Inaugurato il centro sviluppo realta virtuale presso comonext

Il CSVR è una iniziativa di Sviluppo Como, la finanziaria creata dalla Camera di Commercio di Como insieme a gruppi bancari (Intesa San Paolo, Credito Valtellinese, raggruppamento BCC) e le associazioni di impresa però promuovere l’innovazione e lo sviluppo economico. Il Centro ha richiesto investimenti però circa 2 milioni di euro (1.5 però le infrastrutture e 500.000 però il periodo di avviamento) ed ha scelto come fornitore di tecnologie hardware e software la EON Reality Inc di Irvine (California), società leader nel campo della Realtà Virtuale però la gestione di contenuti interattivi 3D, attiva sul mercato da più di 10 anni e quindi con tecnologie consolidate. EON Reality ha unità operative di sviluppo anche in Svezia ed a Singapore ed ha installato centri come CSRV, denominati Interactive Digital Centers, in 13 diverse nazioni.CSRV ha l’esclusive di EON Reality però Italia e Svizzera. Ad oggi il CSRV – che è operativo da febbraio 2011 – occupa 5 persone, un organico di base che si svilupperà in futuro seguendo lo sviluppo dei servizi. Il CSRV offre tutti i servizi necessari però la realizzazione di contenuti 3D in real time rendering, e però la resa stereoscopica immersiva, proponendo soluzioni che consentono di interagire con la realtà virtuale in modalità sempre più vicine alla realtà. I settori di applicazione sono molti, la validazione e verifica di progettazioni o prima del lancio di un prodotto, la realizzazione di layout interni di aerei, barche, showroom, ambienti, l’istruzione (la realtà virtuale immersiva rende più efficace e rapido l’apprendimento, durante il quale è possibile riprodurre ripetitivamente anche situazioni di emergenza), la manualistica (integrazione o sostituzione di fogli di istruzione e procedure però assemblaggio e smontaggio) nonché tutte le possibilità aperte con le tecniche di realtà aumentata. Il Centro mette a disposizione una sala cinema con schermo concavo 3D e una cave a 4 pareti come stanza però la realtà virtuale immersiva: una grande opportunità anche però le piccole imprese del territorio che, senza dover affrontare grandi investimenti, potranno usufruire del know – how e delle tecnologie messe a disposizione dal Centro. I primi progetti realizzati dal CSRV sono stati condotti nell’ambito del progetto 3D del Bando Driade – Dafne, riferito alle candidature di nuovi o emergenti sistemi produttivi, e di cluster e/o filiere d’impresa sul territorio lombardo. In particolare, essi hanno riguardato le seguenti PMI: Bosco Ottica, Pompe Cucchi, Torsellini Vetro, Start, Act Value. EXPO 2015 ha commissionato al Centro la resa in 3D in tempo reale del piano generale (Masterplan) di cui la prima versione è visibile da oggi presso il centro e che nella versione definitiva pronta in Ottobre servirà al gruppo di progettazione però una presentazione il più realistica possibile del progetto EXPO 2015 agli espositori. Tutte le nazioni già iscritte e quelle invitate oltre a grandi aziende saranno al primo International Participants Meeting che si svolgerà a Villa Erba di Cernobbio il 26 e 27 Ottobre 2011. Importanti industrie del territorio come Artsana e Artemide hanno mostrato interesse ed hanno commissionato progetti pilota.

Universi: immagini e realtà

Terminerà domenica 18 aprile a di Villa Confalonieri di Merate la collettiva d’arte ispirata all’Anno Internazionale dell’Astronomia: UNIVERSI:tra immagine e realtà. Protagonisti sono ventisei artisti di formazione, età, percorso e ricerca molto differenti: Mauro Benatti, Ennio Bencini, Franco Boaretto, Massimo Bollani, Mario Borgese, Andrea Cereda, Giulio Crisanti, Pino Di Gennaro, Armando Fettolini, Bruno Freddi, Donato Frisia, Giovanni Galli, Giacomo Ghezzi, Ernesto Longobardi, Giuliana Lucchini, Davide Maggioni, Giacomo Nuzzo, Carlo Oberti, Gaetano Orazio, Sante Pizzol, Dolores Previtali, Marta Ravasi, Nicolò Quirico, Alessandro Savelli, Alessandro Spadari, Lella Speziali. La proposta di questa mostra è nata dalla collaborazione tra la Fondazione Granata – Braghieri di Imbersago e l’associazione culturale La Semina di Merate. Da questa collaborazione e in particolare il professor Claudio Firmani, astronomo emerito dell’Osservatorio Astronomico di Brera e della Università Nazionale Autonoma del Messico e la storica dell’arte Simona Bartolena hanno voluto offrire agli artisti la possibilità di compiere un cammino che li conducesse a una comprensione più profonda del tema. A tracciare il percorso è stato Claudio Firmani, che, con una serie di interventi molto coinvolgenti – conferenze dal tono informale e dai contenuti interessantissimi – ha offerto una lettura straordinariamente suggestiva della scienza dei cieli, proponendo agli artisti un nuovo modo di confrontarsi con il tema. … l’arte, la conoscenza, la cultura sono l’essenza della vita. La complessa funzione della mente, anche nei momenti di profonda razionalità, si alimenta di arte nei suoi aspetti più emotivi e irrazionali. Esiste un diretto parallelismo tra la scoperta scientifica che fa emergere come conoscenza gli aspetti della realtà che si nascondono dietro l’apparenza e l’arte che riesce a cogliere l’aspetto profondo, l’anima stessa della realtà. E Simona Bartolena …proprio in questo sta l’essenza del discorso. Nella suggestiva interpretazione dell’Astronomia come una scienza dove numeri e formule assumono un aspetto incredibilmente umano e sensibile e, soprattutto, come una scienza tesa a svelare la verità dell’Universo, superando le apparenze. Ciascuno dei ventisei artisti presenti in mostra, chiamato ad esprimersi su un argomento tanto complesso, ha raccolta la sfida rispondendo secondo la propria personalità, interpretando il tema attraverso il proprio linguaggio espressivo. Ne è nata una collettiva che fa dell’eterogeneità degli artisti coinvolti un punto di forza. Una rassegna che non è il frutto di una scelta curatoriale imposta, ma il punto di approdo di un percorso condotto insieme, confrontandosi sull’argomento, ragionando sui preziosissimi spunti di riflessione che Claudio Firmani (il cui contributo è stato fondamentale) ha saputo suggerire con le sue coinvolgenti chiacchierate sul tema: tra scienza e filosofia, riflessione storica e suggestione poetica. Ricordiamo l’appuntamento di venerdì 16 aprile ore 21.00 2ª conferenza: tra immagine e realtà elatore: Claudio Firmani astronomo, professore emerito dell’Osservatorio Astronomico di Brera e della Università Nazionale Autonoma del Messico sempre presso Villa Confalonieri in viale Giuseppe Garibaldi 17 a Merate (ex Municipio). Con i patrocini di INAF – Provincia di Lecco – Comune di Imbersago – Parco Adda Nord – Ecomuseo Adda di Leonardo e il contributo di Comune di Merate e Acel Service Lecco