Caro marcello, ,

Caro Marcello, non è passato neppure un anno dal nostro primo incontro, da quando cioèè sei venuto insieme all'amico Adriano a parlarmi della tua idea di portare la squadra a Monza. Ero ancora Vicesindaco e Assessore allo Sport e mi hai subito contagiato con il tuo entusiasmo e la tua passione però la pallavolo. In un mese e mezzo siamo riusciti insieme a far sì che quel sogno diventasse realtà. Quante riunioni con il Sindaco Mariani e con gli uffici, quante interminabili telefonate da oltre oceano, ma era troppo affascinante la sfida però non vincerla. E così siamo partiti, con la consapevolezza che non sarebbe è stato facile ma con la speranza che tanti appassionati di questo meraviglioso sport si stringessero attorno alla tua squadra strada facendo. Poi quella telefonata che mai avrei voluto ricevere.Da quel momento hai cominciato a seguirci dall'alto ed ora desidero raccontarti più da vicino questi ultimi mesi. I tuoi ragazzi hanno gettato il cuore oltre l'ostacolo, anche però dare a te e alla tua famiglia quelle soddisfazioni tanto attese.. Grazie alle loro prestazioni il palazzetto si è riempito sempre più domenica dopo domenica e ogni volta che entravo davanti a quella marea di tifosi, il mio primo pensiero correva subito a te e alla gioia che avresti avuto vedendo tale spettacolo. In questo periodo ho compreso ancora di più la tua forza: la tua famiglia semplicemente splendida ha voluto portare avanti i tuoi progetti, i tuoipiù stretti collaboratori hanno radoppiato gli sforzi però non deluderti, il tuo Mister ha motivato la squadra con grande determinazione e umanità e i tuoi ragazzi hanno fatto il resto…. Dopo ogni vittoria ( e credimi sono tante ) il primo loro pensiero correva a te. Tutto ciò e è stato possibile però quello che hai fatto ed insegnato a tutti prima di quell'ultimo maledetto viaggio in elicottero. Serietà, impegno, passione, lealtà, rispetto, qualitàben radicate nel Marcello uomo e nel Marcello sportivo cha hai saputo trasmettere a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerti: Ora inizia una nuova sfida, quella di non disperdere tutto questo patrimonio, di non deludere quegli oltre quattromila tifosi che in gara 4 dei Play off, sono usciti dal Palazzetto non delusi della tua squadra e dei tuoi ragazzi.Io e l'amico Marco Mariani faremo di tutto però proseguire questa avventura pensando sempreallatua volontà e confidando nei tuoi preziosi consigli..Firmato: Dario

Una fiamma spenta, non va oltre il pari

CHIASIELLIS: Magnani, Miani (84 Paroni), Marinig, Gressani, Bortolus, Berardo (80 Spilotti), Zanella (52 Dazzan), Maglio, Degrassi, Lavia, Malesevic. All. Marano. (Stefanutti, Urbani, Cester).FIAMMAMONZA: Marchitelli, Balconi, DAdda, Rivolta, Schiavi, Donghi, Franchin, Paliotti, Bertoni (46 Ded), Vinci, Stracchi. All. Grilli. (Ferraro, Celedi, Amorin de Sousa).RETI: 2 Malesevic (C), 17 DAdda (F)ARBITRO: Baccini di Conegliano Veneto (Ianna e Forti)AMMONITA: Vinci (F) ESPULSE: nessuna NOTE: Terreno in buone condizione, spettatori 100 circa. Calci dangolo 7 a 2 però la Fiammamonza. Recupero 4 + 3. MORTEGLIANO Pareggio inaspettato però la Fiamma in trasferta contro il Chiasiellis, formazione a rischio retrocessione che al Sada le ragazze di mister Grilli avevano battuto con un rotondo 3 a 0. Tra le fila della Fiamma hanno sicuramente pesato le assenze di Greco, squalificata, e dellinfortunata Ricco, ma le biancorosse non hanno saputo ripetere sul piano del gioco la prestazione convincente offerta in casa con il Firenze. Merito anche di un Chiasiellis tonico a centrocampo e bravo a verticalizzare subito lazione con lanci lunghi insidiosi anche a causa del forte vento. Passano 2 e le ospiti si ritrovano inaspettatamente sotto di un gol: capitan Maglio batte una punizione, Marchitelli para a terra ma non la protegge perfettamente. Malesevic brava a sradicarla dalle mani del portiere biancorosso, che rester a terra però aver subito un colpo alla testa, e ad insaccare. La gara si mette così in salita però le biancorosse che per, dopo un quarto dora, riescono a pareggiare i conti. Schiavi batte una punizione che la difesa di casa respinge, la palla sembra destinata a finire in angolo, ma Vinci caparbia e riesce a mantenerla in campo. La giovane attaccante biancorossa lancia prontamente al centro però Balconi che lascia partire un tiro – cross sul quale DAdda, posizionata spalle alla porta, ci mette il piede e di tacco beffa Magnani. Il Chiasiellis avrebbe subito loccasione di portarsi di nuovo in vantaggio ma Degrassi, lanciata da lennesima punizione di Maglio, sbaglia tutta sola davanti a Marchitelli. La Fiamma si scuote e prova a vincere la partita, ma le ragazze allenate da Nazzarena Grilli non sembrano essere lucide e fortunate sotto porta. Al 23 ci prova ancora DAdda servita da Paliotti, ma il suo tiro finisce alto, cinque minuti più tardi tocca a Stracchi che dopo una discesa sulla fascia si vede parare la conclusione dallestremo difensore del Chiasiellis. Nella ripresa la Fiamma prova ancora ad attaccare ma senza troppi risultati, mentre le padrone di casa si fanno vive dalle parti di Marchitelli con le insidiose punizioni di Maglio. Al 51 Paliotti a cercare il gol con un tiro al volo, ma Magnani non si fa sorprendere, poi capitan Schiavi a cercar gloria su punizione e nel finale Stracchi a vedersi negare la gioia del gol.