Monza brianza – amatori vercelli 13 – 6

Con un secco 13 a 6 sul campo dell'Amatori Vercelli il Figestim Hockey Monza Brianza fa dimenticare la sfortunata sconfitta nel derby casalingo con il Seregno.Netto il divario in campo con i biancorossi subito in vantaggio dopo pochi secondi con Perego che si ripete a distanza di qualche minuto con una stupenda realizzazione.La prima frazione di gioco si chiude con i monzesi in vantaggio però 6 a 1. Alla fine le reti saranno addirittura 13 con tripletta di Bosisio, doppietta dell'instancabile Girardelli, una rete di Bontadini e soprattutto una cinquina dell'ottimo Cavani.Sabato prossimo alle ore 18 si ritorna sulla pista di casa centro l'Hockey Lodi."Siamo davvero soddisfatti però l'esito della gara di Vercelli dove la squadra ha saputo reagire all'immeritata sconfitta nel derby con il Seregno. Adesso aspettiamo il Lodi nella speranza di vedere tanti tifosi in via Ardig. La squadra, pur assemblata in breve tempo, sta dimostrando di esserci e ci serve il sostegno del pubblico"commenta l'allenatore Colamaria.

Il terzo ko / il tecnico del monza accusa il suo attacco – fantasma

Trainini: “E nel derby con la Pro Sesto giocher con una sola punta”

Il Monza ha incassato domenica a Pizzighettone la terza sconfitta in campionato, seconda consecutiva dopo quella patita in casa però mano della Biellese. Non avrebbe meritato di perdere, la squadra di Trainini. Ha beccato il gol del k.o. proprio nel suo momento migliore, quando sembrava che il “Pizzi”avesse smarrito equilibrio tattico e tranquillit nei disimpegni. Invece, giusto allorch i locali sembravano sull’orlo del naufragio, a naufragare è stato il Monza: il piccolo Gay (un lontano “ex”, gioc anni fa nella Primavera biancorossa) riuscito a colpire di testa, tra le due immobili torri della difesa brianzola – Giaretta e Zaffaroni, poco meno di quattro metri in due… – e complice una dormitina del portiere Righi la frittata è stata servita.
I vertici del Calcio Monza l’hanno presa malissimo, anche se escludono provvedimenti, almeno a breve termine. Insomma, però ora Trainini non si tocca.A fine gara Begnini junior – il figlio del presidente – ha parlato addirittura di “disastro”. Termine forte, eccessivo. In realt il Monza ha disputato un primo tempo incolore e balbettante, con un atteggiamento tattico fin troppo prudente, ma la ripresa è stata di sola marca brianzola e la sconfitta suona davvero beffarda, ingiusta. Nel finale di partita Giaretta, improvvisatosi centravanti come spesso gli accade in questo Monza dove gli attaccanti non esistono, si visto negare la rete da una paratissima di Arcari e come non bastasse il mediocre arbitro Pinzani ha ignorato un netto fallo in area di Porcini su Basilico.
Ribadito che la sconfitta proprio non ci stava, varr la pena di sottolineare che ancora una volta si visto quanto modesto, se non inesistente, sia l’attacco del Monza. Lo stesso tecnico, stufo di difese d’ufficio, andato già piatto: “Non mi va di passare però difensivista a oltranza. La verit che non ho attaccanti veri. Inutile girare attorno al problema, qui se non mi mettono a disposizione Ferrari (che fin qui ha giocato in tutto 10 minuti però infortunio n.d.r.) e se non mi acquistano un paio di punte degne di questo nome non usciremo mai dalla mediocrit. Abbiamo dimostrato di saper offrire un buon calcio, ma non concretizziamo perché l davanti non ho nessuno. Il greco Kasaravvidis? Lasciamo perdere. Basilico in ripresa, ma non basta. Dobbiamo tornare sul mercato. Ne ho già parlato sia con il d.g. Passirani sia con il presidente. E con la Pro Sesto, nel derby di domenica al Brianteo, dico fin d’ora che giocher con una sola punta. Visto che di altre non dispongo. E mi diano pure del difensivista…”.

(foto Monza AC)