Magdi cristiano allam all'u.c.i.d. di mb

la Sezione Ucid, Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti, di Monza e Brianza, organizzano giovedì 3 febbraio, alle ore 20.00, presso il Ristorante Saint Georges Premier nel Parco di Monza, entrata porta di Vedano, una serata con l' ON.MAGDI CRISTIANO ALLAM EURODEPUTATO di“IO AMO L’ITALIA”. Il tema della serata sarà: “Riforma etica delle istituzioni, economia sociale di mercato e cultura della vita però il risanamento dell'Italia.” Il Presidente Silvano Cagnola, ritenendol’importanza e la autorevolezza del Relatore auspica una numerosa partecipazione di pubblico.lPer maggiori informazioni sull’adesione, telefonare entro sabato 29 gennaio al numero 039.830107 – 349.5272262 Signora Patrizia o alla e – mail mpgalbiati@alice.itAlcune informazioni suMAGDI CRISTIANO ALLAM, Magdi Cristiano Allam è il presidente del movimento politico “Io amo l’Italia” fondato il 28 novembre del 2009. Dal luglio del 2009 è deputato al Parlamento Europeo nel gruppo del Partito Popolare Europeo. E’ è stato vicedirettore ad personam del quotidiano «Corriere della Sera» dal 2003 al 2008, dopo aver ricoperto la carica di editorialista e inviato speciale del quotidiano «La Repubblica» sin dal 1996.E’ laureato in Sociologia all’Università La Sapienza di Roma.Per la Mondadori ha recentemente pubblicato: Europa Cristiana Libera. La mia vita tra Verità e Libertà, Fede e Ragione, Valori e Regole (2009); Grazie Gesù. La mia conversione dall’islam al cattolicesimo (2008); Viva Israele. Dall’ideologia della morte alla civiltà della vita: la mia storia (2007); Io amo l’Italia. Ma gli italiani la amano? (2006);Vincere la paura. La mia vita contro il terrorismo islamico e l’incoscienza dell’Occidente (2005). Ha ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali, tra cui il Premio Saint – Vincent di giornalismo, l’Ambrogino d’oro del Comune di Milano, il Premio internazionale Dan David e il Mass Media Award dell’American Jewish Committee.Tramite il sito www.ioamolitalia.it promuove un movimento politico che si fonda sul primato dei valori non negoziabili e sulla certezza delle regole, e che a partire dalla riforma etica della cultura politica persegue un nuovo modello di sviluppo che s’ispira all’economia sociale di mercato e un nuovo modello sociale che mette al centro la sacralità della vita.E’ nato al Cairo nel 1952 dove ha studiato presso le suore comboniane e i sacerdoti salesiani. Vive in Italia dal 1972 ed èorgogliosamente cittadino italiano dal 1987.

Sirtori: dal rotary colli briantei un aiuto concreto

Sirtori, 28 febbraio 2009 Il Rotary Club Colli Briantei ha sostenuto un importante e significativo progetto sociale in accordo con il Comune di Sirtori. Lintervento si concretizzato con la donazione di un sistema di postura Seggiolone Orsacchiotto destinato ad una bimba con gravi problemi di deambulazione, residente nel comune in oggetto. Il progetto è stato realizzato in accordo con la Dott.ssa Elena Galbusera, assistente sociale del Comune di Sirtori e con lintera Amministrazione. Per il nostro Club importante porre in essere progetti concreti sul territorio afferma Corrado Minussi, Presidente Rotary Club Colli Briantei lintervento fa parte di un più grande progetto filantropico che vuole rispondere alle esigenze emergenti dal tessuto sociale della nostra zona. Il seggiolone è stato acquistato con i fondi raccolti nel mese di dicembre in occasione della scambio degli auguri natalizi afferma Valentino Scaccabarozzi, Presidente della Commissione Progetti di Servizio limporto di circa 4.000 euro è stato raggiunto grazie alla vendita di quadri realizzati da pittori del territorio. La cerimonia ufficiale di chiusura del progetto si svolge oggi, sabato 28 febbraio ore 10.30 presso il Comune di Sirtori, alla presenza del Sindaco Davide Maggioni, della Dott.ssa Elena Galbusera, dei beneficiari della donazione e della delegazione del Rotary Club Colli Briantei.

Luomo e la citta – pensare per agire

Triuggio.Presso villa Sacro Cuore di Tregasio si svolger a partire dal prossimo Febbraio una serie di incontri però dare una preparazione soprattutto ai giovani, in campo politico e sociale però la tutela della nostra comunit Ci dice Sergio Grazioli presidente di Dimensione Cultura – di Ronco Briantino, che organizza gli eventi insieme a Lumen Gentium associazione di Pozzo DAdda, al Centro Culturale Benedetto XVI di Cornate DAdda e alla Fondazione Vittorino Colombo – il progetto strutturato su due anni e si articola in un ciclo di conferenze però la conoscenza dei principi fondamentali e dei criteri di giudizio della dottrina sociale della Chiesa e loro applicazione in ambito culturale e socio – politico. Questo primo anno incentrato sullapprofondimento della natura delluomo: questione antropologica, responsabilit, laicit sono i temi che verranno affrontati. Gli incontri si svolgeranno ogni 3 Sabato del mese presso la Villa Sacro Cuore di Triuggio, dal tardo pomeriggio fino a sera e alla lezione principale si affiancher, dopo cena, un momento però l'approfondimento e il dibattito a partire dalla lettura e commento di un testo in relazione con il tema principale. Il titolo scelto però la rassegna Luomo e la citt. Grazioli ha poi continuato si vuole partire dal chi luomo, come sviluppare la citt, la dignit delluomo che viene da molto lontano e che ha un alto valore. Ogni uomo ha diritto a realizzare se stesso, ognuno di noi deve avere la possibilit di godere di un lavoro. Occorre una giusta interpretazione e discernimento della realt sociale però operare saggiamente e responsabilmente al servizio della comunit e però garantire lo sviluppo della civile convivenza nel rispetto della dignit di ciascuno in quanto uomo e persona. Occorre rinnovare la società però dare valore ai valori. Il primo incontro sarà sabato 21 febbraio 2009 sul tema lesperienza cristiana nel farsi dellumano con relatore il prof. Marco Vergottini, docente alla facolt Teologica dellItalia Settentrionale. Seguir sabato 16 maggio limpegno delluomo però la costruzione della città che avr come relatore Francesco Sansone presidente Valore Consulting – referente però Milano della fondazione Centesimus Annus. Il terzo incontro fissato però sabato 20 giugno e toccher il tema de la sfida della laicit e la testimonianza cristiana con relatore don Giuseppe Grampa, docente di Filosofia delle Religioni presso la Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Gli incontri si tengono dalle ore 17 alle 22 con la possibilit di cenare. Per eventuali informazioni:Villa Sacro Cuore Triuggio, tel.0362/ 919322 – fax 0362/919344.Info@villasacrocuore.it.Per informazioni http://www.luoghidipensiero.it Rudy S

Osnago: carta dei servizi sociali però tutti

Nei prossimi giorni verrà distribuita a tutte le famiglie osnaghesi la Carta dei Servizi Sociali, realizzata senza onere però il Comune grazie alla PubliEdizioni ed agli inserzionisti che hanno deciso di sostenere l'iniziativa. Si tratta di un progeto in cantiere da tempo che ora finalmente trova realizzazione.Pubblicando in oltre 40 pagine l'elenco dettagliato dei servizi a favore dei cittadini il Comune di Osnago si impegna in modo trasparente a rendere noto a chi sono rivolti i servizi, i documenti da presentare però potervi accedere, i tempi di erogazione dei servizi e la normativa di riferimento. Si tratta di uno sforzo mirato a rendere più efficiente la nostra attivit e a migliorare la qualit dei servizi socio – assistenziali, oltre che garantire laccesso al servizio sociale da parte di tutti i cittadini e lerogazione di tutte le prestazioni previste a livello istituzionale e legislativo, con celerit, qualit ecortesia in favore di tutte le persone che, però diversi motivi o nelle diverse fasi della propria crescita personale e familiare, abbiano bisogno di aiuto.Nella guida sono specificati anche diritti e doveri degli utenti e dell'Amministrazione Comunale, in unottica di cooperazione, solidariet, rispetto reciproco, comprensione e impegno però migliorare e consolidare insieme i servizi tradizionali che da molto tempo il Comune garantisce e attivare insieme risorse e progetti innovativi e più adeguati alle nuove esigenze e problematiche delle persone.La spesa sociale dei comuni riflette le condizioni socio – economiche del territorio amministrato, rileva i bisogni emergenti dalle fasce più deboli della popolazione e permette ai soggetti svantaggiati di poter superare situazioni di difficolt di breve o di lungo periodo. Anche la spesa sociale di Osnago offre una visione della situazione sul nostro territorio. Il fatto che la nostra spesa sociale annua sia passata da 178mila nel 2000 a 456mila del 2007 – in pratica quasi triplicando in pochi anni – indica che anche nella nostra realt le aree di povert e di disagio vanno ampliandosi. Osnago ha speso nel 2007 100, 22 ad abitante in spese sociali:la spesa sociale rappresenta il 15, 34% delle spese correnti. Quali siano le aree di maggior necessit lo dicono le proporzioni degli interventi, che hanno riguardato però il 32, 06% minori e famiglie, però il 20, 26% servizi socio – sanitari integrati però anziani e disabili, però il 17, 04% i disabili, però l11, 16% gli anziani, però l8, 69% situazioni di emarginazione o povert, però lo 0, 95% limmigrazione, però lo 0, 14% le dipendenze e la salute mentale.Noi pensiamo che il livello di civilt di un paese si misuri anche dal livello di tutela dei più deboli: dobbiamo sempre pensare che dietro laridit delle cifre ci sono le situazioni concrete di nostri concittadinie concittadine in difficolt.Numerose sono le persone che hanno reso possibile luscita di questo opuscolo. Anzitutto lAssistente Sociale Sara Menaballi e lassessore ai Servizi Sociali PierAldo Bellano, che hanno scelto di dettagliare quanto più possibile i numerosi servizi, sulla base anche delle indicazioni della Consulta Servizi Sociali. Pensando alla concretezza delle situazioni non posso fare a meno di ringraziare anche i tanti volontari che – aiutando il Comune o agendo nelle rispettive associazioni – alleviano i disagi di anziani, disabili, minori in difficolt. Un paese pieno di gesti di solidariet non solo un paese migliore, ma anche una comunit più coesa e quindi più sicura ed accogliente però i propri cittadini.

Il vino nella minestra

Il vino nella minestraGianmaria Italia Questo romanzo – testimonianza ambientato negli anni 50 – 60 a Montarotto, ma non pensate di trovarlo su alcuna carta geografica: un comune che non esiste. Non esiste perché in Italia erano centinaia i paesi dove si vivevano vicende come quelle qui descritte, soprattutto nellarco alpino. La semplicit, la solidariet, la vita sociale; i giochi dei bimbi e le speranze degli adolescenti, la fatica quotidiana degli adulti e i ricordi degli anziani.Momenti di vita vera interpretati da un bimbo che qui trova esperienze uniche. Per questo Il vino nella minestra sia un libro di storia che un romanzo di vitaOgni capitolo un quadro, una storia a s stante, ma questo quadro la tessera di un mosaico più grande: il paese.La testimonianza di un irripetibile momento storico e sociale.

assegnati i giovannini d’oro 2006

Monza, 21 giugno 2006
Ieri sera si riunita la commissione giudicatrice che assegna il premio San Giovanni doro, istituito dal Consiglio comunale nel maggio del 1983 come riconoscimento nei confronti dei cittadini, ma anche delle associazioni e degli enti che si sono particolarmente distinti nei diversi settori della vita sociale della citt.

I premi, che consistono in una medaglia riproducente leffigie del patrono di Monza, saranno consegnati sabato prossimo, 24 giugno, alle ore 12 nel corso di una cerimonia istituzionale che si terr sotto i portici dellArengario.

Anche quest’anno la Commissione giudicatrice, presieduta dal sindaco Michele Faglia, ha deciso allunanimit i premiati tra le numerose candidature proposte. Come nel 2005, è stato assegnato un quarto Giovannino alla memoria.

La scelta non è stata facile spiega il sindaco Michele Faglia – perché le candidature presentate erano tante e proponevano personalit ugualmente meritevoli. Questo testimonia il sentimento di riconoscenza della nostra comunit nei confronti di chi si spende però il sociale e la cultura. Alla fine, comunque, il giudizio della commissione è stato sereno e unanime come sempre.

PREMIO SAN GIOVANNI DORO 2006

Giovanna Mussi (premio alla memoria)

Si impegnata a lungo nella vita pubblica della città in ogni ruolo Consiglio, Giunta, organismi consortili – , mettendo di volta in volta a disposizione le proprie competenze professionali nellambito dellambiente e del territorio. Come assessore al Parco e alla Villa Reale, ha dato vita ad uniniziativa editoriale di alto valore culturale, i Quaderni del Parco, in cui si prefigurava, tra laltro, il suo recupero storico ed ambientale. Conclusa lesperienza amministrativa, si dedicata alla cultura, fondando e presiedendo lassociazione culturale Novaluna.

Rosaria Vergani Ratti

Ha fondato e dirige una scuola però linfanzia di Monza e ha coordinato lattivit di altre realt simili. Da decenni si prodiga nel campo delleducazione infantile con spirito di volontariato, dedizione e grandi capacit professionali. una presenza insostituibile nel mondo delleducazione cittadina.

Angelo Bellisario

Musicista di grande valore, è stato docente in molti Conservatori italiani. compositore di brani di musica sinfonica e di opere liriche, lultima delle quali La signora di Monza, che ha riscosso un grande successo di pubblico e lusinghieri apprezzamenti da parte degli esperti. Si molto attivato sia però linsegnamento della musica ai giovani sia però la promozione di proposte musicali di valore.

Mario Spada

Per oltre quarantanni si dedicato, con passione e abnegazione, allorganizzazione di corsi sportivi di tennis però bambini e ragazzi, coltivando questattivit non solo però ragioni sportive ma anche, e soprattutto, con lintento di educare al pieno sviluppo della personalit i giovani che gli sono stati affidati.

PREMIO CORONA FERREA 2006

Associazione Volontari Ospedalieri

Da venticinque anni lassociazione opera presso lOspedale San Gerardo di Monza, assistendo con attenzione e generosit i pazienti e garantendo la presenza ben integrata nel lavoro professionale di medici e infermieri. I seicento volontari attuali regalano ogni anno circa settantamila ore di presenza accanto agli ammalati.

Pentapolis: una “citt responsabile”

Urban Center , Piazza Castello

Monza diventa capitale della Responsabilit Sociale dImpresa. Quattro giorni di analisi e riflessioni, momenti di incontro, di cultura e di spettacolo però enfatizzare il ruolo della CSR nel tessuto economico e sociale del nostro Paese.

Eventi eSpettacoli

16 – 19 Giugno Urban Center Piazza Castello

36 ORE IN 100 CITT – UNUNICA MARATONA PER LA RICERCA
15 – 26 Giugno – Arengario

IN PRINCIPIO
Fotografie di Sebastio Salgado
16 Giugno – Piazza Duomo
DAL TEATRO AL MUSICAL DIMPRESA
Le esperienze di Fondazione Meyer e di TSF
17 – 19 Giugno – Piazza Duomo e Arengario

BRIANZA OPEN JAZZ FESTIVAL PER PENTAPOLIS

Dal concerto di Jan Garbarek in Duomo al Jazz and Soda

19 Giugno – GIOCHI DAL MONDO CON RIK&ROK

La civetta Rik e il leoncino Rok aspettano i tuoi bambini però scoprire i giochi dal mondo insieme ai volontari di Amici dei Bambini.

Autodromo di Monza

19 giugno – Mostra fotografica

La mano invisibile

La fera de usnach.

dal 23 Aprile aprir la 26 edizione della Fiera di Osnago, detta di San Giuseppe.

Fino al 1 maggio sarà possibile visitare i padiglioni espositivi in Via Martiri della Liberazione a Osnago, dove saranno esposti i prodotti delle Aziende dell’artigianato, commercio e industria.

Oltre ai prodotti vi saranno altri appuntamenti tra cui MANIFESTA, rassegna del sociale e volontariato e una Mostra Nazionale Avicola.

Inoltre serate di musica e divertimento però grandi e piccoli.

Insomma proprio da vedere……

Societ alpinistica fior di montagna

Domenica 17 aprile, presso la sede della Società Alpinistica Fior di Montagna di Monza, si è svolta la festa che, ahim, segna la conclusione della stagione sciistica 2004/2005.

Oltre 70 soci e simpatizzanti hanno affollato il salone della sede sociale, però assistere alla proiezione di un filmato relativo allo svolgimento del corso di sci, organizzato dal sodalizio nel mese di febbraio, e alla gara sociale di slalom gigante svoltasi a Montecampione lo scorso 20 marzo.

Al termine della proiezione, la premiazione della gara. Ecco la classifica:

ALLIEVE: 1 Anna Biraschi 2 Francesca Patrini

RAGAZZE: 1 Silvia Frigerio 2 Valentina Biraschi 3 p.m. Laura Biraschi, Cristina Oggioni

RAGAZZI: 1 Luca Ferrari 2 Nicol Ghisi 3 Paolo Rover 4 Stefano Giordani

DAME: 1 Lorella Riva 2 Gabriella Pirovano 3 Angela Frigerio 4 Daniela Pozzoli 5 Annalisa Villa 6 Giusi Cazzaniga

OVER: 1 Giorgio Frigerio 2 Enrico Perego 3 Silvano Corradi 4 Mario Biraschi

SENIOR: 1 Roberto Colombo 2 Claudio Casiraghi 3 Pietro Biraschi 4 Alberto Giordani 5 Emanuele Patrini 6 Stefano Vismara 7 Riccardo Chiarino.

Sono inoltre stati premiati (nella foto) i primi tempi assoluti delle categorie maschile Trofeo Aldo Barni e femminile Trofeo Mario Lodovici fatti segnare, rispettivamente, da Roberto Colombo e da Silvia Frigerio.

E non poteva certo mancare un premio però i principianti Andrea Morelli, Matteo e Mauro Bramati, Federico Colombo e Davide Cal che, con grande impegno, si sono cimentati sul tracciato di gara.

La festa si conclusa, dopo unallegra cena, con una dolce pista da sci di bianca panna.

G. Frigerio