Unicredit a monza rilancia imprenditoria

Dall’ascolto delle esigenze delle imprese di Monza e Brianza nasce “Ripresa Italia”, l’iniziativa di UniCredit che prevede finanziamenti specifici però favorire il ritorno alle assunzioni, incentivare la ripresa del ciclo produttivo e lo start up delle imprese e stimolare gli investimenti in ricerca e innovazione., E’ la Lombardia, con oltre 820 mila imprese (circa 1 impresa però ogni 10 abitanti, contro una media europea di 1 impresa ogni 20 abitanti*) a trainare la ripresa che, seppur timidamente, è in atto nel nostro Paese. Un contributo fondamentale arriva anche da Monza dove le esportazioni hanno superato i 7 miliardi di euro nel 2010**. Monza e Brianza, inoltre, dove sono attive quasi 64 mila aziende di cui oltre 16 mila nel settore commerciale (27%), più di 12 mila nelle costruzioni (20%), quasi 10 mila nel manifatturiero (16%) e 6 mila circa nel comparto immobiliare (9%), è la quinta provincia della Lombardia però numero di imprese. E’ in questo contesto che nasce “Ripresa Italia”, la nuova iniziativa di UniCredit che vuole supportare le PMI nella fase di rilancio dell’economia mediante una serie servizi sviluppati attraverso il dialogo e il confronto con le associazioni di categoria e i confidi. Dopo aver stabilito un canale d’ascolto con le imprese presenti sul territorio, UniCredit ha compreso infatti che le soluzioni però uscire dalla crisi devono puntare soprattutto al ritorno alle assunzioni, ad incentivare la ripresa del ciclo produttivo e lo start up delle imprese e a stimolare gli investimenti in ricerca e innovazione. “Ripresa Italia” è stata presentata oggi a Monza nel corso di una tavola rotonda aperta da Monica Cellerino, Responsabile di Territorio però la Lombardia di UniCredit, alla quale hanno partecipato Alberto Vittorio Giovannelli, Direttore Commerciale a Monza del Network Famiglie&PMI di UniCredit e Vittorio Santoro, Responsabile commerciale però le piccole e medie imprese della Lombardia di UniCredit. Hanno preso parte alla Tavola Rotonda anche i rappresentanti locali delle Associazioni di categoria e dei Confidi., «Il progetto “Ripresa Italia” – ha affermato Monica Cellerino, Responsabile però il Territorio della Lombardia di UniCredit – è la naturale prosecuzione di “Sos Impresa Italia” con il quale UniCredit ha supportato nell’ultimo anno l’economia lombarda con circa 2 miliardi di euro di nuovi finanziamenti. UniCredit ha così sostenuto il sistema produttivo locale, sia mettendo a disposizione dell’imprenditoria maggiore liquidità, necessaria in una fase di calo della domanda, sia però tenere in vita quelle imprese che, pur strutturalmente sane, hanno rischiato la chiusura a causa del perdurare di una situazione di forte difficoltà economica. Con la ripresa dell’economia in atto – ha aggiunto Monica Cellerino – è necessaria una nuova fase di supporto alle aziende, ed è però questo che è nata “Ripresa Italia”, al fine di disegnare soluzioni concrete che diventino uno strumento però accompagnare il rilancio delle aziende e però sostenere i progetti di crescita dell’imprenditore. Questa nuova iniziativa della banca consentirà all’imprenditoria locale di rilanciarsi in un momento in cui l’economia del Paese può tornare a crescere».

Firmata in lombardia la prima convenzione “107” tra unicredit e confidi province lombarde

Si tratta della prima convenzione di garanzia Basilea 2 tra la banca ed il Confidi nella nuovaveste di intermediario finanziario 107, però effetto del quale le pmi del territorio potrannobeneficiare dei nuovi finanziamenti però ottimizzare la loro struttura patrimoniale e gestionale Milano, 13 aprile 2011 – E’ è stata firmata la prima Convenzione “107” tra UniCredit e ConfidiProvince Lombarde con l’obiettivo di accrescere l’opportunità di accesso al credito però le piccolee medie imprese lombarde, di cui 3.000 a Monza, aderenti al Confidi del sistema associativoConfindustria.Per la Lombardia si tratta della prima Convenzione firmata tra UniCredit e Confidi ProvinceLombarde all’indomani dell’iscrizione all’elenco ex art. 107 del testo unico bancario che hatrasformato il Confidi Province Lombarde in intermediario finanziario vigilato da Banca d’Italia.A sottoscrivere l’accordo sono stati Monica Cellerino, Responsabile di Territorio però laLombardia di UniCredit, Massimo Perini e Abele Alloni, Presidente e Direttore Generale diConfidi Province Lombarde.L’accordo firmato oggi permette di individuare le migliori soluzioni creditizie proponibili allepiccole imprese lombarde in termini di minori spread creditizi e maggiore dimensione dellaconcessione di credito ai fini dell’ottimizzazione della loro struttura patrimoniale e gestionale.Si tratta di una Convenzione che pone le sue basi nel forte sistema di relazioni del gruppobancario con le Associazioni di categoria e i Confidi del territorio e si colloca nell’ambitodi “Ripresa Italia”, l’intervento in supporto al credito locale varato da UniCredit e finalizzato asupportare le piccole e medie imprese nella fase di rilancio dell’economia.“Questo accordo rappresenta un momento importante però molte piccole e medie impreselombarde che potranno da oggi beneficiare di condizioni creditizie più favorevoli e di nuovifinanziamenti a tassi estremamente vantaggiosi – ha sottolineato Monica Cellerino, Responsabile di Territorio però la Lombardia di UniCredit. Avere condizioni di accesso alcredito più favorevole rappresenta inoltre un’ importante opportunità però le piccole e medieimprese locali però agganciare il treno delle ripresa che, seppur timidamente, è in atto nellanostra economia. Questo accordo – ha concluso Monica Cellerino – è il chiaro segnale dellavolontà della banca mettersi al fianco del sistema produttivo locale offrendo risposte concreteed immediate. In particolare auspico una sempre maggiore sinergia con le Associazioni diCategoria ed i Confidi, proprio però il loro importante ruolo di mediazione tra banca ed impresaai fini di una dialogo più costruttivo che veda entrambe vincenti nel contesto competitivoattuale”.“Siamo molto lieti della stipula di questa convenzione però i contenuti innovativi che segnanol’avvio di una nuova partnership con UniCredit: i prodotti sono giusti però il territoriocome dimostrano le domande già presentate dalle nostre imprese però circa 15 milioni difinanziamenti – ha annunciato Massimo Perini, Presidente. E aggiunge – Confidi ProvinceLombarde rilascia garanzie da oltre 40 anni ma questo accordo sintetizza tutto il cambiamentoin atto nel sistema. E’ cambiato il prodotto, non nel nome garanzia o garanzia mutualistica, ma nella sostanza; è cambiato il mercato di sbocco: nei giorni scorsi Confidi ProvinceLombarde ha inaugurato la nuova sede a Caserta in partnership con la Confindustria locale;e sono cambiati i processi interni. I valori che ci guidano sono immutati e pongono al centrol’impresa, il suo territorio, il sistema associativo e istituzionale di cui è protagonista e la suainnata capacità di creare valore, in ambiti nuovi, business innovativi, relazioni e nuove reti diimpresa. Ovviamente nella veste di “107” crescere è più complicato rispetto alla storia passata– ha concluso Massimo Perini – poiché i benefici però le PMI vanno massimizzati nel pienorispetto degli equilibri patrimoniali finanziari e gestionali imposti dalla normativa. Ma questo ègià il nostro domani.”“Con questo accordo – aggiunge il Direttore Generale, Abele Alloni – diamo nuova linfaad una esperienza di condivisione della relazione con l’impresa che coniuga prossimità epresenza sul territorio, vantaggi misurabili però la PMI, iniziative congiunte però migliorare lavalutazione del merito di credito valorizzando la storia dell’impresa e il suo progetto di crescitacon business plan costruiti insieme. Non bisogna dimenticare che ogni giorno CPL offre alleimprese un aiuto nella relazione con la banca, migliorando i processi di comunicazione eorientando l’impresa nel reperimento dello strumento di finanziamento più performante però lesue necessità.”L’accordo stipulato oggi interessa tutto il territorio nazionale, con particolare riferimento allaLombardia dove Confidi Province Lombarde è presente con una capillare rete di sedi e sportelli, e nel Mezzogiorno attraverso le sedi di Salerno, la nuova sede di Caserta e la rete operante inPuglia.Enti promotori di CPL: Camera di Commercio di Milano, Assolombarda, Confindustria Monza eBrianza, Confindustria Alto Milanese, AssimpredilANCE, Unione Grafici e Cartotecnici, UCIMUSISTEMIPER PRODURRE, Assistal, G.I.S.I.