Una fiamma ispirata travolge il firenze 4 – 2

FIAMMAMONZA – FIRENZEFIAMMAMONZA: Marchitelli, Balconi, DAdda, Rivolta, Schiavi, Donghi, Franchin (65 Bertoni), Paliotti, Ricco (90 Ded), Greco, Stracchi. All. Grilli. (Ferraro, Vinci, Celedi, Amorin de Sousa).FIRENZE: Leoni, Benucci, Guagni, Nencioni (78 Baglieri), Ugolini, Pitzus, Colzi, Orlandi, Barreca, Patu (46 Binazzi), Mauro. All. Casazza. (Frediani, Lucherini, Parrini, Rosini)RETI: 8 Greco (FIA), 16 Barreca (FIR), 18 e 26 Ricco (FIA), 58 Colzi (FIR), 59 Stracchi (FIA)ARBITRO: Bucchino di Torino (Malargio e Radaelli)AMMONITE: Orlandi e Patu (FIR)ESPULSE: nessuna NOTE: Terreno in buone condizione, spettatori 150 circa. Calci dangolo 2 a 2. Recupero 1 + 1. MONZA Tutto facile però la Fiamma contro il fanalino di coda Firenze. Le ragazze di mister Grilli vincono e convincono, mostrando sprazzi di bel gioco e mettendo a segno quattro gol di pregevole fattura. Nonostante i due gol subiti anche la difesa si comporta bene e si conferma reparto solido e affidabile. Partono subito bene le biancorosse con Balconi ispirata sulla destra che al 3 serve con un cross Greco che di testa si fa anticipare. Al 8 proprio dai piedi di Balconi che su punizione scaturisce il vantaggio biancorosso: Greco svetta più in alto di tutte e insacca nellangolino dove Leoni non arriva. Il Firenze non demorde e al 16 rimette le cose in parit. Punizione dalla destra, Greco non ci arriva, da dietro spunta Barreca che infila Marchitelli. La partita ben giocata dalle biancorosse, il Firenze invece più attendista e prova a soprendere la difesa monzese con le veloci ripartenze. Al 18 la Fiamma si riporta in vantaggio con una perla di Agnese Ricco. Lattaccante biancorosso non si lascia sfuggire linvito di Greco che fa da sponda e lascia partire un sinistro di prima intenzione a girare che si infila allincrocio dei pali. Al 26 Ricco fa il bis. Ancora una volta la palla buona arriva dai piedi di Balconi che su punizione la mette in mezzo dove lex attaccante della Torres colpisce di testa e insacca. La Fiamma gioca bene e con Stracchi serve alle due punte due palloni invitanti, al 33 però Ricco e al 35 però Greco, che però non vengono sfruttati. Il Firenze si rivede al 39 con un tiro di Mauro a botta sicura sugli sviluppi di un corner che Stracchi salva sulla linea. Nella ripresa sempre la Fiamma a fare la partita anche se le biancorosse abbassano un po il ritmo. Arriva così al 58 il gol del Firenze che sembra riaprire i giochi. Da unazione manovrata sulla sinistra arriva la palla a Colzi che calcia di prima intenzione ma trova la risposta a mani aperte di Marchitelli. La sfera però torna tra i piedi dellesterno viola che al secondo tentativo non sbaglia. Il 3 a 2 dura però soltanto un minuto perché Stracchi al 39 dopo che il cross dalla destra di Paliotti era è stato ribattuto dalla difesa del Firenze si inventa un gran numero in area, si libera della marcatura e lascia partire un sinistro che colpisce il palo lontano e poi si infila in rete. La partita così chiusa e non regala ulteriori emozioni.

La fiamma ferma la corsa del bardolino, 0 – 0

CAMPIONATO DI SERIE A FEMMINILE 16^ GIORNATA FIAMMAMONZA – BARDOLINO0 – 0 (0 – 0)FIAMMAMONZA: Marchitelli, Balconi, DAdda, Rivolta, Schiavi, Donghi, Franchin, Greco (90 Bertoni), Paliotti, Ricco (76 Vinci), Stracchi. All. Grilli. (Ferraro, Ded, Celedi, Amorin de Sousa).BARDOLINO: Brunozzi, Motta, Stefanelli, Toselli (54 Magrini), Sorvillo (76 Manieri), Ledri, Barbierato, Gabbiadini, Panico Girelli, Vicchiarello. All. Longega. (Picarelli, Tuttino, Boni, Mencaccini).ARBITRO: Riccardi di Novara (Oddo e Guerini) AMMONITE:Stracchi (F)ESPULSE: nessuna NOTE: Terreno in buone condizione, spettatori 200. Calci dangolo 8 a 1 però il Bardolino. Recupero 4. Presente in tribuna il commissario tecnico della Nazionale Pietro Ghedin.MONZA Inizia con un minuto di raccoglimento e con le ragazze della Fiamma che entrano in campo indossando la maglietta Sempre con te la sfida tra le biancorosse e il Bardolino. Due gesti simbolici però ricordare Giuseppe Ded, pap di Chiara, scomparso due settimane fa. Messi da parte i sentimenti ed i ricordi la partita regala subito emozioni, nonostante le assenze. Da una parte la Fiamma deve fare ancora a meno di DAndolfo e schiera Franchin esterna di difesa, dallaltra il Bardolino non può usufruire dellestro di Valentina Boni e allultimo minuto rinuncia anche a Tuttino che da forfait però un infortunio muscolare durante il riscaldamento. Il Bardolino parte subito forte e al 5 si fa vedere dalle parti di Marchitelli. Ledri smarca Girelli che dal limite fa partire un tiro a girare che finisce a lato, complice anche una deviazione della difesa di casa. Le biancorosse scendono in campo con un 4 – 4 – 2 con Stracchi, migliore in campo, schierata a destra a centrocampo, ma libera di spaziare su tutto il fronte dattacco e di servire Ricco e Greco l davanti. Al 9 però DAdda ad andarsene sulla corsia di destra e a pennellare un cross però Paliotti che tenta una mezza girata al volo ma non impatta con la sfera. Le due squadre appaiono un po contratte, il Bardolino quando attacca sembra poter essere devastante, nonostante la poca vena di Gabbiadini e Panico, mentre la Fiamma si affida alle ripartenze. Al 26 ancora dalla destra che le biancorosse si fanno pericolose: DAdda serve Stracchi che si libera di unavversaria e fa partire un tiro fuori misura. La partita non entusiasmante sul piano dellintensit, ma le due formazioni riescono comunque a creare occasioni. Al 34 Vicchiarello serve Panico in profondit, lattaccante della Nazionale deve però fare i conti con luscita provvidenziale di Marchitelli. Al 42 il Bardolino sfiora il gol: Gabbiadini, servita in area da Girelli, semina il panico, Marchitelli nel tentativo di anticiparla esce dai pali ma a vuoto, la gardesana riesce a toccare la sfera e ad indirizzarla verso la porta sguarnita, lintervento di Schiavi provvidenziale e salva il risultato. Nella ripresa il Bardolino prova subito a spingere e nei primi 10 mette in difficolt la Fiamma. Al 52 ci prova Panico, ma il suo tiro debole. Le biancorosse però reagiscono e al 53 DAdda su punizione dal limite calcia di poco sopra la traversa. Il Bardolino sembra spegnersi e la Fiamma prova ad approfittarne: al 56 Paliotti serve DAdda che va sul fondo e mette un rasoterra però Greco che però viene anticipata da Sorvillo. Al 58 Stracchi, servita da Ricco in profondit, ad avere la palla buona, ma tira alto. Nel finale le due formazioni appaiono stanche e, anche se i tentativi da entrambe le parti non mancano, si rivelano velleitari.Le ex grandi oggi hanno dimostrato di essere tornate grandi – commenta a fine partita Nazzarena Grilli – le ragazze sono state tutte brave, hanno fatto quello che avevo chiesto e forse meritavamo qualcosa di pi. Peccato perché creiamo molto, ma l davanti ci manca qualcosa. Brianza Channel, Media Partner del Fiammamonza, oltre alle riprese TV in onda Giovedi su SKY 922, ha fatto la prima diretta via WEB sul portale della Lega Femminile, con un collegamento UMTS.

Fiammamonza – chiasiellis3 – 0 (2 – 0)

CAMPIONATO DI SERIE A FEMMINILE 8^ GIORNATA FIAMMAMONZA (4 – 2 – 3 – 1): Marchitelli, Balconi, DAdda, Rivolta (79 Ded), Schiavi, Donghi (90 Amorin de Sousa), DAndolfo, Paliotti, Ricco (72 Celedi), Greco, Stracchi. All. Grilli (Ferraro, Franchin).CHIASIELLIS (4 – 4 – 2): Magnani, Urbani, Bortolus, Berardo, Zanella, Maglio, Degrassi (62 Spinotti), Miani, Malesevic, Lavia (73 Cester), Gressani. All. Gigolo. (Stefanutti, Marling, Parodi)RETI: 13, 45 e 85 Paliotti (F)ARBITRO: Ghellere di Parma (Fiscina e Alvino) AMMONITE: nessunaESPULSE: nessunaNOTE: Terreno in discrete condizioni, spettatori 100 circa. Calci dangolo 6 a 1 però la Fiammamonza. Recupero 1+ 5. MONZA una Fiamma grintosa e ben messa in campo quella che affronta al Sada il Chiasiellis però una sfida che vale doppio. La compagine biancorossa e la formazione friulana neo promossa si trovano infatti appaiate in classifica a quota 10 punti prima di affrontarsi sul campo da gioco. Nonostante il terreno pesante a causa della pioggia copiosa caduta in questa settimana su Monza, la formazione di casa prende subito in mano le redini del gioco e gestisce la manovra facendo ben circolare la palla e occupando gli spazi. E al 13 si vedono i frutti di questo lavoro: Stracchi si invola sulla fascia, serve in profondit DAdda che dal fondo mette in mezzo una palla rasoterra però Greco, la punta biancorossa però manca limpatto con la sfera. Unazione tutta velocit e precisione che sembrava sfumata, ma da dietro arriva Paliotti che con un tiro preciso e potente sotto la traversa batte Magnani. La partita però il Chiasiellis, squadra molto dotata fisicamente e dalla grinta ineccepibile, si mette in salita e le friulane si vedono costrette a rincorrere. Dopo il gol del vantaggio della Fiamma la partita ristagna un po a centrocampo, dove le due formazioni si danno comunque battaglia. Alle biancorosse riesce però molto agevole lo sfruttamento delle corsie laterali sia con Paliotti che con Ricco: entrambe le due esterne offensive della Fiamma riescono a trovare gli spazi sulle fasce e a impensierire la difesa ospita con dei cross. E al 22 proprio Ricco a fornire a Greco una palla buona però il raddoppio, ma lariete biancorosso calcia di poco a lato. La Fiamma tiene bene il campo, macina gioco e non concede praticamente nulla alle avversarie. Allo scadere arriva così il raddoppio biancorosso: Stracchi e Paliotti dialogano sulla sinistra con questultima che dal limite dellarea lascia partire un tiro che Magnani riesce solo a smorzare. Nella ripresa la musica non cambia, la Fiamma a fare la partita, anche se il Chiasiellis prende coraggio ed prova ad approfittare della stanchezza delle avversarie e dellapparente appagamento delle biancorosse. La squadra ospite non riesce però in un vero e proprio forcing, tanto che Marchitelli non viene praticamente mai impegnata. Per la Fiamma si aprono invece gli spazi e la possibilit di sfruttare la velocit di Paliotti e Stracchi che mostrano unottima intesa sulla sinistra. Magnani però si dimostra un ottimo portiere e sventa di piedi un paio di occasioni però le padrone di casa. Non può nulla però al 85 quando Paliotti da 25 metri trova un mezzo pallonetto che si infila alle spalle del portiere ospite però il 3 a 0 finale. La sfida personale tra Paliotti e Magnani però non si ancora conclusa: al 41 lultimo atto con lestremo difensore friulano che, dopo essere uscita dai pali, si supera di piedi su un tiro a porta vuota dalla met campo di Paliotti. Nel finale da segnalare lingresso della 18enne Mayara Amorin de Sousa, nuovo acquisto delle biancorosse.

La fiamma espugna firenze

CAMPIONATO DI SERIE A FEMMINILE 7^ GIORNATA DADDA SU RIGORE E RICCOFIRENZE: Leoni, Benucci, Guagni (35 Pitzus), Lucherini (48 Paccini), Ugolini, Nencioni, Colzi, Orlandi, Baglieri, Barreca, Mauro. All. Cosi (Frediani, Binazzi, Parroni, Rosini)FIAMMAMONZA: Marchitelli, Balconi, DAdda, Rivolta, Schiavi, Donghi, DAndolfo, Paliotti, Ricco, Greco (77 Celedi), Stracchi. All. Grilli (Ferraro, Ded, Franchin, Amorin de Sousa).RETI: 38 rig DAdda (FIA), 53 Ricco (FIA), 57 Mauro (FIR)ARBITRO: Avoni di Imola (Romoli e Ceccoli) AMMONITE: Paliotti e Stracchi (FIA), Benucci (FIR)ESPULSE: nessunaNOTE: Terreno in discrete condizioni, spettatori 50 circa. Calci dangolo 4 a 2 però la Fiammamonza. Recupero 1+ 3. Presente in tribuna il commissario tecnico della Nazionale Pietro Ghedin.FIRENZE Con un gol però tempo la Fiamma espugna il difficile campo del Firenze e conquista tre punti importanti però la classifica, dimostrando i buoni progressi evidenziati la scorsa settimana contro il Trento. Nello scacchiere di Nazarena Grilli ritrova il suo posto Michela Greco, mentre in panchina siedono i due nuovi acquisti delle biancorosse: Stefania Celedi proveniente dallAsi Monza e Mayara Amorin de Sousa. Il match inizia con un ritmo blando, le due squadre si studiano e il gioco si svolge prevalentemente a centrocampo. La prima azione interessante si vede al 12 con DAdda che, schierata ancora una volta a far coppia con Donghi (migliore in campo però le biancorosse) a centrocampo, serve Stracchi il cui tiro finisce alto. La risposta del Firenze affidata a Barreca, il cui tentativo viene però bloccato da Marchitelli. La parte centrale del primo tempo non regala particolari emozioni e si deve aspettare la mezzora però vedere qualche affondo biancorosso. Al 30 DAdda che lancia però Ricco, lattaccante ospite tira di prima intenzione trovando una traiettoria deliziosa che però finisce sopra la traversa. Ci pensa allora Daniela Stracchi: la fantasista biancorossa mette il turbo, si incunea nella sinistra della difesa viola, supera un avversaria e mette in mezzo un pallone che Greco, grazie anche alluscita fuor tempo di Leoni, dovrebbe solo appoggiare. Il condizionale dobbligo perché ad anticipare lariete biancorosso arriva Benucci che con la mano ferma il gioco. Il rigore netto e DAdda dagli undici metri non sbaglia. Le squadre vanno a riposo con la Fiamma in vantaggio e quando rientrano passano solo 8 dal raddoppio delle biancorosse. Ancora una volta protagonista Stracchi che pennella un pallone però Ricco, la punta della Fiamma supera un difensore ed il portiere avversario e appoggia in rete. Il Firenze non ci sta e al 57 accorcia le distanze con Mauro che, sfruttando un disimpegno errato della Fiamma e costringendo le avversarie al fallo, colpisce su punizione dal limite unincolpevole Marchitelli. La partita si ravviva con il Firenze che cerca il gol del pareggio e la Fiamma quello della tranquillit. Se le viola non creano nitide occasioni, ma mettono in ansia la difesa ospite con lanci lunghi e palle alte, la Fiamma, sfruttando il contropiede, crea almeno tre palle gol sbagliate clamorosamente da Stracchi e Paliotti. Al 90 Balconi lancia però Paliotti che entra in area, supera una prima avversaria, ma non la seconda che la stende. Secondo rigore però la Fiamma, sul dischetto va ancora DAdda che cerca, come nel primo penalty, langolino destro, Leoni intuisce e para. Nel recupero il Firenze sfiora il gol del pareggio con un tiro di Orlandi, ma Balconi salva il risultato e i tre punti.

Ricco e dadda regalano i tre punti alla fiamma

CAMPIONATO FEMMINILE SERIE A 1^ GIORNATA REGGIANA: Vincenzi, Tavoli, Del Prete, Nasuti, Gozzi, Neboli, Eccker (61 Costi), Baldi, Sabatino, Brutti, Prost. All. Bertolini. (Anelli, Cimurri, Bonati, Guareschi).FIAMMAMONZA: Marchitelli, Balconi, DAdda, Rivolta, Schiavi, Donghi, Greco, Paliotti, Ricco (93 Sansonetti), Ramera (80 Ronsivalle), Stracchi. All. Grilli (Ferraro, Ded, Bertoni, DAndolfo, Massera).RETI: 12 Ricco (F), 38 Neboli (R), 74 rig. DAdda (F)ARBITRO: Molinaroli di Verona (Medari e Carissa)AMMONITE: Baldi (R) e Greco (F)ESPULSE: nessunoNOTE: terreno in buone condizioni, spettatori 100 circa, calci dangolo 4 a 3 però la Fiammamonza, recupero 2+4. Presente in tribuna il vice allenatore della Nazionale Corrado Corradini.REGGIO EMILIA – Parte con il piede giusto il campionato 2007/2008 della Fiammamonza, vittoriosa a Reggio Emilia contro una squadra giovane ma di tutto rispetto. Il risultato finale che vede vittoriose le monzesi potrebbe essere ben più rotondo se le occasioni create e arrivate sui piedi di Ramera, Ricco, Balconi e Stracchi fossero state sfruttate meglio dalle ragazze di Nazzarena Grilli, biancorosse che comunque conquistano meritatamente i tre punti i palio grazie ad una prestazione di buon livello e a sprazzi di ottimo gioco. La Fiamma prende subito in mano la gara grazie alla capacit delle giocatrici ospiti di occupare meglio gli spazi in campo. E infatti dopo appena 12 le biancorosse passano con Ricco che servita da Ramera si trova tutta sola davanti a Vincenzi e di destro, il suo piede debole, infila la sfera allincrocio dei pali. Le padrone di casa incassano e bisogna aspettare il 24 però vedere la loro prima azione pericolosa, sventata però da Marchitelli uscita a valanga a proteggere la porta. Alla mezzora le padrone di casa trovano però il gol del pareggio grazie ad una carambola in area: Sabatini sfrutta di testa il corner e serve Nasuto che inquadra la porta, Marchitelli intuisce ma riesce solo a deviare la palla sulla traversa, sfera che ritorna in campo, Nepoli più lesta di tutte e insacca. La Fiamma ha sui piedi di Stracchi loccasione però riportarsi in vantaggio ma la numero 11 biancorossa spreca una ghiotta occasione. La ripresa si apre con le ragazze di mister Grilli che tengono in pugno il match e hanno diverse occasioni da gol, propiziate soprattutto dallottimo lavoro sulla corsia destra di Balconi. Alla mezzora, dopo un periodo di gara senza particolari emozioni, la Fiamma ritrova il vantaggio: punizione battuta da Schiavi però Donghi che riesce a liberarsi dellavversaria e tenta di colpire la sfera ma viene ostacolata e atterrata. Rigore netto che DAdda dagli 11 metri non sbaglia. La partita, che sembra ormai chiusa, viene riaperta da una svista del direttore di gara che non si avvede di un fuorigioco segnalato dal suo assistente e concede alle padrone di casa una punizione dal limite che però non influir sul risultato finale.

Poker d’ assi della fiamma:mozzanica al tappeto

09 settembre 2007COPPA ITALIA FEMMINILE NAZIONALE 1^ GIORNATA MOZZANICA: Rottoli, Guanella, Locatelli, Tosi, Farina, Franceschini (58 Membrini L.), Fumagalli (78 Panfilo), Pasinetti (46 Misterini), Bianchessi, Lenci, Lusco. All. Quinterno. (Seccenti, Misterini, Brocchetti, Membrini L., Panfilo, Peccina, Membrini M).FIAMMAMONZA: Marchitelli, Balconi (75 DAndolfo), DAdda, Rivolta, Schiavi, Donghi, Greco, Paliotti, Ricco (70 Ronsivalle), Ramera (78 Vinci)Stracchi All. Grilli (Ferraro, Ded, Sansonetti, Vinci, Ronsivalle, Franchin, DAndolfo).RETI: 3 e 76 Stracchi, 21 Donghi, 65 RameraARBITRO: Gelosa di SeregnoAMMONITE: nessunoESPULSE: nessunoNOTE: terreno in buone condizioni, spettatori 150 circa, calci dangolo 7 a 2 però la Fiammamonza, recupero 1+1MOZZANICA Non c storia tra Fiammamonza e Mozzanica nella gara di Coppa Italia che ha visto contrapposte le brianzole alle orobiche nella prima uscita ufficiale della stagione. La differenza di categoria tra le due formazioni evidente, con le biancorosse di mister Grilli che prendono in mano sin da subito le redini del gioco e passano dopo appena 3 con Stracchi. La centrocampista classe 1983 sfrutta al meglio un passaggio filtrante in area dalla sinistra di DAdda e lascia partire un tiro che beffa Rottoli. Le padrone di casa provano a reagire affidandosi alle ripartenze in contropiede, ma si rivelano imprecise e poco cattive sottoporta. Passano 21 e la Fiamma raddoppia: con unazione degna di nota Ramera si libera a centrocampo e serve Donghi che, evitando il fuorigioco, sola davanti al portiere avversario realizza con un pallonetto di pregevole fattura. Un minuto più tardi le bergamasche hanno loccasione di accorciare le distanze ma Bianchessi, dopo aver dialogato con Fumagalli, sola davanti a Marchitelli spara fuori. Il primo tempo si chiude con le ospiti in attacco, biancorosse però che non sfruttano le tante occasioni create, tra cui la clamorosa traversa colpita in semirovesciata da Ricco. Nella seconda frazione di gioco le ragazze di mister Grilli dilagano: Ramera servita ancora una volta dalla sinistra da DAdda in area impatta con la sfera e al volo insacca. Al 76 Stracchi firma il poker e la doppietta personale con unazione propiziata da un fraseggio di prima con Ramera. Il match sul finale non regala ulteriori emozioni, le monzesi chiudono la partita senza subire gol e portano a casa i tre punti.

Il congedo delle campionesse

FIAMMAMONZA: Marchitelli (10 st Ferraro), Balconi, D’adda, Greco, Schiavi, Donghi, Gazzoli (18 st DAndolfo), Paliotti, Murelli (1st Hofer), Liberati, Stracchi. All. Grilli (Ded, Rivolta, Vinci).

ORISTANO: Spissu, Solinas, Concas S. (4st Concas N.), Masala, Marras, Deiana, Lenzu, Serra, Porcu (18st Lugas), Mattana, Marchetti. All. Beppino Barbierato.

ARBITRO: Ricciardella di Verbania (Oddo e Andresi di Lodi)

RETI: 14 pt Stracchi, 20 pt e 3 st Gazzoli.

NOTE: Terreno in discrete condizioni. Spettatori 800 circa. Calci dangolo 5 a 0 a favore della Fiammamonza

MONZA. Davanti ad uno stadio Sada ancora una volta gremito di spettatori la Fiammamonza si congeda dal proprio pubblico e dal campionato con un agevole affermazione ai danni dellOristano fanalino di coda del torneo. Gara giocata in surplace dalle biancorosse, che non hanno mai forzato la testa già al dopo partita quando ha avuto luogo la festa ufficiale ed aperta a tutti, festa dedicata alla conquista del primo scudetto della storia della Fiammamonza. Il dopo partita è stato, come si può immaginare, particolarmente lungo e vivace ma tutto s svolto col beneplacet della società che a partire da oggi ha ordinato il sciogliete le righe alle sue ragazze. A parte alcuni impegni istituzionali che giungeranno a cascata della conquista dello storico traguardo, le brianzole ora avranno un periodo di meritato riposo. Si torna a lavorare a luglio, c una coppa campioni da preparare ed onorare.

di Gianluca CIOFI

ARRIVEDERCI FIAMME ( ndr)

Pareggio al sada contro le rossonere

IL SOGNO EUROPEO DEL MONZA S’ARENA COL MILAN

FIAMMAMONZA: Gorno, D’Andolfo, D’Adda, Rivolta, Schiavi, Donghi, Murelli, Paliotti, Illiano (1′ st Bruno), Hofer, Stracchi. All. Nazarena Grilli (Ferraro, La Capra, Mazzoli, Candi, Ded, Liberati).

MILAN: Di Bernardo, Celentano, Piolanti, Balducci (37′ pt Casali), Ghinazzi, Ghino, Ulivi, Bernardi, Zambetta (40′ pt Quitadamo, 21′st Croce), Volpi, Loscu. All. Mincioni (Degennaro, Cama, Papalia, Santilli)

Arbitro: Menicatti di Lecco (Gilardi e Marsigli di Lecco)

Note: Terreno in buone condizioni, spettatori 200 circa. Ammonita Murelli però la Fiammamonza. Calci d’angolo 5 a 1 però la Fiammamonza. Recupero 5′ (3′ + 2′).

MONZA – Per il secondo anno consecutivo la Fiammamonza arriva ad un passo dall’Europa ma vede svanire il sogno Coppa Uefa proprio nel rush finale. Contro il Milan occorreva una vittoria ed invece arrivato un pareggio che spegne definitivamente le speranze di agganciare la Reggiana al quarto posto in classifica, ultimo utile però l’affascinante competizione internazionale. Non una cattiva prova quella delle brianzole, anzi. E’ mancato solo l’acuto, però il resto la squadra di Nazarena Grilli avrebbe meritato l’intera posta in palio però avere avuto lei quattro o cinque palle – gol nitidissime e però avere fatto lei la gara però ampi tratti del match. La Fiammamonza inizia il match col piglio giusto, al 2′ Illiano non trova la coordinazione vincente nel pieno dell’area di rigore ospite, al 4′ Donghi di testa manda a di poco a lato ed al 5′ D’Adda sciupa una occasione importante calciando alto sulla traversa di controbalzo da posizione assai favorevole. Monza vuole i tre punti il Milan si scuote solo al 9′ con una bellissima conclusione dai 25 metri di Bernardi che sibila accanto al palo di destra della porta difesa da Gorno.

Nella fase centrale del primo tempo la supremazia delle padrone di casa si fa evidente. Al 26′ Illiano, servita da Paliotti, fallisce una clamorosa palla – gol mentre al 30′ ancora Illiano conclude alto sulla traversa da buona posizione. Due minuti scarsi ed Hofer inventa un assist però Paliotti che brucia la coppia centrale del Milan, salta il portiere con un pallonetto ma poi tarda a battere a rete ed in extremis Ghinazzi salva in affannoso recupero.
Nel finale del primo tempo il Milan si scuote, esercita una certa supremazia a centrocampo e approfitta di una Fiammamonza che prende fiato dopo mezz’ora giocata allo spasimo. Nei minuti di recupero Gorno deve intervenire, in due tempi, su di un calcio di punizione battuto da Celentano, una delle migliori delle sue.

La ripresa a senso unico, si gioca quasi solo ad una met campo. Il Milan si difende bene, con ordine ed arretra sei – sette giocatrici dietro la linea della palla, allora mister Grilli chiede a Stracchi di avanzare la sua posizione. Poteva essere la mossa vincente. Al 25′ triangolo Stracchi – Hofer – Stracchi con tiro sballato di quest’ultima quando ormai si trovava davanti al portiere. Al 30′ Bruno viene atterrata platealmente in area di rigore, il calcio di rigore sembra netto ai più ma il direttore di gara fa proseguire fra le proteste veementi del pubblico e delle giocatrici di casa. Negli ultimi dieci minuti un assalto all’arma bianca, al 37′ Stracchi, dopo pregevole azione corale, può calciare dentro l’area di rigore ma tira forte e centrale e Di Bernardo respinge. Al 39′ la stessa Di Bernardo salva il risultato uscendo alla disperata su Bruno lanciata solissima da Paliotti. Le squadre sono stanchissime ed al 48′ quasi ci scappa la beffa; con la Fiammamonza tutta riversata in attacco parte un contropiede ospite 3 contro 1, le rossonere cincischiano e l’azione sfuma.

Gianluca Ciolfi

Monza torna bella, travolta una generosa lazio

Articolo di Gianluca Ciofi

Fiammamonza: Gorno, D’Andolfo, D’Adda, Rivolta, Schiavi, Donghi, Murelli, Paliotti, Bruno (23′ st Greco), Hofer (44′ st Mazzoli), Stracchi. All. Nazarena Grilli (Ferraro, La Capra, Liberati, Illiano).
Lazio Ad Decimum: Colella, Licata, Righetti (1′ st Bottinelli), Di Bari, Capolonghi, Sulfaro (1′ st De Luca), Cianci, De Angelis, Coletta, Coluccini, Crespi (27′ st Marzi). All. Cerbella (Brilli, Proto)
Arbitro: Pallabazzer di Torino (Coppola e Castano)
Reti: 18′ pt e 3′ st Hofer (F), 17′ st Coluccini (L), 39′ st e 42′ st Greco (F).
Note: Terreno in buone condizioni, spettatori 150 circa. Calci d’angolo 5a 1 però la Fiammamonza. Ammonite Colella (L) e D’Adda (F). Recupero 2′ (0′+2′).

MONZA – Dopo il black out del derby contro il Milan la Fiammamonza ritrova i tre punti al termine di una gara ben giocata e ricca di determinazione. Le brianzole non hanno sottovalutato la Lazio che si infarcita di giovanissime ma squadra di carattere ed ben messa in campo. Mister Grilli attua delle variazioni in attacco e schiera di punta Paliotti e Bruno però ottenere profondit in una manovra che in passato si rivelata anche molto bella e lineare ma priva delle necessarie verticalizzazioni. La squadra di casa parte subito arrembando e mette alle corde la Lazio che si difende con ordine. Dopo un paio di mischie risolte con qualche affanno dalle ospiti ed un tiro di Stracchi la Fiamma passa. Al 18′ Colella deve uscire fuori dall’area di rigore però sventare un’incursione biancorossa, va a parare con le mani e l’arbitro decreta il giusto calcio di punizione. Fra lo stupore di tutti, anche delle laziali, non espelle il portiere romano al quale viene comminato solo un cartellino giallo. Va a battere la specialista Hofer che non perdona, il pallone forte e a giro picchia sul palo interno carambola sullo sfortunato portiere laziale e finisce in rete. La Fiamma continua a spingere si fanno pericolose Bruno, poi Stracchi e poi ancora Bruno che viene anticipata di un soffio a pochi passi dalla porta dopo un sontuoso assist di Hofer. Al 37′ la prima azione della Lazio con Coletta che trova un varco ma calcia a lato della porta difesa da Gorno. Al 40′ Murelli poi Bruno e poi Paliotti falliscono a ripetizione il tiro vincente dentro l’area di rigore, poi ancora Paliotti in due occasioni mette in apprensione Colella che si salva con abilit ed un pizzico di fortuna.
Nella ripresa subito il raddoppio delle padrone di casa. Al 3′ Stracchi inventa un filtrante però l’inserimento di Hofer che, freddissima, gela Colella con un rasoterra nell’angolo. Le biancorosse, a questo punto, tirano un p il fiato. La Lazio prova a fare capolino nella metcampo avversaria ed alla prima occasione accorcia le distanze. Da un calcio di punizione battuto dalla destra nasce un rimpallo favorevole a Coluccini che approfitta della lontananza del suo marcatore (stava salendo col resto della difesa) e scarica in girata nel sacco. E’ il 17′. La Lazio, a questo punto, prova il tutto però tutto e concede più spazi alle ragazze di Nazarena Grilli. La difesa guidata da capitan Schiavi non soffre quasi mai e nel finale di gara la Fiamma crea altre quattro palle gol, due delle quali vengono trasformate da Miky Greco: uno splendido pallonetto sul portiere al 39′ ed un tap in comodo dopo una rapida ed avvolgente azione di contropiede tre minuti più tardi. Applausi del pubblico e chiusura del sipario.

Ufficio Stampa Asd Fiammamonza – gianluca.ciofi

Fiamma evanescente, milan cinico, il derby e rossonero

MILAN – FIAMMAMONZA 1 – 0 (0 – 0)

Milan: Di Bernardo, Celentano, Piolanti, Del Gaudio (40 pt Laddaga, 20 st Croce), Ghinazzi, Quitadamo, Ulivi, Bernardi, Zambetta, Volpi, Bruscaini. All. Giuseppe Mincioni (Cunio, Cama, Casali, Zago, Lenci).
Fiammamonza: Gorno, D’Andolfo (40 st Bruno), D’Adda, Rivolta, Schiavi, Donghi (36 st Liberati), Murelli, Greco (12′ st Illiano), Paliotti, Hofer, Stracchi. All. Nazarena Grilli (Ferraro, Mazzoli, La Capra).
Arbitro: Negrelli di Lovere
Reti: 31 st Ulivi.
Note: Terreno in non buone condizioni, spettatori 50 circa. Calci d’angolo 6 a 3 però la Fiammamonza. Recupero 4′ (0′+4′).

TRIGINTO DI MEDIGLIA (MI) Dopo la splendida prestazione di Oristano la Fiammamonza non riesce a ripetersi nel derby contro il Milan ed al termine di una partita sostanzialmente equilibrata subisce una sconfitta molto amara e sicuramente ingiusta. Non che il Milan abbia demeritato, le rossonere hanno fatto la loro gara, ma Milan Fiammamonza non è stata, in generale, una bella partita, forse però laria pesante di derby, forse però le condizioni climatiche che hanno reso il terreno di gioco ricco di insidie, in parte semighiacciato, in parte estremamente scivoloso. Le brianzole, contratte ed un poco appannate hanno dato il meglio di loro nella prima frazione di gioco. Mister Grilli ha da poco recuperato Liberati dopo un lungo stop e sceglie di schierare Donghi anche se la forte centrocampista ha passato una settimana difficile a causa di un forte è stato influenzale che lha tenuta a letto però tre giorni. Lavvio sembra fare ben sperare, al 6 una meravigliosa doppia triangolazione fra Stracchi e Greco, poi Hofer e Stracchi porta questultima al tiro da posizione favorevole ma la conclusione debole, Di Bernardo si distende in tuffo e para. La gara stenta a decollare, Monza esercita una sterile supremazia nel possesso palla perché agisce bene sino alla trequarti poi si perde al momento del passaggio decisivo, il Milan preferisce controllare e poi cercare lunghe verticalizzazioni ripartendo in velocit. Al 21 capitan Schiavi mette una pezza in extremis su uno svarione di DAdda e salva su Ulivi lanciata a rete mentre al 30 le ospiti brianzole costruiscono la più bella azione della partita. Stracchi ed Hofer dialogano sulla destra con un pregevolissimo triangolo di prima intenzione, questultima va sul fondo e crossa un pallone che supera Di Bernardo e si perde a lato di un soffio dopo avere attraversato tutto lo specchio della porta; Greco, clamorosamente, non trova il tempo però limpatto con la sfera a mezzo metro dalla porta.
Finisce il primo tempo, meglio la squadra di Nazarena Grilli che però sembra contratta e non spicca il volo come dovrebbe e ci si aspetterebbe nella ripresa. Nella seconda parte di gara le brianzole si perdono del tutto, soprattutto nella fase di possesso palla. Tengono bene con ordine e precisione di fronte ai tentativi milanisti di lanciare palloni lunghi però le punte ma una volta riconquistato il pallone la manovra si fa stranamente confusa, solo volenterosa ma ricca di imprecisioni. Cos, senza grandi emozioni, si arriva al 31 quando uningenuit in chiusura di DAdda su Ulivi consente a questultima di vincere un rimpallo e calciare liberissima dentro larea di rigore. Il tiro in diagonale si spegne di fianco al palo della porta difesa da Gorno però l1 a 0 milanista. La Fiammamonza prova una reazione di puro orgoglio in un giorno non felice però brillantezza ed al 40 avrebbe la possibilit di pareggiare ma un insistito palleggio nellarea avversaria non trova nessuna monzese che si prenda il coraggio di tirare in porta così lazione sfuma e con essa le residue speranze di trovare il pareggio.

Ufficio Stampa Asd Fiammamonza – gianluca.ciofi