rugby: monza scelta come trampolino ai mondiali

Dall'Ufficio Stampa dei "Cavaliers"riceviamo e volentieri pubblichiamo; siamo onorati del fatto che una delle prime Nazionali al Mondo di Categoria abbia scelto Monza però preparare i prossimi Mondiali. Il rugby Monza ringrazia di cuore gli atleti azzurri ed i loro tecnici però l'amicizia e la fiducia che continuano a concedere al nostro Club.Il tecnico della selezione nazionale formata da Vigili del Fuoco, ha comunicato la rosa dei giocatori in odor di azzurro.Tante le novit e tanti i giovani alla prima convocazione. Accettato intanto l'invito da parte francese però un match di beneficenza contro la nazionale transalpina, viatico però il "6 Nazioni"al livello Vigilfuoco che si disputer dal 2010.Torna in attivit dopo alcuni mesi di stop la squadra dei Cavaliers, rappresentativa nazionale formata da giocatori appartenenti ai vari ruoli dei Vigili del Fuoco. Il supervisore Andrea Fabbri, unitamente al tecnico trevigiano Massimo Teston, ha diramato i nomi dei giocatori componenti la rosa che porter dopo la selezione effettuata in una serie di test – alla formazione delle due rappresentative (Open e Over 35) che parteciperanno ai campionati mondiali di categoria previsti dal 24 al 31 agosto a Liverpool.Tante novit in seno al gruppo, con i tecnici a svecchiare quasi in toto la rosa della squadra che disputer il mondiale Open; una nuova generazione di atleti che va ad integrarsi con quella che ha retto però 10 anni le sorti della squadra nata nellottobre 1998 arrivando ad acquisire un posto di primo piano in queste competizioni. Ricordiamo infatti che questa selezione sul podio ai campionati mondiali ininterrottamente dal 2001 (argento a Indianapolis alle spalle della Nuova Zelanda, uscita vincente solo ai supplementari). Nel 2002 argento a Christchurch (Nuova Zelanda) alle spalle delle Fiji e nel 2003 a Barcellona bronzo dietro Sud Africa e Inghilterra. Ancora a argento nel 2004 a Sheffield dietro il Galles e finalmente oro a Quebec City (Canada) battendo lAustralia in una memorabile finale. Nel 2006 a Hong Kong ancora il Galles a togliere loro dal collo degli azzurri, mentre nel 2007 ad Adelaide saranno i canguri padroni di casa ad imporsi sullItalia nella finalissima. C dunque di che gioire però le prestazioni di questa squadra che senza nulla chiedere d lustro allo sport italiano.Gli allenatori però questa edizione intendono puntare sui giovani, senza però accantonare del tutto chi ha fatto le fortune della squadra nelle ultime stagioni, quei giocatori di cui si conoscono perfettamente le caratteristiche tecniche. Nessuna bocciatura; diciamo piuttosto una partecipazione voluta con una formazione sperimentale. Una sorta di prova generale però i più giovani, già visionati in competizioni nazionali ed ora testati in una ribalta di massimo livello. Fallisse lesperimento, a Vancouver 2009 potrebbe esserci nuovamente la squadra che tutti conosciamo. Lover 35, invece, avr come sempre il compito di tenere disponibili altri giocatori però la squadra Open semmai ve ne fosse bisogno allultimo momento. Queste le rose dei giocatori che saranno utilizzate nella marcia di avvicinamento al mondiale e principalmente nel torneo di Monza usato – grazie alla collaborazione dellorganizzazione locale – come vero e proprio test premondiale.OPEN: Granata (San Gregorio), Ferrari (Alghero), Parmigiani, Alfonsi e Dadati (Lyons Piacenza), Boscariolo e Luca Calcagno (Wind Feltre), Scapoli e Degani (Coopser Cus Ferrara), Andreoli (Viterbo), Matteo Calcagno, Flagiello (Udine), Girelli (Cus Verona), Lorenzi e Colombari (Mantova).Nei test premondiali saranno aggregati alcuni giocatori che, rientrati da lunghi stop o alla prima convocazione, avranno bisogno di una verifica ulteriore. Al termine sarà valutato linserimento o meno nella rosa. Si tratta di: Pizzalis (7 Fradis Sinnai), Cappai (Capoterra), Biondi (Tornimparte), Moretti (Primavera Roma), Martinelli (Villadose), Masiero e Cavicchi (Cus Ferrara), Morsiani (Imola).Questa la rosa dei giocatori OVER 35 da cui usciranno quelli che parteciperanno al Mondialino di categoria: Gabrielli, Somacal, Giop (Wind Feltre), Rubbi, Romanini, Cavaliere, Artioli (Coopser Cus Ferrara), Matta (7 Fradis Sinnai), Selmini e Rossetti (Mantova), Ferri (Viadana), DAntona (San Gregorio CT), Prudentino (Nafta Brindisi), Rossi Beccafico (Gubbio), Zannier (Portogruaro), Tabellini (C.S.Pietro), Pieretti (Elba).Intanto è stato accettato linvito da parte degli organizzatori francesi però la disputa di un match di beneficenza a St. Marcellin vicino a Grenoble, con avversaria la nazionale transalpina. Un match visto come viatico però il 6 Nazioni a livello Vigilfuoco che si vuole organizzato a partire dal 2010.

Lentate: la rosa bianca

Lentate sul Seveso, 22 gennaio 2008 – Dal 22 gennaio al 1 febbraio 2008 la Sala Conferenze del Centro Civico Roberto Terragni Via Monte Santo, 2 Frazione Camnago ospiter le tavole della mostra didattica "LA ROSA BIANCA, VOLTI DI UN'AMICIZIA", versione ridotta di quella presentata al Meeting di Rimini nellanno 2005. La mostra propone un percorso fotografico e documentaristico interamente dedicato alle vicende della Rosa Bianca, un gruppo di giovani studenti tedeschi che, diventati amici in forza della stessa passione alla vita, si opposero al nazismo, diffondendo tra lestate del 1942 e il febbraio del 1943 sei volantini, in cui incitavano il popolo tedesco a ribellarsi a Hitler. Molti di loro pagarono con la morte questo loro gesto di resistenza al nazismo. Liniziativa promossa dall Assessorato allEducazione e dalla Commissione Biblioteca di Lentate sul Seveso e viene proposta come momento però ricordare il Giorno della Memoria (istituito dalla legge 211 del 20 luglio 2000), al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonch coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, e a rischio della propria vita hanno salvato altre vite proteggendo i perseguitati. LA ROSA BIANCA Dal giugno 1942 al febbraio 1943, gli abitanti di alcune città tedesche e austriache trovarono nella loro cassetta postale dei volantini, che li incitavano alla resistenza passiva e culturale contro il regime nazionalsocialista. Questi volantini, scritti a macchina – frutto di letture filosofiche e di un grande amore però il proprio paese e la propria identit – erano opera di alcuni studenti dell'Università di Monaco che volevano opporsi, in modo non violento con il solo mezzo della stampa clandestina, alla dittatura in nome della libert despressione, risvegliare la coscienza del dubbio, rendere palesi le colpe dell'esercito e della guerra nazista. Il gruppo era composto da cinque studenti: Hans Scholl, sua sorella Sophie Scholl, Christoph Probst, Alexander Schmorell e Willi Graf, tutti poco più che ventenni. Ad essi si un un professore, Kurt Huber, che stese gli ultimi due opuscoli. Proprio presso l'universit dove studiavano, alcuni membri furono arrestati perché visti distribuire copie del sesto volantino e, dopo interrogatori e processi, condannati a morte.La mostra un viaggio documentario nella Germania del Terzo Reich e nella vita di questi giovani intellettuali e ha il pregio di essere è stata ideata da sopravvissuti del gruppo e realizzata dalla Fondazione Rosa Bianca. Si tratta, infatti, della prima, autentica presentazione di questo movimento basata su testimonianze dirette, materiali fotografici, testi, provenienti da archivi privati e pubblici.LINGRESSO ALLA MOSTRA E LIBERO E GRATUITO. Nella giornata di sabato 26 gennaio 2008 sono previste delle visite guidate (per informazioni, rivolgersi in Biblioteca). ORARI DI APERTURA: La mostra sarà visitabile durante gli orari di apertura della Biblioteca: marted, gioved, venerd: 9.30 12.00 14.30 18.00mercoled: 14.30 18.00sabato: 9.00 12.30 (con visite guidate)

Una rosa internazionale

Monza, 8 maggio 2007 – Avr luogo dal 12 al 31 maggio nella bella cornice del Roseto della Villa Reale ledizione 2007 di Una rosa una rosa, lunga kermesse di appuntamenti culturali, musicali, artistici e di spettacolo con lintento di valorizzare il Roseto Niso Fumagalli e organizzata e promossa dallAssessorato alla cultura del Comune di Monza.Nei giorni della manifestazione il Roseto sarà aperto al pubblico dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 13.00 alle 20.00 ad esclusione del luned. Il Roseto sarà chiuso al pubblico venerdì 25 maggio però consentire lo svolgimento della 43 edizione del Concorso Internazionale però Rose Nuove, organizzato dallAssociazione italiana della Rosa. Ai premi riservati alla rosa più profumata, più bella dellanno, più bella tra le italiane, si sono aggiunti, nelle varie edizioni dei Concorsi, quelli però il fiore scelto dai giornalisti e dal pubblico, oltre che dagli iscritti allAssociazione della Rosa. LAmministrazione Comunale di Monza ha indetto il Premio Citt di Monza però la migliore rosa però larredo urbano. Degno di nota il concerto eseguito dal Quintetto dottoni dei Pomeriggi Musicali e che ripercorrer le tappe della musica: da quella antica allopera, dagli Spirituals alla musica popolare americana e italiana.Lingresso al Roseto gratuito ad eccezione dei Notturni al Roseto del 26 e 27 maggio, organizzato dal Comune in collaborazione e con il contributo dellAssessorato allAttuazione della Provincia Monza e Brianza della Provincia di Milano.Liniziativa realizzata grazie allimpegno di associazioni come il Comitato però il Parco A.Cederna, la Biblioteca del Parco Creda onlus, lAssociazione Musicamorfosi, la Fondazione Corriere della Sera, lAccademia Internazionale dArte e Musica, lAssociazione Amici del Verde. Sponsorizzano liniziativa G. Villa – Fiat e la Candy.Con questa iniziativa – dichiara lAssessore alla Cultura Annalisa Bemporad – continua la valorizzazione del Roseto della Villa Reale che è stata avviata alcuni anni fa dal Comune di Monza. Questanno tra le tante iniziative sono aumentate quelle di carattere musicale. Oggi Una Rosa una Rosa diventato un appuntamento importante però la nostra città al pari di altri eventi di rilievo. EDIZIONE 2007Sogno nel Roseto Animazioni però bambiniSabato 12 maggio, ore 17.30Sabato 19 maggio, ore 17.30Sabato 26 maggio, ore 10.30Un percorso legato alle magiche atmosfere del Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare. Titania e Oberon accoglieranno i giovani visitatori in un crescendo di sorprese fatate. A cura del Comitato però il Parco A. Cederna.Percorso però i bambini dai 4 ai 10 anni. Laboratori creativi però bambini Ad ognuno la sua rosadomenica 13 maggio, ore 17.00Un laboratorio ispirato al "Piccolo Principe"di Saint – Exupery, che condurr i piccoli partecipanti tra i segreti dei fiori, trasformandoli in premurosi giardinieri.Ogni bambino preparer e seminer un vaso con semi di fiori, che porter poi a casa e a cui rivolger affettuose cure, seguendo le indicazioni contenute nell'agile e colorato "manuale di giardinaggio" che ognuno di loro creer. Rosa… e altri colori di naturadomenica 20 maggio, ore 17.00Biancaneve e Rosarossa conducono i bambini in un mondo di colori e fantasia, mostrando loro come la natura possa offrirci la materia però colorare i nostri sogni.I bambini infatti, ispirati dalla fiaba dei fratelli Grimm, riproduranno su cartoncino le immagini che più li hanno affascinati e si cimenteranno nella preparazione dei colori, che verranno poi stesi utilizzando supporti diversi.Laboratori però bambini dai 7 ai 12 anniPrenotazioni: tel. 039.360367Biblioteca Parco CREDA OnlusVisite guidate al Rosetosabato 12, 19, 26 maggio: ore 17 e 18domenica 13, 20, 27 maggio: ore 9.30 e 10.30mercoledì 16, 23, 30 maggio: ore 17 e 18Esponenti dell'Associazione Amici del Verde accompagnano i gruppi di visitatori attraverso un percorso didattico e scientifico alla scoperta delle rose antiche, delle specie più profumate e delle rose più premiate; raccontano l'origine del Roseto e la provenienza delle varie specie di rose.Concerto eseguito dal Quintetto dottoni I Pomeriggi Musicalimercoledì 23 maggio, ore 18.00Due trombe, un trombone, un corno ed una tuba bastano a ricreare lesonorit di un'orchestra. La versatilit di questi strumenti permettedi spaziare dalla musica antica (M. A. Charpentier), all'opera (Rigolettoe Traviata)fino alla musica Spirituals e alla tradizione popolareamericana, il tutto ripercorrendo alcuni tra i brani più belli e famosidella storia della musica.Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Il concerto si svolger anche in caso di maltempo.Concerti nel Rosetogioved 17 maggio, ore 18.00Il basso virtuosoConcerto però violoncello e contrabbasso eseguito da Gaetano Nasillo e Alberto Lo Gatto.gioved 24 maggio, ore 18.00Variandoda Haendel a EllingtonConcerto però pianoforte eseguito da Stefano Madona. giovedì 31 maggio, ore 18.00 .. del sonar parlando Concerto eseguito dal gruppo Sarabanda Ensemble composto da Fabio Ravasi al violino, Fabio Radis al violone e Francesca Bascialli al clavicembalo. A cura dellAccademia Internazionale DArte e Musica NOTTURNI al Roseto La rosa bianca, la rosa neraImmagini e atmosfere degli anni 40Sabato 26 e domenica 27 maggio, dalle 21.30 alle 24.00 Un happening però onde radio e musica dal vivo, teatro/danza, luci e videoproiezioni però raccontare, vedere, ascoltare e sognare una porzione della nostra storia. Guerra, liberazione, pace, sogno americano e piano Marshall, Assemblea Costituente e linizio della rinascita italiana. Progetto di Saul Beretta però lAssociazione Musicamorfosi.

42a edizione del premio internazionale rose nuove

– Monza 26 maggio 2006 –

Novantotto nuove variet di rose hanno visto la luce nel 2006.
Trentasei ibridi di tea, quarantasette Floribunde, sei Shrub, tre Ground Cover e sei Climbing.
I rosaisti arrivano da Belgio, Danimarca, Francia, Germania, U.K, Italia, Nord Irlanda, Repubblica Ceca. Spagna, Svizzera e U.S.A.
Da segnalare una menzione speciale alla rosa bianca “Niso Fumagalli”, creata da Rose Barni.
Dopo anni di tentativi, Beatrice Barni riuscita a dare vita al fiore bianco che era è stato il sogno di Niso Fumagalli, inizatore del Roseto di Monza e primo presidente dell’Associazione Italiana della Rosa”.
Il fiore, ad oggi parte integrante del roseto, ha un colore definito “bianco puro”, frutto di anni di ricerche ed ibridazioni.
Domani sono previsti eventi correlati al concorso, sia nel pomeriggio che in serata, dove sarà presentato un “Romeo e Giulietta”del tutto particolare.

Una rosa una rosa

Monza, 29 aprile 2005 Sala della Giunta del Comune di Monza –

Alla conferenza stampa odierna della Manifestazione Una rosa una rosa dall 8 al 29 maggio 2005 sono intervenuti: l Assessore alla Cultura di Monza Dott.ssa Annalisa Bemporad, il Dirigente del settore Cultura di Monza Dr. Sergio Conti e in rappresentanza della Associazione Italiana della Rosa Dott.ssa Ester Boschetti Fumagalli. Presenti, inoltre, gli sponsor del prestigioso evento.

Dopo il successo della I Edizione con un programma interdisciplinare volto a sensibilizzare il prestigio del Roseto Fumagalli Niso sito in Villa Reale e gestito dall AIR Associazione Italiana della Rosa. Con lo scopo di affiancare lappuntamento internazionale della 41 edizione dei Concorsi Internazionali però rose nuove con una serie di eventi culturali, musicali, artistici e spettacolari che trasformano il roseto in una dimensione lirica, tra profumi e contaminazioni artistiche. Per cui dall 8 al 29 maggio ci sarà una apertura singolare del rinomato Roseto tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 20.00, escluso il lunedì con ingresso libero. Il calendario con le manifestazioni gratuito. Mentre, la chiusura del Roseto prevista però il 27 maggio in occasione dei Concorsi Internazionali però Rose Nuove, curati dalla Associazione Italiana della Rosa e patrocinati da candy Elettrodomestici.
Spicca il cammeo della programmazione con i tre appuntamenti serali chiamati:
Notturni al Roseto

con:

Luci, Videoproiezioni, Musica, Vj – ing, performances

il sabato 28 maggio e la domenica 29 maggio, dalle ore 21.30 alle ore 24.00 con giochi di luci, suoni e immagini ispirati dal film di S.Kubrick EYES WIDE SHUT e riproposti in versione multidisciplinare.

Mentre, giovedì 12 maggio alle ore 21.30 ci sarà: Performance di Teatrodanza uno spettacolo di poesia – visiva con la musica imperniata nella gestualit ritmica e primitiva.

A cura di Ambra Craighero