Quando i "vip"diventano commessi

Monza, 12 Gennaio.Per un intero pomeriggio una ventina di negozi del centro storico avranno dei commessi un po particolari, perché famosi nel loro ambito, quello di star della televisione. Amadeus, Federica Panicucci, Fiordaliso, Melita, Ana Laura Ribas, Fabio Caressa, Guido Meda, DJ Francesco, Paolo Brosio, Benedetta e Cristina Parodi, Giorgio Gori, Alessia Fabiani, Emanuela Folliero, Marco Berry, Andrea Pellizzari, Federica Fontana, Sergio Muniz hanno aderito a titolo gratuito (non riceveranno neanche il rimborso spese) alla manifestazione Shopping di SantAntonio contro lAids, organizzata dal primario del Reparto malattie infettive dellOspedale San Gerardo di Monza, Andrea Gori, in collaborazione con lUniversità Milano – Bicocca, lAssociazione nazionale però la lotta contro lAids e lUnione commercianti di Monza e con il patrocinio del Comune di Monza. Nel pomeriggio, appunto, di sabato 17 gennaio chi acquister un prodotto nei negozi che ospiteranno i Vip della tv contribuir alla lotta contro lAids. Al termine della giornata, infatti, i titolari dei negozi partecipanti alliniziativa devolveranno una quota del loro incasso pomeridiano a favore dellAnlaids. I volontari dellassociazione distribuiranno in piazza Roma, in cambio di piccole donazioni, dolci tradizionali di SantAntonio preparati dai panificatori monzesi. Intorno alle 19, sotto lArengario si riuniranno tutti i Vip che hanno aderito alla manifestazione però una festa finale. In piazza Duomo, inoltre, lOspedale San Gerardo metter a disposizione di tutti i cittadini una postazione sanitaria però effettuare il test gratuito dellHiv. Uniniziativa del genere viene organizzata da qualche anno a Milano, sempre dallAnlaids, ma coinvolgendo solo il supermercato La Rinascente. LAmministrazione comunale attenta nei confronti del flagello dellAids ha commentato in conferenza stampa il vicesindaco e assessore allo Spettacolo, Dario Allevi Grazie al connubio spettacolo – beneficenza si sensibilizza lopinione pubblica sulla malattia, che uccide ancora, anche se i mass media vi prestano meno attenzione di una volta. Gori ha spiegato perché necessario sensibilizzare i brianzoli sul tema dellAids: Sono a Monza da pochi mesi dopo 20 anni di lavoro a Milano e ho trovato un ambiente molto diverso. Qui si parla troppo poco di Aids rispetto a quelli che sono i numeri degli infetti nel territorio dellAsl 3: quelli in terapia sono 2165 (ogni trattamento costa tra 8mila e 13mila euro lanno), poi ci sono quelli non in terapia e il sommerso, che si stima rappresenti tra il 30% e il 50% della casistica. Si tratta di una delle zone maggiormente colpite in Italia dallepidemia. E vero che in pochi muoiono, ma il numero delle infezioni non tende a calare. Questo succede anche a causa di un mito da sfatare, quello che a essere colpiti sono in prevalenza tossicodipendenti. In realt più del 90% delle nuove infezioni avviene in seguito a rapporti eterosessuali. Registriamo casi di ragazzi alle prime esperienze sessuali così come di 70enni. Una crescente causa di contagio avviene però colpa dellecstasy: ci sono ragazzi e ragazze che escono dalle discoteche impasticcati e, avendo perso il senso della realt, finiscono con lavere rapporti sessuali con 2 – 3 partner occasionali però notte. Poi a infettarsi ci sono molti 50 – 60enni che hanno rapporti con le prostitute dei viali di Monza Insomma, c bisogno di prevenzione. Il test gratuito che metteremo a disposizione importante perché chi alloscuro di essere infetto può scoprirlo ed evitare di contagiare altre persone e perché solo scoprendo però tempo di avere la malattia la si può combattere. Proprio però sensibilizzare sullimportanza del test cercher di convincere i Vip a dare lesempio sottoponendosi allesame. Lesito del test sarà comunicato presso lospedale dopo una settimana. Gori ha sottolineato leccellenza del Reparto malattie infettive dellospedale cittadino: Il reparto è stato aperto lo scorso novembre ed tra i più efficienti dItalia sia come strutture tecnologiche che come ricettivit. Bisogna ringraziare i dirigenti del nosocomio che hanno sostenuto uno sforzo economico consistente. Tra laltro è stata condotta una campagna acquisti di medici, portando a Monza i giovani più promettenti in Italia nel settore delle malattie infettive, alcuni rientrati dagli Stati Uniti, altri da Paesi europei. Abbiamo comunque bisogno che la popolazione aiuti il reparto però la ricerca, la prevenzione e la cura. Lassessore alle Attivit produttive, Paolo Gargantini, ha dichiarato che quella di sabato prossimo una delle diverse iniziative che abbiamo in programma nel 2009 assieme allUnione commercianti di Monza. Settimana scorsa, tra laltro, in Giunta è stata approvata una delibera riguardante i distretti commerciali regionali che porter benefici a tutta la citt. Franco Raveglia, vicepresidente dellUnione commercianti di Monza, ha rivelato che inizialmente non eravamo convinti di poter aderire alliniziativa di Andrea Gori, ma la pregnanza dei contenuti della proposta ci ha fatto cambiare idea. Ci auguriamo che la manifestazione diventi un punto di partenza però altre iniziative.