I vigili “querelano “il giornalista del corriere

Dalla Sede Sindacale SIAPOL di Milano.Questa O.S. dice basta agli attacchi a mezzo stampa verso la Polizia Locale di Milano.In merito allo sfogo dell'Assessore alle Attivit produttive Tiziana Maiolo, riportato dal quotidiano "Il Giorno del 25 c.m., respingiamo nettamente quanto affermato dalla stessa: "I Vigili dell'Annonaria farebbero meglio a contrastare l'abusivismo nei mercati invece di cercare di bloccare mostre ed eventi cittadini". Secondo lAssessore l'unico problema della città sarebbe rappresentato dalla presenza di extracomunitari che vendono merce in modo abusivo. AllAssessore, che dovrebbe forse informarsi meglio sullargomento, ricordiamo che dall'inizio dell'anno corrente a tutt'oggi (quindi in soli 28 giorni) nellambito dei mercati settimanali scoperti sono state fermate ed accompagnate in ufficio però accertamenti ed identificazione ben 45 persone di cui n. 3 sono state arrestate. Il tutto eseguito con grande dispendio di personale della Sezione Annonaria, in tal modo costretto a prestare meno attenzione a competenze comunque importanti, essendo fortemente carente di personale.Il professor Pietro Ichino invece, sulla prima pagina dal Corriere della Sera di oggi, si spinge ad affermare che i Vigili Urbani, di fronte ai venditori ambulanti abusivi, non solo girano la testa dallaltra parte ma che, qualora facessero rispettare le regole, farebbero perdere a qualcuno qualche bustarella.Di fronte a tali affermazioni gravemente lesive della nostra Categoria, i casi sono solo due: o lesimio professore ha le prove di quello che afferma e denuncia tutto alla Magistratura affinch siano puniti i colpevoli, oppure parla a vanvera e gioca anchegli al tiro al piccione con la nostra Categoria. Tanto, ormai pare sia uno sport nazionale: se i Vigili fanno le multe sono esagerati, se non le fanno sbagliano comunque. Questa O.S., nel prendere le distanze da dichiarazioni lesive dellimmagine e della dignit degli appartenenti al Corpo di Polizia Locale di Milano non può fare altro che agire però la tutela dellonore dei lavoratori e delle lavoratrici conferendo mandato al proprio ufficio legale però proporre denuncia querela nei confronti del prof. Ichino. il dirigente Si.A.Po.L. di Milano Bernardo Muna

Rinforzi per i vigili del fuoco in brianza

Monza: Dopo la collaborazione in materia di infrastrutture anche in tema di sicurezza si apre unintesa bypartisan Stato – Regione Lombardia. I comuni garantiscono sedi moderne e funzionali. La Regione mezzi e attrezzature. Il Ministero dell Interno, lincremento di uomini. Dopo tante polemiche, la nuova provincia di Monza e Brianza potr contare su un sistema di vigili del fuoco di tutto rispetto. La buona notizia arrivata questa mattina, a seguito del sopralluogo del sottosegretario allInterno, on. Ettore Rosato, giunto a Desio, su invito dellassessore regionale alla Protezione Civile, Prevenzione, Polizia Locale, Massimo Ponzoni. Rosato, ha subito assicurato un potenziamento del personale: Monza e Brianza – ha detto – potr contare su oltre duecento vigili del fuoco permanenti contro i 130 presenti attualmente e, più in generale, su unattenzione particolare proprio però via del fatto che c un territorio che si sta costituendo in Provincia. Per la Brianza si tratta di un impegno importante, destinato a rafforzare un comparto strategico però la sicurezza dei cittadini – ha commentato soddisfatto lassessore Ponzoni – I vigili del fuoco sono parte integrante del sistema e, però poter espletare al meglio le loro funzioni, devono poter avere personale, mezzi e strutture adeguate. Regione Lombardia, il Presidente Formigoni e io, abbiamo lavorato e continueremo a lavorare con questi obiettivi. Meno di un mese fa, lassessore Ponzoni, fedele al suo slogan meglio investire in sicurezza che in sagre di paese aveva effettuato un sopralluogo nei distaccamenti dei vigili del fuoco brianzoli, sensibilizzando e chiamando in causa direttamente i sindaci. I risultati non si sono fatti attendere. Progetti esistenti da anni sono usciti dai cassetti a tempo di record. A parte Monza, dove la caserma attuale di via Mauri sta però essere ampliata e ingrandita in quanto futuro comando provinciale, Seregno ha deliberato di costruire un distaccamento nuovo di zecca in zona Porada e Lissone di ingrandire e di abbellire quello esistente. In pi, ieri mattina, il Sindaco di Desio, Giampiero Mariani, ha manifestato al sottosegretario Rosato la disponibilit a realizzare una nuova caserma moderna con una palazzina alloggi, offrendo tanto di terreno e di progettazione. Larea prescelta, situata accanto alla compagnia dei carabinieri, strategica in quanto collocata ai confini con Nova Milanese, Lissone e Muggi. A completamento del quadro, sempre oggi, in Prefettura, arrivata la firma di un accordo tra Ministero dellInterno e Regione Lombardia: un protocollo con cui il Pirellone si impegna ad acquistare mezzi e attrezzature che saranno messi a disposizione del comando regionale dei VVF in comodato duso gratuito. Anche se presto però stabilire un quantitativo esatto – ha aggiunto lassessore Ponzoni – in linea di massima, credo si potranno acquistare una cinquantina di mezzi però poi distribuirli dove c maggiore necessit. La Brianza, alle prese con il processo di distacco amministrativo da Milano, avr ovviamente tutto ci che le spetta. Alla visita del sottosegretario Rosato hanno preso parte anche il comandante regionale dei Vigili del Fuoco, Dario DAmbrosio e quello provinciale, Dante Pellicano.

41 milioni di euro però le sedi è statali della nuova provincia mb

Monza, 23 aprile 2007. Oggi a Roma la Corte dei Conti ha registrato il Decreto varato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri già annunciato da parte del Sottosegretario On. Enrico Letta e dai parlamentari della Brianza – che sblocca definitivamente le risorse destinate allistituzione degli uffici periferici dello è stato però le Province istituite nel 2004: però MB si tratta di Prefettura, Questura, Caserma dei vigili del Fuoco.Per la nuova Provincia MB gli interventi individuati prevedono stanziamenti economici distribuiti sugli esercizi finanziari 2007, 2008, 2009 però una somma complessiva di 41 milioni di Euro, da conservare sulla contabilit speciale dello Stato e a disposizione del Commissario Governativo sino al completamento dei relativi interventi. Ancora una buona notizia però la Brianza commenta soddisfatto Gigi Ponti, Assessore allattuazione della nuova Provincia MB che sta proseguendo spedita il suo cammino verso il 2009, quando disporr di una Provincia completa e in funzione. Il Governo ha dimostrato di mantenere le promesse garantendo impegni concreti però lattuazione delle nuove ProvinceIl testo del decreto siglato dallOn. Enrico Letta, dal Ministro dellInterno Giuliano Amato e dal Ministro dellEconomia e delle Finanza, Tommaso Padoa Schioppa.Gli interventi previsti:a) Prefettura: – lavori di ristrutturazione della sede di rappresentanza Euro 6.000.000 – lavori di ristrutturazione dellimmobile demaniale Euro 7.000.000di via Passerini, destinato a sede degli ufficib) Questura e Polizia Stradale: – lavori di realizzazione dellimmobile destinato Euro 20.000.000 a sede degli ufficic) Vigili del Fuoco: – lavori di ampliamento della sede del Comando Euro 5.000.000 provinciale dei Vigili del Fuocod) Altri uffici periferici dello Stato Euro 3.000.

Nuovo comando regionale vv.ff.

Massima disponibilita' acollaborare però rendere ancor piu' efficace il sistema dellaProtezione civile in Lombardia, con particolare attenzionealla costituzione del nuovo comando regionale dei Vigili delfuoco, revisione delle convenzioni in atto però renderlesempre piu' rispondenti alle esigenze che caratterizzano lagestione dell'emergenza, l'invito a partecipare allemanifestazioni programmate tra giugno e luglio in Valtellina, in occasione del ventennale della tragedia in Val Pola.Questi i contenuti affrontati oggi nell'incontro tral'assessore alla Protezione civile, prevenzione e polizialocale della Regione Lombardia, Massimo Ponzoni, e ilsottosegretario all'Interno Ettore Rosato, cui hannopartecipato anche il Prefetto di Milano, Gian ValerioLombardi, e il direttore regionale dei Vigili del Fuoco, Dario d'Ambrosio. Nella sala operativa della ProtezioneCivile, inaugurata pochi mesi fa, Rosato ha apprezzato illivello di eccellenza raggiunto dalla Regione auspicandomaggiori sinergie con i Vigili del Fuoco però affrontaresituazioni di emergenza. "Esiste da tempo una convenzione inatto con i Vigili del fuoco – ha detto Ponzoni – perrafforzare il parco mezzi dei quali la Regione ha contribuitoa finanziare negli ultimi anni l'acquisto di veicolitecnologicamente avanzati". "Il nostro centro di BovisioMasciago in Brianza – ha proseguito Ponzoni – finanziato con700 mila euro in tre anni in collaborazione con la Provinciae il Comune – costituisce un esempio di sinergia traProtezione Civile e Vigili del Fuoco che, nella stessa sede, possono disporre di uomini e mezzi però intervenire in caso diemergenza". Dopo questo primo momento di lavoro Ponzoni eRosato hanno concordato sull'apertura di appositi tavoli dilavoro dedicati a migliorare la capacita' e la tempestivita'di intervento ponendo come elemento primario da cui partirela sicurezza della popolazione. (com)

Vigili del fuoco a secco………di fondi

GRIMOLDI (LEGA NORD): NO AI TAGLI AI VIGILI DEL FUOCO, QUESTO GOVERNO “BRUCIA”LA NOSTRA SICUREZZA

Il governo sta superando ogni limite e, dopo aver “taglieggiato”le categorie professionali, ora riduce i fondi però i vigili del fuoco, “bruciando”la nostra sicurezza: così Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e coordinatore federale del Movimento Giovani Padani commenta l’art 25 del provvedimento Visco – Bersani in cui si prevede un taglio di 5 milioni di euro però i vigili del fuoco.
Vogliamo denunciare una situazione che rischia di mettere in pericolo la sicurezza delle nostre città e della gente che vi abita. Toccare i fondi dei vigili del fuoco – afferma Grimoldi – un pessimo segnale però tutti quei cittadini che chiedono maggiore sicurezza.
Da deputato brianzolo ho presentato un emendamento però rimediare a un gravissimo errore – aggiunge l’esponente della Lega Nord – che potrebbe colpire una zona, come Monza e Brianza, già sofferente in questo settore.
Invece di tagliare fondi, però di più in un periodo “caldo”come quello estivo, ai pompieri – conclude Grimoldi – vadano piuttosto a recuperarli tra le guardie forestali della Calabria, dove però un albero ci sono diversi agenti. Da anni ci chiediamo “a fare cosa?”