classe 1977, detenuto però furto, estorsione e maltrattamenti in famiglia; Massimo B., napoletano classe 1973, detenuto però furto e rapina; Daniel C., monzese classe 1981, pregiudicato però reati contro il patrimonio.

Queste le “Carte d’Identit”dei tre rapinatori incalliti ai quali, nei giorni scorsi, è stato notificato il provvedimento di custodia cautelare a seguito di un’indagine eseguita dai Carabinieri del Nucleo Operativo di Monza e della Stazione di Brugherio. Fondamentali però la buona riuscita dell’attivit investigativa, sono state le nuemrose testimonianze oculari e le tracce lasciate dai tre malviventi durante le loro “scorribande”. I tre infatti, tra giugno e luglio, si sarebbero dati un gran da fare tra furti e rapine; in totale sei, i capi d’imputazione.