Il manto papale di pio xi esposto a desio

DesioIl CISD, Centro Internazionale Studi e Documentazione Pio XI che ha sede a Desio nella Casa Natale di Papa Pio XI Achille Ratti ha tra i suoi scopi quello di tener viva la memoria del grande Pontefice promuovendo convegni, conferenze e studi che ne mettano in luce lopera e il magistero. In occasione dei dieci anni dalla sua fondazione il Cisd propone un evento eccezionale: dal 13 dicembre 2008 al 18 gennaio 2009 nel museo della casa natale di Desio viene esposto il Manto Papale di Pio XI.Il Manto di Papa Pio XIAl temine dellAnno Santo del 1925 – Papa Pio XI – in occasione della chiusura della Porta Santa della Basilica di San Pietro, indoss però la prima volta quel manto che aveva ricevuto in dono da un gruppo di famiglie milanesi. Il parato, tessuto però la prima volta in Italia da macchine industriali e non ricamato, fu consegnato nelle mani del Pontefice il 15 dicembre, SantAchille giorno del Suo onomastico. Un manto di una leggerezza inimmaginabile però una cappa della circonferenza di 12 metri divisa in 9 spicchi; il disegno – angeli in volo attorno al tondo con la sigla IHS – appare sempre in verticale. Pio XI fu il primo a stupirsi di tanto ingegno. Gli ideatori della preziosa veste liturgica furono Guido Ravasi di Como e Alfredo Ravasco di Milano. Ravasi fu autore del tessuto, Ravasco contribu come orafo. Chi era Guido RavasiGuido Ravasi (Milano 1877 Como 1946) certamente una delle figure più significative del mondo imprenditoriale tessile comasco del Novecento. Nella sua opera si intrecciano e si completano al più alto grado la salvaguardia della tradizione e il gusto del rinnovamento, la maniacale cura artigianale però il particolare e la geniale capacit di delineare leffetto artistico complessivo. I suoi tessuti darte premiati alle esposizioni internazionali di arti decorative degli anni Venti vestirono papi e regine e arredarono le case di illustri esponenti del mondo della finanza, della politica e della cultura. Cos il Manto PapaleIl manto papale o cappa pontificalis una veste papale simile al piviale (detto così – da pluviale – perché sembra un mantello che protegge dalla pioggia). E lungo fino ai piedi, aperto sul davanti e chiuso sul petto con un fermaglio metallico spesso lavorato; quando disteso ha la forma di un ampio semicerchio. Nella parte posteriore, in alto, ornato con il cosiddetto scudo che, quando prezioso, finemente orlato e decorato con figure o simboli e che tiene il posto delloriginario cappuccio. Viene utilizzato nelle celebrazioni liturgiche solenni fuori della Messa. Non commisurato alla statura del Papa, ma la supera di molto. Ci comporta che quando il Papa in movimento i bordi devono essere retti da alcuni incaricati caudatari e quando il Papa siede sul trono gli incaricati avvicinano i lembi del manto sul davanti, appoggiandoli in modo che, oltre alla persona, vengano coperti anche i gradini del trono stesso. Levento di Desio segue la mostra Guido Ravasi, il signore della seta che si tenuta a Como presso la Fondazione Antonio Ratti con il contributo del Museo didattico della Seta il mese scorso. Il luogo abituale di conservazione del paramento la Sacrestia della Cappella Sistina in Vaticano; il trasferimento a Desio è stato possibile grazie alla concessione dell Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice.Lesposizione verrà inaugurata sabato 13 dicembre 2008 alle ore 16. Fino al 18 gennaio 2009 i visitatori potranno accedere il martedì e giovedì dalle 16 alle 18, il sabato e la domenica dalle 15 alle 19. Lingresso libero. Ai visitatori viene offerto un pregevole catalogo curato da Margherita Rosina – schede storiche – e Francina Chiara – letture tecniche del tessuto – . Nel testo compaiono contributi storici, tecnico – scientifici e liturgici di vari studiosi. Il volume arricchito da una pregevole iconografia si apre con la presentazione dellevento redatta da Agostino Gavazzi, Presidente del Centro Internazionale di Studi e Documentazione Pio XI.(vedi allegato)Orari e contattiCentro Internazionale Studi e Documentazione Pio XI CISD Museo Casa Natale Pio XI – Desio – Mi – Via Pio XI, 4 A cura di: Antonietta Del Negro, Armando Onida, Ezio Sponsor Ufficiale: BANCO DESIO Ente Prestatore: Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice

Fiammette a valanga contro un avversario in disarmo

CAMPIONATO PRIMAVERA NAZIONALE, FASE REGIONALE 23^ GIORNATAFIAMMAMONZA: Bruno, Franchin (68 Candi), Russo, Zambetti (46 Mariani), Confalonieri, Ded, Scolaro (46 Mugavero), Missaglia (66 Sansonetti), Sortino, Ravasi, Palmieri (46 Piccini). All. Ciofi (DAmbrosio, Marchese).RETI: Sortino (7), Palmieri (3), Sansonetti (2), Franchin, Russo, Missaglia, Ravasi, Mugavero, Piccini.MONZA La Benvenuta di Bollate si presenta al Sada senza i suoi elementi migliori dirottati in prima squadra ed offre il fianco alla capolista Fiammamonza che, prestissimo, passa in vantaggio e dilaga grazie anche ad alcuni notevoli svarioni difensivi delle ospiti. Partita che non c mai e biancorosse che tornano a sorridere visto il recupero di alcune giocatrici importanti reduci da infortuni. A tal proposito da segnalare il rientro in campo, anche solo però una ventina di minuti, di capitan Sara Candi, ferma da cinque mesi a causa di una lesione tendinea che sembra finalmente recuperata. Settimana prossima trittico di gare stavolta molto impegnative, matches che verosimilmente decideranno il futuro di questa stagione, sino ad ora molto positiva.