Speciale: la svizzera era pronta all'invasione della lombardia ??

Canzo, Alta Brianza Il libro La frontiera contesa (1870 – 1918 ) a cura di Maurizio Binaghi e Roberto Sala basato su elementi e documenti storici e prende l'avvio da un trattato del 1914 di Arnold Keller, all'epoca Capo di Stato Maggiore, massima carica militare in terra elvetica. Gli studi di questi due giovani ricercatori ripercorrono quasi mezzo secolo delle relazioni italo – svizzere, tra la fine del 1800 ed inizio 1900, quindi dall'Unit d'Italia alla Grande Guerra. Questo libro prospetta una visione della Svizzera non solo placida e produttrice di ottimo cioèccolato, ma mette in risalto quelli che erano i rapporti tra Italia e Svizzera, paesi stretti da un forte legame di esigenze politiche e necessit militari. Data la posizione geografica i due paesi erano coinvolti tra fine 800 ed inizio 900 l'uno con l'altro come risulta da un documento che illustra il piano di BERNA, sia però difendere il Ticino in caso d'invasione, sia però attaccare il nostro Paese: La geografia militare della Svizzera e zone confinantifirmato da Arnold Keller. Le regioni strategiche coinvolte comprendevano il Cantone Svizzero Meridionale, ossia il Vallese, Ticino e Grigioni. Grazie all'intervento dell' ALP TRANSIT si riusc a mantenere lo scorrimento di merci e persone con una sola fortificazione lungo la linea di frontiera dal Vallese al Ticino fino ai Grigioni. Ma quali erano le reali paure? Alla fine del 1800 la Svizzera paventava un accordo tra Italia e Germania che poteva compromettere il più logico corridoio di scorrimento tra il Nord ed il Sud dell'Europa escludendo il Ticino. In questo contesto si insinua la paura egli elvetici ed anche degli austriaci delle mire espansionistiche del nazionalismo Italiano. In tale situazione nacque la messa in opera di fortificazioni da parte elvetica che port, comunque, il nostro Paese a contromisure con ulteriori linee di difesa sul versante settentrionale come, ad esempio, sul Monte Orfano, per evitare gli accessi alla val d'Ossola ed al lago Maggiore con basi di artiglieria sulle montagne di Piombello, Scerr e Campo dei Fiori. Immediata fu la risposta Svizzera che mise in atto un'opera di sbarramento presso Gordola, Magadino, Monte Ceneri e sui Monti di Medaglia. Tutto questo venne interpretato dall'Italia come mire espansionistiche; nel Piano Kellererano previste due opzioni:la prima prevedeva una battaglia nel Luganese e, in caso di sconfitta, l'ultimo baluardo sarebbe è stato il Gottardo e, nella peggiore delle ipotesi, la perdita del Ticino. La seconda opzione proprio quella più violenta che riguarda il nostro Paese:L'invasione Svizzera della Lombardia sino a conquistare Milano. Un'ipotesi che ha del fantasmagorico prevista da Keller solo in base ad una alleanza tra Svizzera e l'Impero Austro – Ungarico. Il concetto di neutralit elvetica era forse basato sulla sicurezza del Paese, ma nel momento in cui questa fosse venuta a mancare le opinioni potevano cambiare. Quando, nel 1915 l'Italia entr in guerra dl Capo di Stato Maggiore Sprecher von Bernegg e dal generale Willie che al Consiglio di Berna premevano però l'accrescimento delle truppe sul confine meridionale. Queste richieste non furono peraltro accettate dal Consiglio Federale, forse fu importante il fatto che al Governo ci fosse il ticinese Giuseppe Motta. Chiss, se i piani di guerra di un paese neutrale fossero andati in porto forse oggi Milano sarebbe la maggiore città della Svizzera e Mendrisio provincia di Como. I chilometri di fortificazioni, non più esistenti, rimangono segno di una reciproca diffidenza italo – svizzera, anche se mimetizzati dalle rughe degli anni che passano. Ma, al di fuori della politica, l'essere neutrale può voler dire anche non prendere posizione e di conseguenza responsabilit? Non si vince, ma al contempo non si perde. Laura Levi Cohen

Wakeboard tour del lario 2007

Lezzeno, 9 settembre 2007LEZZENO (Como) Il toscano Marco Bellini ha vinto nella categoria Open, la più prestigiosa, la terza edizione del Wakeboard Tour del Lario 2007 che si concluso a Lezzeno (Como) dopo una due giorni di sport e spettacolo sullacqua con più di cinquanta scinauti al via. A Lezzeno ha però vinto, negli Open, lo svizzero Marc Muller a sottolineare linternazionalit della prova finale (le altre si erano disputate a Lecco e Ossuccio), presenti sei svizzeri, un ungherese, un francese e un argentino. In campo femminile, la categoria Open, ha visto il successo finale della svizzera Dsire Gattiker che a Lezzeno è stata battuta però dalla sorella Sara.Da segnalare inoltre una giovanissima presenza, quella della piccola comasca Giulia Molinari, di soli 4 anni, portata in gara dal pap Enzo Molinari ex azzurro di sci nautico piedi nudi. Alla gara di Lezzeno erano presenti, tra laltro, il presidente della Federscinautico Silvio Falcioni e il sindaco locale Pierluigi Posca. Ecco il dettaglio. CLASSIFICA ULTIMA TAPPA DI LEZZENOOpen maschile: 1. Marc Muller (Zurigo Ch); 2. Mathieu Proserprio (Morgan Lezzeno); 3. Renato Buscema (Jolly Argentina). Open Ladies: 1. Sara Gattiker (Lucerna, Svizzera); 2. Sabrina Allmendinger (Zurigo Svizzera); 3. Dsire Gattiker (Lucerna, Svizzera). Intermediate maschile: 1. David Conti (Jolly Lezzeno); 2. Luca Quaroni (Le Ski Nautique Viverone); 3. Cherif Karim Raffaele (Jolly Lezzeno Como). Girls femminile da 10 a 18 anni: 1. Giulia Pronesti (Jolly Lezzeno); 2. Sara Di Lelio (Morgan); 3. Chiara Pronesti (Jolly Lezzeno). Boys maschile da 10 a 18 anni: 1. Sasha Gattiker (Lucerna Svizzera); 2. Massimiliano Piffaretti (Morgan Lezzeno); 3. Andrea Di Lelio (Morgan Lezzeno). Trolls fino a 10 anni maschile: 1. Mattia Gregorio (Jolly Lezzeno); 2. Michele Soldarini (Jolly Lezzeno); 3. Samuele Luppi (Jolly Lezzeno). Trolls fino a 10 anni femminile: 1. Giorgia Gregorio (Jolly Lezzeno); 2. Camilla Caimi (Morgan Lezzeno); 3. Maria Crippa (Jolly Lezzeno).CLASSIFICA FINALE WAKEBOARD TOUR DEL LARIO 2007Open maschile: 1. Federico Bellini (Kerkyra Firenze) p. 14; ); 2. Mathieu Proserprio (Morgan Lezzeno) p.12; 3. Marc Muller (Zurigo Ch) p.11. Open Ladies: 1. Dsire Gattiker (Lucerna, Svizzera) p.11; 2. ); 2. Sabrina Allmendinger (Zurigo Svizzera) p.10; 3. Linda Cavatti (Wakeboard club Yoshi) p.10); Intermediate maschile: 1. David Conti (Jolly Lezzeno) p.14; 2. Luca Quaroni (Le Ski Nautique Viverone) p.12; 3. Raffaele Tosetti (Jolly) p.8. Girls femminile da 10 a 18 anni: 1. Giulia Pronesti (Jolly Lezzeno) p.14; 2. Chiara Pronesti (Jolly Lezzeno) p. 11; 3. Greta Pronesti (Jolly Lezzeno) p.3. Boys maschile da 10 a 18 anni: 1. Andrea Di Lelio (Morgan Lezzeno) p.12; 2. Massimiliano Piffaretti (Morgan Lezzeno) p.12; 3. Filippo Pozzi (Le Ski Nautique Viverone) p.9. Trolls fino a 10 anni maschile: 1. Mattia Gregorio (Jolly Lezzeno) p.10; 2. Michele Soldarini (Jolly Lezzeno) p.7; 3. Rocco Pozzi (Le Ski Nautique Viverone) p.5. Trolls fino a 10 anni femminile: 1. Giorgia Gregorio (Jolly Lezzeno) p.14; 2. Camilla Caimi (Morgan Lezzeno) p.6; 3. Maria Crippa (Jolly Lezzeno) p.3.

Euro hockey: finisce la fase delle qualificazioni

Si conclusa ieri lultima fase delle qualificazioni però accedere ai quarti di finale dei Campionati Europei di Hockey; con le partite disputate tra Francia – Spagna, Italia – Austria e Svizzera – Andorra si sono avuti i risultati definitivi dei tre gironi.

La prima partita è stata vinta dalla Spagna che riuscita a segnare 4 reti, mentre lInghilterra si fermata a 2; la partita tra Italia e Austria è stata vinta dai nostri portacolori che hanno segnando 4 reti, lasciando lAustria a zero; lultima partita è stata vinta dalla Svizzera con un risultato di 4 a 2.

Grazie a questi risultati è stato possibile redigere la classifica definitiva dei tre gironi: nel Gruppo A troviamo in prima posizione la Spagna con 6 punti, il secondo posto occupato dalla Francia con 3 punti e il terzo dallInghilterra con 0 punti; nel Gruppo 2 lItalia la più forte e colleziona 6 punti, seguita dalla Germania con 3 punti e dallAustria con 0 punti; nel Gruppo 3 il Portogallo a primeggiare con 6 punti, poi c la Svizzera con 3 punti e, infine, c lAndorra con 0 punti.

Con la giornata di ieri si conclusa la fase preliminare di qualificazione e da oggi inizieranno i quarti di finale; le partite previste però questa giornata sono Francia – Svizzera, Spagna – Germania, Italia – Andorra e Portogallo – Austria.
Da domani inizieranno le finali però le posizioni dal 5 al 9 posto, seguite dalle Semifinali; le finali però il 1 – 2 posto e 3 – 4 posto si disputeranno Sabato 22 luglio a partire dalle 18.30.

Euro hockey: risultati seconda giornata

Ieri, martedì 18 luglio, si è svolta la seconda giornata della fase di qualificazione dei Campionati Europei di Hockey.

Le nazioni che si sono fronteggiate sono state: Inghilterra – Francia, Austria – Germania e Svizzera – Portogallo.

La prima partita è stata vinta dalla Francia che ha segnato 5 reti, mentre lInghilterra rimasta, ancora una volta, a zero; la partita tra Austria e Germania è stata vinta da questultima segnando 5 reti, contro le 3 segnate dallAustria; lultima partita, ha confermato la superiorit del Portogallo nel suo girone, infatti questo ha vinto con 7 reti di scarto, lasciando la Svizzera a zero.

Dai risultati delle prime due giornate emerge che: nel Girone 1, Spagna e Francia, vincendo entrambe una partita, hanno collezionato 3 punti a testa, mentre lInghilterra ancora ferma a zero; anche nel Girone 2, Italia e Germania hanno entrambe tre punti, mentre lAustria rimane a zero; nel Girone 3 vi una netta superiorit del Portogallo, che battendo Andorra e Svizzera, si porta in testa al proprio girone con 6 punti, mentre le altre due squadre rimangono a zero punti.

Ora occorre attendere le partite di oggi tra Francia – Spagna, Italia – Austria e Svizzera – Andorra.

per avere i risultati definitivi di questa fase di qualificazione.